sabato 28 dicembre 2013

Ford Awards 2013: i film (N°40-31)

La trama (con parole mie): ed eccoci giunti alla classifica delle classifiche, il premio più importante dei Ford Awards, quello dedicato al meglio uscito in sala dal primo di gennaio ad oggi che sia passato su questi schermi. Iniziamo con le posizioni più basse - ma non per questo meno meritevoli - della classifica, che a mio parere rispetto alle corrispettive dello scorso anno riescono ad avere qualcosa in più, tanto da costringermi a tagliare dalla scelta finale perfino titoli action che in tempi più magri avrebbero fatto certamente la loro porca figura.


N°40: NO - I GIORNI DELL'ARCOBALENO di PABLO LARRAIN


Alle spalle il deludente - almeno per il sottoscritto - Tony Manero ed il troppo autoriale Post mortem Pablo Larrain firma una pellicola di grande importanza sociale, una lezione che gli abitanti del Cile soggiogato da Pinochet diedero al loro dittatore attraverso l'assolutamente democratica via del voto.
Un gioiellino emozionante e visivamente vintage che ho apprezzato anche grazie a più di un pensiero rivolto alla situazione politica - disastrosa - italiana, nella speranza che un giorno o le cose possano cambiare anche per noi.

N°39: ANNA KARENINA di JOE WRIGHT


Joe Wright, che tempo fa era riuscito a colpirmi al cuore con l'ottimo Espiazione, torna in sala con un lavoro tecnicamente incredibile, bellissimo per gli occhi seppur decisamente freddo dal punto di vista delle emozioni: un titolo, comunque, che sarebbe stato davvero difficile non premiare con un inserimento nella top 40, non fosse altro per la sopraffina messa in scena a metà tra il Teatro e l'estetica di Baz Luhrmann.

N°38: NOW YOU SEE ME di LOUIS LETERRIER


Divertissement realizzato benissimo nonchè una delle sorprese più piacevoli della scorsa estate, questo giocattolone che ricorda il gusto per l'illusione di cult decisamente più autoriali come The prestige ha incontrato il favore di Julez, che sicuramente l'avrebbe posto in posizioni più alte in questa classifica facendo scendere, al contrario, qualcuno dei titoli sponsorizzati dal sottoscritto.
Promosso, comunque, come intrattenimento intelligente, e a dispetto della posizione, anche dalla metà più tamarra dei Ford.

N°37: LA MIGLIORE OFFERTA di GIUSEPPE TORNATORE


Sopresa in positivo, questo La migliore offerta, che ha rilanciato ai miei occhi uno dei registi italiani più sopravvalutati di sempre, Giuseppe Tornatore, e che lego al ricordo di uno dei primi giorni passati interamente da solo con il Fordino, che per l'occasione fu ancora più bravo del solito e mi tenne compagnia in una visione emozionante ed a suo modo magica, come raramente riescono a concederne, soprattutto di recente, i prodotti nostrani.



Altra posizione, ed altra più che piacevole sorpresa: considerata la presenza di Nicholas Cage mi sarei aspettato una tamarrata da competizione e di basso livello, e invece il risultato del lavoro di Scott Walker è un ottimo thriller ispirato alla vera storia di uno dei più feroci serial killer del Nord America, responsabile di un numero imprecisato di uccisioni nell'Alaska degli anni ottanta. Finale da brividi ed una Vanessa Hudgens splendida in versione dark, nonchè bravissima.

N°35: GRAVITY di ALFONSO CUARON


Così come per Anna Karenina, l'attesissimo Gravity di Alfonso Cuaron, deludente dal punto di vista di trama ed emozioni, è risultato talmente strabiliante tecnicamente da rendere impossibile una sua esclusione dalla classifica finale dei migliori film usciti in sala: il buon Alfonso, che aveva già lasciato a bocca aperta con il meraviglioso I figli degli uomini - in quel caso anche a livello emotivo -, confeziona una meraviglia registica come raramente se ne sono viste negli ultimi dodici mesi, con piani sequenza da capogiro ed una maestria con la macchina da presa praticamente unica.

N°34: CANI SCIOLTI di BALTHAZAR KORMAKUR


Non poteva mancare, nella classifica fordiana con il best del duemilatredici, qualche tamarrata come si deve nel classico stile Expendables: il nuovo lavoro di Kormakur, che già mi aveva ben disposto con Contraband, è una vera chicca in pieno stile Lansdale con due protagonisti in grande spolvero - soprattutto il Denzellone -, sparatorie, azione, battutacce da cameratismo e amicizia virile e chi più ne ha, più ne metta.
Insomma, una vera manna per gentaglia come me.

N°33: DON JON di JOSEPH GORDON LEVITT


L'esordio dietro la macchina da presa del già lanciato come attore Joseph Gordon Levitt, seppure acerbo, è un divertente e profondo excursus nella commedia romantica in grado di prendere abilmente per il culo il genere senza per questo risultare sguaiato, oltre che un ritratto davvero niente male del triangolo Uomo/Donna/Porno.
Se le premesse sono queste, il futuro anche registico del ragazzo sarà decisamente luminoso.

