lunedì 14 luglio 2014

Saloon Mundial: Panzer 4x4

La trama (con parole mie): questa sera si è giocata la finale dei Mondiali, che ha chiuso il cerchio su una delle rassegne sportive più seguite del pianeta, nonchè di una delle edizioni della stessa più combattute e sorprendenti - malgrado i nomi altisonanti delle prime quattro classificate -.
E dopo tre appuntamenti giocati da perenne loser, la Germania torna ad alzare la coppa ventiquattro anni dopo l'ultima volta: è la vittoria di un gruppo, di un progetto, dell'applicazione.
E dell'incapacità di Messi e soci di mettere il carattere necessario per fare davvero la differenza.








E alla fine, è andata come speravo andasse.
La Germania di Loew si è finalmente laureata Campione del Mondo battendo un'Argentina mai doma - forse la più vivace del Mondiale - guidata come di consueto da un Messi in preda alle crisi di vomito e fermato dall'incapacità di fare la differenza nel momento decisivo come capitava spesso e volentieri a quello che è considerato il suo predecessore e riferimento, tale Diego Maradona - in questo senso, esemplare il riso isterico del numero dieci dell'Albiceleste una volta fallita la punizione che, di fatto, è stata l'ultima speranza della sua squadra, ben oltre il centoventesimo minuto -.




Va comunque reso l'onore delle armi ad un'Argentina che si gioca ad armi pari con la corazzata tedesca il titolo, che spreca molto - clamoroso l'errore di Higuain nel primo tempo - e viene colpita proprio quando cominciava a diventare opinione comune l'ipotesi dei calci di rigore.
Ha vinto, ad ogni modo, la squadra dal miglior collettivo - non a caso, l'azione decisiva è passata dai piedi di due giocatori entrati dalla panchina - e dal progetto più convincente - escluso Miro Klose, trentaseienne, la rosa tedesca è forse la più giovane, mediamente, della rassegna -, portata al trionfo da un giocatore che non aveva entusiasmato fino a questo momento, ma che, con la sua classe novantadue diviene il simbolo di un rinascimento calcistico del quale, probabilmente, sentiremo ancora parlare.







Lostiani, poi, i numeri.
La Germania, infatti, conquista il quarto Mondiale ventiquattro anni dopo l'ultimo trionfo, che risale all'Italia del millenovecentonovanta delle Notti Magiche - finale vinta ancora contro l'Argentina e ancora per uno a zero -, così come l'Italia lo conquistò proprio in Germania nel duemilasei ventiquattro anni dopo l'ottantadue - che vide gli Azzurri imporsi proprio sui tedeschi -: coincidenze niente male per le due Nazionali lanciate all'inseguimento del Brasile, ancora in testa per quanto riguarda i titoli vinti con cinque vittorie all'attivo.







Senza dubbio, e senza nulla togliere agli sforzi degli argentini - che, comunque, devono ancora maturare parecchio, fatta eccezione per gente con gli attributi come Mascherano -, la Germania ha meritato più di ogni altra di sollevare la coppa, afferrata con carattere, grinta, voglia e talento.
Evidentemente, l'occhio clinico teutonico riesce a fare tesoro delle sconfitte e sfruttare al meglio l'esperienza - dall'edizione del millenovecentocinquantaquattro, la prima vinta dai nostri secondi cugini, non c'è mai stata un'edizione dei Mondiali in cui la loro selezione non sia arrivata almeno ai quarti, dunque tra le prime otto del torneo -, oltre a permettere ai giocatori di scendere in campo con una determinazione assolutamente incrollabile.
Non a caso, sono stati loro i primi europei a sollevare la Coppa del Mondo nel continente americano, così come saranno, in Russia tra quattro anni, con ogni probabilità i primi a sfatare la maledizione delle vincenti che ha colpito tutte le Nazionali vittoriose nell'edizione precedente dal duemiladue ad oggi.






Ma poco importano le speculazioni, ora.
Che giocatori, tifosi e staff si godano i festeggiamenti, e che il Mondiale di calcio - forse l'appuntamento sportivo più seguito al mondo - si concluda come è giusto che sia: con una festa.
Il Saloon, approfittando, alzerà un paio di calici in più in onore dei vincitori.
Senza contare che, stasera, sono proprio quelli che sperava fossero.



MrFord




12 commenti:

  1. che bello vedere la faccia da pirla di Messi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una grandissima goduria. Quasi quanto vedere quella di Neymar il giorno prima.

      Elimina
    2. sono enormi soddisfazioni

      Elimina
    3. Neymar e Messi hanno reso più piacevole il mio finale di Mondiale, senza dubbio. ;)

      Elimina
  2. Ammetto che un po' mi è dispiaciuto per l'Argentina (anche se dopo la soporifera seminfinale mi stava decisamente meno simpatica). Però la partita è stata forse la migliore finale da parecchi mondiali a questa parte, con occasioni da una parte e dall'altra.
    Per cui onore al merito alla Germania, che dopo tanti anni si porta a casa finalmente un titolo, e anche all'albiceleste che se l'è giocata. Io oggi non vorrei essere nei panni di Higuain o di Palacio. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Partita ottima, concordo. E molto contento per la vittoria della Germania, la squadra più squadra del torneo.
      Poi, certo, Higuain e Palacio si sono mangiati gol clamorosi!

      Elimina
    2. più Higuain che Palacio

      Elimina
    3. Vero, anche se pure Palacio non ha scherzato! ;)

      Elimina
  3. partita molto combattuta e sempre in bilico, ma alla fine giusta umiliazione di messi e trionfo crucco!
    questa volta è andato tutto alla perfezione. o quasi. manca solo l'occasione di essere in disaccordo con te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei dire esattamente la stessa cosa. ;)

      Elimina
  4. Contenta anche io per come è andata, i tedeschi meritavano la vittoria per tutto il percorso fino alla partita di ieri. Ma del premio per il miglior giocatore a Messi, ne vogliamo parlare???? Ero basita....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premio scandaloso: Messi ha giocato bene soltanto nelle prime tre partite, quando la pressione non era così alta, dimostrazione di non avere il carattere del vero campione.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...