martedì 3 settembre 2013

Elysium

Regia: Neill Blomkamp
Origine: Sudafrica, USA
Anno: 2013
Durata: 109'




La trama (con parole mie): siamo nel 2154, e la Terra è ormai popolata dai derelitti della società in balìa di malattie, vulnerabilità e degrado, controllati da una forza di polizia robotica e diretti da un'elite manageriale che vive nella stazione orbitale Elysium, una sorta di paradiso ove Natura e Tecnologia si incontrano e la sicurezza, la salute e la stabilità sono garantite sempre e comunque.
Quando Max, ex detenuto deciso a rigare dritto, è ridotto in fin di vita a causa di un incidente sul lavoro, il tentativo disperato dello stesso di salvarsi trovando posto su una delle tante navi dirette clandestinamente su Elysium diviene una scintilla pronta a dare origine ad una sorta di sotterranea rivolta dei terrestri e all'inizio di una nuova era per l'intera società.





Neppure il tempo di essermi di fatto abituato al ritorno a casa dopo un mese di vita da spiaggia neanche fossi un Ex-Presidente, e subito arriva il confronto con una delle pellicole sulla carta più importanti di questa parte finale dell'anno: Elysium.
Tutto questo clamore perchè dietro la macchina da presa di quest'epopea action/sci-fi dalle forti venature di critica sociale troviamo Neill Blomkamp, genietto cresciuto negli ambiti creativi del videoclip ed esploso qualche anno fa con lo splendido District 9, che raccolse consensi quasi unanimi nella Blogosfera e non.
Peccato che questa volta al buon Neill la ciambella non riesca propriamente con il proverbiale buco: non che Elysium sia un brutto film, mal girato o realizzato - tutt'altro -, o che Matt Damon non si faccia in quattro per mostrare tutte le sfaccettature di un personaggio complesso almeno quanto il Wikus protagonista della precedente fatica del regista sudafricano, eppure l'originalità delle vicissitudini degli indimenticabili Gamberoni si perde in una critica fin troppo evidente al sistema da "Impero" made in USA - si sprecano i riferimenti alla questione del confine con il Messico - e ad una serie di situazioni che danno allo spettatore l'impressione del già visto e sentito, una sorta di deja-vù d'autore che si differenzia da blockbuster di grana decisamente più grossa come Oblivion soltanto grazie all'abilità tecnica di Blomkamp.
E non bastano una partenza convincente - i rapporti decisamente tesi e difficili da immaginare con i funzionari della legge robotici - ed un main charachter quantomeno controverso - l'egoismo di Max, almeno fino al climax conclusivo probabilmente imposto al buon Neill dalla grande distribuzione, e la sua volontà di salvarsi la pelle a tutti i costi anche a scapito della figlia della vecchia amica d'infanzia è uno spunto di riflessione decisamente niente male - per rendere Elysium il piccolo cult che molti appassionati - sottoscritto compreso - si aspettavano: certo, bottigliare uno come Blomkamp quando avevo salvato il già citato Oblivion potrà apparire quantomeno esagerato, eppure la legge dei "numeri dieci" non ammette eccezioni.
Quando sulle spalle porti un talento fuori dal comune il tuo pubblico si aspetterà sempre qualcosa fuori dal comune dalle tue imprese: ed una sorta di versione riveduta e corretta - nonchè pesantemente edulcorata - del lavoro responsabile della fama conquistata non basterà mai e poi mai per far gridare l'audience nuovamente al miracolo.
Il cyberpunk sporco e cattivo, dunque, questa volta finisce per essere tale solo in superficie, rivelandosi un fuoco di paglia che senza dubbio raccoglierà consensi ma che neppure lontanamente regge il paragone con le sue origini: una vicenda che sugli schermi del Saloon si era vissuta anche rispetto a Duncan Jones, passato dai fasti di Moon al decisamente non memorabile Source code.
E come per il pargolo di David Bowie, anche nel caso di Blomkamp non resta che attendere il terzo capitolo dell'avventura per capire se quelle che abbiamo di fronte sono due promesse dalla classe cristallina o meteore dalla luce talmente brillante da illudere (quasi) tutte le platee di essere stelle.


MrFord


"Now nothin' can take you away from me 
we've been down that road before
but that's over now
you keep me comin' back for more."
Bryan Adams - "Heaven" - 



36 commenti:

  1. Ohi ohi.
    Un altro diludendo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto diludendo, rispetto a District 9.

