venerdì 31 maggio 2013

Space cowboys

Regia: Clint Eastwood
Origine: USA
Anno: 2000
Durata: 130'




La trama (con parole mie): Frank Corvin, roccioso e testardo ingegnere in pensione con alle spalle una carriera intera costruita alla NASA, viene convocato dall'Agenzia a seguito del guasto ad un satellite che lui stesso ha progettato in modo da sovrintendere alle riparazioni. 
Corvin, però, non ci sta, ed intende riportare in orbita la sua vecchia squadra, composta, oltre che da lui, da Tank Sullivan, il marpione Jerry O'Neill ed il pilota Hawk Hawkins, che proprio con Frank ha un conto in sospeso che ha incrinato la loro amicizia.
La proposta è accolta con molto scetticismo dai vertici della NASA, che promettono di considerare la situazione solo a condizione che ognuno dei quattro si riveli ancora in grado di superare i test che permettono di ricevere l'autorizzazione per una missione nello spazio: ovviamente i vecchi leoni accettano di buon grado la sfida, sopperendo alle defezioni fisiche con ironia, intelligenza ed uno spirito praticamente indomabile.



Questa recensione prende parte alle celebrazioni per il Clint Eastwood Day.



Le iniziative legate ai compleanni di attori e registi, partite a gennaio grazie ad una geniale idea di Frank Manila, sono state un'occasione unica di aggregazione per noi bloggers cinefili, nonchè un modo per farci conoscere non solo come individualità, ma come squadra, in un modo o nell'altro: ovviamente, quando la scelta è ricaduta su Clint Eastwood, non ho potuto che gioire doppiamente di questo tipo di celebrazioni.
Non è un mistero, infatti, che qui al Saloon il grande uomo dalle due espressioni sia uno dei nomi di riferimento non soltanto del Cinema a stelle e strisce, ma mondiale, nonchè, a mio parere, il John Ford dei nostri giorni, l'interprete maggiore della cultura americana nella sua migliore accezione, un narratore che non ha mai smesso di mettersi in gioco come se si potesse - e, in effetti, è proprio così - continuare ad imparare anche quando si è finito per superare i propri Maestri: per festeggiare il suo ottantatreesimo compleanno, però, la mia scelta non è ricaduta su pietre miliari come Gli spietati o Million dollar baby - già passati da queste parti -, ma su uno dei successi commerciali maggiori del vecchio cowboy - quello vero -, una dramedy d'avventura in grado di esaltare il concetto di old school che qualche anno dopo il solido Clint avrà modo di fotografare al meglio con un altro dei suoi Capolavori - parlo, ovviamente, di Gran Torino -, Space cowboys.
Omaggio divertito e divertente ai tempi andati, questo curioso incrocio tra il drammone d'avventura a stelle e strisce e la commedia dolceamara quasi Sundance-style legata all'inesorabile scorrere della sabbia nella clessidra è un gioiellino dal primo all'ultimo minuto, sottovalutato da parte della critica illustre ai tempi della sua uscita perchè definito troppo commerciale eppure perfetto nell'andare a fondo di quello che è lo spirito indomabile non soltanto di chi si considera alla fine soltanto alla fine, e non nel percorso che porta ad essa, ma anche della parte buona dell'approccio made in USA, quello che permette a tutti di fare tutto, sempre che quei tutti siano disposti a dare e a fare quello stesso tutto.
Il gruppo di protagonisti è letteralmente perfetto, dal sempre granitico Clint alla sua eccezionale spalla/rivale, un Tommy Lee Jones mai così in forma, senza dimenticare James Garner ed il sempre mitico Donald Sutherland, che tra donne, vista offuscata e memoria di ferro - esilarante la gag dell'esame di controllo degli occhi - è senza dubbio l'uomo perla di questi fantastici quattro dello spazio: come sempre, comunque, nei film firmati da Eastwood, il meglio dell'esperienza si ha sempre nel percorso che porta al suo compimento - e torniamo al discorso legato alla fine -, da una prima parte decisamente divertente - il confronto tra i quattro pensionati e gli arrembanti piloti di nuova generazione è impagabile - ad un crescendo più teso ed un finale che, se non amaro, costituisce la prova della coscienza che Clint ha del fatto che nella vita difficilmente ci sarà spazio per una vittoria schiacciante.
Al massimo una rivincita, la prova che un segno può essere lasciato, ma che il prezzo di quello stesso segno sarà sempre un passo oltre la nostra portata di semplici uomini.
E così, dalla sequenza della rissa nel bar - il confronto Eastwood/Jones è uno dei pezzi di amicizia virile migliori insieme ai dialoghi tra Walt Kowalski ed il suo barbiere nel già citato Gran Torino che io possa ricordare sul grande schermo - a quel finale beffardo, ironico ed inesorabilmente amaro c'è tutto il percorso della poetica eastwoodiana, c'è quel "andata aereo, ritorno macchina" di Maggie, l'incredulità della madre della giovane donna che sposò William Munny, noto criminale ed assassino, c'è il riscatto al pari della fallibilità, la vittoria pronta a correre accanto all'inesorabile sconfitta che attende tutti noi, destinati al nulla e all'addio.
E se la Luna deve essere l'obiettivo, il sogno, la dichiarazione che non siamo domi neppure quando il Tempo ce lo impone, allora verso la Luna si volerà, incuranti del fatto che possa essere considerata un'impresa folle: in fondo, la Frontiera è solo una linea.
Sta ai cowboys cavalcare lungo la stessa, e decidere se rimanere in equilibrio, tornare sui propri passi o andare oltre.
Fortunatamente per noi, Clint è il numero uno di tutti gli uomini con due espressioni.
E dei cowboys.
Spazio oppure no.


