domenica 12 maggio 2013

Indovina chi viene a cena

Regia: Stanley Kramer
Origine: USA
Anno: 1967
Durata:
108'





La trama (con parole mie): Joey Drayton, figlia di una gallerista e di un noto giornalista nonchè editore con la fama del liberale incallito, torna da una vacanza alle Hawaii con una notizia pronta a sconvolgere il mondo dei suoi genitori. 
La giovane ha infatti da pochissimi giorni conosciuto un affascinante medico più grande di lei, vedovo, colto e ben inserito, e ha intenzione di presentarlo ai suoi appena prima di seguirlo in Europa, dove per lui avrà inizio l'ennesima sfida professionale, e lì sposarlo.
All'appuntamento già di suo improvviso ed improvvisato si aggiungono un prete amico di famiglia nonchè compagno di golf del padre ed i genitori del futuro marito, da Los Angeles pronti a prendere un aereo alla volta di San Francisco soltanto per conoscere la donna riuscita in così poco tempo a far risbocciare l'amore nel cuore del figlio.
Quello che le coppie di futuri suoceri però ancora non sanno è che Joey ed il suo promesso John hanno "pigmentazioni diverse": come reagiranno i vecchi padri all'idea di un matrimonio "misto" dei figli?





Questo post, nel giorno della Festa della mamma, è dedicato a Julez, che per la prima volta diventa protagonista della ricorrenza.

 

Tutti i cinefili della blogosfera e non ben sanno che, tra una visione e l'altra, gli anni che passano e le vite che evolvono, si sfiorano, scontrano e qualsiasi cosa vogliate metterci in mezzo, capita di incrociare il cammino, di tanto in tanto, lungo la Frontiera, di quei titoli che non si potrebbe non considerare Classici per antonomasia, pellicole in grado di metterci in pace con il mondo e noi stessi e lasciarci trasportare da atmosfere che fanno parte di una sorta di mitologia della settima arte che sarà sempre e comunque in grado di dialogare con il pubblico, a prescindere dal background, dalle esperienze e dall'effettivo interesse dello stesso.
Indovina chi viene a cena è senza dubbio un esponente importante della categoria, l'equivalente di un evergreen della Letteratura, uno di quei prodotti che non saranno mai davvero dimenticati, e continueranno ad essere parte del bagaglio di ogni spettatore da qui alla fine dei tempi: la vicenda di Joey e John, raccontata forse con un piglio in qualche modo buonista e da lieto fine annunciato, riesce comunque ad essere avvincente, emozionante, a suo modo commovente e decisamente avanti con i tempi almeno per quanto riguarda i cosiddetti blockbuster, che allora erano esempi imperdibili come questo al contrario di proposte cui è sempre meglio girare alla larga come la maggior parte delle opzioni forniteci oggi dai distributori.
Una commedia dall'inizio alla fine con un paio di venature drammatiche in grado di toccare le corde giuste e solleticare la sensibilità femminile quanto maschile - perchè, ebbene sì, esiste anche quella - arricchita da un cast di prim'ordine, da un magnifico Spencer Tracy ad un allora in piena rampa di lancio Sidney Poitier, passando ovviamente per la mitica ed oggi celebrata Katherine Hepburn, che sfodera un personaggio caldo e forte eppure completamente a cuore aperto, in grado di regalare momenti magici come il licenziamento della direttrice della galleria un pò troppo impicciona e legata ai pregiudizi razziali ed altri profondamente debitori del ruolo più strappalacrime dell'eroina femminile da grande schermo dei tempi d'oro.
Il rapporto tra genitori e figli, inoltre, è analizzato con grande attualità e sensibilità sia dal punto di vista dei Drayton - splendido, tra l'altro, il rapporto di amicizia con il prelato Ryan, amico di famiglia e presente più per golf e whisky che non per religione, a rafforzare l'avveneristica, per i tempi, dichiarazione esplicita dell'assoluta lontananza dalla Chiesa dei Drayton stessi - che dei Prentice - il dialogo tra John ed il padre sul finire della pellicola, per quanto a volte troppo marcato, è decisamente efficace -, ed è equilibrato dall'apporto della domestica Tillie, che porta sulle spalle la componente più comica della vicenda e lega al suo stupore per la presenza di un afroamericano in una casa dell'alta borghesia bianca l'importanza che, allora, potè avere un titolo come questo, anche se nonostante il successo e la fama non riuscì a cambiare la società come, probabilmente, regista e sceneggiatori si sarebbero aspettati, e per il primo Oscar "black" si sarebbe dovuto attendere fino agli anni zero, nonostante un lavoro pressochè perfetto del già citato Sidney Poitier.
Riuscirono a portare a casa la statuetta William Rose per lo script e, per l'appunto, Katherine Hepburn come migliore attrice, segno del successo di un'opera che ha costruito la sua fama anno dopo anno, e ancora oggi si ritrova - insieme a Colazione da Tiffany e pochi altri - in una sorta di Olimpo delle produzioni dei grandi Studios e, in qualche modo, riesce a definire il Cinema in una delle sue migliori accezioni: quella dei sentimenti e delle emozioni.
Irriverenti, di rottura, sboccati, violenti, volgari, adrenalinici o comunque li vogliate vedere o immaginare, tutti i film venuti nei decenni successivi sono stati in qualche modo ed in più di una misura figli di titoli come questo: parliamo, senza se e senza ma, dei papà e, in questo caso, soprattutto delle mamme della settima arte, che potranno anche toglierci il respiro di tanto in tanto, ma saranno sempre - e anche i più duri tra noi lo sanno bene - il baluardo ultimo a nostra difesa dal mondo.
Un pò come Katherine Hepburn per Katharine - curioso, avevano anche il nome in comune - Houghton nel ruolo di Joey.


