domenica 15 maggio 2016

Fordini Unchained: ci sono io, ci siamo noi



Qualche sera fa eravamo a tavola, con AleLeo accanto a me pronto a commentare e tempestarci di domande a proposito della serie televisiva del momento - per la precisione, House of cards - e Rebecca nella sua sdraietta con vibrazione e musica di accompagnamento, quando, pronta a chiedere anche lei di mangiare, la più piccola di casa Ford ha fatto sentire la sua voce.
Neppure il tempo per Julez di prepararsi a prenderla che il Fordino, sceso dalla sedia, si è avvicinato accarezzandola e sussurandole a voce bassa: "Non piangere, Rebecca: ci sono io".
Se non fosse che parliamo di un bimbo di poco più di tre anni con una spiccata passione per gli animali, avrei quasi potuto dire che il mio piccoletto potrebbe essere già pronto per fare il genitore.
Ad ogni modo, quello che posso dire è che il primo mese e mezzo con due figli, nonostante il raddoppio degli impegni e della stanchezza, non ha fatto che alimentare la voglia, un giorno, di considerare l'idea di un terzo, resa ancora più forte dalle dimostrazioni d'affetto per la sorella e di "maturità" che il Fordino sta regalando ai suoi vecchi quasi ogni giorno, un pò come quando, con la varicella, ha resistito diligentemente dall'avvicinarsi a lei e toccarla per una settimana, fino alle domande rispetto a quando verrà finalmente il momento in cui potrà giocare con Rebecca - è curiosa la percezione del tempo per i bambini, considerato che un anno, ai loro occhi, appare quasi come dieci ai nostri, a quell'età -.
Dal canto suo la Fordina, che come il fratello è bravissima e dorme il giusto risparmiandoci le notti in bianco di molti genitori, comincia a spalancare occhioni che sembrano tra l'azzurro ed il grigio, e che al momento paiono decisamente più chiari di quelli di AleLeo, a guardare il mondo, a tentare di lanciarsi neanche fosse una base jumper all'indietro quando la si tiene appoggiata alla spalla in posizione quasi eretta: adora le attenzioni e godersela tra le braccia di qualcuno, e vederla stretta alla mamma illumina entrambe anche più di quanto ricordassi rispetto ai primi mesi del Fordino.
Senza dubbio verranno tempi più difficili di questi, e a volte corro con il pensiero a quando entrambi attraverseranno l'adolescenza, e toccherà fare i conti da esterni con quello che ad ognuno di noi pare come un travaglio unico che nessuno è in grado di comprendere, eppure quello che respiro e sento quando sono accanto a loro da una dimensione a tutto, me compreso, e mi fa sperare che il legame profondo che stiamo costruendo ora, anche se non ricorderanno quasi nulla in termini di memoria, possa formare una sorta di imprinting quasi animale che, per tutta la vita, sussurri a bassa voce ad entrambi che, in ogni momento, e fino a quando avremo la forza di goderci questa vita, "ci saremo noi".
Proprio come Ale ha sussurrato a Rebecca.
Proprio quello che voglio che sappiano, e sentano, ogni giorno rispetto a me.
Ora, che si aggrappano alle mie braccia come se non ci fosse nessun posto più sicuro al mondo così come quando penseranno di non averne bisogno.
Noi ci saremo.




MrFord

18 commenti:

  1. Ci saremo anche quando non vorranno. Allora dovremo imparare ad essere dei ninja. Esserci senza farci vedere. Pronti ad uscire dall'ombra al richiamo "Mam..." prima che possano completare l'invocazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente ninja. Assolutamente con loro. :)

      Elimina
  2. Che dire?
    Sono (siete) proprio belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Anche se loro sono senza dubbio più belli di me. ;)

      Elimina
  3. Piccoli Ford crescono. Il post mi ha ricordato la bellissima scena del film "Una storia vera", nella quale il nonnetto protagonista descrive la famiglia come un mazzetto di bastoni inspezzabili se uniti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo film e bellissima citazione.
      Grazie Sal. :)

      Elimina
  4. Un terzo Fordino???

    No, dai basta. Siete peggio dei Gremlins!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAH

      (Questa era bella, lo ammetto)

      Elimina
    2. Cannibal, e dovresti vedere cosa succede quando mangiamo - o quando bevo - dopo la mezzanotte! ;)

      Elimina
    3. Sai Marco,io mi preoccupo sempre della massiccia immigrazione musulmana,e del fatto che presto in Italia presto non ci saranno più italiani come etnia,ma non c'è problema:ci penseranno i Ford a ripopolare la penisola XD XD XD

      Elimina
    4. Dobbiamo regalarvi la tivù, una playstation, un hobby alternativo... ahahahahah! :)

      Elimina
    5. Ahahah pensa, abbiamo già entrambe! ;)

      Elimina
    6. Figurati se non le avevate!A quest'ora di Fordini ne avevamo già almeno 6 o 7 XD

      Elimina
    7. Avendo i soldi per mantenerli, non mi dispiacerebbe averne sei o sette in stile Brangelina! ;)

      Elimina
  5. Che tenerezza! E auguroni per la nascita della piccola Rebecca.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia di bambino, Ford *.*
    L'avete cresciuto proprio bene il Fordino, tu e Julez: è un angelo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo ogni giorno di crescerlo il meglio possibile.
      Niente prende più energie, ma niente da altrettanta gioia. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...