sabato 23 giugno 2012

Johnny Cash - L'autobiografia

Autore: Johnny Cash
Origine: Usa
Anno: 1997
Editore: Baldini&Castoldi




La trama (con parole mie): il Man in black per eccellenza di country e rock, icona della musica americana dagli anni cinquanta alle soglie del nuovo millennio sempre in bilico tra la dannazione della dipendenza dalle droghe e la salvezza della Fede, della Famiglia e dell'amore della sua vita June Carter si racconta rivelando, più che una cronologia delle sue vicende personali, i ricordi delle esperienze vissute nelle case in cui ha lasciato un pezzo di cuore.
Dalla campagna dell'Arkansas alle spiagge jamaicane, dalle piantagioni di cotone ai palchi di tutto il mondo e dei carceri che lo resero uno dei più celebrati interpreti "live" di tutti i tempi, una panoramica diretta e sincera dell'Uomo, prima che dell'Artista.








Come ben sapete, in casa Ford Johnny Cash è considerato uno dei "nonni" ufficiali del saloon, come Clint Eastwood o Cormack McCarthy, e dunque ogni pubblicazione che lo riguardi è clamorosamente festeggiata a suon di copiosi brindisi: sentii parlare per la prima volta di questa sua autobiografia da John Cusack nella versione cinematografica di Alta fedeltà, e la vidi in libreria durante il viaggio attraverso l'Irlanda nel 2006, senza decidermi ad acquistarla principalmente per pigrizia - cosa che, invece, saggiamente fece il mio compare Emiliano -, confidando in una sua imminente pubblicazione italiana.
Niente di più sbagliato, purtroppo, tanto che, per poterla avere tra le mani, ho dovuto aspettare ben sei anni, fortunatamente resi meno lunghi dalla pubblicazione dell'ottima biografia edita da Kowalski, a livello di scrittura e cronologia di eventi decisamente più completa, paradossalmente, di questa.
In realtà, infatti, Cash by Johnny Cash appare più come un racconto fatto davanti al fuoco dal capofamiglia durante una di quelle riunioni in cui ci si trova accanto a chi si ama e ci si perde immaginando epoche vissute solo attraverso le parole e la voce di chi riporta fatti quotidiani come fossero leggende: ed è così che scorrono tra le pagine episodi della vita di Cash dalla sua infanzia durissima a Dyess, in Arkansas, a raccogliere cotone con la sua famiglia fino all'epoca in cui il futuro Man in black fu un intercettatore radiofonico per l'esercito in Germania, dai successi con la Sun che lanciò Elvis e Jerry Lee Lewis fino all'incontro con il mitico Rick Rubin, che fece esplodere una volta ancora l'appeal di un artista che pareva già destinato al dimenticatoio producendo l'incredibile serie American Recordings, che riportò in auge la figura del cantante dopo quasi un decennio di oblio - divertente l'aneddoto del loro primo incontro faccia a faccia, con il vecchio Johnny stupito per l'aspetto degno "del peggiore dei barboni" del producer di band del calibro dei Red Hot Chili Peppers, i Beastie Boys o gli Slipknot -.
Personalmente - da buon conoscitore della vita del Nostro -, ho trovato interessanti gli episodi dedicati alla morte del fratello Jack, appena quattordicenne - mostrata anche nella pellicola Walk the line -, soprattutto rispetto alla dura vita da agricoltori che i Cash conducevano ai tempi - il racconto della famiglia intera intenta a raccogliere il cotone già il giorno seguente il funerale la dice lunga in questo senso - e alla rapina che la famiglia del mitico J.R. subì nella villa in Jamaica durante le Feste, nel 1982, ad opera di tre ragazzi strafatti che arrivarono a prendere in ostaggio il figlio del cantante e della sua compagna di vita June Carter puntandogli una pistola alla testa: rispetto a questo fatto, la posizione di Cash è interessante, dato che in quanto celebrità fu trattato con tutto rispetto dalla polizia locale che finì per rintracciare e, fondamentalmente, giustiziare i giovani responsabili del crimine fortunatamente finito senza vittime - almeno per quanto riguarda il clan Cash -, essendo fondamentalmente portatrice di una critica al sistema che inghiotte giovani destinandoli, di fatto, ad un destino ben più che amaro.
La Giustizia e la Fede rimangono punti cardine della riflessione del cantautore, che anche nei momenti di rivolta più apprezzati dalle schiere dei suoi fan più giovani tende spesso e volentieri a smitizzare il conseguente alone da maledetto - fatta eccezione per il demone della dipendenza dalle pillole, che tratta con timore quasi riverenziale, considerate le numerose ricadute che ebbe nel corso della sua vita -: così ci ricorda che, a parte qualche notte passata al fresco più per garantirgli la sopravvivenza dato il suo stato, non è mai stato protagonista di un arresto vero e proprio, e frasi di pezzi storici come "I shot a man in Reno just to watch him die" tratta da Folsom prison blues altro non sono che un tentativo del musicista di mettersi nei panni dei criminali peggiori mossi dai più futili moventi.
Pur non rivelandosi uno scrittore nato, Johnny Cash si dimostra un ottimo compagno di viaggio ed un narratore onesto e sincero, sia che parli dei tour e della vita on the road o della sua vita tra le mura di casa - splendida la parentesi in cui ironizza sulla passione di June per lo shopping sfrenato -: un Uomo che ha fatto la storia del country e del rock ma che, sopra ogni altra cosa, è stato il protagonista di un'esistenza intensa e goduta dal primo all'ultimo istante, ringraziando per quello che chiama "il Dono", per la Famiglia e la forza di riuscire a rialzarsi dopo ogni caduta e pronto ad andarsene al momento giusto, sempre guidato da una "satisfied mind".




