venerdì 26 settembre 2014

Red Cliff - La battaglia dei tre regni

Regia: John Woo
Origine: Cina, Hong Kong, Giappone, Taiwan, Corea del Sud
Anno: 2009
Durata: 146' (parte prima) e 142' (parte seconda)




La trama (con parole mie): siamo attorno al duecento dopo Cristo nell'antica Cina, quando il primo ministro Cao Cao, portata a termine con successo la campagna contro i signori della guerra e divenuto più temuto e rispettato dell'Imperatore, decide di manipolare quest'ultimo in modo che gli permetta di innescare un conflitto contro i due principali regni del Sud, retti da Liu Bei e Sun Quan, il primo di umili origini ed avanti con gli anni, il secondo giunto sul trono quasi per caso, giovane e senza esperienza. Quando la sconfitta pare inevitabile per il primo, lo stratega Zhuge Liang comincia a lavorare ad un'alleanza tra i regni del Sud che possa significare non solo salvezza, ma anche speranza di sconfiggere l'invincibile Cao Cao.
Stretta una forte amicizia con Zhou Yu, vicino a Sun Quan e considerato da quest'ultimo come un fratello, Liang sfrutterà tutte le sue conoscenze ed abilità per preparare il terreno ai suoi compagni in modo che gli stessi possano vincere la battaglia decisiva: ma sarà davvero una vittoria? 
E Cao Cao si limiterà a soccombere, o rivelerà la sua natura di vincente?






Ricordo ancora quando vidi per la prima volta la versione cinematografica di Red Cliff, forse l'opera più ambiziosa, costosa e tecnicamente incredibile di John Woo, Maestro indiscusso del Cinema action d'Oriente e non solo: correva l'anno duemilanove, ed attendevo da tempo la trasposizione cinematografica di una delle epopee di guerra più note dellla Storia cinese, che paradossalmente, invece che a scuola - l'Oriente è purtroppo un snobbato ancora oggi - conobbi grazie alle interminabili partite a Dynasty Warriors, videogioco fracassone e di battaglie da ore passate davanti allo schermo grazie alla Playstation 2 di qualche anno fa.
Purtroppo si trattava della versione cinematografica di questo lavoro, ignobilmente tagliata a metà - in tutti i sensi - e così distribuita in tutto il mondo - per una volta, dunque, non fu colpa solo dei nostri distributori -: il risultato, quindi, fu una sorta di mezza delusione, anche perchè la complessità della trama, la varietà ed il numero dei personaggi nonchè la coesione del plot subirono dei pesanti condizionamenti di un montaggio assolutamente da macellai - destino che accomuna quest'opera enorme ad uno dei grandi Capolavori del Cinema tutto, I sette samurai, che ai tempi fu presentato a Venezia vincendo il Leone d'argento con la metà del minutaggio effettivo, portando lo stesso Kurosawa a dichiarare che la Giuria aveva visto, in realtà, solo tre samurai e mezzo -.
Fortunatamente, con l'uscita per home video è giunta anche dalle nostre parti la versione integrale di quello che è, forse, l'affresco più potente che l'autore di filmoni come The killer abbia mai prodotto in carriera: ed il risultato della visione è decisamente differente.
Red cliff, infatti, gustato nella sua interezza, rappresenta, di fatto, l'equivalente epico ed emozionante di quello che fu, da queste parti, Il ritorno del re, ovvero una grande fiera di emozioni e sentimenti da blockbuster orchestrati con mezzi e tecnica da fantascienza, filtrati però attraverso una sensibilità ed una profondità di temi da pellicola d'autore: per quanto, infatti, si tratti di fatto di un film che racconta una delle epopee belliche più note della sua terra - e quella che, di fatto, è l'Iliade cinese -, La battaglia dei tre regni è un accorato atto d'accusa contro la guerra come concetto, portato avanti principalmente dai personaggi dello stratega Liang - un ottimo Takeshi Kaneshiro - e da Zhou Yu - il mitico e decisamente fordiano Tony Leung - e la sua compagna, charachters dai molteplici interessi messi al servizio del conflitto ma dallo stesso clamorosamente lontani - la musica, la conoscenza del territorio, il rispetto della Natura, la cura della forma come della sostanza - e reso ancora più intenso da passaggi quasi bucolici - i generali di Liu Bei intenti ad insegnare ai bambini o ad intrecciare ciabatte di corda, gli intermezzi ironici legati alla figura di Sun Shangxiang ed il suo rapporto con gli uomini - ed altri profondamente commoventi e drammatici - il confronto nel finale tra la stessa Sun ed il giovane conosciuto durante il suo periodo da infiltrata tra le fila dell'esercito di Cao Cao -, concluso con il monito di Zhou Yu e con quel "nessuno ha vinto, oggi" che pare un macigno sul cuore.
Eppure, nonostante lo spirito profondamente antimilitarista che sostiene questa pellicola - sottolineato dalle continue dichiarazione degli alleati del Sud rispetto ad un futuro che potrebbe vederli, invece, avversari - Woo riesce al contempo a mostrare anche i lati più eroici ed onorevoli del combattimento, attraverso figure come i generali di Liu Bei o di Gan Xing, alimentando il coinvolgimento del pubblico - per quanto possa suonare cinico, infatti, difficilmente a smuoverci sono la tranquillità e la pace, ma la lotta ed il ribollire delle passioni -: Red Cliff, dunque, rappresenta in qualche modo lo Yin e lo Yang dell'Uomo, le sue contraddizioni, i suoi lati profondamente malvagi e quelli assolutamente eroici, le bassezze e i colpi d'ala che tutti noi che calpestiamo questa terra viviamo e facciamo vivere da millenni.
Proprio per questo, prima ancora che per i prodigi tecnici - pazzesca la battaglia della testuggine - e la meraviglia visiva, la capacità di avvincere e di narrare una storia lontana secoli e migliaia di chilometri da noi, Red Cliff è indiscutibilmente un titolo destinato a restare nel cuore e negli occhi di chiunque troverà il tempo e la voglia di approcciare il suo intero affresco: non lasciatevi spaventare, dunque, dalla durata, dai nomi o dalle diversità culturali.
Poco importa che sia il wuxia o qualche effetto mirabolante, a raccontare la passionalità umana ed i suoi eccessi: l'importante è che sia raccontata e trasmessa.
Ed è questo che riesce così bene a questa meraviglia.



