martedì 19 marzo 2013

Die hard - Un buon giorno per morire

Regia: John Moore
Origine: USA
Anno: 2013
Durata: 98'




La trama (con parole mie): John McClane, arcigno poliziotto abituato ad imprese caotiche e spettacolari, vola in Russia per cercare di scoprire cos'è accaduto a suo figlio Jack, che da anni ha interrotto ogni rapporto con lui.
Neanche il tempo di atterrare e cercarsi una sistemazione, ed il detective si troverà immischiato in un complicato affare spionistico che prevede il salvataggio di un supertestimone e della figlia, protetti proprio da Jack, operativo della CIA, legati ad un grosso nome del crimine fin dai tempi di Chernobyl.
Ovviamente seguiranno esplosioni e sparatorie a profusione, condite da un progressivo riavvicinamento tra McClane ed il suo ugualmente casinista rampollo.





Questo post partecipa all'iniziativa del Bruce Willis Day. 

Io voglio bene a Bruce Willis. Parecchio.
L'ho sempre considerato un fordiano ad honorem, parte di quei casinisti solidi di cui mi considero esempio discretamente riuscito, oltre che una maschera dell'action come poche altre ce ne sono state.
Ed ho sempre adorato John McClane, fin dagli ormai lontani anni ottanta e da quel "hippy ya ye" entrato nella Storia.
Ma occorre proprio che lo dica: quest'ultimo capitolo di una saga alla quale avevo dedicato addirittura una retrospettiva anche qui al Saloon è davvero ed inesorabilmente brutto.
Se si tolgono, infatti, la palese questione commerciale legata alla sua distribuzione ed un paio di momenti in pieno stile Bruce Willis regalati ovviamente da Bruce Willis, il resto è un'accozzaglia disorganizzata di esplosioni, sparatorie, dialoghi totalmente privi dell'ironia che ha sempre contraddistinto questa saga, una regia pessima perfino per una proposta di questo genere ed una sceneggiatura a dir poco imbarazzante - si salva, forse, soltanto il twist che precede la lotta finale - che rende la visione insolitamente pesante e noiosa, tanto da far dubitare sull'effettiva durata della pellicola.
Il mezzo bicchiere che separa questa robetta dalla più selvaggia delle bocciature è soltanto il vecchio Bruce, al quale basta la manovra con il freno a mano durante il primo inseguimento per evitare il proiettile dell'RPG con il nome McClane scritto sopra per conquistare incondizionatamente il mio affetto, cementato dagli appellativi in pieno stile luogo comune da film anni ottanta rifilati ai russi di turno - da Karamazov a Nureyev - e alla battuta sul rischio della perdita dei capelli nel dialogo pre-gita a Chernobyl con il figlio.
Ma resta davvero poco altro, anche e soprattutto del rapporto con quello che dovrebbe divenire il suo erede, gestito nella più telefonata delle vie possibili e certamente non aiutato da un attore - Jay Courtney, sosia del sosia di Tom Hardy che avevo già visto all'opera nella prima stagione di Spartacus - neanche per sbaglio espressivo o pane e salame come lo stesso Willis, che qualsiasi film abbia interpretato non ha mai dimenticato che parte integrante del fascino - anche nel caso dei duri - è senza dubbio frutto di una robusta dose di (auto)ironia.
Si potrebbero inventare altri giri di parole per descrivere il decisamente dimenticabile lavoro di John Moore - del resto parliamo del regista di roba come Max Payne -, ma onestamente non ne ho neppure troppa voglia: sappiate soltanto che per un appassionato di tamarrate ed esplosioni e vera action in pieno eighties style come il sottoscritto è agghiacciante pensare di distrarsi deliberatamente quasi ignorando la visione neanche ci si trovasse di fronte ad una palla mortale come Lincoln dalla quale bisogna scuotersi per evitare il sopraggiungere del sonno, cosa purtroppo accaduta spesso nel corso di questa visione.
Un vero peccato, soprattutto perchè McClane è stato uno dei charachters chiave del genere, e avrebbe meritato una chiusura - sempre che di chiusura si tratti - decisamente più dignitosa e divertente.
Non mi resta che ricordarlo ai tempi dell'old school, quando a dirigerlo potevamo trovare gente in gamba come John McTiernan invece di registi fantoccio come il signor Moore.


MrFord


"Cuz I've seen everything that I could see
and now I can say goodbye today
with all I know
its time I said goodbye
today is a good day to die."
Godsmack - "Good day to die" -



40 commenti:

  1. condivido pienamente, viva l'old school, pena di morte ai fighettini che cavalcano l'onda di una saga che dovrebbe essere intoccabile per registucoli da strapazzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, parole santissime.
      Old school forever.