MrFord




"Well, there's things that never will be right I know,
and things need changin' everywhere you go,
but 'til we start to make a move to make a few things right,
you'll never see me wear a suit of white.
Ah, I'd love to wear a rainbow every day,
and tell the world that everything's OK,
but I'll try to carry off a little darkness on my back,
'till things are brighter, I'm the Man In Black."
Johnny Cash - "Man in black" -


10 commenti:

  1. proprio un mito!
    non conosco molto la vita a parte quello visto nel film Walk the line... quasi quasi, per l'estate ;)

    un altra biografia musicale che mi è stata consigliata è quella di Lemmy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, dici bene: un mito.
      Io mi sono documentato parecchio sulla sua vita, e ti consiglierei, prima di questa, la biografia edita da Kowalski che ho citato. Stupenda.

      Quella di Lemmy non l'ho letta, ma chissà che prima o poi non mi cimenti!

      Elimina
  2. Irriverent Escapade23 giugno 2012 10:10

    Eeeeh eccolo: "colui che sta alla musica come Clint al cinema" (Mr Ford dixit).
    Io sono la persona meno adatta a commentare visto che Cash, grazie a certe frequentazioni, lo subisco. Ormai ogni mio giudizio è minato. E pensa che ho scoperto di avere nella mia playlist un sacco di pezzi che ha cantato anche lui...Rassegnata, ah ah ah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah sorella, niente male la mia citazione! :)
      Rassegnati, comunque: anche io ti vesserò spesso e volentieri con il buon Cash, il mio "nonno" musicale!

      Elimina
    2. Irriverent Escapade24 giugno 2012 18:10

      Tu quoque, my young Bro. Io ti cito e tu mi prometti vessazione??
      "Indossero'" (da non fumatrice) la sigaretta nella espressione n°2 di Clint, impugnerò una immaginaria Colt e replicherò colpo su colpo :)

      Elimina
    3. Sorella, sarà una battaglia da vero West, mi sa, tra Clint e Cash! :)

      Elimina
  3. johnny cash uno dei nonni del saloon??
    ma io veramente considero te, il nonno supremo del saloon! uahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuol dire che Johnny Cash è il nonno del nonno! :)
      Ad un patriarca del genere non si può che portare gran rispetto! ;)

      Elimina
  4. Il libro l'ho comprato e sono in attesa di leggerlo.Bramo leggerlo, a dir la verità: Cash è un mito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Blackswan, vedrai che non ti deluderà: e anche a te consiglio tantissimo la biografia edita da Kowalski!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...