giovedì 26 luglio 2012

Quell'idiota di nostro fratello

Regia: Jesse Peretz
Origine: Usa
Anno: 2011
Durata:
90'




La trama (con parole mie): Ned vive con la fidanzata in una fattoria in campagna, vende ortaggi e marijuana ed ha uno splendido rapporto con il suo cane, Obi Wan Kenobi.
Quando un poliziotto lo circuisce arrestandolo per vendita di stupefacenti la sua vita cambia: otto mesi in galera, scaricato dalla donna - che ha tutte le intenzioni di tenersi anche il suo inseparabile amico a quattro zampe - senza una casa ed un lavoro.
L'uomo è così costretto a tornare a New York dalla madre e dalle tre sorelle, ognuna alle prese con i problemi di quotidianità non proprio equilibrate: il ritorno di Ned e la sua robusta dose di innocenza di voltaireiana memoria esploderanno come una bomba sconvolgendo completamente le loro vite.




L'estate è davvero una stagione unica.
Alla facciazza della quotidianità del resto dell'anno, infatti, questo periodo ha il grande pregio di riuscire - almeno in una buona maggioranza dei casi, e complici il caldo, il desiderio di svago, ferie e divertimento - ad avvicinare clamorosamente la tribù dei pane e salame e quella dei radical chic mettendo d'accordo tutti sfoderando prodotti che non prevedano lo sforzo - sia esso intellettuale, emotivo o di immagine - normalmente richiesto come tributo ai nostri gusti e percorsi culturali - in questo caso di spettatori -.
Quell'idiota di nostro fratello - titolo, per una volta, tradotto alla lettera e non inventato di sana pianta dalla distribuzione made in Terra dei cachi - è l'incarnazione perfetta di questo approccio: di matrice oserei dire quasi lebowskiana, il personaggio intepretato da Paul Rudd è uno di quelli cui non si può non voler bene, perfetto protagonista di una storia pulita e divertente, di quelle che se fossero state create in un differente contesto non avrebbe potuto che essere una sorta di fiaba natalizia allucinata ed irresistibile, una parabola che forse non ispirerà reiterate visioni ma che ha tutte le carte in regola per scatenare l'affezione del pubblico e, chissà, anche uno di quegli acquisti in dvd che si finisce per utilizzare nelle migliori serate tra amici.
L'approccio di Ned alla vita - che ha molto del Candido di Voltaire - è di quelli che ci fanno sperare - e qui torna in gioco il buon vecchio Drugo - che per questo strano mondo impazzito possa esserci sempre e comunque una speranza, anche quando gli eccessi di sincerità o l'ingenuità finiscono per diventare mali in apparenza peggiori di quelli che combattiamo quotidianamente per sopravvivere in mezzo a personaggi non sempre - o meglio, quasi mai - dello spessore di questo pacifico cercatore di tranquillità e serate da gioco dei mimi in famiglia: ne sanno qualcosa - e ne fanno inesorabilmente le spese - le tre sorelle dell'appena citato protagonista, interpretate più che bene da Elizabeth Banks - donna in carriera selvaggia -, Zooey Deschanel - lesbica poco decisa, o forse solo troppo giovane ed innamorata - ed Emily Mortimer - madre di famiglia completamente annullata da un matrimonio e da un compagno fallimentari -.
Il fulmine a ciel sereno Ned, alla ricerca della pace e del ricongiungimento con il suo amato Obi Wan, fungerà da catalizzatore per le esistenze delle persone che ama, fornendo ad un tempo lo spunto a trovare una nuova direzione ed un parafulmine perfetto per ogni sfogo o incazzatura, regalando piccole perle che l'audience gradirà a prescindere dalle sue usuali preferenze e finendo per scatenare la sindrome del cucciolo in ogni spettatore, che giunto alla fine della pellicola sarà pronto ad accogliere un piccolo - o grande, a seconda dei punti di vista, e tornando con immenso piacere ancora una volta a Lebowski - Ned tra le sue mura senza battere ciglio.
Del resto, il bello dell'estate è proprio questo.
Essere presi tra le braccia e cullati dal mare, massaggiati dalle onde e dal sole, assopendosi con il pensiero che non ci sarà una sveglia del giorno dopo, un capo rompipalle o le pulizie da fare.
Questo almeno fino a quando un Obi Wan giocoso e pieno di vita non si sarà tuffato tra i flutti finendo per farci bere una bella litrata di acqua salata.
Ma non sarà un boccone amaro.
Anzi, con l'estate ci starà, eccome.


MrFord


"You've got to get up every morning with a smile on your face
and show the world all the love in your heart
then people gonna treat you better
you're gonna find, yes, you will
that you're beautiful as you feel."
Carole King - "Beautiful" -


29 commenti:

  1. Dal regista di "Little Miss Sunshine"? Non posso perderlo assolutamente. Inoltre, è totalmente nelle mie corde. Bello il paragone con Lebowski il Grande! *__*

    "Quell'idiota di nostro fratello - titolo, per una volta, tradotto alla lettera e non inventato di sana pianta dalla distribuzione made in Terra dei cachi"

    Evvai! Un punto in più! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MMS, il paragone con Lebowski, in qualche modo, ci sta tutto, anche se in questo caso siamo di fronte ad un titolo innocuo ed assolutamente stagionale, mentre il Drugo resterà sempre. ;)

      Perchè il regista di Little Miss Sunshine? Non è lui! :)

      Elimina
    2. Caxxo!
      Il produttore... -.-
      Mi fregano sempre 'sti trailer! Sai, m'aspetto che mi dicano "dal regista di" mica "dal produttore di". Cacchio me ne importa del produttore. Mica lo fa lui il film!

