mercoledì 29 febbraio 2012

La gabbia delle scimmie

Autore: Victor Gischler
Origine: Usa
Editore: Meridiano Zero
Anno: 2001 (in Italia 2010)


La trama (con parole mie): Charlie Swift è un gangster di Orlando, Florida. E' l'uomo di fiducia del vecchio Stan, boss ottantenne vecchio stampo per il quale il killer lavora da tutta una vita. Ha un fratello minore, Danny, che ha mollato l'università e vorrebbe come lui fare parte del manipolo della gabbia delle scimmie, la gang che Charlie comanda, una madre che si preoccupa ed una donna appena conosciuta - l'ex moglie di un tizio che ha accoppato - che gli piace davvero.
Tutto funziona, fino a quando entra in gioco Beggar Johnston, che da Miami decide che è arrivato il momento di prendersi una fetta del mercato di Stan. 
Una fetta consistente. In parole povere, tutto quanto.
Charlie, scampato al massacro dei suoi, si troverà (quasi) solo ad affrontare la gang rivale, l'FBI, il passato, il futuro ed un sacco di domande senza risposta.
Domande che necessitano di un pò di piombo per essere archiviate tra le pratiche di un tempo prima di costruirsi una nuova vita.





Che Victor Gischler fosse un tipo cazzuto, frutto fatto e finito della scuola Lansdale, già era noto in casa Ford dai tempi di Notte di sangue a Coyote Crossing, nella mia personale top ten dei romanzi dello scorso anno.
Con La gabbia delle scimmie ho riscoperto la sua opera prima, un romanzo secco e frastornante come un diretto in pieno viso, pervaso dallo spirito pulp che guidò la rivoluzione cinematografica di Tarantino e dall'ironia guascona dei due eroi principali dell'appena citato Lansdale, Hap e Leonard: certo, non siamo di fronte ad un miracolo della pagina scritta, o a qualcosa di innovativo e clamoroso, eppure la vicenda di Charlie Swift - che per tutta la durata della vicenda mi ha ricordato Jason Statham - riesce nell'intento di avvincere, divertire ed incollare alla pagina senza troppo impegno dall'incipit all'epilogo, scorrendo così rapido da non avere mai l'impressione di un momento di stanca del suo autore, che certo non passerà alla storia come il più raffinato dei narratori ma che confeziona un prodotto onesto e dallo spirito clamorosamente simile a quello dei siparietti che nel pieno degli anni novanta lasciarono a bocca aperta molti fan della settima arte segnandoli per sempre grazie a due personaggi di nome Vincent e Jules, in particolare nel corso di una vicenda più nota come "La situazione Bonnie".
In questo senso ho trovato clamorosamente coinvolgente e spassosa tutta la parte centrale, in cui il buon vecchio Charlie, ritrovato uno dei suoi vecchi compagni come lui scampato all'eccidio si fa carico della missione di scovare il traditore e scoprire dove si trova e se è ancora in vita il vecchio Stan, suo padre putativo e boss: il loro peregrinare nell'entroterra della Florida fatta di città costruite attorno ai centri commerciali, in bilico tra le paludi e l'oceano, è riuscito quasi a colmare la nostalgia che continuo a provare rispetto ai momenti magici dei due eroi lansdaliani per eccellenza che smetto di citare giusto perchè altrimenti ogni post ad argomento letterario finisce per diventare un tributo a loro.
Certo, la risoluzione della trama è alquanto prevedibile, e non ci sono mai veri e propri colpi di scena, lo stile è più acerbo di quello mostrato in Notte di sangue a Coyote Crossing - giustamente, essendo quella la sua ultima fatica, fumetti esclusi -, molti personaggi tagliati con l'accetta e clamorosamente stereotipati, eppure tutto funziona, anche quando non sono presenti all'appello lampi di genio di quelli cui potrebbero abituarci un Winslow o un Nesbo.
La prosa di Gischler è tutta lì, nuda e cruda, pane e salame, così come la vicenda e la lotta per la sopravvivenza di Charlie Swift, un "buon selvaggio" che pare il ritratto sputato dei criminali tutti d'un pezzo del Cinema figlio del noir più classico, esplosivo eppure tenero, letale eppure protettivo, glaciale eppure ribollente rabbia e passione.
Un tipo che sarebbe potuto piacere a Mickey Spillane e al suo Mike Hammer, che si arrangia come può e con quello che ha, perchè sa bene quali sono i suoi pregi e limiti, e chissà che un giorno non possa smettere per dedicarsi a viaggi che fino a quel momento, tra sangue, proiettili e loschi affari, ha potuto soltanto sognare grazie alla collezione di National Geographic lasciata in eredità da suo padre.
Quello che dovrà fare il vecchio Charlie è stare in campana.
Perchè quando il sogno suonerà alla porta, non potrà fare altro che aprire, o rischiare di restare chiuso per sempre in una gabbia.
La gabbia delle scimmie.
Lo stesso posto in cui è cresciuto.
Lo stesso posto in cui è diventato uomo.
Lo stesso posto che gli ha insegnato ad uccidere.
E forse, dalla morte, gli insegnerà anche a vivere.


