martedì 23 ottobre 2012

Killer Joe

Regia: William Friedkin
Origine: USA
Anno: 2011
Durata: 102'




La trama (con parole mie): Chris Smith ha un sacco di problemi. Vive in un buco di culo di provincia del Texas, la sua vita non decolla, deve dei soldi ad un boss del posto per via di un buon quantitativo di coca sparito nel nulla ed ha un pessimo rapporto con la madre.
Certo, non che con il padre Ansel e la sua nuova moglie Sharla le cose vadano meglio.
L'unica che gli resta, di fatto, è Dottie, sua sorella minore.
Innocente bambina perduta in un mondo di predatori.
Dottie e i cinquantamila dollari dell'assicurazione sulla vita della madre.
Ma perchè l'assegno possa essere incassato, ovviamente, Chris non può metterci mano personalmente, che poi non ne avrebbe neppure il coraggio.
Così, d'accordo con Ansel, contatta Killer Joe Cooper, un detective della omicidi di Dallas che ogni tanto si presta a lavori di "pulizia".
Ma ancora non sa che l'ingresso dell'uomo nella sua vita sarà solo l'inizio di un'altra infinità di guai.




Alla fine, è arrivato.
Cazzo, se è arrivato.
L'erede di Drive ha finalmente bussato alla porta di casa Ford.
Nel corso di questo duemiladodici, sono passati The artist, Quella casa nel bosco, The raid - Redemption, Expendables 2, Take shelter, ed è stato come arrivare ogni volta ad un passo dalla meta, senza poterla raggiungere.
Questo prima di Joe.
Joe che è il lato oscuro del romanticismo violento cui ha prestato anima e corpo Ryan Gosling lo scorso anno.
Joe abbigliato come un cowboy, nero vestito come una morte che non è venuta per scherzare, un creativo del pollo fritto e dei suoi utilizzi, un osservatore che, più che nel silenzio, crede nelle parole scelte con cura.
Se il guidatore di Refn era uno scorpione, Killer Joe è un serpente, o un coccodrillo: non ha fretta di attaccare, non ama disperdere energie, ma nel momento in cui è scattato potete stare sicuri che sia già troppo tardi.
Quando Joe si muove, e attacca, sei fatto. E' finita. Giù il sipario. Adios.
Questo Chris non lo sa ancora, nel momento in cui decide di fare entrare il detective nella sua vita, ed in qualche modo nella sua famiglia.
Perchè Joe è un predatore, e di quelli più pericolosi: e di fronte ad una preda unica nel suo genere il denaro e le regole possono tranquillamente andare a farsi fottere, così come tutte le povere anime che popolano una roulotte sperduta in un Texas che scaglia sulla Terra fulmini e saette quasi fossero un monito biblico.
L'istinto animale, in questo killer oscuro, è così esplosivo che pare trasudare dalla pelle, ben oltre l'equilibrio ed il controllo che lo stesso ama profondamente esercitare.
E non può nulla Chris, che per quanto possa dibattersi come un pesce in attesa dell'ultima botta una volta pescato non è altro che un piccolo perdente di provincia, un disadattato che non troverà spazio in un mondo che, forse, è troppo forte per lui.
Non può nulla Ansen, che ha deciso di farsi passare la vita davanti come uno di quei lanciatori di tappi nella pubblicità del Jack Daniels. Ansen con la giacca scucita - scena già supercult -, che giustifica sempre e comunque le donne amate ma non si fa problemi all'idea che possano essere spedite all'altro mondo.
Non può nulla Sharla, che potrà sguazzare come uno squalo nella piccola boccia per pesci rossi che si è scelta, ma che è impotente al cospetto di qualcuno ben al di sopra di lei nella catena alimentare.
A meno che non si parli di dedicarsi al pollo.
Non può nulla neppure il cane, che ringhia a tutti. Tranne che a Joe. Perchè l'istinto animale è il sonar migliore per i guai che finiscono per farti mancare la terra sotto i piedi. O le zampe.
E non può nulla soprattutto Dottie.
L'eterea, spietata, furiosa, angelica, perduta, magica Dottie.
Era dai tempi di Winter's bone che non incontravo un personaggio femminile così pazzesco.
Capisco Joe, ed il suo istinto. Dottie è una preda cui nessun lato oscuro può rinunciare.
Qualcosa di più grande.
L'esempio che possa esistere qualcosa che vada oltre il nero di quei vestiti, di quell'anima che mette a nudo - in tutti i sensi - un'America perduta neanche fossimo nel profondo del West.
E non basterà sperare di fuggire verso il Messico.
Perchè questo confine è qualcosa di ben più vasto. E profondo.
Un pozzo più profondo della notte e del pianto, e più profondo di te, Chris.
Più profondo di tutti voi.
E' il pozzo di Joe, quello.
Una voragine nata per inghiottire le meraviglie come Dottie. E tutto quello che sta loro attorno.
E ora potrei stare qui a scrivere di quanto potente sia ancora la mano di William Friedkin - che, oltre a L'esorcista, ha firmato pietre miliari come Il braccio violento della legge e soprattutto Vivere e morire a Los Angeles, non dimentichiamolo -, degli squarci di The wrestler, Rob Zombie, Tarantino, i Coen, Cuore selvaggio che ho visto illuminarmi gli occhi almeno quanto la splendida fotografia, del montaggio quasi disequilibrato - eppure perfetto -, delle interpretazioni pazzesche di tutto il cast, di un finale che pare una versione allucinata e sotto acido di quello indimenticabile di A history of violence, e via discorrendo.
Ma non posso farlo.
Perchè anche io sono perduto nell'abisso di Killer Joe.
Perchè se è vero che sono uno scorpione, e in Drive ho visto un'immagine di me - almeno in parte -, di questo coccodrillo in agguato, che pare morto e in un istante sei morto tu, ho davvero paura.
Perchè Joe è il lato oscuro di Drive.
E' il lato oscuro ed il pozzo profondo che qualcuno si porta dentro. E dietro.
E quasi viene da sperare di essere un povero cristo come Chris, o Ansen.
Fino a quando Dottie non comincia a ballare.
E a quel punto l'istinto prende il sopravvento.
La meraviglia.
E l'orrore.
E non si può più tornare indietro.


