lunedì 30 dicembre 2013

Ford Awards 2013: i film (N°20-11)

La trama (con parole mie): ci avviciniamo alla vetta ed alla resa dei conti che condurrà al vincitore del Ford Award 2013 come miglior film, entrando in una top 20 che, seppur priva di un vincitore sicuro come nelle ultime due edizioni, ha visto battersi tutti i titoli presenti fino all'ultimo, lottanto posizione su posizione. In particolare la decina di oggi riunisce grandissima qualità e varietà di generi, nonchè una dose di emozioni che non avrebbe affatto sfigurato neppure in una top 10.


N°20: FRANKENWEENIE di TIM BURTON


Tim Burton torna a fare il Tim Burton maneggiando la materia che meglio riesce a plasmare, tirando fuori dal cilindro una piccola meraviglia pescata da un vecchio lavoro risalente ai tempi della sua collaborazione con la Disney.
Non sarà Nightmare Before Christmas, eppure Frankenweenie riesce a far tirare un sospiro di sollievo a tutti i fan del vecchio Tim, neanche si fosse tornati ai tempi magici di Edward mani di forbice.

N°19: A ROYAL AFFAIR di NIKOLAJ ARCEL


La sorpresa dell'ultima edizione degli Academy per la categoria del miglior film straniero: un intrigo avvincente, interpreti in grande spolvero, una riflessione sul potere che logora chi ce l'ha e chi no ed un piglio che pare una via di mezzo tra Barry Lyndon e Le relazioni pericolose.
Questo regista praticamente venuto dal nulla farà presto parlare di nuovo di sè, se continuerà a proporre piccole meraviglie come questa.

N°18: WOLF CHILDREN di MAMORU HOSODA


In un anno davvero terribile per l'animazione, orfana di proposte davvero interessanti, il lavoro di Hosoda - già noto per cose pregevoli come La ragazza che saltava nel tempo - raccoglie il testimone di Miyazaki rappresentando il meglio che il Sol Levante riesce ancora a proporre quando si tratta di "cartoni animati": una fiaba di formazione dalle atmosfere che rimandano dritte a Totoro poggiata sulle spalle di una Famiglia unica e su una delle figure materne più intense del Cinema recente.

N°17: NELLA CASA di FRANCOIS OZON


Francois Ozon, regista molto radical chic eppure da sempre amato dalle parti di casa Ford, stupisce ancora una volta raccontando un dramma borghese in uno splendido stile teatrale per uno dei titoli più riusciti che i nostri cugini francesi abbiano confezionato in quello che, probabilmente, sarà l'inizio della loro parabola discendente dopo le ultime, incantate stagioni.
Un film che è un gioiello di intelligenza, arguzia e tecnica.

N°16: BEHIND THE CANDELABRA di STEVEN SODERBERGH


Un Michael Douglas monumentale porta sullo schermo Liberace, pianista e showman che fu una delle icone più influenti ed importanti dello showbiz a stelle e strisce a cavallo tra gli anni settanta ed ottanta: una storia d'amore ed un dramma di solitudine che mostrano tutte le ombre che finiscono per accumularsi anche alla luce della ribalta più straordinaria.
Una parabola discendente sul potere dello spettacolo come poche altre se ne sono viste nel passato recente.

N°15: THE MASTER di PAUL THOMAS ANDERSON


Reso grande dalla consueta, strabordante regia e da due interpretazioni titaniche, l'ultimo lavoro di Paul Thomas Anderson non è riuscito forse ad essere memorabile come avrebbe voluto, reso ostico da un'eccessiva monumentalità e da una non facile interpretazione, eppure una volta sedimentato nel profondo rappresenta senza dubbio una delle esperienze più incredibili che uno spettatore possa chiedere al suo duemilatredici.
Un film da sudarsi dal primo all'ultimo fotogramma.

N°14: BEFORE MIDNIGHT di RICHARD LINKLATER


Richard Linklater chiude (?) la sua trilogia sull'amore con la più intensa e matura delle sue opere: Ethan Hawke e Julie Delphy si confrontano con i loro anni ed il tempo che è trascorso, portando in scena un botta e risposta di dialoghi da manuale pronti a culminare con un confronto finale che è poesia e drammatica realtà per ogni coppia che lotta ogni giorno per il suo amore.
Se deve esserci un titolo "romantico" per quest'anno sulla via del tramonto, eccolo qui, giunto attorno a mezzanotte.