MrFord


"Fly me to the moon
let me play among the stars
let me see what spring is like
on Jupiter and Mars."

Frank Sinatra - "Fly me to the Moon" -




Partecipano con due espressioni ai festeggiamenti anche i blog:

50/50 Thriller - Fino a prova contraria
500 film insieme - I ponti di Madison County
Bette Davis Eyes - J. Edgar
Bollalmanacco di cinema - Mezzanotte nel giardino del bene e del male
Combinazione Casuale - Per un pugno di dollari
Director's cult - Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo
Era meglio il libro - Assassinio sull'Eiger
Ho voglia di cinema - Mystic River
Il cinema spiccio - La recluta
In central perk - Invictus
Montecristo - Cacciatore bianco cuore nero
Movies Maniac - Gran Torino
Pensieri Cannibali - Changeling
Scrivenny - Gli spietati
Triccotraccofobia - Un mondo perfetto

55 commenti:

  1. Donald Sutherland mio mito totale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grandissimo, nessun dubbio. :)

      Elimina
    2. E poi è il padre di Jack Bauer, non dimentichiamolo! ;)

      Elimina
  2. Se questi non sono, in nuge, i primi Expandable, mi mangio il cappello!
    Bella selezione,avete fatto!
    Peccato non ci abbiate avvertito: avremmo partecipato per Clint volentieri, da noi.

    (Gran gusti tua moglie!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, sono gli Expendables prima che esistessero gli Expendables!
      Pensavo sapeste delle iniziative dei compleanni celebrati!

      E gran gusti davvero, Julez.
      In fondo ha scelto un cowboy miente male! ;)

      Elimina
    2. Sapere delle inizitive e' un conto, guardare il calendario, un altro!
      E poi e' giusto per Clint.
      Avrei buttato giu' al volo Bird, che ho sulla punta del pennino da un po'..

      Elimina
    3. Grande Bird, film magnifico! Puoi sempre fare una celebrazione posticipata! ;)

      Elimina
    4. pensavo anch'io che Bird è uno dei grandi assenti di oggi insieme a La notte brava del soldato Jonathan

      Elimina
    5. Bellissimo anche La notte brava del soldato Jonathan, che se non sbaglio è stato uno dei primi titoli che ho recensito all'apertura del blog!

      Elimina
    6. vado a cercare il post, allora!

      Elimina
    7. cercato, trovato e commentato :)

      Elimina
  3. mi manca. e mi hai fatto venire voglia di recuperare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera, è un film davvero godibile ed una piccola perla.

      Elimina
  4. Ma meno male che non hai scelto "Gli Spietati", così ho potuto farlo io XD
    Questo film non l'ho mai visto però mi accodo a Julez: Donald Sutherland è un grande attore peccato sia così sottovalutato.
    Buon CED :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora devi ringraziare il fatto che ad ogni compleanno lo rivedo, dunque ne avevo già parlato in più di un'occasione! ;)

      Elimina
  5. Oh..mai visto. Però mi ha sempre ispirato. Urge recupero. Buon Clnt day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera, Clint è sempre una garanzia! ;)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Dunque anche per te scatta il recupero! ;)

      Elimina
  7. L'avevo snobbato ai tempi dell'uscita per colpevole radicalchicchismo e recuperato, fortunatamente, in seguito. Mai banale il nostro Clint... perchè non basta mischiare ingredienti buoni per essere un grande chef.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stato lo stesso: fortunatamente Clint riesce a sorprendere sempre! :)

      Elimina
  8. Oddio, il rincoglionimento precoce. Mi sembra di averlo visto ma non ne sono sicura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel dubbio, puoi dedicare un'altra visione ai vecchi cowboys! :)

      Elimina
  9. una volta mi sembra di averlo iniziato, ma mi sono addormentato.
    non sembrava malaccio, però è una roba un po' troppo per nonnetti per me... quindi è il tuo film ideale ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una volta hai ragione: è un film per vecchi duri, non per giovani pappamolle! Ahahah!

