mercoledì 4 luglio 2012

Last friday night - The amazing 4th of July edition

La trama (con parole mie): sfruttando l'onda lunga dell'uscita in sala di The amazing Spider Man, primo grande kolossal dell'estate, la consueta rubrica dedicata alle uscite settimanali che riesce nell'impresa di far coesistere i due antagonisti per eccellenza della blogosfera come le anime di Real Madrid - il giovane Cannibale - e Barcellona - il vecchio Ford - nella Spagna del triplete anticipa la sua presenza di un paio di giorni, sfoderando i consigli per le visioni di questo weekend e le consuete scaramucce dei suoi autori.
In attesa di una nuova Blog War e di tornate di proposte più interessanti, cavalchiamo coraggiosamente i cavalloni di quest'oceano non sempre limpido che è la distribuzione italiana neanche fossimo gli ex-presidenti, almeno fino a quando il mio antagonista non finirà casualmente sul fondo trascinato da fantastiche ciabattine di cemento. Ahahahahahahah!


"Che disdetta! Anticipando l'uscita al mercoledì speravo di evitarmi quei due cialtroni di Ford e Cannibale, e invece mi hanno beccato lo stesso!"
The Amazing Spider-Man di Marc Webb

Il consiglio di Cannibal: di certo è meglio di Ford-Man, ma sarà meglio anche dell’Amazing Cannibal-Man? 
Mi dichiaro ufficialmente stufo di varie cose: delle canzoni estive latino-americane, di Mr. Ford (fin troppo scontato), del tiki-taka della puerca Espana che se la canta e se la suona più dei due acerrimi rivali della blogosfera, e dei film di supereroi. 
Questo reboot di Spider-Man mi sembra poi arrivare a troppa poca distanza dai due ottimi film di Sam Raimi (sul terzo, meglio calare un velo pietoso). 
D’altro canto, però, la coppia Andrew Garfield ed Emma Stone promette molto bene e sarà interessante vedere cosa combinerà Marc Webb dopo aver debuttato con la perla indie (500) giorni insieme ora alle prese con una mega produzione. A me comunque i film sui supereroi hanno stufato. Mi sono persino stufato di dirlo!

Il consiglio di Ford: andate a togliere le ragnatele di dosso al Cannibale sempre chiuso nella sua cameretta da Cucciolo eroico. 

Onestamente non nutrivo - e non nutro - particolari speranze rispetto ad un reboot che pare completamente irrispettoso della storia fumettistica del buon, vecchio Spidey e che arriva - come dice perfino il mio odioso rivale - a distanza fin troppo ravvicinata rispetto alla trilogia di Raimi - ottimi i primi due film, orripilante il terzo, e anche qui ci troviamo clamorosamente d'accordo -. Eppure il trailer non mi è sembrato affatto male, il cast mi pare azzeccato e Webb ha dalla sua il buon trascorso di (500) giorni insieme, dunque chissà che non ne esca qualcosa di decente. Se, in ogni caso, dovesse andare male, tenete presente che si tratta, di fatto, solo di un aperitivo in attesa del piatto forte: il Batman di Nolan.
 

"Non ti preoccupare, Spidey! Ti difendo io da quei due bruti di Ford e Cannibal!"
Quell’idiota di nostro fratello di Jesse Peretz

 
Il consiglio di quell’idiota del vostro Cannibal: guardabile, ma non vi cambierà la vita.
Commedia dal sapore più country che indie con un buon cast che ho già visto, con discreto piacere, e ho già abbastanza dimenticato, con discreto dispiacere. La vicenda di questo tizio un po’ tonto (non mi sto riferendo a Ford) e del rapporto con le sue sorelle strappa qualche sorriso, ma non vere risate, e alla fine è un filmetto modesto che non lascia grossi segni. Per un’ora e mezzo di disimpegno estivo ci può anche stare: sempre meglio di un’ora e mezzo su WhiteRussian a leggere le elucubrazioni mentali del mio yo, fratello degenere Ford (no, per fortuna non è mio fratello e no, nonostante la ghiotta occasione, non gli ho nemmeno dato dell’idiota: troppo facile). 
 Recensione prossimamente.

Il consiglio di quell'idiota del vostro Ford: è estate, siate country e provateci. 

Non l'ho ancora visto, ma devo dire che in questa stagione così calda la spinta al relax e ai film da zero neuroni è più forte del solito, dunque un titolo come questo potrebbe quantomeno farmi passare una bella serata tranquillo e divertito lontano dalle solite sparate assurde del mio ben poco illustre collega di rubrica. Che, tanto per specificarlo, idiota non è affatto, visto che per gli appuntamenti fissi come le Blog War o le uscite settimanali continua ad affiancarsi al sottoscritto.
 
"Ma chi sono quei due sul palco, i soliti idioti!?" "Peggio, sono Ford e Cannibal!"