MrFord


"You know I like my chicken fried
cold beer on a Friday night
a pair of jeans that fit just right
and the radio up
I like to see the sunrise
see the love in my woman's eyes
feel the touch of a precious child
know a mother's love. "
Zac Brown - "Chicken fried" -




32 commenti:

  1. Alla fine è arrivata anche la tua recensione.
    Cazzo, se è arrivata.
    Chapeau.

    RispondiElimina
  2. E se è l'erede di drive allora lo voglio vedere anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, è un filmone. Guardalo appena puoi.

      Elimina
  3. non ho capito cosa centrino quelle due schifezzine di the raid redemption e i mercenari 2 con gli altri film.... °_____°

    direi che questo killer joe l'hai preso troppo sul serio. più che l'erede di drive, è la versione comedy di drive. un film spassosissimo e meno oscuro di quanto lo dipingi.

    e il finale, se ci pensi, è molto vicino a quello del da te tanto odiato cosmopolis.. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tralasciando sui tuoi gusti cinematografici sempre discutibili, Cuccioletto, ti spiego l'arcano: non hai visto l'oscurità di questo film perchè non sei un predatore.
      Io, invece, che capisco bene la Natura di Joe, posso assicurarti che questo lavoro - seppur clamorosamente ironico - è un viaggio senza ritorno come fu A history of violence.

      Elimina
  4. anche per me una delle visioni dell'anno:però non sarei così sicuro che Joe sia un predatore. All'inizio sembra così ma poi si trasforma in una preda come un'altra...e quel dito di Dottie che scivola sul grilletto...che finale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un finale pazzesco, Bradipo.
      Comunque fidati: Joe è un predatore.
      Soltanto che a volte anche a chi caccia fa piacere essere preso.

      Elimina
  5. OK, a posto, dopo l'ennesima recensione positiva direi che ho trovato il film da andare a vedere venerdì sera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrix, senza dubbio da vedere.
      Una bomba.