MrFord


"I am the man who will fight for your honour
I'll be the hero you're dreaming of
we'll live forever
knowing together that we
did it all for the glory of love."
Peter Cetera - "The glory of love" -



Partecipano orgogliosamente al Katherine Hepburn Day:

Director's cult
In Central Perk
Montecristo
Pensieri Cannibali
Scrivenny

27 commenti:

  1. Bellissimo capisaldo ma, come dici tu, buonista e gigione. Sul genere razziale e sul Poitier ben affiancato, ho sempre preferito "La calda notte dell'Ispettore Tibbs"...ben altro spessore e Cazzo che capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente La calda notte è un altro tipo di film, ma trovo che questo sia stato, nel suo genere, praticamente fondamentale. :)

      Elimina
  2. Auguri alla Julez anche da parte mia!

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. De nada, sono strameritati dal primo all'ultimo, dovendo avere a che fare anche con il bambino grande! ;)

      Elimina
  4. Un film che conservo gelosamente nella mia filmografia, insieme a Colazione da tiffany,of course :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me in dvd mancano entrambi, ma rimedierò di sicuro! :)

      Elimina
  5. Non perdonerò mai Truman Capote per aver scritto quella emerita minchiata di Colazione da Tiffany - sorvolo sul film perché non voglio rovinarmi la giornata - e non ti perdonerò mai per avermi fregato il film, diamine boia.

    Auguri a Julez :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Julez ringrazia, e io un po' me la rido per essermi accaparrato il film prima di te! ;)

      Elimina
  6. buona festa della mamma, ford!
    volevo dire julez! ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah vedi di fare il bravo, Cucciolo, altrimenti ti mando in camera tua senza cena! ;)

      Elimina
  7. Auguri alla mamma Julez, alla mamma bradipa e a tutte le mamme che la loro festa non sia lunga un solo giorno ma duri tutto l'anno. Secondo me questo film visto oggi appare un po' invecchiato nel contenuto ma la forma è veramente superba e da soli Spencer e Katharine valgono il cosiddetto prezzo del biglietto. Buon KHday da un mancato partecipante per dabbenaggine! me so' proprio scordato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Bradipo! Ovviamente auguri alla Bradipa e alle mamme, e buon KH Day anche da mancato partecipante!

      Elimina
  8. Auguri anche da parte nostra alla mamma Julez!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E auguri alla futura mamma, Fratello! :)

      Elimina
  9. Di questo mi salvo perchè qualche scena l'ho vista ma sì, nonostante sia un grande classico che rete4 propone spesso e volentieri, manca.

    Buon KHD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon KH Day anche a te, Lisa, e recuperalo interamente appena puoi! :)

      Elimina
  10. un pochino stitico il numero dei bicchieri...
    sarà che qui la hepburn era veramente deliziosissima, a parer mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film mitico, Patalice, ma comunque datato e buonista: e due e mezzo resta un buon voto, per quanto mi riguarda! :)

      Elimina
  11. beh, è chiaramente datato, ma inserito nel contesto storico in cui uscì chapeau!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo non c'è dubbio, Dantès! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...