mercoledì 15 maggio 2013

Iron man 3

Regia: Shane Black
Origine: USA
Anno:
2013
Durata: 134'




La trama (con parole mie): Tony Stark, miliardario ed ex playboy ormai legato alla ex segretaria Pepper Potts, dopo l'invasione aliena che portò alla quasi distruzione di New York narrata in The Avengers, è ormai una sorta di rifugiato nel castello dorato che è la sua principesca dimora a Malibu, soffre di attacchi di panico, non dorme praticamente mai e passa il tempo continuando a lavorare sulla progettazione e la modifica di armature. Nel frattempo il suo amico di vecchia data, Happy, è diventato il capo della sicurezza delle Stark Industries, coordinate con grande successo sempre da Pepper, mentre il Colonnello Rhodes, che indossa un modello da battaglia simile a quello di Iron Man, è stato ribattezzato dal Presidente Iron Patriot.
Quando il misterioso Mandarino, terrorista pronto a dichiarare guerra agli USA, scende in campo causando un disastro dietro l'altro arrivando a minacciare le vite delle persone più vicine a lui, Stark sarà costretto a superare le sue insicurezze e tornare a combattere, senza sapere che la vicenda lo porterà a confrontarsi con i fantasmi del suo passato.




Da troppi mesi, ormai, non passava sugli schermi di casa Ford una tamarrata fracassona e roboante a tema supereroistico: considerata la mezza delusione - comunque di fattura notevole - data dall'ultimo Batman firmato Nolan, potrei affermare con una discreta dose di sicurezza che era ormai dai tempi dell'ottimo The Avengers che non mi capitava di divertirmi come si conviene con materia di questo genere.
Ed in qualche modo, forse, è stato giusto così, dato che questo Iron Man 3 firmato da Shane Black riparte proprio dai postumi di quella che fu l'invasione aliena all'origine della battaglia che permise ai suddetti Vendicatori di mettersi in bella mostra sul grande schermo e consolidare l'Universo Marvel cinematografico come un unico grande mosaico all'interno del quale ogni eroe è indipendente quanto legato agli altri.
Una ripartenza decisamente efficace, tra le altre cose, che permette ai fan di dimenticare lo scivolone del secondo capitolo - decisamente sotto la media delle recenti produzioni di Mamma Marvel - e godersi uno spettacolo portato avanti con il giusto equilibrio tra effettoni, approfondimento dei personaggi ed ironia: il modello di riferimento diviene dunque il lavoro di Jon Favreau - come di consueto presente come attore nel ruolo di Happy ed autore dell'esordio cinematografico di Testa di latta -, impreziosito dalla decisione di lasciare Tony Stark - e dunque Robert Downey Jr - libero di portare il film sulle spalle senza l'ausilio del suo ingombrante alter ego meccanico, sfruttato come una sorta di divertente marionetta per la quasi totalità del minutaggio, con risultati a tratti decisamente spassosi.
Una nuova ed efficace interpretazione, dunque, del motto di Stan Lee - creatore della maggior parte dei supereroi Marvel, che come di consueto si ritaglia una breve apparizione mostrandosi sempre arzillo nonostante i suoi novant'anni suonati - "supereroi con superproblemi", che fece la fortuna della casa editrice ormai divenuta un vero e proprio colosso dell'entertainment: la vulnerabilità di Tony Stark e l'approccio spesso scanzonato alle vicissitudini della sua esistenza divengono così armi in più per conquistare la platea senza necessariamente dover ricorrere alla drammaticità che pervade il Bruce Wayne nolaniano senza di contro rischiare di dipingere l'uomo dentro l'armatura come una sorta di inutile pagliaccio.
La stessa identità dell'eroe, che trova il suo spessore non in quanto combattente corazzato ma come genio dalle mille risorse, pare riferirsi a quel "non è quello che sei, quanto quello che fai, che ti qualifica" che chiuse Batman begins creando un ponte ideale con quella meraviglia che fu Il cavaliere oscuro: "Io sono Iron Man", afferma il meccanico Tony Stark in chiusura, senza il bisogno di un'armatura a sottolinearlo, ed è questa la percezione che si ha anche dall'altra parte dello schermo.
In questo senso assume un'importanza fondamentale anche la trovata decisamente azzeccata legata alla figura del Mandarino, che farà storcere il naso a molti dei puristi del personaggio a fumetti - non gli è per nulla fedele - ma che per l'economia della pellicola rende alla grande, regalando un twist divertente e lontano dalle consuete e seriose prese di posizione dei titoli di natura assolutamente giocosa come questi colpevoli di darsi un tono troppo alto per il loro target.
Anche e soprattutto per questo, lasciati alle spalle i discorsi legati alla filosofia del supereroe e l'uomo dietro la maschera - e qui si allaccerebbe alla grande il discorso del rapporto tra padri e figli tornato alla ribalta grazie al confronto tra Tony Stark ed il ragazzino pronto a fargli da spalla - Shane Black non si dimentica della responsabilità di guidare gli spettatori lungo il percorso di un chiassoso ottovolante e regala un crescendo finale totalmente action, scandendo ogni colpo ed esplosione con una battuta in pieno Arma letale style - in fondo, si potrebbe considerare l'approccio scanzonato allo scontro come un trademark del regista, autore dello script di supercult come L'ultimo boyscout o della regia e sceneggiatura di divertissement godibilissimi come Kiss kiss bang bang -.
Terza prova, dunque, decisamente superata per il nostro Uomo di ferro, serrata e divertente ma neppure stupida come i detrattori vorrebbero fosse - e si torna al discorso del ruolo del Mandarino e allo sfruttamento delle potenzialità di un conflitto da parte dell'AIM e del suo leader Aldrich Killian, un più che discreto Guy Pierce -, ed ennesimo colpo messo a segno dalla Marvel, che con il secondo capitolo di Thor all'orizzonte, Capitan America: soldato d'inverno e I guardiani della galassia previsti per il prossimo anno e l'attesissimo The Avergers 2 nel 2015 promette di porre radici sempre più profonde nel territorio del Cinema fantastico, continuando nell'operazione di rivalutazione non soltanto degli eroi più famosi del mondo del Fumetto, ma anche di un genere troppo spesso e troppo semplicisticamente catalogato come "da bambini".
Per poter affrontare sfide di questo calibro, occorre, a volte, tirare fuori gli attributi ed essere uomini.
Duri, determinati, cazzuti, e perchè no, anche fuori dagli schemi.
In poche parole, Iron Man.
O Men, volendo far sentire Tony Stark meno solo.