      Elimina
  10. Mi manca anche questo, rammento che all'epoca mi aveva dissuasa una strip di Stefano Disegni su Ciak che lo massacrava letteralmente!
    Però dopo questa recensione appena capiterà l'occasione lo recupererò. Buon Clint Day!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, così ti rifai almeno in parte delle bottigliate per Hereafter! ;)

      Elimina
  11. Ho appreso stamane, delle celebrazioni. Io con Eastwood non ce la posso proprio fare ma (come ho malignato stamane con Fine Young Cannibal) non potevo non passare e leggere cosa avresti scelto per celebrare uno dei tuoi idoli :-).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ce la fai con Nesbo, non ce la fai con Eastwood: qui urgono bottigliate! ;)

      Elimina
  12. Sarà per il titolo fantascientifico, ma l'ho sempre evitato:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nico, secondo me, invece, è un titolo che vale la pena recuperare: godibile e divertente.

      Elimina
  13. Uno dei primi film "geriatrici", tante risate, lo ammetto. Buon CED

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te, Frank. E risate a profusione, specie nella prima parte.

      Elimina
  14. Uhm questo è uno dei pochi che mi manca...le cartucce migliori di Clint le avevi recensite poco tempo fa se non ricordo maloe, recupererò :)
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i migliori ce ne sono ancora due o tre che prima o poi recensiro', come Mystic river o Bird, comunque questo merita almeno una visione. Supergodibile!

      Elimina
  15. lo vidi al cinema e mi divertì assai anche se è sicuramente uno dei suoi titoli minori...stavolta mi sono aggiunto anche io da buon bradipo arrivo ultimo...questo il link http://bradipofilms.blogspot.it/2013/05/hereafter-2010.html
    Buon CE day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minore o no, è divertentissimo, ben recitato e diretto. E ben arrivato al CED! :)

      Elimina
  16. Non ho mai voluto vederlo... Dopo l'accoppiata Mystic River-Million Dollar Baby sarebbe stato come uscire a mangiare una caprese in trattoria con una tipa taaaaanto buona e simpatica dopo aver vissuto una relazione sentimentale in un loft a new jork con una modella sudafricana di vent'anni...
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHAHAHAHAHAHAH ROTOLO.... :'''D

      Ha reso perfettamente l'idea

      Elimina
    2. Massimiliano, il tuo punto di vista è comprensibile, ma fossi in te una possibilità la concederei: in fondo, non è detto che una modella sudafricana di vent'anni a letto sia meglio di una tipa taaaanto buona e simpatica! ;)

      Elimina
  17. 'CCCCCCCCAPALETTA!!!! O_O
    http://www.youtube.com/watch?v=0_IjM63FH2o

    Completamente OT, scusate...

    RispondiElimina
  18. anch'io, non so per quale motivo, me lo ero lasciato sfuggire come per molti altri di Clint mi accorgo ora quasi al termine di questa giornata di celebrazioni... urge recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di sì! Questo film è un piacere!

      Elimina
  19. Film niente male, la prima volta mi ha esaltato non poco. Ora è un po' che non lo vedo.
    Grande Clint!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo rivedo sempre con gusto, Fratello.
      Grandissimo Clint! :)

      Elimina
  20. Mi unisco ai commenti su Donald Sutherland...mito indiscusso! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Un mito totale, bravissimo ed eclettico attore!

      Elimina
  21. geniale l'idea e geniale l'uomo (ovviamente mi sto auto-vantando :D)

    che dire di space cowboys? è una figata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figata totale!
      E ovviamente sei geniale, Frank! Io l'ho sempre detto! :)

      Elimina
  22. Fin dal titolo mi è sempre parso un po' troppo trash... magari più avanti gli do una chance :)
    Buon CED!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, secondo me invece merita una visione: sono sicuro che non deluderà!

      Elimina
  23. Uno dei pochi film di Dio al quale son meno legato e anzi, forse ho tenuto sempre a star a distanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me dovresti rispolverarlo, perchè merita, pur essendo un minore!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...