sabato 27 giugno 2015

Orange is the new black - Stagione 2

Produzione: Netflix
Origine: USA
Anno: 2014
Episodi: 13




La trama (con parole mie): per Piper Chapman la vita dietro le sbarre non procede propriamente tranquilla. A seguito dello scontro con Pennsatucky, infatti, la donna è stata costretta ad un periodo in isolamento cui fa seguito una trasferta legata al processo dell'ex boss per il quale lavorò l'ex fidanzata Alex Vause, responsabile della sua reclusione.
Quando proprio le dichiarazioni di quest'ultima separano di nuovo le loro strade e Piper fa ritorno alla sua "casa" dietro le sbarre, si troverà ad affrontare i cambiamenti nella geografia sociale delle detenute, dal nuovo ruolo della stessa Pennsatucky al progressivo potere assunto dalle afroamericane, guidate dalla temibile Vee, pronta a tutto per riprendere il controllo della prigione che, in gioventù, l'aveva già ospitata.
Come si evolveranno, dunque, le vicende? E cosa accadrà alla tornata in libertà Alex?






Una delle sorprese più piacevoli della scorsa stagione del piccolo schermo fu un titolo in grado di unire l'approccio "in rosa" di Julez alla necessità di dosi robuste di sesso, violenza, linguaggio scurrile ed un'ambientazione carceraria che non fa mai male come spesso e volentieri ricerca il sottoscritto: Orange is the new black.
Partita in sordina, infatti, con il crescendo finale la prima stagione del serial che vede la "brava ragazza" Piper Chapman costretta a vivere dietro le sbarre - con tutte le conseguenze del caso, da quelle sociali e legate ai rapporti con l'esterno a quelle con le quali ci si trova necessariamente a dover fare i conti all'interno - era riuscita ad alzare l'asticella delle aspettative per l'annata numero due, che purtroppo, a conti fatti, pur risultando molto interessante non si è rivelata altrettanto potente: fatta eccezione, infatti, per l'ascesa di Vee ed i conflitti razziali all'interno del carcere - charachter notevole, quello della perfida matrona afro, che tiene sulle spalle l'intera annata - e gli episodi dedicati a Miss Rosa - splendido il season finale, un concentrato di malinconia e desiderio sfrenato di libertà, oltre a quel "è sempre stata una maleducata" che chiude alla grandissima una vicenda che pareva non avere fine -, il resto pare campare del credito guadagnato l'anno precedente, a partire dalla scarsa presenza di Laura Prepon/Alex Vause - per il dispiacere di Julez, che l'ha ormai eletta a suo sogno erotico femminile - ad un ridimensionamento della follia di un charachter potenzialmente stupefacente come Pennsatucky, senza contare il muoversi ai margini di Nichols e Diaz, che paiono essere rimaste in qualche modo prigioniere dei loro archetipi.
Unico scossone effettivo il cambio di direzione nel carcere, che promette scenari interessanti rispetto alla prossima stagione, sia in positivo che in negativo: nel complesso, però, un'annata che pare di transizione, per Piper e le sue compagne di sventura, che soddisfa ma non lascia con la sensazione di aver assistito a tredici episodi memorabili almeno per la serie stessa.
Non voglio però apparire troppo severo, rispetto a Orange is the new black, che ha il merito di mostrare - ed è assurdo negarne l'esistenza - le palle dell'altra metà del cielo in un contesto insolito - almeno per quanto riguarda le proposte in rosa - senza dimenticare intrecci che toccano i massimi sistemi - amicizia, amore, desiderio di vivere ed affermarsi in quanto individui - senza drammatizzare troppo, mantenendo risvolti grotteschi e noir che non hanno nulla da invidiare ai capisaldi di genere.
Il lato più interessante di OITNB resta la volontà di umanizzare le detenute senza comunque dimenticare le loro inclinazioni o colpe, in modo che possano essere considerate umane ed in quanto tali, forse, destinate a legare i loro destini al "lato oscuro": l'esempio della già citata Miss Rosa è lampante, ma la stessa Piper, soprattutto nel corso del permesso ottenuto per assistere ai funerali della nonna, nota quelle che sono le differenze tra chi ha vissuto dall'altra parte del confine e chi si è visto negare uno degli aspetti più importanti dell'esistenza di una persona: la libertà.
Ed è bello, anche quando fa male, scoprire che non si deve fingere che la colpa non esista, o pretendere di essere perfetti ed integerrimi: come i detenuti cantati dalle canzoni di Johnny Cash, queste donne sono, dalla prima all'ultima, profondamente umane.
Ed è questa la loro forza, tanto quanto la loro debolezza.
Perfino quando si tratta di un'eminenza più che grigia come Vee.
L'unico accorgimento da tenere è quello di cercare di essere educati.
Perchè non si sa mai di quale "reaper" andremo ad incrociare il cammino.