MrFord


"You sit behind the mask
and you control your world
you sit around and I watch your face
I try to find the truth, but that's your hiding place."
Michael Jackson - "Behind the mask" -


36 commenti:

  1. Grande Ford...
    Ora aspetto una domenica di pioggia per andare a gustarmelo assieme a tutta la famiglia. Anche se già mi preparo alle continue domande:"Ma dov'è Tol? Dov'è Capitan Amelica? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, puoi sempre tenere a bada le domande dicendo che sia Tol che Capitan Amelica torneranno prestissimo, il primo quest'autunno e il secondo appena dopo! :)

      Elimina
  2. oh no, è tornato il berlusconi dei supereroi...
    dopo gli orripilanti primi 2 episodi, dalle mie parti mi sa che toccherà un massacro pure a questo bua ah ah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre il secondo era scarsino, dire che il primo Iron man era brutto è una di quelle panzane che solo tu riesci a tirare fuori, caro Mandarino Kid! ;)

      Elimina
  3. io adoro questo genere di film...
    le americanate degne di tale nome debbono avere quel ché di tamarro all'inverosimile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici benissimo: tamarrate che ci si gode senza pensieri e dall'inizio alla fine! :)

      Elimina
  4. come scrissi dalle mie parti, le cose migliori sono Robert Downey jr. e Ben Kingsley, i titoli di coda stile Seventies e il postfinale con Bruce Banner/Mark Ruffalo. da appassionato, le troppe libertà rispetto al fumetto non mi sono piaciute per niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dantès, immaginavo che alcuni tra gli appassionati potessero storcere il naso, considerate le molte libertà prese: eppure, da ex fumettaro, posso dire che in questo caso funzionavano anche quelle!

      Elimina
    2. devo ammettere invece che non so nulla dei Guardiani della Galassia, di cui ho un vago ricordo nelle mie letture adolescenziali... mi sa che mi tocca un ripasso in attesa del film

      Elimina
    3. Anche io li ricordo poco, ma sono felicissimo di aver scoperto che sarà Batista ad interpretare Drax il distruttore! ;)

      Elimina
  5. ben presto lo vedrò anche io ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo di sapere che ne pensi, dunque! :)

      Elimina
  6. abbiamo pubblicato in stereofonia e vedo che le nostre opinioni coincidono! Mi aspettavo di molto peggio e invece,da non purista dei fumetti Marvel, mi sono divertito parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, secondo me, puristi o no, sono stati bravissimi a rendere il film divertente senza farlo apparire stupido.
      Promosso, e a questo punto resto in attesa degli altri Avengers!