MrFord


"You wired me awake
and hit me with a hand of broken nails
you tied my lead and pulled my chain
to watch my blood begin to boil
but I'm gonna break
I'm gonna break my
I'm gonna break my rusty cage and run."
Soundgarden - "Rusty cage" - 

34 commenti:

  1. Ma lo sai che con questa tua recensione mi hai incuriosito non poco?
    Quando finirò la pilissima di libri da leggere, potrei dargli spazio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piacciono le crime stories, sicuramente troverai pane per i tuoi denti.
      Solido e tosto.

      Elimina
  2. Giace nella mia libreria già da un po' questo libro. Che sia venuto il momento di rispolverarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Firma, è una lettura veloce, piena d'azione e piacevole.
      Perchè non rispolverarlo!?

      Elimina
    2. Leggere la tua recensione mi ha sollevato. Temevo fosse un documentario sulle scimmie che mi aveva proposto di vedere una mia amica... (scusa l'ignoranza, ma non conoscevo questo film che sembra interessante)

      Elimina
    3. Antonella, niente documentari.
      Come dice giustamente Firma, è un ottimo romanzo noir.
      Se ti capita, leggilo. Sarà un pò come accarezzare le atmosfere di Tarantino. :)

      Elimina
  3. oooh, finalmente hai deciso di farti rinchiudere in una gabbia apposta per te? ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e se vuoi ti ci porto anche a fare un giro, così ci spariamo un bello steel cage match! Ahahahahahahah!

      Elimina
  4. Orpo, sembra proprio un libro che debbo leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tommy boy, secondo me potrebbe gustarti mucho.
      Nel weekend andiamo a Barcellona, ma appena rientriamo ci sta tutto un bell'aperitivone! :)

      Elimina
    2. Salutami la città, allora, ci vediamo al rientro!

      Elimina
  5. La meridiano in questo campo non ha davvero rivali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddy, concordo.
      Un sacco di ottime proposte.

      Elimina
  6. Gischler è una parolina magica, ogni volta che prendo in mano un suo libro non riesco a staccarmi neanche per mangiare.
    questo non l'ho trovato particolarmente brillante, ma mi ha dato esattamente quello che mi aspettavo, senza deludermi.
    di lui, quello che mi rimane "nel cuore" però è Anche i poeti uccidono :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Einzige, Gischler fa sempre il suo sporco lavoro.
      Questo è tosto ed assolutamente ottimo per l'intrattenimento, quindi direi che centra il bersaglio.
      Anche i poeti uccidono è l'unico che mi manca.
      Ma ce l'ho già sul comodino. Quindi a breve sarà colmata la lacuna. ;)

      Elimina
  7. Pazzesco! Sono ferma a pag. 50 da tipo tre mesi e non ne vado fuori. Nel frattempo ho cominciato Senza veli di Palahniuck, che ho abbandonato a data da destinarsi e adesso ho iniziato Espiazione di McEwan, e finalmente mi sono sbloccata!
    Ero convinta che avrei divorato la Gabbia delle scimmie, così come divoro Lansdale (è il mio primo Gischler)e invece quella che tu definisci nuda e cruda, pane e salame, io la vivo come una scrittura troppo didattica, troppo basilare per accattivarmi alla lettura.
    E' comunque solo in sospensione, non sia mai che non finisco il libro di quel pacioccone di Gischler! Però ti chiedo un consiglio, tu che sei un motivatore nato dimmi come fare per riprenderlo senza soffrire. Dimmelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cyb, secondo me dovresti riprendere il pacioccone ripensando alla scena del ventilatore da soffitto che sparge in giro pezzi di cervello, che a me ha fatto tanto Pulp fiction.
      E poi via, senza troppi pensieri, come la scrittura del Landsalone nostro! :)

      Elimina
  8. Lansdale lo amavo anche io da giovane (cioè 5 anni fa), ma ora mi ha un po' stancato: scrive sempre lo stesso romanzo. Certo, La sottile linea scura e il Drive In rimarranno cult imprescindibili, ma, per dire, gli hap e leonard li ho letti tutti e non ricordo niente.

