giovedì 23 febbraio 2012

Paradiso amaro

Regia: Alexander Payne
Origine: Usa
Anno: 2011
Durata: 115'



La trama (con parole mie): Matt King è un avvocato hawaiano dalla solida etica lavorativa, nonchè amministratore unico dei beni della sua famiglia, in possesso di un patrimonio più che consistente legato all'antica stirpe reale che dominava l'arcipelago. 
Matt King è sposato con Elizabeth, appassionata di sport estremi, sua compagna e madre delle loro due figlie, Scottie ed Alexandra.
Il loro matrimonio non va affatto bene. E le prospettive non sono buone, dato che Elizabeth è in coma a seguito di un incidente durante una gara in motoscafo.
Quando il medico comunica all'uomo che la moglie non si riprenderà più e le macchine che la tengono in vita verranno staccate, quest'ultimo dovrà prendere coscienza di un lato quasi sconosciuto della sua vita e della sua famiglia, che lo porterà a viaggiare con Scottie ed Alexandra per conoscere l'uomo di cui Elizabeth si era innamorata.




Alcuni film sono come gli amici di una vita, o i membri della propria famiglia.
Ci si può scontrare, arrivare a prendersi a botte, gridarsi contro, a volte esagerare come con nessun altro.
Eppure si ha sempre la sensazione che ci sarà la possibilità di tornare da loro, neanche fossero parte della nostra casa. O la casa stessa.
Perchè quelle persone ci conoscono per quello che siamo, sanno quante volte andiamo in bagno durante il giorno, come dormiamo, in che modo ci sediamo a guardare la tv, come e cosa ci piace.
Può essere che non sappiano tutto, ma è come se avessero in mano quello che serve per poterci amare. Di più, non ci sarà bisogno di chiedere.
Matt King, protagonista di Paradiso amaro - pessimo adattamento dell'originale The descendants - scopre tutto questo sulla sua pelle, quasi la vita avesse voluto svegliarlo dopo anni di sonnecchiosa routine: il viaggio che affronterà accanto alle figlie in attesa di dare addio alla sua compagna di vita, nella migliore tradizione del road movie di formazione, una camminata sulla corda in bilico tra introspezione e passionalità, lacrime e risate, rappresenterà per lui, più che una perdita, una rinascita, tanto da ricordarmi un'altra ottima pellicola di ricerca come questa, quel Broken flowers che mi lasciò entusiasta dell'accoppiata Jarmusch/Murray al Festival di Cannes qualche anno fa.
Alexander Payne, che di film onesti e solidi come questo era già praticamente uno specialista - A proposito di Schmidt e soprattutto Sideways restano due pellicole che continuo a rivedere con grandissimo piacere -, si abbandona ad uno script in linea con i suoi lavori precedenti e si affida ad un George Clooney in ottima forma per dare corpo e volto a Matt King, charachter che parte anche agli occhi dello spettatore come un signor nessuno per acquistare uno spessore sempre più importante scena dopo scena, dallo splendido rapporto con le figlie alla calma quasi olimpica che lo avvolge in una situazione estrema come quella in cui si ritrova a vivere - esemplari i passaggi che lo vedono confrontarsi con il suocero ed il giovane Sid, amico della figlia maggiore Alexandra -, dai momenti struggenti - la corsa a perdifiato a casa degli amici nel momento della scoperta della relazione della moglie e la comunicazione ad amici e parenti che Elizabeth non si risveglierà più - a quelli grotteschi o divertenti - il rapporto con il curioso gruppo di cugini -.
Certo, una pellicola come questa parte svantaggiata su più fronti, troppo "indipendente" per essere accolta come un blockbuster pronto a sbancare l'Academy e allo stesso tempo troppo "sentimentale" per conquistare il pubblico tronfio dei radical chic, eppure Paradiso amaro resta un signor film scorrevole e sincero, solido ed onesto in cui è facile perdersi per poi ritrovarsi, che nella corsa alle statuette di quest'anno associo all'altrettanto toccante e piacevole The help.
E negli sguardi persi delle due ragazzine private della madre, dal grido soffocato in piscina di Alexandra alla domanda di Scottie sul perchè non le tocchi l'opportunità di accamparsi nell'incontaminata proprietà della sua famiglia come gli altri fecero prima di lei, nell'apparente stupidità surfistica di Sid e nello splendido confronto tra Matt e sua moglie prima dell'addio, c'è tutto il lato b del "paradiso" che chiamiamo vita, il rimboccarsi le maniche per affrontare ogni partenza, ed ogni ritorno a casa. Fino alla fine.
Sperando, anche se non lo si vedrà, di lasciare qualcosa per cui valga la pena a chi viene dopo di noi.
Un'eredità, un insegnamento, un ricordo.
O un posto dove piantare una tenda.


