sabato 27 settembre 2014

Catfish

Regia: Henry Joost, Ariel Schulman
Origine: USA
Anno: 2010
Durata:
87'





La trama (con parole mie): Niv Schulman è un giovane fotografo di New York che condivide lo studio con due giovani registi, il fratello Ariel ed il loro comune amico Henry. Entrato in contatto con la giovanissima pittrice Abby e la sua famiglia, proveniente da uno sperduto paesino del Michigan, Niv conosce Megan, una loro parente, e tra loro inizia una corrispondenza che passa dalle e-mail a Facebook, fino alle telefonate, aprendo le porte ad un legame sempre più forte che potrebbe sfociare, una volta superata la barriera telematica, in una vera e propria relazione.
Quando i tre giovani artisti, impegnati in un documentario sulla danza nel Nord degli States, decidono di improvvisare una visita a questa strana famiglia, i misteri cominciano ad infittirsi: le canzoni che Megan manda a Niv dichiarandole registrazioni per lui sono infatti prese dalla rete, e qualcosa pare sempre più strano nel comportamento della ragazza.
Il confronto con Abby e Angela, la madre della bambina, rivelerà uno dei più clamorosi inganni che le relazioni sentimentali online abbiano mai rivelato, ed una realtà che pare quasi quella di un film.






Senza alcuna ombra di dubbio, internet ed il suo concetto non solo di condivisione globale, ma anche di evoluzione - o involuzione - dell'identità sociale e reale sono stati tra i più importanti che la Storia umana abbia conosciuto nel passato recente e non solo: la comunicazione, l'Arte, la Musica, il Cinema, il sesso, le relazioni sono cambiate radicalmente nell'epoca della Rete, e noi stessi, pronti a trasformare la blogosfera nella nostra quasi casa, avremmo preso strade sicuramente differenti un centinaio di anni or sono.
Personalmente, non conservo brutti ricordi - o quantomeno bizzarri - degli incontri nati da una conoscenza fatta online, e dagli aneddoti divertenti - come quella volta in cui Julez, alla vigilia della mia prima uscita con Dembo, si mostrò preoccupata pensando che il mio Fratellino fosse l'Edward Bunker con la faccia da ergastolano settantenne del suo avatar - alle occasioni per rimorchiare, devo
ammettere che mi è andata discretamente bene.
Qualche stagione fa, invece, Mtv cominciò a presentare una trasmissione decisamente interessante legata ai rischi - sentimentali e non - delle storie d'amore telematiche condotta da un regista e da un giovane fotografo, Niv Schulman, che ispirò la stessa grazie ad un documentario realizzato nei primi tempi della sua avventura artistica dal fratello, che con un amico regista condivideva con lui lo studio a New York: Niv, infatti, conobbe la famiglia della piccola Abby, pittrice sorprendente per la sua età che realizzava quadri a partire dalle sue fotografie, finendo per perdere la testa per sua sorella maggiore, Megan, intrattenendo con quest'ultima una fitta corrispondenza cartacea, telefonica e telematica di nove mesi prima di decidere, sfruttando un incarico lavorativo, di rompere il ghiaccio e
dirigersi verso la sperduta località del Michigan dove abitava, ovviamente accompagnato dai due futuri registi di questo documentario.
Il risultato fu a dir poco incredibile, tanto da sospendere Niv in uno stato in bilico tra lo stupore, la malinconia e la quasi ammirazione per il talento mostrato nel mentire rifugiandosi in sogni e pezzi di vite non sue della donna con la quale aveva condiviso momenti e sentimenti degni di una vera e propria storia, finendo, con le rivelazioni che seguirono il loro incontro, proprio per ispirare la stessa a cambiare la propria esistenza ed uscire da un guscio che pareva essere stato costruito appositamente per una di quelle pellicole da provincia americana senza speranza buona per un cocktail tra Lynch e Springsteen.
La vita di Angela - questo il nome della donna -, di fatto rivoltata come un guanto dall'ingresso di Niv nella stessa, finisce dunque per rivelare sfumature che vanno ben oltre la questione legata ai chiaroscuri della rete, ma toccano corde sospese tra il coraggio e la follia, la disperazione e la speranza: osservare suo marito definire Niv il catfish delle loro esistenze in quella che è, probabilmente, la sequenza pià clamorosa di questo sorprendente documentario e mosaico di frammenti di vite, e spiegare il significato della definizione stessa, custodisce la scintilla del grande Cinema, quello legato al bisogno di raccontare una storia, o forse più di una, e di quanto una persona anche lontana migliaia di chilometri da noi possa influenzare l'esistenza che conduciamo tutti i giorni.
Ma è davvero un rischio, quello di vivere?
O dovremmo sempre sperare di incontrare i nostri catfish, per poterci spingere un passo avanti?
A ognuno la sua risposta, a ognuno la sua identità.
Vera o falsa che sia, l'importante sarà viverla.
O cercare di farlo.




MrFord




"How I wish, how I wish you were here.
We're just two lost souls swimming in a fish bowl,
year after year,
running over the same old ground. What have we found?
The same old fears,
wish you were here."
Pink Floyd - "Wish you were here" -





14 commenti:

  1. La storia sembra interessante...ma i documentari non mi piacciono ,la telecamera che balla etc etc....peccato,perchè mi incuriosiva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo vale la pena di essere visto: e rivaluta i documentari, che se ben fatti sono strepitosi!

      Elimina
  2. questo me lo sono segnato al volo, argomento interessantissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E trattato alla grande: recuperalo assolutamente!

      Elimina
  3. Ford quanti film vedi alla settimana ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se riesco uno al giorno, se poi non lavoro provo ad incastrarne due!

      Elimina
  4. Ne vengono fuori qui di buoni motivi per riflettere e discutere, e per questo lo voglio recuperare. =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene: fa riflettere ed è davvero molto ben fatto!

      Elimina
  5. Ahahah Povera Julez, aveva paura ti violentassi!!!
    Cmq questo sembra interessante, lo recupero.
    Sui "pericoli" della rete recentemente ho visto The den, horror dal budget ridotto ma inquietante davvero.. penso ti piacerebbe..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The den me lo segno, tu invece recupera questo, caro il mio fratellino Bunker: è una bombetta delle nostre! ;)

      Elimina
  6. alla buon'ora, ford!
    questo è un docufilm geniale consigliato da pensieri cannibali già millenni fa...
    ma d'altra parte whiterussian è un po' come la distribuzione cinematografica italiana: le cose più interessanti e originali arrivano, se arrivano, solo con anni di ritardo ahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo la tua recensione: ora, però, non divagare attaccandoti ai miei tempi e nascondere il fatto che sei perfettamente d'accordo con me! :)

      Elimina
  7. Non vedo l'ora di recuperarlo, anche perchè ormai ho visto tutte le stagioni dello show tv e ogni volta rimango a bocca aperta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto alle puntate della serie, comunque interessanti, questo ha una marcia in più: recuperalo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...