venerdì 14 giugno 2013

Game of thrones - Stagione 3

Produzione: HBO
Origine: USA
Anno: 2013
Episodi: 10




La trama (con parole mie): la guerra che dovrebbe portare una delle casate di Westeros alla conquista del Trono di spade infuria, e nuovi volti si aggiungono sulla scacchiera della lotta. A Sud i Lannister si stringono attorno al patriarca Tywin, che con pugno di ferro e matrimoni di comodo spera di poter salvare la sua famiglia, mentre a Nord il giovane Robb Stark guida gli eserciti finora imbattuti per vendicare la morte di suo padre.
E mentre Stannis Baratheon, fratello dell'ultimo re manipolato dalla sacerdotessa Melisandre, prepara il suo contrattacco a seguito del fallimento che gli è costato la sconfitta di Blackwater, dall'altra parte del mare la giovane Khaleesi Daenerys, madre dei draghi, è intenta ad assemblare un esercito di ex schiavi pronto a tutto per garantirle la vittoria.
Nel mezzo si muovono la giovane Arya Stark, in viaggio nelle terre del continente, il bastardo Jon Snow, finito tra i bruti oltre la Barriera, Jamie Lannister e la sua compagna di viaggio Brienne di Tarth e molti altri volti di una lotta che pare non essere concentrata sui nemici da temere davvero: gli esseri giunti dal ghiaccio eterno pronti ad invadere le terre degli Uomini.




Poche serie, nel corso delle ultime stagioni, hanno saputo mantenere, anno dopo anno, una qualità ad un livello alto ed una costanza così salda come Game of thrones: la creatura di Benioff e Weiss prodotta dalla HBO e tratta dai romanzi di George Martin sorprese due anni fa la critica ed il pubblico con una prima stagione a dir poco strabiliante, seguita da una seconda forse di passaggio ma ugualmente in grado di fornire all'audience materia per riflessioni, momenti di esaltazione ed altri di grandissimo intrattenimento: con il terzo giro di giostra, pare che gli autori siano riusciti in qualche modo a realizzare una sorta di clamorosa media tra le due stagioni precedenti, creando il connubio perfetto tra l'adrenalina di passaggi come il confronto tra Daenerys - sempre uno dei personaggi di punta dell'intero affresco - e gli schiavisti pronti a venderle l'esercito degli Illuminati o quello del destino degli Stark - uno dei finali di puntata più clamorosi degli ultimi anni - e la riflessione legata al dialogo - da rimanere a bocca aperta per quelli tra Tywin e Tyrion Lannister, due dei charachters più tosti, carismatici ed importanti della serie -.
Come se non bastasse, l'evoluzione - in positivo ed in negativo - di protagonisti come Jamie Lannister - mi pare ancora di portare i segni della sua menomazione -, il Cavaliere della Cipolla o Arya Stark - che promette di essere uno dei volti più importanti del futuro di questa storia -, uniti all'inserimento di interessantissimi nuovi nomi come Olenna Tyrell, Ramsay Snow - interpretato dall'ex di Misfits Iwan Rehon - e Daario Naharis hanno reso possibile un ulteriore passo verso la maturazione di uno dei titoli fondamentali che la tv abbia regalato al suo pubblico negli ultimi anni.
Senza dubbio troverete, al pari di elogi, critiche che ormai considerano l'imponente affresco ispirato dal titanico lavoro di Martin ostico a causa del numero certamente non indifferente di storie, sottotrame, personaggi e vicende che si intersecano ed incastrano dal Nord al Sud di Westeros, fino ad oltre il mare: potrei dirvi perfino che potrebbero essere fondate, le suddette critiche, eppure prestando la necessaria attenzione non vi sarà richiesto alcuno sforzo, perchè la passione e l'intensità con la quale questa storia è stata narrata sarà in grado di rapirvi neanche foste uno dei membri di una delle casate che si contendono un trono che pare costare più sangue e morte, che non gloria ed onore.
Oppure finireste per ritrovarvi tra i non nobili che finiscono per dedicare ogni loro singolo giorno alla lotta, e che volenti o nolenti portano sulle spalle il peso di una colpa e di un fardello che non hanno scelto - Jon Snow ed il già citato Cavaliere della Cipolla su tutti, con quel suo "Ho accettato di avere un titolo per il futuro di mio figlio", cui segue il raggelante scambio "E che ne è di tuo figlio, ora?" "E' morto seguendomi in battaglia" -, uomini più o meno deprecabili che si battono per uno spazio anche limitato su una terra che potrebbe essere la nostra.
George Martin, infatti, ha certamente composto e portato sulla pagina una sorta di complesso gioco di ruolo dipanatosi nei recessi della sua mente, eppure il risultato non ha il sapore di qualcosa di irreale, lontano, estraneo da quello che anche noi siamo: i protagonisti della lotta che racconta Game of thrones sono quanto di più umano possa esistere anche nel nostro mondo, e se le questioni, da queste parti, non si regolano più con la spada in pugno, il potere della politica e delle influenze, le differenze di classe ed i problemi che accomunano tutti gli uomini - nobili o popolani che siano - altro non è se non lo specchio della grande giostra di passioni che è la vita: Cersei che trova gioia perfino in Jeoffrey e nel ricordo della sua bellezza da bambino, Arya al suo primo omicidio, Jon Snow in lacrime di fronte alla donna che ama, e che si trova costretto a lasciare, Jamie Lannister pronto ad affrontare la menomazione e uomini biechi uccisi da uomini ancora più biechi. 
Homo homini lupus. La legge della giungla e quella della spada.
Anche se non è sempre detto che le ferite più profonde possano essere provocate dall'acciaio.
Questa è una guerra, signori miei. E da una guerra non si esce mai incolumi.
La guerra è una tempesta che non salva neppure i superstiti.
E all'orizzonte si addensano nubi di una ancora più grande di quella per un trono d'acciaio.
E a quel punto si vedrà la differenza tra i re e gli uomini che non hanno bisogno di dichiarare di esserlo per doversi imporre sugli altri.


