domenica 8 settembre 2013

Venezia 2013

La trama (con parole mie): e così anche quest'anno si è concluso il Festival di Venezia, con la prima vittoria di una pellicola italiana dopo quindici anni di digiuno. In giro si sente già parlare un gran bene di questo Sacro GRA, staremo a vedere se potrebbe trattarsi di un primo passo del Nostro Cinema verso la luce dopo un oblìo durato troppe stagioni o di un eccesso di campanilismo del Presidente di Giuria Bertolucci.





Sarà la pigrizia lasciata in eredità da un'estate passata a godermi Famiglia, Fordino, Julez, sole e mare, la mia parte lebowskiana, la voglia di godermi gli ultimi giorni prima del rientro al lavoro o chissà cos'altro, ma quest'anno ho finito per snobbare clamorosamente il Festival di Venezia, senza preoccuparmi troppo di chi avrebbe vinto, delle voci e quant'altro.
Non avendo assaggiato ancora nulla del menù proposto dal Lido, attendo che le pellicole principali - a partire dalla vincitrice - passino dalle parti del Saloon e intanto mi limito a riportare freddamente la lista dei premi principali, che ha visto l'Italia tornare protagonista a sorpresa.
Staremo a vedere, come dicevo poco sopra, se si sarà trattato di una vittoria con merito o di un colpo di sole occorso a Bertolucci.
Speriamo bene.


MrFord


 

Leone d’Oro: Sacro GRA di Gianfranco Rosi
Gran premio della giuria: Jiaoyou (Stray Dogs) di Tsai Ming-Liang
Leone d'argento per la migliore regia: Miss Violence di Alexandros Avranas
Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile: Themis Panou per Miss Violence di Alexandros Avranas
Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Elena Cotta per Via Castellana Bandiera di Emma Dante
Premio Mastroianni per l'attore emergente: Tie Sheridan per Joe di David Gordon Green
Migliore sceneggiatura: Philomena di Stephen Frears, scritta da Steve Coogan e Jeff Pope
Premio speciale della Giuria: Die Frau des Polizisten di Philip Groening
Premio Leone del Futuro Venezia Opera Prima Luigi De Laurentiis: White Shadow di Noaz Deshe
 
 

Sezione Orizzonti
Miglior film: Eastern Boys di Robin Campillo
Migliore regia: Uberto Pasolini per Still Life
Premio speciale: Ruin di Michael Cody e Amiel Courtin-Wilson
Miglior cortometraggio: Kush di Shubhashish Bhutiani

Settimana Internazionale della Critica
Miglior Film: Class Enemy di Rok Bicek
Premio per la migliore fotografia: Inti Briones per Las Niñas Quispe di Sebastián Sepúlveda
Menzione Speciale: Giuseppe Battiston interprete in Zoran, il mio nipote scemo di Matteo Oleotto
Menzione Speciale: Anna Odell per l'insieme del lavoro svolto in The Reunion
 
 

17 commenti:

  1. Anch'io non ho seguito molto il festival e come te sono curiosa di sapere se il film vincitore meritasse o meno :) speriamo che il cinema italiano finalmente risorga :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo davvero, anche perchè ultimamente è stato davvero al limite del penoso! :)

      Elimina
  2. Io me lo voglio vedere prima di giudicare anche se il trailer non mi ha trasmesso niente.

    RispondiElimina
  3. Eh eh. I figli ti fanno fare questo. Pensa che io mi sono perso interamente Giro e Tour. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo perchè non ci sono Festival, o Giri, o Tour che valgano come loro. ;)

      Elimina
    2. ecco perchè non ho figli e non vorrò MAI averne :-P

      Scherzi a parte, mi sarebbe piaciuto andarci, ma causa lavoro ecc non ce l'ho fatta manco st'anno, spero di andare l'anno prossimo.

      Per quanto riguarda i films quelli che più mi interessano sono "Joe" col mitico Nic, che torna finalmente a un ruolo serio e drammatico (non che non gradisca anche i suoi films spacconi eh) e Wolf Creek 2 di cui me ne han parlato benissimo e che si vocifera un uscita nelle nostre sale per febbraio.

      Elimina
    3. Ho letto molto bene anche di Locke, ma sinceramente mi basta che i prodotti siano qualitativamente buoni e la curiosità di spettatore sale.

      Elimina
    4. oddio Locke non so cosa sia, mentre mi han detto che è pessimo Canyons, del resto ostinarsi a far recitare la Lohan... anche se in sto film deve fare la parte della troia tossica, quindi di se stessa, magari recita beneXDXDXDXDXD

      Elimina
    5. Locke è un action in quasi tempo reale con Tom Hardy protagonista: ho buone aspettative!

      Elimina
    6. Locke in realtà appartiene al genere thriller/drammatico ;)

      Elimina
    7. Facciamo i precisini, eh!? ;)

      Elimina
    8. Se dici action così sembra che mi parli di un Red 2, anche per far capire meglio a myers di cosa si parla.

      Elimina
    9. ah si si ho presente :-) credo che il regista sia tale Steven Knight del quale a breve vedremo Redemption col mitico Jason Statham.

      Elimina
    10. Jason Statham sempre mitico!

      Elimina
  4. Ignorantissima me. Mi sono accorta del festival di Venezia solo perché ci è scappato il gossip della velina mora. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho assolutamente idea di quale sia questo gossip, quindi direi che siamo pari! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...