domenica 22 luglio 2012

La prova

Regia: Jean-Claude Van Damme
Origine: Usa
Anno: 1996
Durata: 95'




La trama (con parole mie): siamo nel 1925, e Chris Dubois, esperto di arti marziali, vive di espedienti a capo di una gang di ragazzi di strada. 
In fuga dalla polizia, finisce a bordo di una nave diretta a Oriente, che una volta attaccata dal bucaniere Lord Dobbs contribuisce all'incontro di due uomini destinati a fare il destino l'uno dell'altro: Dubois, venduto come combattente sull'isola di Muay Thay, finirà per diventare il pretendente americano di un segretissimo torneo che vede affrontarsi i migliori lottatori del mondo con in palio il prestigio ed un drago d'oro di inestimabile valore.
Dobbs, che tenterà di cercare la fortuna vendendo il suo nuovo compagno di viaggio almeno in un paio di occasioni, scoprirà il valore dell'amicizia e troverà nuovi stimoli per un'esistenza sempre sulla cresta dell'onda.
Il tutto, in uno stile Van Damme al quadrato, considerato che JCVD è anche dietro alla macchina da presa.





In principio fu Senza esclusione di colpi.
Jean-Claude Van Damme, uno dei grandi miti del Cinema di botte e di casa Ford, impersonò Frank Dux nella rivisitazione molto libera della sua impresa come unico occidentale a conquistare la vittoria in un prestigioso e almeno sulla carta segretissimo torneo che vedeva fronteggiarsi campioni provenienti da tutto il mondo.
Probabilmente ispirati dalla stessa vicenda, JCVD e Dux si misero al lavoro su quello che rappresentò un tentativo del primo di cimentarsi in una sfida particolarmente ardua nella sua carriera di combattente del grande schermo: quella della regia.
La prova, in questo senso, è un degno rappresentante del gusto profondamente trash che ha reso alcuni dei titoli ci cui è stato protagonista dei must assoluti per una schiera di fan più che hardcore - sottoscritto compreso -, quasi un compendio di tutto ciò che è stato, è e sarà il Cinema made in Vandammelandia.
Aperto da una sequenza già cult - Dubois/Van Damme vecchio intento a dare una sonora ripassata ad una gang di pseudo-punk a suon di colpi di bastone - che introduce la narrazione esterna della vicenda - ambientata nel pieno degli anni venti, in bilico tra le citazioni di C'era una volta in America e Lawrence d'Arabia, per quanto possa suonare quasi una bestemmia contro la settima arte associare titoli di questo genere ad un lavoro originale dell'attore belga -, il film prosegue sul più classico dei binari affiancando a tagli con l'accetta da post produzione scellerata uno spirito che mescola i titoli d'avventura in pieno stile anni ottanta al cinema di combattimento da I tre dell'Operazione Drago in avanti: curiose - e valori aggiunti della pellicola - le presenze di Roger Moore nel ruolo del bucaniere sempre pronto a circuire il protagonista per raggiungere i suoi scopi, una spanna sull'intero cast senza neppure fare troppa fatica, e di James Remar, che abbiamo imparato a conoscere come volto del padre di Dexter più che per il suo ruolo nel supercult I guerrieri della notte.
Il resto è quanto ci si possa aspettare da un solido ed onestissimo Van Damme movie - ora che ci penso, potrebbe essere considerato un genere a parte -, dal tipico avversario praticamente muto ed apparentemente invincibile - come lo erano stati, ai tempi d'oro, Tong Po e Chun Li - al consueto torneo le cui regole vengono in parte sovvertite dall'avvento del Nostro, imbucatosi clamorosamente e divenuto in breve protagonista assoluto, esplosivo non tanto nelle sue esibizioni sul terreno di lotta quanto per la sua capacità di incassare per poi riprendersi - Rocky docet, in fondo -.
Certo, all'appello mancano senza dubbio - ed è un'assenza che si fa sentire - gli ormai leggendari calci rotanti che negli anni ottanta hanno di fatto costruito la fortuna del buon, vecchio Jean-Claude, eppure la pellicola scorre liscia come l'olio - del resto, lo script è molto al di sotto del livello elementare - e riesce a divertire come soltanto chi conosce a menadito questo tipo di pellicole sa che è possibile divertirsi durante una visione.
Onestamente, pensavo addirittura che l'attore fosse anche peggiore di quanto non appaia dietro la macchina da presa, e che la visione si sarebbe ridotta ad una sensazione di amarezza rispetto ad uno dei veri e propri miti della mia infanzia di spettatore, ma nonostante i giganteschi limiti dell'intera produzione non ho trovato il tocco di Van Damme tanto peggiore di quello di molti suoi colleghi decisamente più noti, tanto da essere assalito dal dubbio rispetto ad alcune pellicole da lui interpretate che, forse, non sarebbero state così indecenti se girate sotto la sua guida.
Fossi stato in lui, forse avrei giusto concesso qualche minuto in più e qualche ralenti in meno ai combattimenti, mostrando maggiori dettagli rispetto alle differenze di stili dei contententi - sfilano sumo, capoeira, kung fu, muay thay, pugilato, tra gli altri - e, perchè no, lasciandomi andare con più autoironia possibile.
Ma lungi da me dispensare consigli al mitico JCVD.
Preferisco godermi le sue pellicole migliori - e La prova sicuramente fa parte del novero - come se non ci fosse un domani, o un calcio rotante a mostrarci la via.


MrFord


"Hey! Think the time is right for a violent revolution
'cause where I live the game to play is compromise solution
well, then what can a poor boy do
except to sing for a rock 'n' roll band
'cause in sleepy London town
there's just no place for a street fighting man."
The Rolling Stones - "Street fighting man" -


8 commenti:

  1. lo ricordo come una figata pazzesca.
    sempre mitico JCVD!

    RispondiElimina
  2. van damme regista?
    ahia, mo' è arrivato il nuovo mel gibson!

    comunque, se certi film devi proprio vederli, perlomeno potresti avere la decenza di non dirlo in giro... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro il mio antagonista, questi film sono una ficata pazzesca che purtroppo per te non riuscirai mai a comprendere! ;)

      Elimina
  3. ti sei dato alla vandammeide? La revisione critica di tutta l'opera di JCVD? ah ah ah ...mi ricordo che nessuno ammetteva di vedere i suoi film però li sapevamo tutti a memoria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, purtroppo i migliori li ho già postati in passato, ma li rivedrei tutti volentieri.
      Del resto, quattro o cinque sono già orgogliosamente parte della mia collezione di dvd. ;)

      Elimina
  4. Irriverent Escapade23 luglio 2012 08:45

    Bella la piega del " riesce a divertire solo chi queste pellicole le conosce a menadito": adesso facciamo anche i radical, eh?
    Io non amo il genere ma a casa mi capita di subirlo...Mon cher p'tit frere: se non prevedessi di ridere delle assurdita' che fanno i tuoi eroi, avrei gia provato l'ebbrezza di infilare la testa in un sacchetto e poi chiuderlo al collo ;-)
    Pero' io continuo ad essere grata al nanobelga, Segal, Sly e l'insuperabile Chuck perche' mi regalano momenti di grande comicita'. Per non parlare poi delle tue appassionate recensioni: veri elogi dell'assurdo, per me e quindi autentiche perle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, anche io sono grato a tutti loro - beh, a Segal e Norris un pò meno -: in fondo, fin da quando ero bambino, mi hanno regalato una perla dietro l'altra.
      Non potrei mai non difenderli appassionatamente! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...