sabato 21 settembre 2013

Ghostbusters 2

Regia: Ivan Reitman
Origine: USA
Anno: 1989
Durata:
108'




La trama (con parole mie): sono passati cinque anni dalle imprese che portarono i Ghostbusters a salvare New York, e per gli ormai ex acchiappafantasmi le cose non vanno proprio a gonfie vele. Peter Venkman si è ridotto a condurre programmi televisivi di quart'ordine, Egon Spengler ha aperto una libreria dell'occulto insieme al vecchio amico Ray Stantz, che nel tempo libero si diletta nell'intrattenimento alle feste per bambini insieme al quarto moschettiere dei flussi da non incrociare mai, Winston Zeddemore.
Quando Dana, ex di Peter nonchè amica storica del gruppo, chiede aiuto, Egon e Ray accorrono, dando inizio ad una serie di eventi che culminerà nella scoperta di un fiume di melma ectoplasmatica che scorre sotto la città e nel confronto tra i nostri cacciatori di spiriti e l'incarnazione di un tiranno Est europeo di qualche centinaio di anni prima, il temibile Vigo.




Questo post partecipa alle celebrazioni decisamente sovrannaturali del Bill Murray Day.


Erano gli ultimi scampoli di anni ottanta, quando l'allora bambino Ford cominciava ad assaporare le prime aspettative da visione in sala: ricordo, in questo senso, Rocky IV visto con mio padre e lo spavento alla morte di Apollo così come Chi ha incastrato Roger Rabbit?, quando con la più giovane delle mie zie arrivammo al pelo per l'inizio della proiezione.
E Ghostbusters 2.
Avevo amato alla follia - e visto almeno un centinaio di volte con mio fratello - il primo capitolo delle avventure degli acchiappafantasmi, cult personale ancora oggi ed arrivato nell'allora casa Ford direttamente in vhs, dunque l'hype per il sequel al momento dell'annuncio salì letteralmente alle stelle, tanto che ricordo addirittura che conservai l'intervista agli attori trovata sulle pagine di TV, Sorrisi e canzoni.
E ricordo che, complici un Bill Murray scatenato ed un cattivo dal look in bilico tra il trash ed il temibile, uscii clamorosamente soddisfatto dalla sala nonostante già allora avessi avuto l'impressione di aver assistito ad una sorta di copia del primo film con l'aggiunta della questione melma, spassoso ingrediente che richiamava la bava degli ectoplasmi del giro di giostra precedente.
Certo, a livello cinematografico, ora che posso ragionare a mente fredda, siamo ben lontani dal supercult che lanciò Venkman e soci nell'Olimpo dei personaggi indimenticabili di un decennio indimenticabile, eppure sequenze come il trionfale arrivo a Manhattan della Statua della Libertà guidata grazie alla suddetta melma e ad un joystick sulle note di Jackie Wilson è ancora un piacevole momento di intrattenimento, così come gli scambi a senso unico tra Bill Murray ed il dipinto di Vigo durante il "servizio fotografico" organizzato dai Ghostbusters.
Del resto, e su questo non c'è mai stato dubbio alcuno, primo o secondo capitolo poco importa, il charachter cui presta volto ed ironia proprio il nostro festeggiato viaggia sicuro almeno una spanna su tutti gli altri, e fin dai tempi in cui consideravo Bill Murray una sorta di zio single e fuori dagli schemi riesce a rappresentarlo al meglio, neanche il buon Venkman fosse una sorta di antesignano di quelli che sarebbero diventati i ruoli simbolo passati e presenti dell'attore.
In tempi in cui si vocifera di un ipotetico terzo capitolo della saga - che pare stia incontrando enormi difficoltà di realizzazione - la nostalgia per quegli anni in cui nessuno si sarebbe lamentato troppo di un sequel ricalcato dall'originale, divertito e divertente, retto da un gruppo di attori e caratteristi in perfetta sintonia, è molta, ed il desiderio di provare di nuovo il brivido dello zaino protonico o dello sparamelma si fa sentire neanche fosse un colpo di fulmine.
Certo, non staremo parlando del miglior Bill Murray di sempre, o di una pietra miliare del genere e del Cinema, ma averne anche ora, di pellicole come questa: dunque mi viene da chiedere, "se piove merda, e qualcuno deve metterci un ombrello, chi chiamerai?".
Io non ho dubbi.
Il vecchio zio Bill con i suoi compari, ovviamente.