      Elimina
  2. E la prevedibilita'?
    Le bottiglie non sono per le sorprese in negativo?
    Come facevi ad aspettarti qualcosa di elevato coi soRdi delle major di mezzo,in mano ad un brillante artigiano.Quando mai e' successo nella storia del cinema che un brillante esordiente,una volta assoldato in grande,abbia compiuto un balzo di qualita'?
    Non fare il finto tonto....Ci va un bicchiere e via!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo aspettavo principalmente perchè Blomkamp è uno con qualcosa da dire, soldi oppure no.
      Peccato davvero.
      E tra i brillanti esordienti che non hanno poi deluso, mi viene in mente subito Nolan.

      Elimina
    2. Eccco, per l'appuntemente Nolan.... LOL

      Elimina
    3. Attenzione, perchè ti arriva una pioggia di bottigliate se mi spari su Nolan! ;)

      Elimina
  3. Oh belin, il diludendo!
    Ho fatto bene ad ignorarlo, allora.

    RispondiElimina
  4. mi sembrava una possibile delusione, ma dopo la tua stroncatura/stronzatura ho ripreso fiducia eheh :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece io ho come l'impressione che ci metterà d'accordo in negativo!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Sai com'è, quando inizio, non ce n'è per nessuno! ;)

      Elimina
  6. ormai ci hai preso gusto con le bottigliate!! Anche se concordo con Giocher... anch'io non mi sarei aspettato molto da questa mega-produzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo fiducia in Blomkamp, e mi è dispiaciuto vederlo decisamente sprecato!

      Elimina
  7. bottigliate pure a BlomKamp? certo che troppe vacanze ti hanno incattivito....comunque non aveo grosse aspettative dopo District 9...quadrò lo vedrò saprotti dire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che District 9 non ti era piaciuto!?
      Aspetto comunque la tua recensione!

      Elimina
  8. Non lo so... un po' mi ispira. Ma non per Matt Damon. Davvero.

    RispondiElimina
  9. muy deludente! l'idea era buona per quanto non originalissima (perchè mentre lo guardavo non facevo altro che pensare a Wall-e?), però lo svolgimento è banaluccio e i personaggi stereotipatissimi. A Matt Damon voglio bene ma mi è sembrato un tantino imbolsito per la parte action affidatagli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessia, concordo in pieno: un film che non decolla mai come avrebbe dovuto, e che non riesce ad essere incisivo come District 9. Peccato.

      Elimina
  10. A me invece è piaciuto un sacco, anche più del gia validissimo District 9, Blomkamp è un regista che, secondo me, farà grandi cose e Elysium come sci/fi action non del tutto disimpegnato funziona a meraviglia.
    Matt Damon mi è piaciuto assai, Sharlto Copley favoloso, il suo villain era ganzissimo, l'unica un po piatta e anonima la Foster, che di norma è brava, ma qui non era al top, unico neo del film, magari il suo personaggio potevan costruirlo meglio, ma per il resto nulla da dire, x me un gran film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura più di District 9!? Ammazza!
      A me, invece, è sembrato la sua brutta copia, e anche io non sono rimasto per nulla convinto dalla Foster.

      Elimina
  11. Si allunga la lista dei delusi. A sto punto benedico il fatto di non poter andare al cinema per vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente questo rientro sta riservando una delusione dopo l'altra: speriamo non duri troppo questo trend bottigliatorio! :)

      Elimina
  12. No dai, tutto sommato conservo ancora una gran voglia di vederlo. Abbasso giusto un po'le aspettative così da godermelo meglio.
    Ci credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, forse con le aspettative abbassate riuscirai a godertelo meglio: ben fatto, ma niente di che davvero.

      Elimina
  13. Per me sono stati tutti esagerati con questo film. Commerciale e piatto, vero, ma anche molto divertente e ben fatto. A mio parere un film onesto, molto più di quella schifezzuola di "Oblivion"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onesto sì, ma rispetto ad Oblivion - che non aveva alcuna aspettativa "alta" - non mi ha coinvolto e neppure divertito. Una delusione fatta e finita.

      Elimina
    2. oddio, il twist finale di Oblivion era abbastanza pretenziosetto... qui invece è tutto sul tamarro andante, quindi dai, alla fine è coerente con sé stesso.
      Visto senza pensare che c'è Blomkamp dietro è un film godibile

      Elimina
    3. Proprio perchè parliamo di Blomkamp, mi aspettavo qualcosa di molto più potente!

      Elimina
  14. acc... anche questo mi stronchi....

    RispondiElimina
  15. Uh, bottigliate selvagge. Che peccato. A questo punto per fortuna mi devo ancora guardare District 9. Dici che se mi guardo questo prima e partendo con meno aspettative possa avere una chance?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, non so come ho fatto ma mi sono perso il tuo commento: rimedio ora!
      Secondo me ti conviene recuperare District 9 e non preoccuparti di Elysium! ;)

      Elimina
  16. sono andata a vederlo pensando 'avrà mica sempre ragione lui no'?
    e invece sì :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso, mi spiace di aver avuto ragione! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...