MrFord


"Somewhere over the rainbow
way up high
and the dreams that you dreamed of
once in a lullaby.
Somewhere over the rainbow
blue birds fly
and the dreams that you dreamed of
dreams really do come true."
Israel Kamakawiwo Ole - "Over the rainbow" -


 

30 commenti:

  1. Oddio non so perché ma questo film mi da l'impressione di filmetto osceno e meschino, insomma quei film che è solito girare Clooney quando non fa simpatiche commedie.
    Sai invece cosa ho trovato molto interessante? "In time", sono andato a vederlo venerdì scorso e devo dire che mi ha sorpreso parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, invece secondo me, pur non essendo un filmone, questo merita almeno una visione.
      Mentre In time, visto ieri, non è che mi abbia fatto fare i salti di gioia.
      Comunque ne parlerò nei prossimi giorni. :)

      Elimina
  2. 1000 giorni di tenda per noi.
    Buona giornata amore mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono solo l'inizio del resto del viaggio.
      Ti aspetto a casa.

      Elimina
  3. bel post!
    contento che ti sia piaciuto, ma già si sapeva che avresti apprezzato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, muchas gracias!
      Sapevo anch'io che l'avrei apprezzato. Lo stile "Sundance" usato in questo modo ha sempre presa sul sottoscritto.

      Elimina
  4. trovo payne abbastanza sopravvalutato, anche se autore di film sicuramente "piacevoli". però di paradiso amaro sono piuttosto curioso, ancora di più dopo aver letto la tua recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dantès, secondo me Payne non è chissà che regista, eppure le sue storie risultano oneste come questo tipo di film deve essere. Se ti capita, guardalo.

      Elimina
  5. Era alquanto indeciso su questo che ogni tre per due mi si para davanti come se dovessi vederlo per forza, anche se immaginavo avesse qualcosa di interessante da dire. Ora che ne ho la certezza lo metto in coda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elio, sicuramente non sarà il filmone del secolo, ma è piacevole e coinvolgente.
      E film così, di tanto in tanto, ci stanno tutti e fanno stare bene.

      Elimina
    2. Sottoscrivo l'ultima frase.

      Elimina
    3. Alla grande: allora aspetto la tua visione!

      Elimina
  6. oggi si celebra il paradiso amaro day.
    ci troviamo incredibilmente abbastanza d'accordo, anche se 'sto payne, seppur con qualche variante, ma gira un po' sempre lo stesso film...

    comunque ti dò contro su broken flowers: madonna che palle di film! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cannibale, come ho detto anche dalle tue parti, effettivamente siamo abbastanza d'accordo.
      Strano che non ti sia piaciuto Broken flowers, che è un pochino radical chic alla tua maniera.
      Forse lo era troppo poco? Ahahahahahah! :)

      Elimina
    2. Ehi, Jarmusch non si tocca! :P

      Questo prima o poi lo vedrò. Non mi attirava molto ma ora mi hai un po' incuriosito.

      Elimina
    3. Ottimista, concordo. Jarmusch mitico.
      Questo merita: non sarà il filmone dell'anno, ma funziona dall'inizio alla fine.

      Elimina
  7. Non vedo l'ora di vederlo!!

    "Over the rainbow" è bellissima =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iaia, vedrai che non ti deluderà.
      La canzone è bellissima, davvero.

      Elimina
  8. Sì, mi avete convinto, non ne ero sicura, ma ora leggendo sia te che il Cannibale...voglio vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melinda, quando io e il Cannibale siamo d'accordo su qualcosa, non si può non approfittare dell'occasione.
      Guardalo al più presto!

      Elimina
  9. Ok, mi hai convinta.
    Sabato sera al cinema, come sabato non è il massimo...
    ma....

    Ho vissuto di peggio!!! :p

    Ciao, MrJF

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assia, secondo me il sabato al Cinema ci sta tutto.
      E usciti dalla sala, tutti a bere!
      Comunque, questo una visione la merita tutta!

      Elimina
  10. visto che me lo sto per gustare, ora lo guardo e poi confronterò il mio pensiero sul film con la tua recensione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arym, poi fammi sapere com'è andata la visione! :)

      Elimina
  11. A me non è parso tanto un road movie...Secondo me è un buon film, ben fatto e ben girato, molto piacevole e l'idea "anche alle Hawaii la vita non è mica tutta surf e divertimento" non l'avevo ancora vista. Per finire mi ha piacevolmente sorpreso Shailene Woodley!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Squalo, magari non è un road movie nel senso stretto del termine, eppure l'evoluzione in quel senso è molto simile, ad esempio, a titoli come Little Miss Sunshine.
      Concordo su Shailene Woodley.

      Elimina
  12. senza se e senza ma un signor film, con protagonista un Clooney sempre in spolvero! (tranne quella merdata di The American s'intende) eheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, concordo in pieno.
      Un film di quelli belli onesti come piacciono a noi.
      E ti dirò, alle Hawaii a vivere ci andrei prima di subito!

      Elimina
    2. e io ti seguirei volentierissimo, sai che figata tra cocktail fruttati, surf, skate and rock n'roll ;)

      Elimina
    3. Sarebbe una vera pacchia, cazzo. :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...