"Your love, lifting me higher
than i've ever been lifted before
so keep it it up
quench my desire
and i'll be at your side, forever more."
Jackie Wilson - "Your love (keep me higher)" -


28 commenti:

  1. Credo di non averlo mai visto. Buon Bill Murray Day!

    RispondiElimina
  2. C'hai proprio azzeccato nella descrizione di Bill! E' proprio quello zio un po' malinconico e un po' sognatore con un bicchiere mezzo pieno sempre in mano.
    Buon BMD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vecchio Bill è proprio così. Per questo gli vogliamo così bene!

      Elimina
  3. Io invece pure da piccolo l'ho sempre detestato. L'unico Ghostbuster che per me è esistito è solo il primo inarrivabile film.
    Buon Bill Murray Day, comunque ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddai, anche questo regala i suoi bei momenti! ;)

      Elimina
  4. ma questa cos'è una sorta di risposta all'articolo(RICOMINCIO DA BILL MURRAY) di CANNIBAL?!?!? ;) ehehehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la dimostrazione che ormai io e Peppa Kid viviamo una sorta di rapporto simbiotico! ;)

      Elimina
  5. sottoscrivo praticamente tutto, che dire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente, facciamoci un brindisi e via! ;)

      Elimina
  6. Vabbe ok il 1 è inarrivabile..ma anche questo regala bei momenti e ha un gran finale secondo me.
    Ecco più che altro spero che non facciano mai il 3.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ci spero ancora, e che non deluda neppure le aspettative.

      Elimina
  7. "Non era anche Vigo la Sporcacciona?"
    Schiantata, muoio dal ridere ancora adesso.
    Meno bello di Ghostbusters, concordo, ma Venkman rimane sempre un mito!
    Buon Bill Murray Day!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le battute su Vigo sono una delle cose migliori del film. Da spaccarsi dal ridere. Buon BMD!

      Elimina
  8. un super classicone il primo, ricordo poco il secondo ma comunque una pietra miliare degli anni 80 e nella carriera di Murray! buon BM day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono Ghostbusters senza Murray, e non c'è Murray senza i Ghostbusters! :)

      Elimina
  9. chi vuoi ingannare?
    negli anni '80 eri già un vecchio, altroché bambino! :)

    di ghostbusters 2 ricordo che avevo pure il videogame e il ritratto di vigo sia lì che nel film era spaventoso. quasi quanto questo blog uahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente sono coetaneo di Vigo, e decisamente più temibile! ;)

      Elimina
  10. Azzeccata la descrizione di Murray. Venkman è un personaggio esilarante come lo è il primo film, questo lascia un po' l'amaro in bocca, o la melma se preferisci.
    Buon BMD :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denny, meglio questa melma di certa merda che gira nelle sale! ;)

      Elimina
  11. essendo il primo un mega-cult il secondo resta comunque un buon secondo... e come giustamente dici averne anche ora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farei un bel fioretto ed eviterei di bere per un bel po', se tornasse l'atmosfera cultissima di quegli anni!

      Elimina
  12. mi piaceva un sacco anche questo... il carpatico è un'icona! :)
    Mitico Peter Venkman!
    buon BMD!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vighino, Vighino, Vighino, siamo stati tanto cattivi! Mitico!

      Elimina
  13. Bill Murray è eccezionale in ogni ruolo!

    RispondiElimina
  14. Me lo rivedrei volentieri, i film degli anni Ottanta sono così effetto nostalgia! buom BMD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo: io me li rivedrei di continuo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...