MrFord


"Blood and tears
blood and tears
since you've been gone
I hear you've been crying
blood and tears
all alone
in your misery
so alone
could you have
been deceived
since I've been gone
I hear you been crying."
Danzig - "Blood and tears" -


28 commenti:

  1. Non sono un appassionato di serie tv in generale, ma questa è clamorosa e non mi sono perso una puntata. E poi ho la mia copilota che si è divorata tutti i libri di Martin e mi fa gli approfondimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucien, io seguo parecchie serie, ma senza dubbio questa è tra le migliori per cura dei personaggi, tecnica e potenza emozionale. Bellissima, dalla prima all'ultima - per ora - puntata.

      Elimina
  2. Mi sa che comincio a leggere i libri. Come aspetto la quarta se no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che prima o poi li comincerò anch'io! :)

      Elimina
  3. L'ho snobbata,un po' come tutte le serie. A questo punto me la tengo per quando avrò finito Dexter ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai, anche vedendo la qualità delle ultime due serie di Dex, Game of thrones l'ha nettamente superato. Recuperala! :)

      Elimina
  4. Condivido ogni singola sillaba del tuo articolo. Grande serie, per il terzo anno consecutivo tra le migliori produzioni seriali. Inoltre alla fine di ogni stagione si ha sempre la sensazione che qualcosa di più grande stia per succedere. Peccato solo che adesso dobbiamo aspettare fino a marzo 2014.
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il prezzo da pagare per le grandi serie come questa: anche io già scalpito per la prossima stagione. Grande, grande produzione!

