venerdì 20 febbraio 2015

Taken 3 - L'ora della verità

Regia: Olivier Megaton
Origine: Francia
Anno:
2014
Durata: 109'





La trama (con parole mie): Bryan Mills, ex agente speciale dei servizi segreti, spaccaculi di professione ormai deciso a rimanere in pensione, pare finalmente convinto a mantenere un basso profilo e dedicarsi alla famiglia, con le attenzioni alla figlia incinta che teme di rivelargli la notizia e l'ex moglie ancora indecisa se tornare tra le sue braccia o cercare di salvare il salvabile con l'attuale compagno, l'affarista Stuart.
Quando proprio quest'ultima viene ritrovata assassinata in casa di Mills e quest'ultimo accusato, ha inizio una caccia da parte delle forze dell'ordine che indurrà il quasi invincibile uomo d'azione a prendere in mano la situazione per scagionarsi, salvare la figlia ed il potenziale nipote, sgominare una banda di mafiosi russi e scoprire chi c'è dietro all'intero complotto ai suoi danni.
Tutto questo, ovviamente, tenendo a bada le forze di polizia sulle sue tracce, guidate dal tenace Dotzler.








Onestamente, dovrei ringraziare Luc Besson ed il suo pupillo Olivier Megatron, insieme ai Transformers tutti suoi progenitori: il brand targato Taken, infatti, non tradisce mai le aspettative.
Quando ci si imbatte in pellicole come questa, infatti, già si accarezza il piacere di aver trovato uno dei candidati più autorevoli per la decina dedicata al peggio dell'anno in corso, unendo al divertimento di qualche risata sguaiata quello delle prese per il culo continue indirizzate alla produzione intera.
Probabilmente, poi, suonerà quantomeno strano che un tamarro della mia stirpe, legato a doppio filo agli anni ottanta e a tutti gli eroi di genere made in USA risulti così allergico a questi giocattoloni pensati e realizzati oltralpe, eppure è inesorabilmente così: le cause vanno probabilmente ricercate nella presenza - quando si parla di produzione e sceneggiatura - del già citato Luc Besson, probabilmente uno dei più sopravvalutati ed immeritevoli di successo registi che esistano sul globo terracqueo, e di Liam Neeson - che oltre ad essere l'uomo con le mani più brutte del mondo come action hero è credibile più o meno quanto il Cannibale, a prescindere dall'altezza: vederlo in una delle rare sequenze non sostituito dallo stunt double correre è stato quanto di più esilarante il Cinema abbia regalato agli occupanti di casa Ford negli ultimi mesi -, così come da uno spirito che all'apparenza ricorda quello eighties, sguaiato e totalmente implausibile, ma che nell'approccio e nel modo di raccontare si presenta, fondamentalmente, come il più classico degli sfigati repressi che cercano con le loro battutine acide di risultare anche simpatici.
Come se non bastasse, questo terzo capitolo riesce a lasciare l'amaro in bocca anche da questo punto di vista, troppo lungo - superare i cento minuti con una proposta di questo tipo equivale a spappolarsi i gioielli di famiglia a colpi di cric - e decisamente incapace di avvincere anche dal punto di vista del ridicolo involontario.
Inoltre il charachter di Bryan Mills, già bollito in partenza, manca della cattiveria del primo capitolo e della totale e caotica sconclusionatezza del secondo, per nulla aiutato da avversari che non lasciano neppure il più misero dei dubbi a proposito del risultato finale della pellicola: si salva giusto il Dotzler di Forest Whitaker, attore di ben altra caratura rispetto al resto del cast che in pochi passaggi guadagna tutta l'attenzione del pubblico eclissando completamente non solo lo stesso Neeson/Mills, ma la storia portata sullo schermo dall'allegra brigata Besson/Megatron.
Se, dunque, da un lato è stato una garanzia ed una cosa indubbiamente confortante scoprire che Taken 3 abbia finito per eguagliare i suoi due precedenti in quanto a valore artistico e probabilità di arricchire le fila della decina dedicata al Ford Award del peggio in sala, dall'altro mi aspettavo forse un abominio con più carattere, da parte di Megatron: non so se sia stato l'influsso positivo dei suoi tanto odiati Autobots, ma il malvagio Decepticon avrebbe potuto spremere decisamente di più da quello che è stato il charachter che ha fatto la sua fortuna.
E a questo punto non so se sperare nell'episodio numero quattro, oppure se farmi bastare l'incedere a "passo di corsa" di Liam Neeson di spalle che pare quasi il più veloce della casa di riposo.




MrFord




"You're messing with my head
girl that's what you do best
saying there's nothing you won't do
to get me to say yes
you're impossible to resist
but I wouldn't bet your heart on it
it's like I'm finally awake
and you're just a beautiful mistake."
One Direction - "Taken" - 



19 commenti:

  1. Lo mollo con piacere, non fa proprio per me..

    RispondiElimina
  2. Io a sto simpatico armadione a due ante non riesco a voler male,ed il film nel complesso mi ha intrattenuto....però certo che la corsa era ridicola davvero XD
    (ma ha davvero ste mani bruttissime?adesso vado a googlare ^^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A prescindere dalle mani, la corsa è stata una delle cose più ridicole che ho visto su uno schermo dai tempi di Sharknado!

      Elimina
  3. Io ho visto un pezzo del secondo (dopo, ammetto, mi sono addormentato). E nemmeno sapevo che dietro c'era Besson. Sto a posto così. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A postissimo, Gae. Non indagare oltre. :)

      Elimina
  4. una di queste sere faccio doppietta con Neeson, questo e A walk along the tombstones ( o una roba del genere intitolato in italiano , credo, La preda perfetta)...giusto per una serata dedicata al trashume!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vicino alla Preda perfetta questo Taken 3 sembra roba da Oscar!

      Elimina
    2. Bradipo, vuoi proprio farti male! Io lascerei perdere! ;)

      Elimina
  5. Io dopo aver visto il primo mi sono detta "poison, per te taken finisce qui".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E direi che è stata un'ottima scelta!

      Elimina
  6. A me il primo aveva anche vagamente divertito, nella sua ignoranza. Ma non ho mai voluto approfondire.

    RispondiElimina
  7. Secondo me sei un po' troppo cattivello con il 1 che reputo quasi una bombetta. Il 2 mi ha fatto cagare lamette -anche se la scena delle granate nella sua ignoranza totale si fa ricordare- e questo 3 boh, mi è passata la voglia di vederlo... Cmq Liam a me piace parecchio e lo trovo anche credibile fai te! ;-)

    Il trailer di Run all night fa ben sperare, l'hai visto?

    Cmq sí, le manone di Liam son proprio inguardabili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora oggi non riesco a capire come sia stato possibile per molti - te compreso - giudicare piacevole il primo, che comunque è assolutamente meglio dell'orrido numero due.
      Questo, a conti fatti, forse è il meno peggio. Ma comunque una schifezza. ;)

      Elimina
  8. La cosa peggiore è la sceneggiatura, dialoghi veramente stupidotti; bocciato anche per me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse solo quello, il problema, saremmo messi quasi bene! ;)

      Elimina
  9. un filmaccio, come d'altra parte quasi tutti gli action passati, presenti e futuri, ma se non altro possiede un minimo di ironia e si lascia vedere con piacere.
    secondo me se al posto di liam neeson ci fosse stato stallone l'avresti osannato come un capolavoro imprescindibile, ma evidentemente lo odi più di quanto pensavo che lo odiassi io... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto tu, che di action capisci tanto quanto di wrestling, puoi trovare piacevole questo e non uno dei miliardi di film di genere più divertenti ed ironici! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...