martedì 23 settembre 2014

The giver - Il mondo di Jonas

Regia: Philiph Noyce
Origine: USA
Anno:
2014
Durata:
97'




La trama (con parole mie): in un futuro controllato minuziosamente da un gruppo di anziani in cui tutto è in bianco e nero e le emozioni uniformate almeno quanto le distinzioni e le passioni, Jonas riceve l'incarico, con l'arrivo della sua maggiore età, di divenire il custode dei ricordi dell'epoca passata, il testimone dell'efficacia della realtà in cui è cresciuto.
Quando, però, l'addestramento del ragazzo con il vecchio custode diventato donatore inizia, per Jonas si aprirà un mondo traboccante colore e sentimento che lo indurrà a ribellarsi passo dopo passo al sistema, lottando affinchè il meccanismo che regola la precisione schematica della società venga scardinato e tutte le imperfezioni ritrovino la loro identità.
Riuscirà il poco più che adolescente nuovo custode dei ricordi a sovvertire la sua realtà?
O sarà il Sistema ad avere la meglio?








La questione del futuro distopico è da decenni uno dei principali spunti non soltanto per quanto riguarda la fantascienza, ma anche per l'analisi sociale del mondo in cui viviamo attualmente: dai più grandi autori del genere fino ai blockbuster più commerciali immaginabili, il mondo del Cinema si confronta in continuazione con questo filone, probabilmente conscio delle potenzialità che esprime e delle riflessioni che è in grado di far nascere nel pubblico.
Onestamente, mi aspettavo davvero poco da questo The giver, considerata l'aura un pò teen che lo circondava, ed altrettanto onestamente ammetto di aver approcciato il lavoro di Noyce semplicemente per la curiosità di Julez e perchè, dovendo tenere aggiornato il blog rispetto alle ultime novità, poteva starci: e devo ammettere che, nel corso della prima parte, nonostante tutto sapesse di già sentito - dall'utilizzo del bianco e nero e del colore fino all'idea dell'organismo di controllo e del mondo perfetto che perfetto non è -, Meryl Streep e la protagonista femminile Odeya Rush fossero pressochè inguardabili e la realizzazione certamente lontana dalla perfezione - soprattutto il montaggio -, ho finito per ritrovarmi addirittura stupito in positivo dalla costruzione di una vicenda assolutamente senza pretese rispetto al risultato complessivo ma comunque a suo modo sopportabile.
Peccato che, neppure il tempo di gustarsi un pò di sana retorica da "siamo tutti imperfetti, ma il mondo ha comunque sempre una speranza" e chi più ne ha, più ne metta - cosa, del resto, a proposito della quale potrei concordare anche io, in linee molto generali - elargita dal sempre mitico e sempre fordiano ex lebowski Jeff Bridges, ed ecco materializzarsi di colpo davanti agli occhi degli occupanti del Saloon un crescendo finale terribile, ancora più banale di quanto le premesse potessero presagire, privo di qualsiasi tensione e soprattutto di logica neppure si trattasse dell'ultimo dei prodotti horror che di norma fungono da carne da macello per le uscite in sala estive.
La progressiva presa di coscienza di Jonas e la sua escalation di rivolta contro il Sistema e chi lo coordina divengono una sorta di barzelletta in grado di demolire, peraltro grazie a piccoli dettagli, tutto il poco di buono costruito in precedenza senza possibilità di appello, dall'utilizzo scellerato del neonato Gabriel - che riesce, nell'ordine, durante la sua fuga accanto al protagonista, a resistere ad una corsa a perdifiato in moto con tanto di salto stile Expendables, a giorni e giorni di viaggio senza mangiare, bere o avere il culo pulito, ad una sorta di base jump in un fiume, ad una discesa in slitta con tanto di caduta nella neve prima di giungere a destinazione - all'assurdità del cambio repentino delle attitudini di tutti gli abitanti della società perfetta ed alla sua stessa gestione - un mondo totalmente soggiogato e controllato in cui tutto è ripreso nessuno effettua controlli in tempo reale?
Le medicine e le iniezioni che inibiscono le emozioni di colpo, nel momento in cui il protagonista prende la decisione di ribellarsi, cominciano miracolosamente a non fare più lo stesso effetto, almeno sugli amici più stretti del buon Jonas -, fino al classico finale hollywoodiano che suona di presa per il culo enorme alla razionalità ed al buon senso, oltre che alla questione sentimentale sfruttata nel modo peggiore.
Ora, non ho letto il romanzo e non conosco, nel dettaglio, gli eventuali cambiamenti e rimaneggiamenti operati dagli sceneggiatori, ma senza dubbio una robetta come questa - soprattutto nella seconda parte - potrebbe funzionare giusto come anestetico pomeridiano per ragazzini non troppo concentrati desiderosi giusto di poter raccontare agli amici di aver visto l'ultimo film di moda del momento - schifezzuole come Colpa delle stelle permettendo, ovviamente -.
Peccato, perchè premesse di questo tipo, per quanto già sentite, hanno sempre la possibilità di regalare qualche emozione "a colori".
Mentre qui siamo nel bianco e nero più profondo.
E neppure dei migliori.