      Elimina
  6. ciao, sono Poison, di secondo nome faccio cagacazzo.
    Il link a The Raid (che ero curiosa di vedere cosa ne pensavi, visto che io l'ho semplicemente a-do-ra-to) rimanda a quella casa nel bosco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Raid è una bomba che non è piaciuta soltanto a quello scellerato - per non dire di peggio - del Cannibale.
      Il link giusto è http://whiterussiancinema.blogspot.it/2012/07/raid-redemption.html
      Avrò fatto casino con i copia/incolla!

      Elimina
  7. una piacevolissima sorpresa, non me l'aspettavo proprio, a me Killer Joe fa sentire odore di pulp vecchio stile, il finale è proprio da "iene" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, Lorant.
      Filmone superpulp e supercult.
      Bellissimo.

      Elimina
  8. Irriverent Escapade23 ottobre 2012 12:36

    E certo, my Bro, che mi sparo Killer Joe. Non so quando (magari attivo il pusher) ma me lo sparo :-)
    Gran bel post, le tue sensazioni escono benissimo dalle parole: come si fa a non vederlo??
    E poi, adesso voglio capire se Joe è un predatore o no ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, Sorella.
      Questo è da vedere senza se e senza ma.
      Muchas gracias per i complimenti, aspetto di sapere che ne penserai tu di Joe: secondo me non ci sono dubbi.
      Predatore al mille per cento.

      Elimina
  9. jimmy-boy, questa volta devo concordare col cannibale: mercenari 2 non si può difendere. Senza se e senza ma. :-)
    per il resto avanti così che vai bene!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tyler, vorrà dire che oltre il Cannibale, dovrò prendere a bottigliate anche te.
      Per il resto vai avanti così che vai bene! ;)

      Elimina
  10. bella questa idea di Gosling passato al lato oscuro della forza :)
    By the way, il film mi è molto piaciuto e che personaggio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincent, dici bene.
      Filmone totale, stupendo davvero.
      E Joe è un personaggio incredibile.

      Elimina
  11. E' arrivato sì, ma l'erede di DRIVE direi di no.. Il tipo in questione, Killer Joe, rasenta il ridicolo, è insopportabile come figura, spero tanto che la Cenerentola della situazione abbia fatto il tris..!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joe, infatti, è il lato oscuro del protagonista di Drive.
      E' pericoloso, egoista, predatorio appunto.
      Mentre il guidatore di Refn aveva un che di nobile.
      Comunque, filmone incredibile!

      Elimina
  12. Anche secondo me filmone esagerato, ed è vero che spesso è grottesco e ci scappa pure la risatina, ma si porta dietro un'anima nera e torbida degna dei migliori noir.
    Scena della coscia di pollo già nella storia e Matthew Mceccetera mio nuovo attore prefe.
    Bomba totale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, ma cosa vuoi che ne capisca il Cannibale di noir!?!?
      Film incredibile, oscuro, beffardo e pazzesco. Bellissimo.
      Grande Friedkin, il suo miglior film dai tempi di Vivere e morire a Los Angeles.
      Allora venerdì siamo d'accordo?

      Elimina
  13. Me lo guardo stanotte, domani dico la mia! Erede di Drive, imperdibile allora! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara, imperdibile eccome!
      Per me, il film dell'anno senza se e senza ma!

      Elimina
  14. Probabilmente, il mio film dell'anno.

    RispondiElimina
  15. Sarò sincero, non ho voluto leggere di proposito la recensione. Me lo voglio godere, come ho fatto con Drive lo scorso anno, però per avere un mio parere, mio caro Ford, dovrai aspettare che riesca a recuperarlo su Torrent :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetterò volentieri. Intanto, come per Drive lo scorso anno, sappi che con ogni probabilità sarà il mio film numero uno del 2012.

      Elimina
  16. una delle tue recensioni più belle James, ricche di frasi e suggestioni davvero potenti. Non sarà la più bella ma questa è davvero fortissima:
    "Non può nulla Sharla, che potrà sguazzare come uno squalo nella piccola boccia per pesci rossi che si è scelta, ma che è impotente al cospetto di qualcuno ben al di sopra di lei nella catena alimentare."

    tutti e due abbiamo finito con il ballo di Dottie.
    Indimenticabile personaggio.
    Gran film,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, grande film davvero. Dottie e Joe sono due personaggi incredibili.

      Grazie delle belle parole, è una delle recensioni che l'anno scorso ho "sentito" di più.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...