sabato 21 gennaio 2017

Passengers (Morten Tyldum, USA, 2016, 116')




Per molti versi, la fantascienza al Cinema è un cliente anche peggiore dell'horror, considerato lo zoccolo duro dei suoi fan: se, infatti, in materia di mostri e paura tutto quello che serve è conservare una certa coerenza logica, per quanto riguarda il mondo sci-fi entrano in gioco fattori come la veridicità scientifica o presunta tale - ho sempre storto e non poco il naso a fronte delle critiche da professoroni, in fondo si tratta di storie di fantasia nate per l'intrattenimento, non di libri di testo - ed un certo background nerd che vede il romanticismo come fumo negli occhi a meno che non si tratti di qualcosa destinato a finire non troppo bene - Blade Runner - o a diventare in qualche modo mitico - Star Wars -.
La sfida di Passengers, diretto dal Morten Tyldum salito agli onori delle cronache hollywoodiane con il recente The imitation game, si presentava dunque piuttosto ardua, considerato che, a conti fatti, si tratta di una versione romcom drammatica dello splendido Moon, con due protagonisti - quasi tre, o quasi quattro - pronti a passare dall'idillio da isola deserta all'odio, per poi confrontarsi con il consueto rischio per la vita necessario non solo per giustificare il finale e le loro scelte ma anche per portare a casa la pagnotta, considerato che parliamo di un prodotto profondamente mainstream, la cui produzione, per evitare di mettersi proprio nella merda, si affida a due colpi sicuri pronti ad ipnotizzare il pubblico maschile e femminile, Chris Pratt e Jennifer Lawrence - che sinceramente penso qualunque uomo solo con novant'anni da passare a bordo di un'astronave in viaggio avrebbe svegliato nella speranza di poter trascorrere gli stessi molto, molto felicemente - nonostante, a conti fatti, quello destinato ad uscire meglio, in termini attoriali, dalla prova, è senza dubbio l'ottimo Michael Sheen in versione robotica, che in quanto barman era naturalmente destinato ad essere il mio preferito.
Nel complesso, comunque, Passengers non risulta particolarmente brutto, si lascia guardare ed è perfino scorrevole, nonostante rappresenti la pellicola ammeregana tipicamente massacrata dalla critica illustre, radical o europea, poco avvezza ai drammoni - specie se sentimentali - dal potenziale lieto fine a prescindere dalla salsa usata per cucinarli: io stesso, che sono un tamarro a stelle e strisce fatto e finito, me la sono schiaffata senza colpo ferire dall'inizio alla fine pur riconoscendone limiti e struttura piuttosto prevedibili, sperando in un colpo di scena che non è mai arrivato senza però uscire deluso o infastidito dalla visione.
Il lavoro di Tyldum è il menù a botta sicura del fast food in una serata in cui il vostro ristorante preferito ha dovuto tenere chiuso per l'esplosione della caldaia o la cantina allagata, o la pizza a domicilio tornati dal lavoro distrutti e per nulla desiderosi di mettersi ai fornelli: nessun piatto gourmet, o qualcosa destinato alle stelle Michelin, ma quanto basta per riempirsi la pancia e dormire di piombo.
Approcciare al viaggio dei due esuli protagonisti con questo spirito vi porterà ad una visione come tante altre per nulla dannosa e perfetta per riempire una serata senza troppe pretese, ma se al contrario farete l'errore di imbarcarvi sulla Avalon pensando di incontrare la nuova frontiera della sci-fi del Nuovo Millennio, allora con ogni probabilità vi parrà di essere a bordo di un Titanic interstellare sperando che giunga il più presto possibile il più grande degli iceberg galattici.
Alla peggio, per scacciare qualsiasi pensiero, almeno nella versione percepita dal sottoscritto, verrà sempre buona J-Law, accompagnata magari da un cocktail o due neanche volessimo fare uno sgarro al Kubrick di Shining.




MrFord



20 commenti:

  1. Sheen bravissimo, nonostante abbia un personaggio troppo leggero e pettegolo per gettare la coppia (per me non troppo bene assortita) nel dramma della seconda parte. Mi aspettavo un'altra cosa, non mi ha annoiato, ma il finale ridicolo - mi riferisco a quel tasto, che dio santo... - mi ha dato il colpo di grazia. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il finale è proprio da popcorn movie senza ritegno. ;)

      Detto questo, per l'inizio dell'anno ho visto decisamente di peggio.

      Elimina
  2. Sono sostanzialmente d'accordo: film tutto sommato innocuo, piuttosto gradevole nella prima parte prima di scivolare in un finale ridicolo... peccato, però, perchè lo spunto di partenza non era per nulla malvagio e si poteva fare un buon film di fantascienza "adulta". Ma Tyldum deve ovviamente pagare dazio agli ingranaggi hollywoodiani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su ogni parola.
      Molto meglio la prima parte della seconda, ma il dazio doveva essere pagato.
      Ad ogni modo, meglio film innocui come questo che altri palesemente brutti.

      Elimina
  3. Sapevo che il barman robotico ti avrebbe colpito, il film invece per me era da bottigliate, amo la fantascienza, questo è un "Plot hole" per caso ambientato nello spazio. Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capire, ma forse perchè mi aspettavo peggio, non l'ho trovato così indigesto. ;)

      Elimina
  4. io qualche bottigliata gliel'avrei tirata, per fortuna non ci ho pagato un biglietto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io, ma comunque per le bottiglie era davvero troppo innocuo. :)

      Elimina
  5. A me è piaciuto molto questo film, non so, ci ho ripensato anche nei giorni successivi...poi vabbè io Jennifer l'adoro!

    RispondiElimina
  6. in effetti, 'na mezza cosa, senza infamia e senza lode

    RispondiElimina
  7. Sarei pronto a massacrarlo come ha fatto la critica mondiale (quella ammeregana non mi sembra certo andata più leggera rispetto a quella europea), solo che c'è Jennifer, e quindi potrei persino arrivare a considerarlo la nuova frontiera della sci-fi del nuovo millennio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una volta non ti prenderei per un folle! ;)

      Elimina
  8. Ti raggiungo anche qua.
    Che dire, ho visto di peggio, ma l'idea di fondo si poteva gestire e sviluppare molto meglio. E poi quella parte finale era del tutto evitabile, tralasciando tutta quell'azione scritta molto male e approfondendo i temi di fondo.
    Secondo me il film lo salvano gli attori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la Lawrence salva qualsiasi film. ;)

      Detto questo, si è visto di peggio, ma anche di molto meglio. :)

      Elimina
    2. Sì, la Lawrence la guardo sempre molto volentieri. Ma non intendevo in quel senso!
      Lei e Pratt e mettiamoci anche Sheen (Fishburne fa poco più di un cameo, tra l'altro inserito malamente), secondo me muovendosi in una trama debole e scricchiolante, fanno comunque un buon lavoro

      Elimina
    3. Secondo me Sheen, in questo caso, si mangia tutti gli altri. Davvero molto bravo.
      Per il resto, diciamo che hanno portato a casa la pagnotta senza strafare, rispetto al film.

      Elimina
    4. E' vero. Però, magari, dipende anche da come sono stati diretti. Non mi pare che la regia abbia toccato particolari vette.

      Elimina
    5. Verissimo. E' un film da artigianato cinematografico senza picchi.
      Ma almeno si lascia guardare.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...