sabato 29 agosto 2015

Guida per riconoscere i tuoi santi

Regia: Dito Montiel
Origine: USA
Anno: 2006
Durata: 100'






La trama (con parole mie): Dito, cresciuto nel cuore del Queens negli anni ottanta alimentando i sogni di una fuga lontano dalla realtà di degrado e violenza di tutti i giorni, schiacciato dalle ingombranti figure del padre Monty e dell'inseparabile e decisamente instabile amico Antonio, innamorato della coetanea Laurie e pronto a fare almeno un tentativo per migliorare la propria vita, è segnato da una serie di tragedie che lo inducono ad abbandonare famiglia ed amici per ricominciare in California.
Vent'anni dopo, divenuto uno scrittore di successo, Dito è contattato dai vecchi compagni del quartiere e convinto a tornare dove è cresciuto per stare vicino al padre, ormai morente.
Riuscirà Dito a far fronte ai ricordi, dolorosi e non, ed affrontare faccia a faccia le persone dalle quali è fuggito tanto tempo prima?









A prescindere da quello che è il valore artistico di un film, la sua importanza per la Storia della settima arte, le critiche e le riflessioni che lo stesso suscita, a volte si incontrano titoli che segnano inevitabilmente la vita personale, finendo per rappresentare ricordi, emozioni, eventi che sono stati spartiacque nel nostro viaggio.
Guida per riconoscere i tuoi santi uscì in sala nella primavera del duemilasette, nel pieno di uno dei miei periodi più selvaggi e selvatici, quando tra un'uscita ed una sbronza, una sbronza ed un'uscita non riuscivo a capire se avrei preferito fuggire dai letti la mattina dopo per sempre o innamorarmi e ricominciare a costruire, invece che a distruggere: uscivo con una ragazza conosciuta anni prima con la quale non andò affatto bene, anche lei grande appassionata di Cinema, scrivevo per Hideout e il Saloon era ancora meno di un'idea.
Ma soprattutto, la sera che vidi il primo - ed unico significativo, purtroppo - lavoro dietro la macchina da presa di Dito Montiel, si operava a cuore aperto il mio migliore amico, che fin da bambino ha dovuto convivere con una valvola artificiale sostituita più volte nel corso degli anni: ci siamo conosciuti ai tempi del liceo, quando entrambi eravamo molto più timidi di adesso, e nonostante io fossi un vero stronzo ricordo che mi colpì subito per la sua genuinità, ed un approccio da outsider simile al mio mosso da passioni vicinissime tra loro - le ragazze soprattutto, ma anche le velleità artistiche, lui con la musica ed io con la scrittura -.
Nel corso degli anni, soprattutto dopo la fine della scuola, ci siamo persi e ritrovati così tante volte da non crederci, eppure, che fosse a distanza di un giorno o di mesi e mesi, rivedersi innescava immediatamente quello stesso senso di familiarità che è impossibile descrivere, e che trova il suo senso soltanto quando ci confrontiamo con le persone che più siamo destinati ad amare nella vita.
Poi, certo, lui è stato più lungimirante ad inseguire il suo sogno di cantautore, sacrificando tante cose - compreso il tempo con suo figlio - alle quali io, per pigrizia o ingordigia - ho sempre preferito avere un pò di tutto che tutto di una cosa sola - non ho mai saputo rinunciare: ma la sua voglia di vivere e la sua passione sono sempre state esattamente come le mie, e forse la reciproca voracità rispetto all'esistenza non solo ci ha legati sempre più a fondo, ma lo ha portato ad ignorare la precarietà della sua condizione fisica, in barba ai consigli dei medici - ricordo ancora il trasloco nella prima casa che ho condiviso con Julez, ed il pensiero che potesse restarci secco dopo aver portato con me un materasso per quattro rampe di scale - e non solo.
Ad ogni modo, il giorno in cui vidi Guida per riconoscere i tuoi santi, Max stava su un tavolo operatorio per un intervento da dodici ore dal quale non avevamo certezza che sarebbe uscito vivo: a differenza di Dito Montiel, io non ho - nonostante i numerosi viaggi - mai abbandonato il "vecchio quartiere", o avuto un'adolescenza particolarmente problematica, un amico o un padre ingombranti come Antonio e Monty, e non sono diventato uno scrittore famoso.
Eppure il suo modo di raccontare i dolori della crescita, il bisogno di sognare, di trovare la propria identità e libertà, l'egoismo dell'adolescenza, il disequilibrio tra chi parte ed è destinato a cambiare le cose e chi resta, e tiene i cavalli: guardando Guida per riconoscere i tuoi santi, anche ora, a quasi dieci anni di distanza, penso a me e Max, a quanto fossi simile al Dito adolescente e quanto, probabilmente, ora sono più vicino all'Antonio adulto.
Due persone legate in modo indissolubile che si trovano di fronte ad un tavolo, e nonostante l'incertezza, il tempo trascorso, le diversità, le ferite, semplicemente iniziano a parlare.
E tornano a scoprire la magia di quei legami che, a prescindere dalle strade prese nel corso della vita, sono destinati a durare per sempre.
I nostri santi.
Quelli che, anche quando vai via, restano.
Quelli che pensi di aver perduto, e invece sono sempre con te.
Max è uscito da quella sala operatoria più o meno rimesso a nuovo.
L'ho visto l'ultima volta alla fine di ottobre del duemilatredici, per il mio compleanno, grazie ad una sorpresa organizzata da Julez, ed ho avuto finalmente modo di conoscere di persona suo figlio.
Ed è stato come sempre tra me e lui.
Uno sguardo, due parole e siamo tornati tra i banchi di scuola, alle chiacchiere sulle prime volte, alla vita che ci porta da una parte o dall'altra, ma che alla fine, ci vede sempre presenti, ogni volta che ne abbiamo o avremo bisogno.
E sono sicuro che la prossima volta che ci vedremo, sarà ancora così.
Come è sempre stato.
Ed è bello scoprire di avere qualche santo qui sulla Terra, invece che in Paradiso. 




