giovedì 8 settembre 2011

Conan the barbarian

Regia: Marcus Nispel
Origine: Usa
Anno: 2011
Durata: 113'





La trama (con parole mie): nel pieno dell'era Hyboriana, in un mondo popolato da grandi guerrieri, spietati tiranni e creature magiche, il giovane Conan, scampato al massacro del suo villaggio e cresciuto vivendo di imprese eroiche ed espedienti da strada, torna nel Continente dopo avere esplorato i mari per vendicare la morte del padre, avvenuta per mano dello spietato Khalar Zim, che con la figlia Marique ha intenzione di sacrificare l'ultima discendente di un'antica dinastia per attivare i poteri di una maschera in grado di resuscitare i morti.
Toccherà a Conan difendere la giovane e, al contempo, cercare vendetta e salvare il mondo conosciuto: selvaggio e spietato di certo, ma pur sempre libero dai tiranni come Zim stesso.



Negli ultimi anni, complici alcuni rilanci fortunati ed una certamente presente crisi di idee, il Cinema americano ha spesso e volentieri ripescato dalle pellicole di culto dei decenni passati nella speranza di bissarne il successo, spesso e volentieri incappando in clamorosi flop non soltanto di critica - in questi casi c'è sempre da aspettarselo -, quanto anche al botteghino.
Dunque abbiamo visto passare sui nostri schermi roba davvero di poco conto come Predators e Nightmare, trasformati da veri e propri miti degli anni ottanta a sbiaditissime brutte copie di se stessi.
Immaginate il sacro terrore che mi attanagliò quando venni a sapere che il nome successivo sulla lista era quello di Conan, uno dei cult assoluti della mia infanzia nonchè simbolo di quello che, ai tempi, fu il "superomismo" secondo Schwarzenegger, che allora fu protagonista di due film - il primo, di ottima fattura, praticamente una sorta di action epico d'autore; il secondo, una divertente baracconata che cavalcò il successo del personaggio - e divenne, a tutti gli effetti, uno dei riferimenti di un'intera generazione di spettatori.
Dunque, cosa è rimasto del granitico eroe interpretato dall'ex Governatore della California in questa pellicola costruita per l'audience del nuovo millennio?
Onestamente, poco o nulla, soprattutto pensando al primo dei due film allora dedicati al nostro cimmero preferito: la sceneggiatura di John Milius e Oliver Stone, che esplorava territori di epica ed avventura, ma costruiva attorno al personaggio l'aura del solitario barbaro in cerca di libertà che aveva in Tulsa Doom il nemico peggiore ma anche, in qualche modo, una sorta di distorta figura paterna, è sostituita da una più leggera macchina per lo spettacolo sfrenato che strizza l'occhio ai Pirati dei Caraibi e a Prince of Persia, dimenticando la quasi totalità della violenza di allora e concentrandosi sull'aspetto più cialtronesco anche dello stesso Conan, più simile a quello visto in Conan il distruttore, che non nell'originale Conan il barbaro.
Eppure, al contrario di schifezze inseribili nello stesso contesto come Scontro tra titani, questa nuova versione del personaggio che portò alla ribalta Schwarzy risulta tutto sommato godibile nei suoi limiti, fornendo l'intrattenimento necessario per un paio d'ore scarse di videogiocone senza troppe domande da godersi con birrozza, patatine e rutto libero, sentendosi un pò bambini e un pò barbari, e considerata la discreta autoironia dell'intera opera, senza dispiacersi troppo di questo potenzialmente rischiosissimo reboot.
Da par suo, Jason Momoa cerca in tutti i modi di fornire la sua versione dell'eroe hyboriano, lasciandosi alle spalle l'inespressività rocciosa dell'originale per buttarsi su un charachter rude ma più simile al Dastan del già citato Prince of Persia, risultando certamente più elastico e meno statuario del vecchio Arnold eppure, in qualche modo, più feroce e "sporco": certo, dopo aver visto il giovane attore e modello dare volto e corpo al dirompente Khal Drogo in Game of thrones la curiosità di osservarlo di nuovo in quelle vesti in un ruolo da protagonista assoluto era molta, ma tutto sommato si può dire che, data l'entità del confronto cui era chiamato, Momoa non abbia affatto sfigurato, peccando forse addirittura in eccessiva espressività.
Per quanto riguarda il resto del cast troviamo, nel ruolo di Khalar Zim, il sempre cattivissimo Stephen Lang - ormai noto per il suo ruolo in Avatar - affiancato dalla convincente Rose McGowan nel ruolo di Marique, mentre dall'altra parte della barricata il vecchio leone Ron Perlman si gioca il ruolo del padre di Conan, l'insipida Rachel Nichols quello di Tamara - l'ultima purosangue che Zim insegue per riattivare il potere della maschera - e Nonso Anozie quello di Artus, alleato del cimmero.
Curioso che proprio quest'ultimo sarà il nuovo alleato di Daenerys Targaryen nella seconda stagione della succitata Game of thrones, raccogliendo di fatto il testimone di Drogo/Momoa.
Dunque, per i fan hardcore del personaggio creato da Robert E. Howard, il mio consiglio è quello di prendere questa sua nuova incarnazione come un gioco, senza troppi (pre)giudizi a pesare sulla già non troppo resistente ossatura di questo lavoro di Marcus Nispel: da buoni barbari, preparate semplicemente un bel pò di arrosticini e un paio di panozzi come si deve, affogateli nell'idromele - o in un qualsiasi suo sostituto - e non pensate troppo.
In fondo, non è certo quella la specialità di Conan.

