mercoledì 22 ottobre 2014

Sex tape - Finiti in rete

Regia: Jake Kasdan
Origine: USA
Anno: 2014
Durata:
94'





La trama (con parole mie): Annie e Jay sono sposati da una decina d'anni, vivono felicemente con i loro due figli e portano avanti le loro carriere - lei mommy blogger di successo, lui nel settore musicale - ricordando quasi ironicamente i tempi in cui il sesso era la parte più importante delle loro giornate e del rapporto.
Quando, proprio per rinverdire i fasti del passato, i due decidono di sfruttare una nottata di solitudine per dedicarsi ad una maratona di sesso riprendendosi con il nuovissimo Ipad di Jay, ha inizio il dramma: tramite una app che permette di condividere contenuti e playlist il video viene spedito in lungo e in largo a parenti ed amici, costringendo la coppia a vivere una vera e propria avventura per cercare di impedire che il filmato con loro protagonisti divenga un must a partire dalla cerchia dei conoscenti.
Riusciranno nell'insolita impresa senza cedere all'ansia e sfruttando la situazione per ritrovare l'intesa tra le lenzuola dei tempi d'oro?








Nell'ambito del Cinema usa e getta, quello da multisala il sabato o la domenica pomeriggio, esistono, di fatto, due grandi tipologie di film in grado di raccogliere il grande pubblico e fornire l'alibi giusto per il cervello degli "intenditori" nelle serate di stanca eccessiva: i popcorn movies e i titoli spazzatura.
I primi, tendenzialmente tamarri e sopra le righe, finiscono per essere una sorta di segnale inviato ai neuroni che dichiara la chiusura momentanea delle attività cerebrali per una serata senza impegno, nel corso della quale le preoccupazioni maggiori consisteranno nello scegliere l'alcolico che accompagnerà la visione e se sarà più il caso di buttarsi sul gelato o le patatine.
I secondi, invece, sono putroppo quello che sono.
Titoli buoni giusto per sfogare la propria "ira critica" o pensare che, se fossimo aspiranti registi, ci sarebbe davvero speranza per tutti.
Purtroppo per il sottoscritto e la sua volontà di cercare un pò di riposo a seguito di giorni pieni tra lavoro, l'inizio dell'esperienza al nido del Fordino e gli impegni quotidiani, Sex tape - Finiti in rete finisce senza neppure pensarci due volte nella seconda categoria.
Considerato che dovrebbe trattarsi di una commedia romantica in stile Apatow e che avrebbe almeno in parte pretese rispetto all'essere divertente, la pellicola diretta dal figlio d'arte Jake Kasdan si rivela un fallimento su tutta la linea: banale, prevedibile, mai divertente, pseudo alternativa con strizzate d'occhio al concetto di famiglia disfunzionale tanto caro al Cinema indie - soprattutto USA -, questa robetta è stata un vero e proprio patimento che neppure l'ironia rispetto ad una fase della vita che in casa Ford si sta vivendo in prima persona - gli impegni genitoriali e lavorativi che finiscono per togliere spazio all'irruenta passionalità selvaggia dei primi tempi che si passano insieme a quella che si pensa sia e si spera poi diventi la persona della propria vita - ed un paio - ma giusto un paio - di battute divertenti potevano sperare di salvare.
In effetti, non ce l'avrebbe fatta neppure un porno amatoriale della sempre in forma protagonista Cameron Diaz gentilmente offerto per il piacere del pubblico maschile a rendere credibile e piacevole questa versione in minore e totalmente inutile di Questi sono i 40, la cui visione potrebbe essere paragonabile ad uno di quegli appuntamenti in cui non vedi l'ora che sia tutto finito per andartene a casa o rimanere in giro da solo per essere te stesso e goderti davvero la nottata.
Perfino le piccole parti di Rob Lowe - che dopo i recenti Behind the candelabra e A normal heart pareva diventato una garanzia - e di un'ormai sbiadita copia di se stesso Jack Black riescono a salvare un titolo tra i più tristi di questa seconda parte dell'anno, incapace di trovare un significato sia come divertissement che come spunto per una qualche riflessione sui rapporti di coppia o in famiglia celata dietro una maschera da commedia slapstick Anni Zero.
Non mi pare neppure giusto scrivere che sia stato un peccato, anche perchè le aspettative erano basse e la blogosfera aveva già parlato - e con una certa coesione, in merito al giudizio - bocciando pienamente l'intera operazione: più che altro resta l'ennesima conferma di un anno cinematografico decisamente fiacco, partito con grandi prospettive e finito, dalla primavera in poi, in una palude di proposte delle quali si sarebbe fatto francamente a meno.
Un pò come di questa solo apparentemente simpatica ricerca priva di logica e mordente dei due improvvisati attori porno casalinghi.