N°13: IL GRANDE GATSBY di BAZ LUHRMANN


Alle spalle la delusione di Australia, Baz Luhrmann si confronta con un Classico della Letteratura USA tornando ai fasti di Moulin rouge, e regalando a Leonardo Di Caprio la prima delle sue due incredibili performance attoriali di quest'anno: Gatsby e la sua New York di eccessi e luci nella nebbia, parabola che ricorda quella del Kane di Quarto potere e dello Hughes di The aviator è una gioia per gli occhi ed un turbamento per il cuore, una tragedia quasi shakespeariana costruita come uno spettacolo da circo. Praticamente, un colpo di fulmine.

N°12: NOI SIAMO INFINITO di STEPHEN CHBOSKY


Ed ecco un titolo soltanto per un soffio non inserito nella top ten, un racconto di formazione che ha saputo risvegliare antichi ricordi dei tempi in cui il vecchio Ford era un adolescente timido ed introverso, una bomba emotiva che ho impiegato giorni e giorni ad assorbire nella sua dirompente carica esplosiva.
Interpreti perfetti, una storia tanto reale quanto magica, tutti i dolori della crescita e tutta la voglia di affrontarli per arrivare, un giorno o l'altro, a godersi il resto della vita.

N°11: QUESTIONE DI TEMPO di RICHARD CURTIS


Giunto sugli schermi del Saloon spinto da un paio di fidate recensioni positive, Questione di tempo è riuscito a spiazzare e sorprendere il sottoscritto passando rapidamente dalla stralunata commedia romantica in stile Ruby Sparks ad uno dei migliori ritratti del rapporto tra padre e figlio passati in sala dai tempi di Beginners.
Raramente mi capita di commuovermi davanti ad un film, ma sarà stato il numero dei gin tonic, sarà stata la fresca paternità, ma con il finale di Questione di tempo ho versato un vero e proprio tsunami di lacrime.


TO BE CONTINUED...


MrFord

16 commenti:

  1. Il Grande Gatsby per me è il film dell'anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Il grande Gatsby, ma non abbastanza per essere il film dell'anno. :)

      Elimina
  2. mi sono perso Before Midnight e Questioni di tempo.. tsunami di lacrime!?!? Vale il recupero?
    Anyway, Noi siamo infinto almeno la top ten potevi concedergliela... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questione di tempo mi ha massacrato davvero, ma sono sempre vulnerabile ai film che parlano di rapporti padre/figlio.

      Per Noi siamo infinito sono stato davvero in dubbio fino all'ultimo, ma non ce l'ha fatta.

      Elimina
  3. grande decina!
    anche se il grande gatsby è troppo troppo troppo in basso!

    a questo punto potresti essere uno dei blogger con cui ho più film in comune, quest'anno, ma fai ancora sempre in tempo a rovinare tutto con i primi 10... eheh

    per il tuo numero 1 comunque ho un paio di sospetti, ma non li svelo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gatsby forse meritava qualcosa in più - come Noi siamo infinito -, ma la decina di domani era davvero inattaccabile.
      Comunque quest'anno siamo stati fin troppo in sintonia: dovremo rifarci nel 2014!

      Elimina
  4. Siamo abbastanza in linea anche con questa decina, anche se da me qualcosa era più su!
    Attesissima, quindi, quella di domani :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa decina è tosta, ma quella di domani anche di più!

      Elimina
  5. colpa immensa da parte mia, un due tre titoli di questa decina li ho mancati e su uno non sono così d'accordo ( tipo Before Midnight), comunque sono titoli da top 10, sono curioso di vedere la tua top of the tops

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, domani verrà rivelata anche quella, con una decina ancora più prepotente! :)

      Elimina
  6. Curioso anche io per la decina di domani... penso di sapere chi ci sarà al 1 posto...
    Anche questa ottima lista anche se qualche titolo l'ho saltato. Peccato per noi siamo infinito che avrebbe meritato qualcosa in più, ma vediamo la lista di domani cosa ci riserva
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani saranno fuochi d'artificio, anche se ammetto che quest'anno ben sei su dieci della top ten del Cannibale saranno anche nella mia! ;)

      Elimina
  7. Concordiamo su: Nella Casa, Noi Siamo Infinito e The Master.
    Non concordiamo su: Il "Grande" Gatsby, ma perchè compare nelle top 10 di quasi tutti i miei blog di riferimento? A me non ha proprio convinto. Sto iniziando a preoccuparmi. :P
    Il resto devo ancora vederlo, appena avrò completato la clonazione! :D
    Baingiu
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gatsby per me è stato davvero grande. Forse puoi provare a rivederlo, clonazione permettendo! ;)

      Elimina
  8. "Wolf children" e "Nella casa" uber alles!
    Però il vedere roba come "The master" e "Il grande Gatsby" mi fa desumere che ti stai vagamente cannibalizzando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse è il Cannibale che si sta fordizzando! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...