MrFord

"Stand and fight
live by your heart
always one more try
I'm not afraid to die
stand and fight
say what you feel
born with a heart of steel."
Manowar - "Heart of steel" -

15 commenti:

  1. Come disse una volta Renato Pozzetto: "Adesso BASTA!"

    RispondiElimina
  2. potrei avere le convulsioni alla visione di un film del genere :D

    anche se momoa al posto di schwarzenegger è già un gran passo in avanti in termini di recitazione, almeno stando a vedere game of thrones.. oserei quasi dire un po' come se al pacino riprendesse un ruolo di massimo boldi uahahahah

    RispondiElimina
  3. Stepharon, basta Conan o basta remakes!?

    Cannibale, secondo me invece questo potrebbe quasi quasi passarti.
    In fondo, del vecchio Conan - purtroppo - ha poco e nulla.
    L'unico vero valore aggiunto è Momoa, che sicuramente appare più naturale e simpatico di Schwarzy, che, comunque, in quel ruolo era a dir poco perfetto.
    Poi, certo, solo uno scellerato come te paragonerebbe Khal Drogo a Pacino. ;)

    RispondiElimina
  4. lo evito molto volentieri questo remake... però mi viene voglia di riprendere e rivedere il vero Conan (grandiose le sceneggiature di John Milius!!!)

    cazzo i Manowar!!! l'epic metal calza a pennello :D

    RispondiElimina
  5. pure io, nel vedere trailer e leggere pareri, ho sempre più voglia di rivedere il vero Conan!

    RispondiElimina
  6. Vincent, in realtà è molto meno peggio di quanto non possa sembrare, per una serata senza alcuna - ma proprio alcuna - pretesa. Certo, l'originale è un'altra cosa.
    I Manowar, invece, ci calzavano a pennello!

    Frank, il vero Conan non si discute, ma ci sono stati remake indubbiamente peggiori - vedi Nightmare -!

    RispondiElimina
  7. io non riguarderò mai più il vero conan (dannato ford!) e non guarderò manco questo.

    ;-)

    RispondiElimina
  8. Beh, dai, pensavo peggio. Ero pronto ad uno tsunami di bottigliate, invece tutto sommato sembra fare il compitino discretamente.
    Ma non sono ancora convinto se guardarlo o meno.
    Ci penso sù.

    Domenica sera sei a casa? Al limite faccio una scappata lì io solo e ci facciamo una bevuta al pub.
    Così almeno ci si vede!!
    Poi con calma per sett pross organizziamo bene cena e film.
    Che ne dici?

    RispondiElimina
  9. non lo voglio più rivedere il remake di Nightmare!

    RispondiElimina
  10. Ciku, secondo me potresti riguardarlo, o decidere di dare una chance al secondo, o a questo: ormai mi sono messo in testa di superare Jim Morrison! :)

    Dembo, lo tsunami di bottigliate sta aspettando il film giusto, e poi di recente si è già sfogato un pò con Tekken! ;)
    Per domenica alla grande!

    Frank, non lo voglio più rivedere nemmeno io. :)

    RispondiElimina
  11. non si vince niente, sai?

    RispondiElimina
  12. Mah, non lo andrei a vedere nemmeno sotto tortura!:D

    RispondiElimina
  13. Ciku, la gloria mi attira più di qualsiasi premio - e poi è una questione ormai tra me e il vecchio Jimbo! - ;)

    Perso, ti dirò: dopo aver visto Tekken, questo pare quasi da Festival di Cannes! :)

    RispondiElimina
  14. Il mio Jason preferito insieme alla versione Khal <3 <3 <3
    E sì,il film nel complesso era una tamarrata niente male,mi è piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi ci ero divertito: non epico come l'originale, ma tamarro abbastanza!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...