venerdì 10 gennaio 2014

American hustle

Regia: David O. Russell
Origine: USA
Anno: 2013
Durata: 138'




La trama (con parole mie): Irving Rosenfeld di professione fa il truffatore. Ingannare le persone è il suo mestiere e la sua vocazione nella vita, fino a che lui e la sua socia in affari e in amore vengono ingannati a loro volta ed incastrati dall’agente dell’FBI Richie DiMaso. 
Quest’ultimo però, invaghito della socia di Irving, propone loro un accordo. In cambio dell’immunità, i due dovranno aiutarlo ad incastrare un gruppo di politici corrotti, in un gioco di inganni che si fa sempre più complesso e stratificato. Chi trufferà chi? 
 




La vita sa sorprenderti. A volte ti inganna e ti frega, altre volte riesce a stupirti in una maniera positiva come mai avresti immaginato. Le cose migliori, come quelle peggiori, sono quelle che non ti aspetti. Io ho vissuto i miei anni adolescenziali e post-adolescenziali come uno sbandato. 
Come un ribelle senza causa che vuole solo una vita spericolata, come quelle dei film. 
Non dovevo rendere conto a niente e a nessuno, ma poi è capitata una cosa. È capitata la vita. 
Sono arrivati una donna, una moglie, una mamma, Julez, e un figlio, il Fordino unchained
Tutto è cambiato, la routine quotidiana così come anche il mio rapporto con il Cinema. Il rituale della visione di una pellicola in santa pace senza pause adesso ad esempio può essere interrotto dal cambio di un pannolino, ma è così che vanno le cose ora. È la vita.
Anche il cinema sa sorprenderti. Ti inganna e ti frega. Proprio come questo film. American Hustle dal trailer e dalle immagini promozionali è venduto come la nuova pellicola con protagonista Jennifer Lawrence, che poi alla fine dei conti compare giusto qua e là ogni tanto. 
Lasciando il segno in alcune delle scene più memorabili. 
Un’altra grande prova d’attrice, la sua, che ci fa dimenticare la sua partecipazione a Hunger Games, la saghetta per teenager in crisi ormonale come il mio rivale Cannibale, che ormai dovrebbe essere troppo vecchio per certe stronzate.
Non è certo l’unico inganno del film. Anzi, è soltanto uno tra i tanti. La pellicola si apre con l’immagine non proprio bellissima di Christian Bale che si sistema il riporto dei capelli, con tanto di pancetta di fuori. Forse qualche allenamento insieme a me gli farebbe ritrovare la forma dei tempi della serie nolaniana di Batman. Da questa apertura sembra che ci aspetti una commedia, poi arriva una scena più da film di truffa e poi ancora si torna indietro, con un racconto di formazione esistenziale del protagonista. Non è che l’inizio. American Hustle ci offre tutta una serie di svolte repentine, di cambi di narratore, di cambi di registro stilistico e narrativo. 
Il regista David O. Russell, apprezzato qui al saloon per Three Kings, The Fighter ed il sorprendente Il lato positivo, sembra gestire il tutto in maniera molto precisa e puntuale. 
Anche quello non è però che un inganno. Russell si diverte un mondo a giocare con zoom e carrellate come fosse un novello Martin Scorsese e a ricreare ambientazioni anni Settanta che riportano alla memoria il Paul Thomas Anderson di Boogie Nights, altra pellicola amatissima da queste parti. L’apparenza però inganna. Lo dice un noto detto popolare e lo dice anche il sottotitolo italiano della pellicola, per una volta non così campato per aria. Via via che si procede con il minutaggio, il grande spettacolo d’intrattenimento imbastito nella prima ora comincia a perdere colpi. Si cambia ancora tono e generi cinematografici, passando dagli accenni di intrecci romantici alla commedia gangster, con tanto di apparizione di un ormai onnipresente ma non onnipotente come un tempo Robert De Niro.
American Hustle inserisce al suo interno di tutto e di più. Lo spettacolo in alcune parti funziona alla grande, soprattutto per merito di un cast in formissima. 
Oltre alla già citata sempre splendida Jennifer Lawrence, Christian Bale ingrassato e parrucchinato gigioneggia alla grande e non si rende per fortuna ridicolo come il Nicolas Cage degli ultimi tempi. Amy Adams convince e ammalia come non mai, mentre Bradley Cooper, dimenticato il dimenticabile Limitless, si conferma nelle mani di Russell attore sorprendentemente valido, così come un Jeremy Renner che per una volta non fa da riserva panchinara di Matt Damon in qualche action movie. 
Una serie di attori che si sfidano in una gara recitativa, una bella atmosfera da Cinema anni ’70 ed una ottima colonna sonora anch’essa naturalmente legata a quel periodo che sfoggia gli America così come Elton John, oltre ad una grande “Live and let die” dei Wings di Paul McCartney “interpretata” dalla Lawrence.
Eppure le apparenze ingannano. Nonostante gli ingredienti per creare uno dei cult dell’anno ci siano tutti, non tutto funziona alla perfezione. La trama è troppo ingarbugliata e man mano che si va avanti con la visione, l'ispirazione a fatti realmente accaduti perde di interesse. I personaggi sono tutti ben costruiti e accattivanti, ma poi non vanno da nessuna parte. Questo film intrattiene bene per una buona metà del suo percorso ma non riesce mai a diventare il grande film che in apparenza sembrava destinato ad essere, finendo per risultare solo un bell’imbroglio. 
Divertente ed accattivante fin che si vuole, ma pur sempre un imbroglio. 
David O. Russell all’inizio sembra controllare tutti i fili della narrazione come un perfetto burattinaio, poi si perde clamorosamente nella confusione generale della pellicola. E noi spettatori insieme a lui.
E voi lettori pure…
Pensavate che questo post fosse stato scritto dal grande e potente Ford?
Invece no. Sorpresa!
L’ho scritto io, Cannibal Kid, quel pusillanime del suo acerrimo blogger nemico. C’eravate cascati?
D’altra parte ve lo detto e ripetuto: le apparenze ingannano.



