lunedì 7 aprile 2014

Alabama Monroe - Una storia d'amore

Regia: Felix Van Groeningen
Origine: Belgio, Olanda
Anno: 2012
Durata: 111'




La trama (con parole mie): Elise è una tatuatrice, una che non ha paura di scrivere un nome sulla pelle, o di cancellarlo, e di mostrare con orgoglio i tratti che hanno contraddistinto la sua vita. Didier è un musicista bluegrass che teme l'idea del "per sempre", e pare alla ricerca di una semplicità che solo la sua musica può portargli in dono. Quando si conoscono, scocca la scintilla del grande amore, e più per caso che per volontà arriva Maybelle, una bambina che cambia la vita di entrambi e pare descrivere la grandezza dei sentimenti che li legano.
Quando la piccola, poco dopo i sei anni, si ammala di cancro, la vita per Elise e Didier cambia radicalmente, e i due si trovano ad affrontare il dolore e la realtà prendendo strade completamente diverse: lei cercherà rifugio guardando il cielo per dare nomi alle stelle, lui covando la lucida rabbia di chi si attacca con tutte le forze alla ragione.







"Dove va un uccellino quando muore?", chiede spaurita Maybelle a Didier, rendendo evidente il paragone che la stessa bambina sotto chemio fa tra se stessa e la sfortunata creatura alata che tiene in quel momento tra le mani.
Purtroppo per lei, nessuno può saperlo.
Non può Elise, che tempo dopo farà lo stesso paragone, osservando un uccellino posarsi sul davanzale senza sbattere contro il vetro.
Non può Didier, che risponderebbe semplicemente come la Natura - "L'uccellino muore, e non c'è più" -, salvo poi scriverci sopra una canzone da brividi.
E non possiamo neppure noi.
E' decisamente più semplice, invece, affermare che Alabama Monroe - Una storia d'amore, così tradotto dalle nostre parti pur non essendo - purtroppo - ancora uscito in sala, sia un film di quelli in grado di entrarti dentro e non uscire più, di andare dritto al cuore e scuoterlo come soltanto le pellicole dalla grande anima sono in grado di fare: non è un film come ce lo si aspetterebbe, ma un ibrido, una contaminazione, un cocktail da Frontiera che mescola la passione di Un sapore di ruggine e ossa e l'epica sommessa di Una storia vera o Un mondo perfetto, le parti migliori de La guerra è dichiarata con la carica di pancia di Mud.
E' una storia d'amore, in tutti i sensi: per la musica - splendida la colonna sonora, tutta dedicata al Bluegrass -, la vita - anche nei suoi momenti peggiori e più strazianti -, gli amici - straordinario il modo di stringersi gli uni agli altri dei componenti del gruppo di Didier - e la famiglia - almeno un paio le sequenze memorabili in questo senso -.
Ed è la storia di Elise, Didier e Maybelle.
Che è una storia normale, con i suoi momenti di straordinaria ed incontenibile felicità e quelli di profondo sconforto, con il sesso selvaggio e l'avventura di un amore appena sbocciato e la vita non più così immediata della coppia collaudata: ed è difficile scriverne - o anche solo dedicare al lavoro di Van Groeningen la visione - senza esserne profondamente toccati, e sentire il sorriso sbocciare o le lacrime pronte come bastarde traditrici in fondo agli occhi.
Ed è difficile cercare di non essere un fiume in piena rivelando troppo di questo gioiellino candidato all'Oscar per il miglior film straniero all'ultima edizione della celebre notte, mollare gli ormeggi e lasciare che tutto scorra, come una canzone intonata proprio nel momento in cui la voce si strozza in gola, e pare non esistere nient'altro se non la paura di noi povere scimmie abbandonate su questa grande palla di fango da un dio o presunto tale annoiato e senza tv.
O Cinema.
E' difficile guardare Maybelle e non pensare a quanto terribile sia il mestiere del genitore: la cosa più bella del mondo che può diventare inesorabilmente la più terribile.
E lo è ancora di più quando lo si è, e ci si rende conto di quanto inesplicabili possono apparire alcuni scherzi del Destino, e di quanto tutta la protezione che diamo - o cerchiamo di dare, o vorremmo dare - ai nostri figli non potrà mai davvero garantire la felicità che desideriamo per loro.
E' difficile amare, amare tanto e a fondo, o ferire chi amiamo, o peggio, vedere chi amiamo morire.
E' difficile vivere, perchè non sapremo mai se siamo capitati per caso da queste parti, o se avremo un'altra possibilità.
E' difficile credere, ed avere la forza di farlo, e dubitare, ed avere la forza di farlo.
Pare quasi di sbagliare sempre, sempre e comunque.
E invece il bello è proprio questo.
Vivere. Vivere a fondo. In ogni stagione, e di fronte a qualsiasi gioia o dolore.
Suonare il proprio strumento anche quando si vorrebbe solo piangere, o spaccare il mondo a pugni.
Segnare sulla pelle la nostra storia, la Nostra Storia, senza avere paura che possa cambiare, o non essere quella giusta, o rimanere incisa su di noi per sempre.
Come la luce delle stelle.
Quella che viaggia per secoli, e ci passa attraverso continuando ad andare avanti anche quando la stella che l'ha originata non c'è più.
E in quel momento, noi piccoli uomini su un piccolo pianeta, le diamo un nome.
Un nuovo battesimo. La fede incontra la ragione. Il cuore incontra la pancia.
Alabama Monroe.