MrFord




"Many years since I was here 
on the street I was passing my time away 
to the left and to the right 
bulidings towering to the sky 
it's out of sight 
in the dead of night."
Kiss - "New York Groove" - 





24 commenti:

  1. Mai visto,non mi ricordavo avesse tutto questo cast!se mi capita lo guardo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me la visione se la merita tutta: se ti capita, recuperalo al volo!

      Elimina
  2. Film che ho sempre voluto vedere ma che, per un motivo o per l'altro, non ho ancora visionato...
    Che bello però leggere di questi tuoi ricordi! Adoro quando l'arte ci porta alla memoria ricordi, belli o dolorosi che siano. A loro modo pure quelli sono i nostri 'santi'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: in un certo senso, i film - specie se come questo - sono i miei "santi" da un sacco di anni.

      Elimina
  3. Nella mia lista da parecchio tempo.
    Visto il cast, un tempo emergente e adesso rispettabile, vedrò di recuperarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera: secondo me vale tantissimo la visione.

      Elimina
  4. Film che colpì molto anche me, con il suo protagonista interpretato da quello che era ancora uno dei più bravi (se non il più bravo) attore della sua generazione.

    Però bello soprattutto il modo in cui ha saputo raccontare la tua storia in un bellissimo parallelo. Sei un grande, Ford

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Frank.
      A prescindere dal film e dal suo valore, sono contento di essere riuscito a trasmettere determinate sensazioni.

      Elimina
  5. Senza dubbio il film migliore di Montiel.
    Piaciuto molto grazie anche (o soprattutto?) all'interpretazione di Downey jr.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il migliore di Montiel in assoluto.
      Anche perchè gli altri erano davvero robetta.

      Elimina
  6. Un film molto bello con il cast giusto, su tutti Downey jr. per il resto hai ragione, a volte un film va visto nel momento giusto per essere "Visto" davvero ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello il film, che come molti "indipendenti", assume valore maggiore se visto nel momento giusto.
      E questo per me è stato come la tempesta perfetta.

      Elimina
  7. Ho in lista libro - se non sbaglio, dello stesso Montiel - e film da una vita.
    Se il libro non mi capita tra le mani, come non mi è capitato in tutti questi anni, vado direttamente col film, va'. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare un'ottima cosa: e dato che tu citi spesso tuo padre, fossi in te lo vedrei con lui.

      Elimina
  8. Mi sa che ti sei lasciato prendere troppo dal valore affettivo, perché questo film è una robetta mediocre e parecchio dimenticabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutta la robetta mediocre e dimenticabile che esalti tu, questo è praticamente da Palma d'oro! ;)

      Elimina
  9. Ricordo bene quando mi regalasti il dvd...ero piuttosto scettico, lo ammetto. Invece è uno di quei film che ti entra dentro e lí ti ci resta..anche dopo una sola visione.
    Cast straordinario e ottima prova del nostro amico Tatum.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno.
      Anche se non ricordavo in tutta onestà di avertelo regalato. ;)

      Elimina
  10. Mi piacque molto, lo trovai doloroso e pieno, poi Montiel me lo sono un po' perso per strada e di suo non ho mai più visto niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doloroso e pieno sono due ottime definizioni di questo film.
      Di Montiel, purtroppo, non c'è stato più nulla che fosse valsa la pena di vedere.

      Elimina
  11. visto oggi, per puro caso, in tv. piaciuto molto. e il cast è davvero notevole. soprattutto mi ha sorpreso LaBeuf che dalle mie parti è sempre abbastanza massacrato. di Montiel non ho visto altro fino a Boulevard, l'ultimo film interpretato da Robin Williams, che però non è niente di che

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà Montiel non ha più fatto niente di che, ma questo merita davvero.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...