MrFord




"Now a shadow scream my name
and in the daylight I could swear
we’re the same
but I’m just an ordinary human
(ordinary ways)
I’m just an ordinary human."
One Republic - "Ordinary human" -



22 commenti:

  1. Il film, pur non essendo interamente malvagio, ha perso molto del fascino del libro, che poi è la ragione principale per cui lo condanno. Il mondo rappresentato dal film è chiaramente distopico: c'è un controllo ferreo, una capa dura e cruda che non tollera disobbedienze, un lavaggio del cervello collettivo. La scelta di Jonas di scappare pare legittima, sensata, priva di sfumature, e quindi naturalmente suscita un normale "embè? ora il ragazzetto salva il mondo, che novità". Nel romanzo il mondo di Jonas è, per molti, sinceri, versi, idillico. Non ci sono colori (ma i lettori non lo sanno finchè non lo scopre anche Jonas: qualcosa di non rendibile nel film), non esistono le pulsioni sessuali e non vi sono ricordi del passato. Ma non c'è nemmeno odio, fame, violenza, malattie. Ai bambini non viene imposto di diventare qualcuno: li si osserva per anni, li si spinge a scegliere, e poi, in base alle loro caratteristiche, si decide quale futuro potrebbe andare meglio per loro. Non c'è passione, ma c'è affetto. Non esiste Il capo, ma un consiglio che accetta suggerimenti e poi discute (anche molto a lungo) qual è la cosa migliore da fare: nessuno bracca Jonas, nessuno "congeda" al primo errore, nessuno lo spinge ossessivamente a rispettare le regole. La ribellione di Jonas appare diversa perchè, in tutta sincerità, non è certo che abbia ragione. Il romanzo spinge a riflettere (quanto è lecito perdere per salvaguardare la vita?), il film si colloca invece stancamente nel filone dei distopici YA già largamente saccheggiato (le scenette d'amore con la ragazza, impossibili nel romanzo visti i 12 anni di Jonas, a cosa dovrebbero servire esattamente?) e quindi non riesce a comunicare pienamente la novita (il romanzo fu pubblicato nel 1992) e le sfumature originali. Joanne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joanne, benvenuta e ottimo commento davvero: leggendolo mi è dispiaciuto ancora di più per lo spreco che è stato fatto di materiale effettivamente molto interessante.
      Un peccato che non sia stato adattato da sceneggiatori e da un regista all'altezza.

      Elimina
  2. bottigliate assolutamente doverose, anche io nel mio piccolo l'ho bottigliato a dovere, pubblicazione in stereo oggi!

    RispondiElimina
  3. Si sentiva puzza di fail lontano un miglio, peccato perché nel commento sopra di Joanne si intravede del grosso potenziale nel romanzo che come al solito non viene usato a dovere....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fail? Epic fail, direi! Davvero un'occasione sprecatissima!

      Elimina
  4. film senza infamia e senza lode.
    bottigliate persino eccessive. evidentemente non sai proprio più contro chi prendertela...
    strano però che ti lamenti della mancanza di razionalità di questo film, quando gli expendables fanno le stesse cose del protagonista, solo che hanno 80 anni di più e quindi il tutto è 1000 volte più inverosimile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli Expendables, caro Peppa, possono tutto in quanto Expendables: dai loro film non mi aspetto certo realismo assoluto! ;)
      Detto ciò, questo film, soprattutto nella seconda parte, è una vera schifezzina battuta soltanto dalla super schifezza Colpa delle stelle! ;)

      Elimina
  5. io e mia figlia contiamo di vederlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miyazaki no e questo sì!? Doppie bottigliate! ;)

      Elimina
  6. Ha già detto tutto Joanne nel primo commento, il romanzo è davvero toccante ed emoziona. Questo filmetto, fin dal trailer, mi sembrava quanto di più distante ci potesse essere dal lavoro della Lowry e non lo guarderò perché di scrivere un post zeppo di insulti ne ho poca voglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco bene: risparmiati il tutto, specie se hai già letto il romanzo e specie se lo stesso è così interessante!

      Elimina
  7. Come già scritto dal Bradipo, non mi ispira. Quindi rimando fino a data da destinarsi, in attesa di leggermi i libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me fai meglio a limitarti alla lettura! ;)

      Elimina
  8. Mannaggia, leggendo il commento di Joanne era meglio leggere il libro! Concordo con te sul fatto che la prima parte del film non era male, peccato davvero per il finale: frettoloso, poco coinvolgente...insomma, potevano metterci qualcosa in più! Della prima parte ho odiato solo le smorfie di Katie Holmes, tornata improvvisamente Joey Potter di Dawson's Creek... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terribile Katie Holmes, anche se non quanto la Streep e la ragazzina.
      E seconda parte da cancellare davvero!

      Elimina
  9. ci avrei giurato che lo bottigliavi xD Effettivamente ho indovinato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questa roba non c'erano molte altre possibilità! ;)

      Elimina
  10. Probabilmente aiutata dall'aspettarmi meno di zero,a me non è dispiaciuto...cerco che è una sagra del riciclo di altre idee,ma tutto sommato una sufficienza gliela dò.Ovvio che non regge il confronto con i film da cui pesca,che per me sono cult assoluti(Equilibrium,Gattaca,Pleasantville).Non includo Divergent,che pure ha molti punti in comune con questo, nella lista perchè quello era una vera porcheria.Anch'io ho pensato che era assurdissimo che il neonato sopravvivesse a tutto,ed un'altra cosa che non ho capito è perchè volessero tramandare le memorie...cioè,se le emozioni,i sentimenti,sono quello che minaccia il mondo,e nel mondo attuale li abbiamo soppressi,a che ci serve avere qualcuno che ricordi cosa vogliano dire?Non possiamo lasciar morire l'ultimo che ne ha memoria e basta?Vabbè qua di plotholes ce n'erano hai voglia,ma tutto sommato non mi dispiace averlo visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aspettativa bassa, effettivamente, a volte aiuta. In questo caso, almeno nella prima parte, è stato così anche per me.
      Poi tutto è naufragato.

      Interessante, comunque, la questione che sottolinei rispetto alle memorie.

      Elimina
    2. Ho visto adesso che ero loggata col profilo/non profilo del mio Sire...ero io qui sopra ;)

      Elimina
    3. Quindi, in un certo senso, sei stata nuova lettrice per un paio di commenti! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...