MrFord



"A star fell from heaven right into my arms
a brighter star I know I've never seen
then I found out that it was only you with all your charms
who came into my life to fill a dream."
Bill Monroe - "A fallen star" - 



36 commenti:

  1. Che recensione! Complimenti, si vede che il film l'hai sentito fino in fondo, beh lo recupero di corsa e cerco di vederlo perchè mi hai incuriosita, il film di ieri è in work in progress, questo lo metto stasera, non me lo voglio perdere per nessun motivo al mondo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande film davvero, uno dei migliori tra quelli di questa prima metà dell'anno: intenso e profondo.

      Elimina
    2. L'ho visto proprio stamattina, straziante e toccante...a me è piaciuta la sfuriata di Didier al concerto...lì davvero mi sono uscite le lacrime ^_^

      Elimina
    3. Grande storia per un grande film.
      Lacrime quasi obbligate.

      Elimina
  2. Allora prometto di recuperarlo perché sembra davvero meritare...ma ho paura che si riveli molto triste, troppo triste. I bambini malati, ora poi che sono genitore, sono troppo un pugno nello stomaco....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, recuperalo: è vero che è tosto, io ho sofferto come un cane, eppure è un film che merita alla grande.

      Elimina
  3. un grande film davvero (in Belgio ci sono ottimi film che qui non arrivano, a parte Dardenne)
    di Felix Van Groeningen ne ho visto anche altri due, sempre con lo stesso protagonista, film bellissimi che ti piaceranno con molti bicchieri, sono sicuro (cercali nel blog)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero un grande film, sotto tutti gli aspetti.
      A questo punto andrò a recuperare anche gli altri lavori di Van Groeningen!

      Elimina
  4. te l'avevo detto che ti sarebbe piaciuto parecchio. sono quasi stanco di avere sempre ragione :)

    gran film, gran post (anche se un po' troppo sentimental-fordiano ahahah) e grande nuovo header!

    comunque dovrebbe arrivare abbastanza presto anche nei cinema italiani, è previsto in uscita per l'8 maggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è un film molto fordiano, eppure era piaciuto anche a te, se non ricordo male, sulla scia di questo duemilaquattordici un pò atipico.

      E come se non bastasse, complimenti a post e header! Meno male - almeno sulla carta - che domani arriva Von Trier! ;)

      Elimina
  5. Una recensione bellissima, delicata e potente nello stesso tempo.
    Ma non credo riuscirei a guardarlo, questo film...sarebbe un pugno nello stomaco.
    Ma tu, bravissimo.
    Margheresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Margheresa!
      Pensa che, mentre lo vedevo, pensavo di portarlo per vederlo tutti insieme: in fondo, ci sono amore e musica, ci stava tutto.
      Poi anche Julez mi ha detto la stessa cosa, e ho desistito.

      Elimina
  6. Come per True Detectvie, anche guardando questo film pensavo a quanto fosse fordiano!
    E visto il bellissimo il post e l'ancor più bel header, c'avevo ragione :)

    ps: la visione terminò con tante di quelle lacrime...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, grazie anche a te!
      E ringrazia anche Julez, che ha creato l'header! :)
      Film splendido, con lacrime da mettere in conto.

      Elimina
  7. un po' paura. e aspetto l'8 maggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paura ci sta.
      E vedrai, l'8 maggio.

      Elimina
  8. scusa, mi ha sfanculato il computer...volevo dire oh...questo mi era sfuggito...segno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segna, segna! E' tosto e duro, ma bellissimo.

      Elimina
  9. Gran bel post, cowboy.
    Prendo nota, naturalmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias!
      Prendi nota, è un grande film.

      Elimina
  10. Quando i film si conquistano l'header è sempre un motivo di interesse...su questo potremmo tornare ad essere d'accordo. A differenza di Von Trier ;-) Sembra una storia bella densa di...vita, con tutto quel che ne comporta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte: un film che, nonostante il dolore narrato, sprizza vita e passione da tutti i pori.
      Recuperalo assolutamente.

      Elimina
  11. Ho inserito la tua recensione qui (http://www.stracinema.com/2014/05/alabama-monroe-le-recensioni-e-il.html#more) perchè non era possibile scappare dal tuo fiume in piena di parole (emozionate ed emozionanti) che ne fanno il migliore invito a vederlo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Dino. Sono contento di essere riuscito a trasmettere al meglio le emozioni di un film così intenso.

      Elimina
  12. Vengo di proposito a leggere il tuo post solo ora, dopo aver visto il film. Splendido, poetico, passionale, intenso, straziante. E bellissima, bellissima anche la tua recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Mari.
      Un film che ho sentito fin nell'anima, tra i più belli di quest'anno senza alcun dubbio.

      Elimina
  13. Non mi è piaciuto fino in fondo, ma è una pellicola che non lascia indifferenti. Alcuni passaggi me li sento ancora dentro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' questo il suo bello.
      Entra dentro, e non esce più.

      Elimina
  14. Finalmente recuperato,grazie alla vostra lista dei best del 2014.
    Un film feroce,bellissimo e terribile.Come la vita,che non è generosa,come dice Elise.Ma che vale la pena di essere vissuta fino in fondo,perchè per i momenti d'abisso in cui ci scaglia,ci ripaga con voli fino alle stelle.
    Credo che resterà con me per sempre.

    RispondiElimina
  15. Finalmente recuperato,grazie alla vostra lista dei best del 2014.
    Un film feroce,bellissimo e terribile.Come la vita,che non è generosa,come dice Elise.Ma che vale la pena di essere vissuta fino in fondo,perchè per i momenti d'abisso in cui ci scaglia,ci ripaga con voli fino alle stelle.
    Credo che resterà con me per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grande film, intenso e profondo, traboccante passione.
      Nonostante i dolori che riserva, anche io sono un sostenitore incrollabile della vita.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...