MrFord Cannibal Kid



“But if this ever changing world in which we live in
makes you give it a cry, say live and let die
live and let die, live and let die, live and let die”
Paul McCartney & Wings - “Live and let die”



36 commenti:

  1. secondo me Il lato positivo è uno dei film più sopravvalutati del 2012... però 'sto American hustle sembra quantomeno divertente. mi sa che nel we lo recupero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertente di sicuro, anche se non quanto l'operazione truffa mia e di Peppa! ;)

      Elimina
  2. Io amo Jennifer e nel lato positivo era bravissima, ma il lato positivo per me rest un film sopravvalutatissimo e innaffiato di nomination solo a ragione della raccomandazione dei cari vecchi Weinstein...sarò sincera, lo so che non è una cosa molto professionale e matura da fare, ma a volte nella vita è questione di pelle e questo American Hustle MI FA UN'ANTIPATIA ALLUCINANTE AD OGNI PASSAGGIO DEL TRAILER QUINDI MI SA CHE NON LO VEDRò PER PARTITO PRESO, ECCO ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me si tratta di un film più che godibile, per quanto non all'altezza delle aspettative.
      E Il lato positivo, per me, è ben più che positivo.
      Per non parlare della Lawrence!

      Elimina
  3. Il fatto che non ci sia il nome "Jennifer Lawrence" ad ogni riga e neppure una sua immagine voluta (l'immagine del trailer è una coincidenza o ci state ingannando), direi che caro Ford hai scritto tu il post :D

    Stessa domanda anche per te: Jennifer Lawrence è bravissima, l'ho spesso scritto, finalmente una giovane rivelazione che merita tutto il successo che ha. Appunto, giovane. Non è troppo giovane per interpretare il ruolo della moglie di Rosenfeld? Per quanto sia stata bravissima, io avrei preferito un'attrice almeno sulla trentina, ecco una Jessica Chastain qui sarebbe stata forse più appropriata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sailor, ricorda che l'apparenza inganna...

      Elimina
    2. In tal caso ti sei molto fordizzato e Mr. Ford si è cannibalizzato perché, in entrambi i casi, ho pensato a degli scherzi finali.

      Elimina
    3. Direi che abbiamo rispecchiato al massimo l'atmosfera del film, come Irving Ford e Cannibal Di Maso. ;)

      Elimina
  4. dalle mie parti l'ho massacrato abbastanza. O'russell ha alzato troppo il tiro e il mio consiglio spassionato è di tornare a volare basso, ai tempi di The Fighter. Un grandissimo peccato e una grandissima delusione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissima delusione mi pare troppo: resta un film ben confezionato ed assolutamente godibile, anche se non all'altezza delle premesse!