      Elimina
  7. Il primo era carino, salvato dalla presenza di uno come Jeff Bridges. Il secondo era una stronzata inguardabile. Il terzo è il più riuscito, ottima l'idea del Mandarino, ma sono gli attori che non si salvano: la piagnona è inguardabile e non la sopportano manco a Hollywood. Il bonzo saprei io dove mandarlo: in un bel tempio tibetano. Riguardo a Robert, beh credo che il Mago Zurlì sia il suo maestro di recitazione. Quindi meglio degli altri due, ma resta un'americanata dimenticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denny, a me ha divertito ed è piaciuto proprio perchè americano in tutto e per tutto, grana grossa compresa.
      Nell'ambito del fumetto trovo che Iron Man sia uno dei personaggi che è uscito meglio dal confronto con il Cinema.

      Elimina
  8. Quoto Ortolani in toto a questo giro.
    Meglio del due sicuramente.Carino, scanzonato,ma dimenticabile e una grande occasione sprecata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato invece un ottimo raccordo per i prossimi pezzi che andranno a porsi sulla scacchiera del Marvel-mondo al Cinema.

      Elimina
  9. Come ho scritto dal Bradipo, mi sono ritrovato scottato con il 2, ho paura a vederlo e sto cercando di resistere. Solo che, forse, a tempo perso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, anche io ero rimasto traumatizzato dal secondo, dunque fidati se ti dico che questo diverte, intrattiene e merita. ;)

      Elimina
  10. Sono contenta sia piaciuto anche da queste parti. Cazzuto e divertente, che vuoi di più? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici benissimo, Valentina. Cazzuto e divertente. Di più non si poteva chiedere. ;)

      Elimina
  11. Wow, che recensione! Condivido ogni tua parola!
    Anche a me è piaciuto molto vedere Tony e la sua armatura separati, il più delle volte. È stato il tocco di genio del film. Essere Iron Man senza essere Iron Man.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura!? Muchas gracias! :)
      Nell'Iron Man senza Iron Man, comunque, questo film ha rispecchiato in toto la filosofia che ha reso grande la Marvel!

      Elimina
  12. Di questo film mi è piaciuto soprattutto Ben Kingsley dei panni del "cattivo". In generale, il film è spassoso al punto giusto e non mi è dispiaciuto, però ho preferito The Avengers.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben Kingsley ha fatto davvero un ottimo lavoro, e il film è divertentissimo. Certo, The Avengers è un'altra cosa, ma per me è promosso senza dubbio!

      Elimina
  13. il migliore dei tre, a mio parere. Molto più dell'1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me con il primo se la gioca, il secondo invece è lontano anni luce! :)

      Elimina
  14. Tra i tre questo è quello che mi è piaciuto di più, anche se in effetti mi aspettavo qualcosa di meglio.

    http://lovedlens.blogspot.it
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, invece, ha rispettato le aspettative di giocattolone intelligente. Ben vengano film del genere così ben fatti! :)

      Elimina
  15. Anche a me ha divertito parecchio, molto meglio del 2 che era una roba quasi inguardabile. Ma continuo a preferire nettamente il 1 in questa (momentanea) trilogia.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece lo metterei praticamente alla pari con il primo, e devo dire che il vecchio Iron Man continua ad essere uno degli eroi Marvel meglio resi sul grande schermo!

      Elimina
  16. Da sempre tifo per il Mandarino, non so perché, ma è così, quindi ammetto di essere rimasto un po' sorpreso da questa sua incarnazione, sorpreso, ma per nulla deluso.
    Non avendo amato particolarmente il primo, e considerando che il secondo era abbastanza brutto, mi sa che penso che questo sia l'episodio migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bert, anche io da fan del fumetto ho apprezzato molto questa versione del Mandarino.
      Comunque questo terzo capitolo per me è promosso a pieni voti.

      Elimina
  17. Altro blockbusterone ingiustamente fatto a pezzi più o meno da....chiunque! Non so che tipo di introspezione o di riflessione si aspettava la gente da Iron Man. D'altronde, credo che questo film abbia tentato il più possibile di essere più "profondo" rispetto agli altri ma è normale che resta un film con protagonista Tony Stark! A me ha divertito parecchio (certo, non ai livelli del primo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha divertito un sacco anche me, direi addirittura alla pari con il primo.
      Ottimo prodotto e ottimo intrattenimento.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...