      Elimina
    3. MMS, in realtà se il produttore è tosto, la sua mano si sente: in questi casi penso sempre a Via col vento, praticamente creato dal produttore dei produttori, David O. Selznick! :)

      Elimina
  2. Ecco appunto (riguardo all'estate).
    Ah finalmente (riguardo ai titoli tradotti).
    E adottiamo tutti un piccolo Ned - io lo voglio senza cane, piuttosto mi prendo due Ned ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Propongo anche io l'adozione globale di tanti piccoli Ned.
      Fanno sempre bene. :)

      Elimina
  3. le sorelle sono odiose, ti giuro, mi hanno rovinato il film :)
    Viva Ned e il suo approccio alla vita!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincent, Ned è il piccolo guru dell'estate! Mitico!

      Elimina
  4. Irriverent Escapade26 luglio 2012 08:06

    Sto notando come, giorno dopo giorno, vengano rivalutati titoli che, all'uscita, erano stati accolti un po' cosi' cosi'.
    Certo che sei un bel marpione ( si usa ancora o e' troppo seventies!?) a fare un (seppur lontano) paragone con il Grande L.
    In ogni caso lo mettiamo in lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, il paragone è soltanto alla lontana, perchè il Drugo non lo batte - o eguaglia - nessuno.
      Ma lo spirito di Ned è figlio dello stesso approccio alla vita. Quindi meglio un piccolo Lebowski in più che in meno! :)

      Elimina
  5. Concordo, come già scitto dalle mie parti.
    Filmetto che non fa danni, carino e leggero.mi aspettavo molto peggio.Si è diverticchiato anche mio figlio.
    Non so se regge o meno il paragone con il grande Lebowski...non l'ho mai visto, mi sa che prima o poi dovrò sopperire a questa mancanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NON HAI MAI VISTO IL GRANDE LEBOWSKI!?!?!?
      NON HAI MAI VISTO IL GRANDE LEBOWSKI!?!?!?
      Newmoon, devi vederlo.
      Oggi.
      Stamattina.
      Subito.

      Elimina
    2. No...non ho mai visto il grande Lebowski...
      Ok lo vedrò..subito è un pò difficile...ma lo vedrò, se non voglio essere presa a bottigliate...:)

      Elimina
    3. Newmoon, consideralo allora un compito per le vacanze: che ne dici?

      Elimina
    4. tranquilla new moon, ti perdi solo uno dei film più sopravvalutati della storia! :)

      Elimina
    5. ok...mai tirata indietro di fronte ad una sfida...vedrò sto benedetto grande Lebowski prometto...

      Elimina
    6. Cannibale, vuoi proprio rischiartela, oggi, eh!?!? ;)

      Newmoon, così si fa: brava. Se poi la sfida è guardare una MERAVIGLIA come Il grande Lebowski, anche meglio!

      Elimina
    7. Che cattivo 'sto Cannibale. Mannaccia!

      Elimina
    8. Più che cattivo, completamente pazzo! Come si fa a criticare Lebowski!?!?!? ;)

      Elimina
  6. mentre il Dude Lebowski lo ospiterei a casa mia vita natural durante per quanto è mitico, il protagonista di questo film lo avrei preso a randellate subito, lo avrei frollato per bene per rendere le sue carni più morbide e poi lo avrei venduto a tranci al mercato del pesce. Ma come hanno fatto quelle popò di sorelle che si ritrova a non abbuffarlo di mazzate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, forse alla lunga distanza avrei faticato anche io con Ned, eppure mi da fiducia molto più delle sue sorelle! E anzi, mi prenderei anche Obi Wan! :)

      Elimina
  7. è un film carino. non saprei dire se il paragone con lebowsbi regge. cioè hanno uno stile di vita simile ma seppur il drugo abbia una capacità molto particolare di attirare sfiga resta troppo un mito. cioè io ned non so mica se alla lunga lo sopporterei :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, sicuramente il Drugo è su un altro pianeta, ma resta il fatto che questo sia un film carino e godibilissimo, perfetto per l'estate.
      Per quanto riguarda Ned, ti rimando alla risposta a Bradipo! :)

      Elimina
  8. un film guardabile ma troppo buono, innocuo e fordiano per convincermi, un po' come il piccolo lewbowski :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non bestemmiare il Grandissimo Lebowski, o arriviamo a Casale con il torpedone almeno in un centinaio per randellarti come si deve! ;)

      Elimina
    2. Irriverent Escapade26 luglio 2012 15:12

      Orpa my young Cannibal, qui si rischia davvero grosso ;-)

      Elimina
    3. Sorella, mi sa che non se n'è reso conto! :)

      Elimina
  9. Anche questo di prossima visione. C'ho il mulo che è una bomba tutto pieno fi freccette verdi, è diventato inarrestabile con il pc nuovo.
    Mi arresteranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, fratello.
      Se ti arrestano ti porto le arance con dentro la lima per segare le sbarre! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...