The Way Back di Peter Weir

 Il consiglio di Cannibal: a good way.
Già visto pure questo, d’altra parte è un film che in Italia esce con il solito ritardino di un paio d’anni. 
Sulla lunga e onorevole carriera di Peter Weir vi annoierà abbondantemente Mr. Ford, io mi limito a dire che è il regista de L’attimo fuggente e The Truman Show, e che qui non è ai suoi vertici ma comunque è alle prese con un film storico piuttosto interessante. The Way Back racconta una bella storia, il cast è di ottimo livello (ci sono la mia preferita Saoirse Ronan e un Colin Farrell parecchio bravo), come difetto c’è giusto che è un po’ lungo e noiosetto e per l’estate non è magari la migliore delle visioni. 
Prossimamente la mia recensione (che avevo già scritto tempo fa e mai pubblicato, in attesa dell’uscita nelle sale italiane finalmente giunta). 
Quando ho detto che è un po’ noiosetto, tranquilli comunque che parlo di livelli di noia accettabili e non fordiani uahahah.

Il consiglio di Ford: the way to send Cannibal back to sender. 

Peter Weir è un regista che ho sempre apprezzato, dai suoi esordi in terra d'Australia degli ottimi Picnic ad Hanging Rock e Gli anni spezzati alle grosse produzioni come The Truman Show e Master & Commander: non ho ancora visto questo The way back, ma devo ammettere che, considerati cast ed ambientazione, promette molto bene, e mi fa sperare di trovarmi di fronte ad un bel filmone d'avventura di quelli come si facevano una volta. Lo vedrò al più presto in modo che la mia recensione possa fare fronte a quella del Cannibale, e nel frattempo escogiterò un qualche stratagemma affinchè lo stesso venga spedito in Siberia.

"Se ti becco ancora una volta a leggere WhiteRussian o Pensieri Cannibali, ti faccio passare un brutto quarto d'ora."
Womb di Benedek Fliegauf

Il consiglio di Cannibal: a meno che non siate fan degli incesti, tenetevi pure alla larga.
L’insopportabile Cannibal fa triplete come l’insopportabile Spagna perché ha visto pure questo e vi dice: evitatelo tranquillamente. 
Sarà che è un film lento, uggioso, più adatto all’autunno che a questa carontica estata, ma la sua visione mi ha annoiato parecchio. Eva Green è brava, seppure meno nuda del solito, ed è l’unico motivo per vedere questo Womb. Per il resto, nonostante una bella idea che lo rende una pellicola quasi fantascientifica, è poca cosa e nel finale scade quasi nel ridicolo…Un po’ come quando capitate dalle parti di WhiteRussian del Fordando Torres e, anche quando l’inizio di un post sembra promettente, finisce inevitabilmente nell’involontariamente comico. Starò dicendo sul serio o vorrò solo essere volontariamente comico?

Il consiglio di Ford: tira più un pelo della Green che un carro di Womb.

Nonostante la presenza di una delle attrici di maggiore "presenza" del panorama internazionale, questo film non mi attrae per nulla, se non per il fatto che il mio acerrimo nemico Cannibalotelli pare averlo trovato molto noioso, cosa che, di norma, rende un film decisamente interessante. Ma il sapore autunnale e la prigrizia da goduria estiva potrebbero avere la meglio sulla voglia di sbeffeggiare ancora una volta le sue posizioni in ambito cinematografico, e far finire questo Womb nel dimenticatoio, dove pare stia proprio bene.

"E' inutile insistere, Cucciolo Eroico: ho giurato di rimanere illibata per Ford."
Cena tra amici di Alexandre de La Patellière, Matthieu Delaporte

 

Il consiglio di Cannibal: sempre meglio di una (John) Cena tra nemici con Ford.

Come la Spagna (ribadisco odiosa) lo fa nel calcio, la Francia al cinema continua (e per quanto mi riguarda in maniera tutt’altro che odiosa) a dare soddisfazioni nell’ambito del cinema e pure della commedia, dove vi segnalo il piacevole L’amore dura tre anni, uscito la scorsa settimana. Questa Cena tra amici mi ispira assai meno, però non mi sento di escluderla nemmeno del tutto. Dopo l’esperienza negativa con lo Chef Ford della scorsa settimana, la mia presenza a una cena con qualcosa cucinata dalle sue manine invece la escludo del tutto!

Il consiglio di Ford: io mi farei una pizza davanti alla tv, godendomi un incontro tra Cena e Cannibal. 

Non faccio neppure in tempo a dimenticare il dimenticabile Chef che subito i cugini d'oltralpe tornano alla carica cercando di procurarmi una fastidiosa indigestione della loro settima arte: inutile dire che questo piatto tutt'altro che succulento verrà passato abilmente al Cannibale, che abituato ai suoi fegati umani con Chianti non dovrebbe avere troppi problemi a digerire questa robaccia.

"Hey Cannibale, il tavolo è pronto: manchi solo tu!"