      Elimina
  5. Poche serie, nel corso delle ultime stagioni, hanno saputo mantenere, anno dopo anno, una qualità ad un livello alto:
    ecco, game of thrones non è una di queste.

    mad men sì, 6 stagioni senza sbagliare un episodio.
    questa stagione di game of thrones è invece stata pasticciata, con troppi personaggi e quasi tutti poco approfonditi, ormai vogliono solo tirarla per le lunghe per sfruttare il successo il più possibile per 20 anni...
    du palle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che tu non sia riuscito a seguire tutti i personaggi forse è un problema di deficit d'attenzione! ;)

      Per il resto, non mi sentirei mai di definire una serie come questa non di alto livello: la tua tanto cara Once upon a time, piuttosto, è una di quelle proposte naufragate nel tempo! ;)

      Elimina
  6. hai colto bene lo spirito della storia.i pasticci di cui parla il cannibale ci sono ma nascono non dalla volontà di allungare il brodo ma di condensare (colpevolmente?) mille fatti e personaggi senza tagliare praticamente niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: non potranno mai raccontare per filo e per segno i romanzi, ma per il momento hanno realizzato davvero qualcosa di unico nel panorama televisivo.

      Elimina
  7. Sono d'accordo a metà e già lo sai. Alla fine, seppur riuscita, questa stagione è inferiore alla prima (forse sullo stesso livello della seconda) ma le manca omogeneità. Speriamo per la quarta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, mi ricordo del tuo post: io la trovo una delle serie migliori degli ultimi dieci anni, senza dubbio alcuno.

      Elimina
  8. Forse la serie televisiva che mi ha emozionato di piu' negli ultimi dieci anni..e poi su, diciamoci la verità, non ti viene voglia di possedere almeno un drago? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me viene voglia più che altro di sbatacchiare un pò gentaglia come Joffrey, e poi di darli in pasto ai draghi. Comunque grandissima serie, senza ombra di dubbio.

      Elimina
  9. Vista tutta d'un fiato questa stagione è stata come sempre ricca di pathos e di azione, e anche i momenti di stallo riservavano riflessioni non da poco! Per il prossimo anno, in barba all'attesa, ripeterò la full immersion!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, concordo in pieno: anche nei momenti di "stallo" le emozioni e la qualità erano incalcolabili.

      Elimina
  10. Livelli altissimi, davvero altissimi. Sicuramente non è chiara come dovrebbe e ci sono troppi personaggi per pochi episodi, le vicende a volte si fanno contratte e non-dette e non sempre c'è quel minimo di linearità per aver un buon rapporto causa-effetto, però, cazzo, personaggi e soprattutto dialoghi sono cose stratosferiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simone, sfondi una porta aperta: il lavoro sui dialoghi è pazzesco, e la qualità è davvero superlativa. Ho letto da qualche parte che potremmo cominciare a considerate Game of thrones l'erede di Lost: secondo me non è così sbagliata come considerazione.

      Elimina
  11. Grande grande serie, stasera mi guardo le ultime 2... E vediamo come è questa 9 che mi dicevi tanto.....
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, fammi sapere com'è andata, che sono curioso!

      Elimina
  12. Grande stagione, la nona puntata è stata decisamente SHOCK e la decima mi ha lascito della speranza per la prossima stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Game of thrones ormai è una certezza: senza dubbio una delle serie più importanti degli ultimi anni.

      Elimina
  13. Da lettore dei libri sono entusiasta, ma per me tutti l'hanno presa troppo sul serio. Serie carina ma genstita maluccio in più punti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà, ma per me resta uno dei migliori prodotti televisivi degli ultimi cinque - se non dieci - anni. ;)

      Elimina
  14. Stagione straordinaria davvero!! Difficile trovare una serie con tanti personaggi così ben sviluppati. A dir la verità, sembrano non esserci personaggi primari e secondari. Ognuno acquista la sua importanza. In particolare mi è piaciuta tantissimo la crescita del personaggio di Jaimie Lannister. I suoi dialoghi con Brienne di Tarth sono stati straordinariamente belli. Per non parlare delle scene tra il Cipolla e la bambina figlia di Stannis che sono persino riuscite a farmi commuovere. C'è tutto in questa serie: violenza, amore, inganni, crudeltà, dolcezza, incesti, battaglie, tradimenti... trovatemi qualcosa che manca! Grande prodotto televisivo, di qualità cinematografica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo: il personaggio di Jamie Lannister è uno di quelli che si è evoluto maggiormente, parallelamente ad una serie che è uno dei must see del piccolo schermo degli ultimi anni. Splendida.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...