MrFord



"Valentine is done
here but now they're gone
Romeo and Juliet
are together in eternity..."

Blue Oyster Cult - "(Don't fear) the reaper" -






19 commenti:

  1. Ci siamo appena liberati di Breaking bad(finita la terza stagione abbiamo deciso che basta),quindi spero di riuscire a finalmente recuperare questa serie,ho visto solo due puntate della prima stagione ma mi piaceva molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aver mollato BB dovrebbe far scattare una punizione esemplare, come l'impedimento di poter vedere qualsiasi altra serie. ;)

      Elimina
    2. Potrebbe essere una cosa di cui ti pentirai tutta la vita, specialmente dopo la terza stagione.... Guarda che dopo migliora, e non poco ;-) Cheers!

      Elimina
    3. Bara, parole sante: perdersi BB è una cosa da pentimento eterno. ;)

      Elimina
    4. È che non mi piaceva nessun personaggio.Ma davvero nessuno!beh a parte Saul,ma a questo punto ho più voglia di recuperare il suo spinoff che altro.Anche perché BB ci aveva annoiato da subito,sono tre stagioni che arranchiamo perché la gente ci dice "nooo non mollare,dopo migliora!!!!" XD mobbasta eh!

      Elimina
  2. Mi piaceva anche molto, ma chissà perché mi sono fermato alla prima. Devo continuare: ho un'estate davanti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'estate è fatta apposta per i recuperi! :)

      Elimina
  3. una delle migliore serie in cui mi sono imbattuto ultimamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non male, anche se da questa seconda stagione mi aspettavo forse qualcosa in più.

      Elimina
  4. Il season finale è sicuramente la parte migliore, ma a me la serie è piaciuta tutta. Il problema principale secondo me è il personaggio di Red, che come tutti quelli troppo affascinanti per essere cattivi è difficilissimo da scrivere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è parsa, per quanto valida, nel complesso una stagione inferiore a quella d'esordio: troppi personaggi sono stati relegati a parti di contorno, e se non fosse stato per Vee e Rosa, sarebbe mancata la scintilla.
      Ad ogni modo, assolutamente promossa.

      Elimina
  5. A mio avviso è la stagione migliore di "Orange" a metà ha una flessione, ma è piena di momenti fighi, e il finale è una bomba (...don't fear the reaper), sono molto d'accordo con il tuo commento ;-) Intanto sto per finire la terza.... Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale è stupendo, ma nel complesso avevo preferito la season one.
      Spero che la terza torni a quei livelli, perchè le potenzialità ci sono tutte!

      Elimina
  6. Caspita, devo proprio decidermi a recuperarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente: sono sicuro che ti piacerebbe.

      Elimina
  7. Non ho mai avuto il tempo di recuperarla, ma è tra le serie in lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è una proposta interessante: appena puoi, buttati.

      Elimina
  8. Come al solito arrivi con il tuo ritardo colossale, visto che adesso il mondo sta parlando della terza stagione...

    Comunque per me una seconda stagione che si è rivelata ancora meglio della prima e sono quindi felice di non essere d'accordo con te! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che mi prendo sempre il mio tempo! ;)
      Ad ogni modo, stagione interessante, ma sicuramente meno potente della prima. Spero che la terza possa fare un passo in avanti.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...