25 commenti:

  1. Irriverent Escapade4 luglio 2012 10:22

    Apro White Russian e ci trovo le recensioni del venerdi. Leggo, snobbando (visto il caldone) i film ma concentrandomi sulla adorabile diatriba dialettica fra Cannibal e Ford. Oh mondieu! Sono quasi sodali e si fanno quasi complimenti. Ma non è Natale....Il caldone ha colpito anche loro: vade retro Caronte rivoglio le sfide all'ok Corral.

    PS. Bellissima la suggestione di farsi una pizza davanti alla TV, godendosi un incontro tra Cena e Cannibal. Ah ah quasi quasi vedrei il wrestling anch'io con questi contendenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, l'incontro tra Cena e il Cannibale sarebbe davverto tutto da ridere! :)
      Più che il caldo, invece, direi che è stato il calcio a renderci più sodali: ma tranquilla, c'è già una Blog War in cantiere per ritornare al clima consueto!

      Elimina
  2. Irriverent Escapade4 luglio 2012 11:00

    Aaah, sollievo. Per un attimo ho pensato di trovarmi all' interno di una strana riedizione del "Giorno della marmotta" riveduta, corretta ed interpretata da quella "strana coppia'che siete tu e il Cannibale !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, una situazione del genere sarebbe da fantascienza! ;)

      Elimina
  3. Un bel GIGA LOL per questo Ammazzing Spiderman che mi pare una sola clamorosa. Peter Parker NON è questo manichino qua... Bocciato sulla fiducia! Oh, poi ben contento di sbagliarmi, eppure il senso di ragno mi dice che è una merda.... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tommy boy, anche io ero di quell'idea, ma il trailer non mi è parso malaccio.
      Vedremo.

      Elimina
  4. Non ho molta fiducia, ma questa sera portiamo il piccolo a vedere Spiderman. Farò sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, scrivine presto così comincio a farmi un'idea!

      Elimina
  5. Ho una sorta di predilezione per la trilogia di Raimi sull'omino ragno.

    Però da ambienti cinematografici mi dicono troppo bene di questo reebot della saga.

    Vedremo nel we.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Banale, benvenuto da queste parti!
      La trilogia di Raimi per me è più una doppietta, perchè il terzo faceva davvero cagare.
      Staremo a vedere con questo!

      Elimina
  6. Sono un super nerd fan dei supereroi. Onestamente non capisco l'operazione SpiderMan, per quanto fatta bene. È un suicidio, credo. Oltretutto dopo Raimi (ed i suoi Maguire - Dunst). Mah! Sa molto di cover.
    Bentornato a Peter Weir. Non sempre eccezionale (a me Master & Commander non è piaciuto) ma comunque uno che mi ha spesso incantato (Gli anni spezzati è il mio preferito ma anche gli altri...)
    Adesso vedo per quale dei due scucire una serata di babysitting ai nonni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, io andrei su Peter Weir.
      Nonostante la passione per i fumetti e i supereroi, il nostro amico australiano secondo me ha una marcia in più di qualsiasi Spider-cover!

      Elimina
  7. oltre a non far ridere, ma non è una novità, questa settimana le tue vignette manco mi attaccano...
    delusione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sto allenando per difendere i tuoi film inguardabili rispetto ai miei: una specie di pre-Blog War! ;)

      Elimina
  8. Pensa un po', io Spiderman non lo guarderò per protesta! Son ancora troppo legato alla trilogia di Raimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti farò sapere io, allora, Pesa.
      Tra l'altro, posso capirti.

      Elimina
  9. per spiderman aspetto prima qualche feedback... perché buttare così €12 non mi va per niente.
    quell'idiota di mio fratello è quasi caruccio.
    sono incuriosito da the way back (ce l'ho da vedere da più di un anno ormai) e anche da quello francese, che se mantiene gli standard degli ultimi tempi potrebbe anche non dispiacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, le tue motivazioni rispetto a Spidey non fanno una piega.
      The way back lo vedrò con discrete aspettative anche io nei prossimi giorni, quello francese, però, no di certo.

      Elimina
  10. Womb mi ispira, di Spidey ho appena letto le peggio cose su un blog fidatissimo, quindi lo eviterò come la peste!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, Womb a me non ispira per nulla, mentre Spidey lo vedrò comunque: al massimo partiranno le bottigliate! ;)

      Elimina
  11. I due ottimi film di Sam Raimi?
    Oltre a ritenerli due brutti film, c'è da dire che LORO sono irrispettosi del personaggio fumettistico.

    Ora, c'è da vedere cos'ha combinato Webb.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MMS, forse abbiamo visto dei film su Spidey di Raimi differenti! ;)

      Elimina
    2. Ma è un emo!
      Poi, McGuire e Dunst... :S

      Elimina
    3. La versione emo è nel terzo, che in effetti mi fece cagare.
      Ma i primi due sono una ficata! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...