    Oggi ho finito un capolavoro, se ti può interessare: Nel libro della vita e altri racconti di Stuart Nadler. Un altro bello letto di recente è "E poi siamo arrivati alla fine" di Joshua Ferris. Per rimanere in tema israeliano, ti consiglio pure "E'andata così" di Meir Shalev. Vedrai che dopo aver letto questi ridimensionerai il pur bravo Gischler!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonio, Hap&Leonard, in casa Ford, resteranno sempre supercult. Sono come dei vecchi amici.

      Per il resto, mi segno volentieri i libri che indichi. Appena mi capita li recupero e leggo con piacere. :)

      Elimina
  9. questo è un librone!
    io sto leggendo Black City sempre di Gischler e si sta confermando un grande. presto (si spera) andrò a recuperare gli altri.

    RispondiElimina
  10. Hi there! This is my first visit to your blog! We are a collection of volunteers
    and starting a new project in a community in the same niche.
    Your blog provided us valuable information to work on.
    You have done a marvellous job!
    My weblog : erinmore flake

    RispondiElimina
  11. In fact when someone doesn't be aware of afterward its up to other viewers that they will assist, so here it happens.
    Review my web blog golden virginia

    RispondiElimina
  12. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add to my blog that automatically tweet my newest twitter updates.

    I've been looking for a plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with something like this. Please let me know if you run into anything. I truly enjoy reading your blog and I look forward to your new updates.
    Look at my webpage ... www.yourtobaccosstore.com

    RispondiElimina
  13. Fantastic beat ! I would like to apprentice whilst you amend
    your web site, how could i subscribe for a blog website?
    The account aided me a appropriate deal. I had
    been tiny bit familiar of this your broadcast provided shiny transparent
    concept
    Here is my web site - amphora tobacco

    RispondiElimina
  14. Hello i am kavin, its my first occasion to commenting anywhere, when
    i read this article i thought i could also create comment due to this brilliant post.
    Here is my web-site :: drum tobacco

    RispondiElimina
  15. It's actually a great and helpful piece of information. I am satisfied that you shared this useful information with us. Please keep us up to date like this. Thanks for sharing.
    Feel free to visit my blog post - borkum riff pipe tobacco

    RispondiElimina
  16. Hello! I know this is kinda off topic but I was wondering which blog platform are you using
    for this website? I'm getting sick and tired of Wordpress because I've had issues with hackers and I'm looking at alternatives for another platform. I would be fantastic if you could point me in the direction of a good platform.
    Here is my blog - skin bleaching

    RispondiElimina
  17. Appreciate this post. Will try it out.
    Feel free to surf my page : diablo 3 guide

    RispondiElimina
  18. This design is wicked! You obviously know how to keep a reader entertained.
    Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost.
    ..HaHa!) Excellent job. I really loved what you had to say, and more than that, how you presented it.

    Too cool!
    Here is my website - online games

    RispondiElimina
  19. I am truly grateful to the owner of this website who has shared this fantastic paragraph at at this time.


    my blog; coffee maker ratings

    RispondiElimina
  20. I do not know whether it's just me or if perhaps everyone else experiencing issues with your site. It looks like some of the written text on your posts are running off the screen. Can somebody else please comment and let me know if this is happening to them as well? This might be a issue with my browser because I've had this happen before.
    Thanks

    Here is my web-site; visit the following page

    RispondiElimina
  21. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on
    the video to make your point. You clearly know
    what youre talking about, why throw away your intelligence on just posting videos to your weblog when you could be giving us something
    enlightening to read?

    Also visit my blog :: baby clothing distributor

    RispondiElimina
  22. My family all the time say that I am killing my time here at web, except I know I am getting know-how everyday by reading such pleasant posts.


    My web-site; http://www.freespiritpeople.com/how-to-design-your-own-clothes-online.html

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...