domenica 8 novembre 2015

Hostel

Regia: Eli Roth
Origine: USA, Germania, Slovacchia, Islanda, Repubblica Ceca
Anno: 2005
Durata: 94'





La trama (con parole mie): tre giovani studenti in viaggio attraverso l'Europa alla ricerca di divertimento e compagnia femminile incontrano ad Amsterdam un ragazzo sloveno che consiglia loro una località ed un ostello dove pare essere praticamente certo rimorchiare. Spinti dalla curiosità i tre compagni di viaggio - uno islandese e due americani - cambiano rotta per visitare il piccolo paese, ed effettivamente la prima impressione è quella garantita: ostello frequentatissimo ed affascinante, località caratteristica, ragazze da subito molto, molto disponibili.
Quando, però, passata la prima notte uno dei tre scompare lasciando comunicazione di aver lasciato l'ostello per tornare a casa, i suoi due amici si insospettiscono: per loro avrà così inizio una vera e propria discesa agli inferi ed una lotta serrata per la sopravvivenza.










Ai tempi dell'uscita di Hostel, titolo di genere che lanciò, di fatto, Eli Roth tra i nomi noti dell'horror e non solo, complici il periodo di radical visioni più intenso della mia vita di spettatore e la momentanea crisi rispetto al produttore e patrocinatore dell'opera Tarantino - ero fresco della delusione di Death proof - finii per snobbare clamorosamente il titolo nonostante il clamore suscitato dalla presunta e poco sopportabile violenza mostrata nelle parti più gore della pellicola.
A distanza di dieci anni, in attesa del recupero del più recente Green Inferno, ho approfittato per colmare la lacuna forte della mia ritrovata tamarraggine ed un'elasticità mentale che, ai tempi, non avevo, soprattutto in termini "artistici": il risultato, almeno rispetto alle aspettative della vigilia - che prevedevano il confronto con una merda assoluta -, è stato sorprendentemente positivo.
Certo, non sono qui a difendere Hostel come fosse una rivelazione o un titolo irrinunciabile, dato che si tratta di una trashatona sguaiata e senza ritegno, che sfrutta, fondamentalmente, lo spirito sopra le righe del suo regista e sceneggiatore, pulp almeno quanto quello del già citato Tarantino - anche se privo di tutto il talento di quest'ultimo -, per confezionare un prodottaccio in pieno stile b-movies anni settanta recitato da cani e realizzato con mezzi produttivi limitati, eppure devo ammettere di essermi tutto sommato divertito nel seguire le peripezie dei tre spesso detestabili protagonisti, finiti nel vortice di violenza di una località che pare inghiottire giovani turisti provenienti da tutto il mondo, pronti ad affrontare un'evoluzione che si sviluppa inizialmente quasi come un thriller per poi sconfinare nello slasher ed effettuare un ultimo passo per mutare in un gran casino gore con tanto di risvolti sociali legati, di fatto, alle possibilità dei ricchi - per l'occasione anche decisamente deviati - e dei poveri.
Trama, stile e fotografia non sono assolutamente all'altezza di una proposta da grande distribuzione - anche di genere -, il tutto è molto derivativo - in alcuni passaggi mi è quasi parso di avere davanti agli occhi il primo, indimenticabile, splendido Non aprite quella porta - ed il livello medio di recitazione davvero scarso, eppure l'idea che si tratti, di fatto, di un giocattolone confezionato da un regista che è ancora un ragazzo che si vuole divertire il più possibile con quello che gli piace e lo appassiona basta a convincere, se non altro, quella fetta di audience appassionata di massacri, sangue e situazioni al limite che solo l'horror - o un certo tipo dello stesso - può garantire.
Senza dubbio non basterà al pubblico non avvezzo, occasionale o dal palato troppo fine, che a ragione bollerà il risultato come l'ennesima porcata iperviolenta e volgare partorita dal Cinema d'orrore, eppure, complici anche le aspettative sottozero, trovo che Roth abbia dato un'impronta decisamente personale al suo lavoro, definendo l'amore per la settima arte e la sua necessità di raccontare la stessa attraverso la violenza senza controllo - o quasi - che lo splatter garantisce: in un certo senso, e con una qualità incredibilmente inferiore, potrebbe valere per Hostel lo stesso discorso fatto rispetto a Roth e Tarantino, pensando di paragonarlo ad un'altra indimenticabile opera d'esordio di un regista giovane destinato, ai tempi, a cambiare la Storia di queste produzioni: La casa.
Paragoni assurdi ed azzardati, di certo, ma che se presi per quello che sono, come questo film, potrebbero quasi sorprendere.




MrFord




"So I, I won't be the one
be the one to leave this
in pieces
and you
you will be alone
alone with all your secrets
and regrets."
Linkin Park - "In pieces" - 





22 commenti:

  1. Un bicchiere è mezzo? Generosissimo...una schifezza terribile per quanto mi riguarda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che avevo aspettative bassissime, ma a me non è parso così terribile.

      Elimina
  2. Risposte
    1. A me è sembrato migliore di quanto potessi aspettarmi, invece.

      Elimina
  3. E' uno dei film (anche la saga) splatter più belli degli ultimi tempi...non sarà un capolavoro ma non è male..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente intrattiene: mi aspettavo una schifezza, e invece me lo sono goduto.

      Elimina
  4. Opera simbolo del mitico Eli Roth. Valido, però secondo me ha fatto di meglio...
    Giusto i radical-chic come te comunque potevano snobbarlo. E giusto te potevi restare deluso da quella figata assurda di Death Proof. ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Death proof è il film peggiore di Tarantino, questo è indubbio.

      Appurato questo, devo dire che Hostel mi ha sorpreso in positivo.
      Ma concordo: Roth ha fatto di meglio.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. A noi Hostel è piaciuto molto! Ma noi siamo decisamente fan degli slasher tamarri XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono fan degli slasher tamarri, e questo mi è parso molto meglio di quanto mi aspettassi.

      Elimina
    2. A parte la scena del taglio tendini del piede(e apertura della porta,come dire "ecco,adesso puoi andartene,se ci riesci"),ricordo che ai tempi mi fece orrore sopratutto per la plausibilità del soggetto;se vampiri,zombie ed altre cagate sono finte e si sa,questa storia mi sembra non solo possibile,ma anzi tristemente probabile
      :(((

      Elimina
    3. Verissimo: i soggetti plausibili mettono molto più timore.
      Penso a Eden Lake, che mi lasciò davvero inquietato.

      Elimina
  7. mi è piaciucchiato, senza dubbio il secondo è di gran lunga migliore del primo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrò di recuperare anche il secondo, allora!

      Elimina
  8. Con Hostel ho spesso ufficialmente di guardare horror, splatter e simili...

    RispondiElimina
  9. Mah, a me ha fatto schifissimo. E non per lo splatter.
    Ma non sarà mai peggio di "Death proof".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è uno schifo tecnico, posso capire.
      Eppure io l'ho trovato un prodotto a suo modo onesto.

      E per quanto non ami Death proof, comunque è sempre meglio di questo. ;)

      Elimina
    2. Death proof era un corto cui hanno aggiunto minutaggio inutile per farlo diventare un mezzo film...molto meglio Planet Terror,fra i due ;)

      Elimina
    3. (Che anche quello era mezzo film,ma non sapeva di "brodo allungato" come Death proof!)

      Elimina
    4. Brodo allungato per entrambi, ma sono d'accordo: Planet terror nettamente superiore a Death proof, il film peggiore di Tarantino senza se e senza ma!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...