      Elimina
  5. forse il post più fordiano di sempre.
    di certo quello meglio scritto nella storia di WhiteRussian eheh ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa, stavo giusto pensando di aver pubblicato il peggior post di sempre della storia del Saloon! ;)

      Elimina
  6. La tua premessa sui pannolini mi preoccupa... non starai entrando anche tu nel tunnel dei due neuroni residui (tipici dei padri on duty) che al massimo (ma proprio ad esagerare) riescono a reggere un fumettone? (Se scherza, Ford, coraggio!) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, Gae, non preoccuparti!
      Il post, per mantenere lo spirito del film, non è stato scritto da me! ;)

      Elimina
  7. Il cannibale in versione ford se l'è cavata, quanto al film, sono felice di non essere l'unica uscita parecchio delusa -e annoiata- dalla sala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me lo sono goduto, onestamente. Certo, è molto al di sotto delle aspettative, ma non mi è dispiaciuto guardarlo!

      Elimina
  8. farmi raggirare e imbrogliare dal regista e dal film è stato uno spasso e per una volta non me n'è fregato nulla della distinzione netta tra finzione e realtà! E' stato liberatoria vedere un film così pacchiano ed esagerato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io me lo sono goduto, ma mi aspettavo sinceramente di più: io e Peppa Kid siamo stati sicuramente più bravi! ;)

      Elimina
  9. m'avete fatto veni' mal di testa tu e il cannibale... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il nostro scopo scombinare un pò i lettori! ;)

      Elimina
  10. OK. Adesso ho la conferma che abitate in zone infestate da bravissimi pusher... XDXD
    Comunque idea fenomenale, la firma mi ha spiazzato.
    Ma questo significa che il Cannibale può tranquillamente imitare Ford? No Alpitour? Ahiahiahiahia! :B

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias! E devo ammettere che l'ispirazione di partenza è venuta proprio dal Cannibale!
      Per il resto, direi che possiamo anche imitarci, ma per fortuna ognuno resta irripetibile! ;)

      Elimina
  11. Ahahahah, che mattacchioni XD
    Comunque a me è piaciuto, pur nei suoi limiti. Non da strapparsi i capelli, ma un intrattenimento buono e ben proporzionato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuto, ma era lecito davvero aspettarsi mooooolto di più! :)

      Elimina
  12. siete i nuovi protagonisti di Fight Club ;)
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anni infatti che propongo al Cannibale di uscire a bere per poi pestarlo nel parcheggio del locale! ;)

      Elimina
  13. Comunque l'odore di sgamo c'è con la parte sulla Lawrence, è ripetuta anche nell'altra recensione (sembra protagonista ma non è, serve a darti l'allegria!) XD
    Ottima collaborazione, siete amicici e ancora non lo sapete! Perché in apparenza vi odiate, ma vi ingannate con questa liasòn bloggara! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias Director's!
      Il giorno in cui io e il Cannibale ci incontreremo finalmente faccia a faccia ti faremo sapere com'è la storia. Forse. ;)

      Elimina
  14. ma insomma chi minchia l'ha scritta questa recensione? e quella del Cannibale? altro che il riporto di Bale vi siete imitati anche gli stili?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così. Imitazione totale degli stili per una bella truffa come si deve! :)

      Elimina
  15. Solo due bicchieri? Io vado a vederlo domani sera. Nel frattempo mi tappo le orecchie e "LALALALALALALALLALA"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà i due bicchieri sono il voto del Cannibale, dato che ci siamo invertiti.
      Io avrei dato due e mezzo, goditelo ma non aspettarti il filmone dell'anno! ;)

      Elimina
  16. L'ho visto proprio ieri, ne parlerò lunedì ma a me non ha esaltato particolarmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me lo sono goduto, ma senza dubbio parliamo di un film decisamente al di sotto delle aspettative della vigilia.

      Elimina
  17. Sarà che quest'anno sono particolarmente esigente, ma sto film non mi è piaciuto, pur riconoscendo che è un buon film confezionato ad hoc e con attori di tutto rispetto.
    Le tette della Adams vinceranno qualche premio, sicuro.
    Per essere cattivo, è un "Ocean's Eleven" fatto meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me lo sono goduto, e me lo rivedrei volentieri, ma effettivamente è tutto fuorchè memorabile.

      Comunque il seno della Lawrence batte quello della Adams di parecchio. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...