MrFord



"Dark is the light,
the man you fight,
with all your prayers, incantations,
running away, a trivial day,
of judgement and deliverance,
to whom was sold, this bounty soul,
a gentile or a priest?"
System of a down - "War?" -




22 commenti:

  1. l'ho vistoooo *_* Bello Bello ^_^

    RispondiElimina
  2. L'ho visto anni fa, ma mi hai messo la pulce nell'orecchio:avrò visto la versione intera o mozzata? comunque mi era piaciuto davvero tanto! !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un film splendido, quindi posso capire! :)

      Elimina
  3. 300 minuti di 'sta fordianata clamorosa?
    ma manco morto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, è un film troppo bello per i tuoi gustacci! ;)

      Elimina
  4. Tempo fa scoprii i romanzi epici de La battaglia dei tre regni: da quel giorno vedo/leggo/ascolto qualsiasi cosa al riguardo.
    Pensa che ci hanno fatto anche un espansione di Magic al riguardo!
    Il film mi è piaciuto molto, anche se è stato un pochino difficile da vedere: l'ho diviso in spezzoni, sennò non ce l'avrei fatta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho fatto troppa fatica, l'ho solo spezzato in due per questioni di organizzazione della giornata.
      Non sapevo ci avessero fatto un'espansione per Magic!

      Elimina
  5. Dovrò decidermi a vederlo prima o poi, magari spezzandolo in più visioni che 5 ore mi sembrano un po' troppe.
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà se lo dividi in un due come ho fatto anch'io in una giornata lo piazzi tranquillamente. :)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Un lavoro pazzesco, impossibile non rimanerne folgorati!

      Elimina
  7. Adesso ho visto la durata,ho visto decisamente la versione riassunta!Fossero state 5 ore me lo ricorderei XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera la versione integrale, ti sembrerà ancora migliore!

      Elimina
  8. Red Cliff in versione integrale è praticamente un altro film. Visto al cinema sembrava il "Via col Vento" dagli occhi a Mandorla, nell'edizione casalinga i due blu-ray mi hanno graziato di uno dei film bellici più spettacolari di sempre. Woo sa di sicuro il fatto suo e la cosa più stupefacente è la direzione degli scontri con tutte quelle comparse. Tutto procede sempre in equilibrio tra serietà ed un pizzico di ironia per accettare le gesta degli eroi in battaglia, anche se qualche scivolone rimane anche nella versione estesa (vedi il piano sequenza del volo della colomba).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente non ho visto grossi scivoloni nella versione estesa, anzi, mi è parsa un'opera ambiziosa, complessa, tecnicamente pazzesca ed emozionante.
      Woo è tornato davvero ai suoi livelli più alti.

      Elimina
    2. Dipende da quanto "buono sei", più che altro è a livello di CGI che ogni tanto pecca, diciamo che non è un lavoro della ILM e si vede

      Elimina
    3. Sena dubbio, eppure nel complesso avercene, di prodotti così "imperfetti"! ;)

      Elimina
  9. Quante volte l'ho visto questo film? Quante? E ancora non mi stanca...PERFETTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto forse no, ma senza dubbio un grandissimo film!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...