N°32: STAND UP GUYS - UOMINI DI PAROLA di FISHER STEVENS


Seconda, vera fordata di questa decina, questo Stand up guys, versione old school ancora più old school degli Expendables, è una chicca riuscita a far breccia perfino nel cuore di quel pusillanime del Cannibale, che è stato in grado non solo di sopportarlo, ma di giudicarlo perfino discreto.
Cast delle grandi occasioni, amicizia virile, onore d'altri tempi ed una profondità stemperata da una signorile abilità di prendersi molto, molto per il culo: e neppure il Tempo viene risparmiato.

N°31: THE CONJURING - L'EVOCAZIONE di JAMES WAN




James Wan, che negli anni scorsi era incorso spesso e volentieri nelle peggiori bottigliate by Ford, sorprende con un vintage horror sicuramente derivativo eppure perfettamente funzionale, nonchè una delle pellicole in grado almeno in parte di fare quello che un horror dovrebbe fare - paura - più interessanti degli ultimi anni.
Tecnica pregevole, costruzione interessante ed almeno un paio di sequenze memorabili rese grandi anche solo grazie ad un battito di mani.

TO BE CONTINUED...


MrFord

28 commenti:

  1. Sono tornata, chissà se ti ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che mi ricordo! Qui al Saloon non ci dimentichiamo mai degli avventori e dei compagni di bevute!
      Bentornata!

      Elimina
  2. me ne manca solo uno...anche a me Gravity non ha fatto chissà che impressione eppure visivamente è splendido...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello l'ho inserito così in basso: tecnica perfetta, ma davvero troppo poco spessore.

      Elimina
  3. solo il 40° posto per NO?
    a me è piaciuto un sacco, anzi un sacco e mezzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuto, ma c'erano molti altri film che mi sono piaciuti di più pronti a superarlo! ;)

      Elimina
  4. iniziamo mica troppo bene. alcuni film come cani sciolti (che non sono manco riuscito a finire di vedere talmente è banale) ce li potevi proprio risparmiare dalla classifica...
    ci stanno stand up guys, the conjuring, no, anna karenina e anche now you see me, ma don jon è troppo in basso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cani sciolti è roba da duri, ci credo che non sei riuscito a finirlo! Ahahahahah! ;)

      Per il resto non credo che dovresti lamentarti: cinque film approvati su dieci mi paiono già un successo! O forse è proprio per questo che ti disturba la cosa! ;)

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo col Cannibale per Don Jon ma sopratutto come fai a mettere un filmone come Gravity così in basso?? non ci siamo!! ;)

      Elimina
    2. Gravity grandissimo sul piano tecnico, ma davvero poco profondo.
      Don Jon, invece, è carino ma acerbo: giusto così!

      Elimina
  6. Una prima parte già molto Fordiana!
    Mi segno Il cacciatore di donne di cui si parla un gran bene, mi spiace per il Don Jon così in basso però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saranno fordiane anche le altre decine, vedrai! :)
      Il cacciatore di donne non è niente male, recuperalo!
      E come ho scritto a Lorant, Don Jon è molto carino, ma anche acerbo: ci sta che inizi dal basso! :)

      Elimina
  7. L'ultima offerta, per quanto valida la premessa, si risolve in un insulto al buon senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che invece a me è piaciuto molto il crescendo finale! ;)

      Elimina
  8. Molto curiosa di vedere Cani sciolti...anche per capire chi dice balle, se Cannibal o il proprietario del Saloon. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione su Cani sciolti è semplice: se sei un fighetto radical chic pusillanime come Cannibal, difficilmente lo apprezzerai! ;)

      Elimina
  9. troppo in basso La migliore Offerta e Gravity ma è anche vero che tu hai visto il triplo dei miei film, hai molta più scelta.

    Stano, non ho visto NO ma in alcuni siti l'ho trovato sul podio dei migliori film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gravity e La migliore offerta sono due film discreti, considerati i quaranta ci stavano: recupera No, secondo me ti piacerebbe!

      Elimina
  10. Della tua lista ho visto solo il divertente "Now You See Me". Gli altri li recupererò prima o poi...;)
    Comunque off topic e rilancio, dacci dentro con Rectify, voglio vedere 3 bicchieri e mezzo (minimo) pieni! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops.......Baingiu

      Elimina
    2. Mi segno Rectify, poi staremo a vedere quanti bicchieri mi strapperà! ;)

      Elimina
  11. Gravity da me sarà più su...giusto un pochino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un giusto un pochino ironico o serio!? ;)

      Elimina
  12. Buona lista fratello, gravity un po' bassino ma capisco il tuo ragionamento.
    Now you see me non esiste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che da Gravity mi aspettavo molto di più, quindi in fondo ci sta! :)
      E ancora non capisco la tua ostilità verso Now you see me! ;)

      Elimina
    2. Boh a me è sembrato ruffiano e paraculo. ..ma forse non mi è andato giù il fatto che abbia incassato più di pacific rim!
      :-D

      Elimina
    3. Ahahah e pensa che Pacific rim non è neanche nella classifica! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...