lunedì 13 maggio 2019

White Russian's Bulletin



Settimana fiacca, qui al Saloon, rimbalzata tra Game of thrones, le semifinali - spettacolari - di Champions League e il Salone del Libro di Torino, dove Julez ha avuto la fantastica prima esperienza da autrice. Del resto, a dispetto degli anni d'oro della blogosfera, quando pur di schiaffarmi il mio film o due al giorno perdevo il sonno, per ora preferisco vivere il più possibile e, al massimo, crollare sul divano la sera senza preoccuparmi troppo. In fondo, essere perfetti e sempre incrollabili alla lunga stufa. E forse neppure alla lunga. I Gallagher sottoscriverebbero.


MrFord



SHAMELESS - STAGIONE 9 (Showtime, USA, 2018)

Shameless Poster

I Gallagher sono sempre stati di casa, al Saloon.
Forse perchè, pur in modo meno "estremo", anche i Ford non sono propriamente un esempio di famiglia da comunione, Mulino bianco e cose del genere, forse perchè il disequilibrio ed il caos che ognuno - anche i più perfettini - porta dentro determina anche il fascino che irradia, forse perchè nelle storie di Frank, Fiona, Lip e via discorrendo si cerca sempre di vivere a fondo e il più possibile, abbiamo sempre finito le loro stagioni con un pò di groppo in gola.
Certo, nell'ultimo paio d'anni le cose procedevano stancamente, e io stesso cominciavo ad auspicarmi una fine gloriosa della serie prima che le cose potessero cominciare a crollare inesorabilmente: con questa stagione nove, invece, pur se non ai livelli delle prime sei, i Gallagher tornano a respirare e dare segni, per l'appunto, di rinnovata vitalità.
Dalla discesa di Fiona a Lip difensore dei deboli, passando per il sempre "scarafaggesco" Frank, nessuno pare davvero mollare, e anzi, la sensazione ora è che i Gallagher abbiano ancora qualche cartuccia da sparare, qualche sbronza da prendere, qualche rovinosa caduta sulla loro strada fosse anche soltanto per rialzarsi in barba al Destino.
E con il faccia a faccia tra Fiona e Frank, l'emozionante addio di quella che è stata la colonna portante dei Gallagher per anni e anni, l'arrivo di un figlio per Lip, il nuovo ruolo di Debbie e l'assetto rivoluzionato dell'intera famiglia, forse c'è davvero da pensare che la chiusura di salvataggio che mi auspicavo lo scorso anno sia più lontana del previsto: in fondo, non sorprendere non sarebbe stato da Gallagher.


5 commenti:

  1. Prima o poi pure me lo recupero Shameless. Abbandoni vari, mi hanno scoraggiato prima del tempo purtroppo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il recupero ci vuole. Negli anni ha regalato davvero grandi chicche.

      Elimina
  2. Per me invece la china ha iniziata a scendere inesorabilmente. Già la scorsa stagione non mi aveva entusiasmato troppo, qui le situazioni si fanno ripetitive, i nuovi personaggi e le nuove storie anche un po' insopportabili. Con l'addio di Fiona abbandono anch'io i Gallagher, voglia di proseguire in quella che sembra l'ennesima serie TV da spolpare all'infinito con stagioni più lunghe, non ne ho.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho trovato questa stagione migliore della precedente, e voglio dare fiducia ai Gallagher. Del resto, se non la do io che mi ci sento, chi può!? ;)

      Elimina
  3. Per te i Gallagher non perdono colpi, ma di certo hanno perso me. Per quanto gli sono affezionato, con l'inizio di questa stagione li ho lasciati...
    La loro eccessiva fordianità alla lunga m'ha stufato. XD



    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...