MrFord



"Let's go, don't wait, this night's almost over
honest, let's make this night last forever
forever and ever, let's make this last forever
forever and ever, let's make this last forever."
Blink 182 - "First date" - 



29 commenti:

  1. l'ho visto , un minimo imbarazzato ma proprio un minimo, con mia figlia sedicenne. imbarazzato anche perchè il film faceva cagare. tranne che per una Cameron Diaz ancora in splendida forma milfissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film fa effettivamente cagare. E la Diaz è effettivamente molto in forma.

      Elimina
    2. un culo che parla

      Francesco non loggato

      Elimina
    3. Ahahaha beh, non il mio preferito, ma si difende!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Qui basso è tutto il valore del film! ;)

      Elimina
  3. eh eh vedo che anche tu ti sei focalizzato al piccolo problema che si crea quando c'è un po' troppa gente in casa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah beh, quello è un problema comune per chi "tiene famiglia"! :)

      Elimina
  4. ecco, più che basse io le ho proprio azzerate...quindi lo lascio stare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salta pure a piè pari, non ti perdi nulla!

      Elimina
  5. banale, prevedibile, mai divertente.

    avrei detto le stesse cose senza nemmeno guardarlo.

    Fai recensioni su commissione? Dimmi che pensi di Tideland. Secondo me capolavoro secondo tutti quelli che conosco e l'hanno visto: niente di che.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande tideland!
      io sono tra i pochi altri che l'hanno apprezzato, mentre ford mi pare che, da buon snob qual è, l'abbia detestato... :)

      Elimina
    2. Bill, ha ragione il Cannibale: ho odiato Tideland con tutte le mie forze, il peggior film di Gilliam senza alcun dubbio.
      Molto meglio Parnassus!

      Elimina
    3. Tideland non ci è piaciuto minimamente.Come questo filmetto da niente che abbiamo resistito a guardare per 50 insopportabili minuti prima di spegnere.Una poracciata inqualificabile che non fa ridere affatto!Eravamo partiti con le aspettative + basse possibili,eppure è riuscito ad essere molto peggio del previsto.Terribile.

      Elimina
    4. Tideland è stata una delle esperienze più estenuanti degli ultimi anni. Una vera porcata.

      Elimina
  6. questa volta mi hai sorpreso!
    sex tape è una commediola talmente miserrima che pensavo ti sarebbe piaciuta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre pronto a sorprenderti con sorprendenti pareri cinematografici! ;)

      Elimina
  7. La noia più assoluta, non ho neanche finito di vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capirti: io l'ho guardato mentre giocavo con il Fordino, e in due spezzoni.

      Elimina
  8. Bruttino, ma sempre meglio di Tutte contro lui.
    La Diaz azzecca il chirurgo giusto, ma non i film ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho preferito Tutte contro lui a questo, per quanto anche in quel caso non si parlasse di chissà che film!

      Elimina
    2. Addirittura peggio di quella porcherìa???Mi sa che questo lo schivo proprio!!!

      Elimina
    3. Decisamente peggio. Almeno in quel caso un paio di volte avevo anche riso.

      Elimina
    4. Dove ho letto Camerondiazzate?che sembra una crasi fra Cameron e Cazzate,peraltro.Mi sa che la ben conservata biondona d'ora in poi comincerò a considerarla garanzia di plot scrausi e commedie non divertenti ^^

      Elimina
    5. Ultimamente, hai assolutamente ragione.

      Elimina
  9. Jason Segel... Quasi mi piange il cuore se ricordo i suoi esordi in How I Met Your Mother, e ora lo ritrovo in queste commediole ridicole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sta veramente svendendo. Peccato.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...