      Elimina
  2. e hai livelli di noia di lincoln?
    oh cazzo!

    °__°

    RispondiElimina
  3. L'inespressività del figlio di McClane è inarrivabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. E' l'equivalente di un frigorifero.

      Elimina
  4. Sai che ho letto che Kubrick avrebbe voluto Willis nella parte di Joker? Perchè hai rifiutato, Bruce, perchè??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se effettivamente è stato così, vorrà dire che vorrò un pò meno bene al Brus! ;)

      Elimina
  5. Lo lascio un pò in stand-by, credo non sia un granchè e tu lo confermi:) Buon BWD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascialo pure nel dimenticatoio, non ti perdi nulla!

      Elimina
  6. Non è sempre valido il detto " gallina vecchia fa buon brodo" e nemmeno Willis ( gran bella vecchia gallina) fa eccezione. Diffido naturalmente dei sequel che vanno a raschiare sempre più il fondo di un barile ormai vuoto di idee....santificheró il Willis Day guardando il primo Die Hard :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent, mi pare un'ottima idea. Recupera il primo e tanti saluti!

      Elimina
  7. eh eh anche io ho ricordato quanto ci voglio bene a brus uillis! Però questo film mette a dura prova qualsiasi forma d'affetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, ebbene sì. Gli vorrò bene comunque, ma che fatica!

      Elimina
  8. Prima di arrivare a questo dovrei recuperare ben 3 Die Hard... la vedo dura ma non troppo, potrebbe scapparci una settimana a tema!
    Buon BWD ma soprattutto anche Buona festa del papà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, gli altri tutto sommato meritano, l'unico davvero brutto è questo.
      Buon BWD a te!

      Elimina
  9. Ma quanti Die Hard ci sono! Sto perdendo il conto... comunque BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è senza dubbio di troppo! Buon BWD!

      Elimina
  10. si il film non è un granché, ma secondo me merita la visione per quel fantastico doppio gesto con salto nel finale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono un paio di gesti che valgono la visione, ma rispetto agli altri è pessimo!

      Elimina
  11. OMG 1 bicchiere e 1/2: ho paura di vederlo adesso! Io mi sarei fermata a 3 Die Hard. La tua recensione non fa che rafforzare questa mia teoria!
    Buon BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente questo ultimo capitolo era assolutamente evitabile, peccato.
      Buon BWD!

      Elimina
  12. No no... mi lasciano sempre perplesso questi come back ad anni di distanza. E mi pare che non si tratti solo di un mio pregiudizio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che più che un pregiudizio, si tratta di una terrificante certezza!

      Elimina
  13. Che tristezza sentire queste cose :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, anche io avrei voluto un nuovo capitolo spassoso e all'altezza degli altri!

      Elimina
  14. Mi sono fermato al brutto quarto capitolo, e penso che questo lo lascerò proprio perdere. Riflessione amara sul buon Willis e su certo cinema action... ag, gli anni ottanta, quanto mancano a volte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il quarto non era dispiaciuto, ma questo è assolutamente evitabile.
      E gli anni ottanta mancano anche a me!

      Elimina
  15. Eccomi. No, non ce la faccio. Perdonami Bruce. Buon BWD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brus perdona tutti. ;)
      Buon BWD anche a te!

      Elimina
  16. porca vacca che brutta notizia, non lo guardo deciso. Buon BWD, per rialzare il morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincent, non ti perdi proprio nulla.
      Buon BWD anche a te!

      Elimina
  17. Buon BWD, ho provato a guardarlo, davvero ci ho provato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capirti, davvero.
      E buon BWD a te! ;)

      Elimina
  18. Buon Bruce Willis Day, a quanto pare è l'unico della saga che è pronto per essere guardato, poi ovviamente recupererò gli altri dato che ancora sono a digiuno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A digiuno di Die Hard!?!? Impossibile!
      E occorre per forza partire dal primo, questo è davvero robetta!

      Elimina
  19. Ha trasmesso la capacità espressiva al figlio '0' se fosse stato ancora in programmazione avrei voluto portare mio padre a vederlo come regalo visto che è un fan sfegatato ma purtroppo (o per fortuna?) non c'era più... Ford buon BWD e tanti auguri anche a te neo papà (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pio, grazie degli auguri, e che dire!? Brus è sempre Brus, anche se questo film non gli rende giustizia!

      Elimina
  20. Peccato, ne leggo male un po' ovunque, anche se la curiosità di vederlo resta. Del resto è sempre un Die hard e un'oocasione gliela concedo volentieri!

    Fratello ti ho scritto 2 messaggi, ma ti arrivano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, onestamente è l'unico davvero inutile della saga, un peccato.
      I messaggi sono arrivati, ho anche provato a richiamarti!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...