venerdì 5 luglio 2013

I saw the devil

Regia: Jee Won Kim
Origine: Corea del Sud
Anno: 2010
Durata: 141'




La trama (con parole mie):  Kim Soo Yeon è un agente dei Servizi segreti coreani in procinto di sposarsi con la figlia di un poliziotto in pensione che ancora deve comunicare al futuro marito di essere rimasta incinta.
Quando una sera la macchina della ragazza ha un guasto in aperta campagna, la stessa finisce preda dello spietato serial killer Kyung Chul, che le toglie la vita incurante delle sue preghiere di risparmiarla proprio per il bambino che porta in grembo: Kim Soo Yeon, deciso a scoprire il colpevole, si mette sulle tracce dell'assassino indagando da solo ed anticipando la polizia.
Quando Kyung Chul finisce tra le sue mani, l'agente giura allo psicopatico di essere soltanto all'inizio della sua vendetta: comincia così una persecuzione destinata a diventare una lotta tra i due uomini che segnerà non soltanto l'esistenza di Kim Soo Yeon, ma anche quella della famiglia della sua defunta donna.




Che il Cinema coreano fosse un punto di riferimento in fatto di materia tosta come la vendetta è un dato di fatto ormai universalmente noto - che si sia cinefili oppure no - fin dai tempi dell'esplosione del fenomeno Park Chan Wook, che con Old boy sdoganò, di fatto, una corrente che ha vissuto negli ultimi anni una fortuna decisamente invidiabile, in grado di regalare al pubblico perle di qualità altissima come Memories of murder - cui questo I saw the devil è molto legato - e The mother firmate da Bong Ho Joon, divertissement d'autore e stile come Bittersweet life - sempre ad opera di Jee Woon Kim o La samaritana di Kim Ki Duk.
In realtà l'argomento è sempre stato uno dei cardini di quello che ora è considerato uno dei Paesi più importanti dal punto di vista dell'influenza sul mondo della settima arte - in particolare nell'ambito dei grandi Festival - fin dai tempi in cui cineasti ora celebrati ad ogni latitudine speravano di riuscire a portarsi a casa qualche premio secondario che potesse aprire loro le porte della grande distribuzione internazionale: I saw the devil, nerissimo titolo ormai non più recente e, purtroppo, mai arrivato nelle nostre sale, si inserisce alla perfezione in questa tradizione violenta e spietata, e afferrando lo spettatore fin dal terrificante incipit lo guida in un viaggio attraverso i lati oscuri della mente e del cuore così profondo e d'impatto da far apparire cult come Se7en fondamentalmente versioni da parental guidance di vere pellicole "da grandi" come questa.
Partito sfiorando addirittura l'horror per avviarsi su binari che ricordano l'hard boiled prima di esplodere in un crescendo finale che danza sulla tensione del thriller per scoperchiare vasi di Pandora ancestrali e decisamente scomodi che ogni uomo porta ben nascosti nel cuore, il lavoro di Jee Woon Kim è costruito sulle spalle dei due straordinari protagonisti, l'algido Byung Hun Lee - che prestò il volto principale anche nel già citato Bittersweet life - nel ruolo di Kim Soo Yeon e l'incredibile Min Sic Choi - che il pubblico occidentale conobbe per la prima volta proprio con Old Boy -, entrambi autori di una prestazione da antologia e brividi: il rapporto che si costruisce tra lo spietato serial killer Kyung Chul e l'agente Kim Soo Yeon rappresenta senza dubbio uno dei più complessi e stratificati delle ultime stagioni cinematografiche, pronto a stupire e sconvolgere l'audience ad ogni suo passaggio ed evoluzione, dalla terrificante uccisione della fidanzata di Kim che apre la vicenda - che ha riportato alla mente del sottoscritto la forza di cult di genere come Il silenzio degli innocenti - fino ai ripetuti incontri dei due uomini, atti a ridefinire i loro ruoli ed esplorare lati delle rispettive personalità fino a quel momento sconosciuti.
La progressiva evoluzione di Kim da tutore dell'ordine a predatore accecato dalla furia e quella di Kyung da spietato assassino a vittima designata, come se non bastasse, si evolve attraverso sfumature sempre più complesse, e benchè non si rischi neppure per un secondo - drammatico finale compreso - ad empatizzare con una bestia della risma di Kyung - clamoroso come lo stesso, rimesso in libertà una prima volta da Kim, non ci pensi due volte a ricominciare ad uccidere, o tentare di farlo -, la portata delle azioni dell'agente muove a riflessioni sempre più profonde, legate al fatto che il contatto con l'oscurità liberata per dare la caccia all'uomo che ha ucciso la sua compagna, finiscono per condurlo su sentieri pericolosi e soprattutto destinati a generare altro dolore, altra morte e disperazione, neanche ci trovassimo all'interno di una tragedia greca dell'antichità, di quelle che non risparmiano nulla e nessuno, e più ci si avvicina al cuore e più profonde saranno le ferite.
Lasciandomi trascinare da questa terrificante meraviglia ho avuto anche modo di riflettere a proposito della figura del serial killer, da sempre tra le più affascinanti che la cronaca e la storia potessero presentare al sottoscritto: ai tempi della mia adolescenza, le vite di personaggi come potrebbe essere Kyung riuscivano ad alimentare una curiosità oscura che, in alcuni casi, finiva per creare una sorta di empatia, eppure con il passare del tempo - e, probabilmente, l'età e la formazione di una Famiglia - ogni legame di questo tipo pare essere scomparso, e per quanto drammatiche siano le ripercussioni delle azioni di Kim - di cui lo stesso agente è assolutamente responsabile - non c'è nulla che l'assassino subisce per mano del suo cacciatore che non meriti, perfino - e di nuovo lo cito indirettamente, per quanto stia cercando di non rivelare nulla - il trattamento riservatogli alla fine della storia.
Certo, il protagonista dovrà accettare il fatto che, una volta aperto il proprio cuore ai compromessi della violenza e della vendetta, la vita non sarà mai più la stessa: un pò come per noi, da questa parte dello schermo, ogni volta che decideremo di affrontare una visione come quella di I saw the devil.
Perchè quel diavolo, quel mostro, quell'abisso, ricambieranno sempre il nostro sguardo.
E la cosa più terribile è che potremmo scoprire di somigliargli perfino troppo.


MrFord


"And she says,
I swear I'm not the devil
though you think I am.
I swear I'm not the devil.
And she says,
I swear I'm not the devil
Though you think I am.
I swear I'm not the devil."
Staind - "Devil" -


35 commenti:

  1. Trovo il titolo splendido. Secondo te il film potrebbe piacermi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un filmone, davvero. Credo proprio potrebbe piacerti.

      Elimina
    2. Sì Poison. Decisamente.

      Elimina
    3. Bene. Metto alla ricerca lo schiavo.

      Elimina
    4. poison, perché lo scacasti al Tff? io l'ho visto lì un paio d'anni fa, uno spettacolo! bellissimo e, sì concordo, dovrebbe piacerti

      Elimina
    5. Allora attendiamo una tua recensione, Poison! :)

      Elimina
    6. @Dantes: hai altre domande difficili e/o imbarazzanti? Non si sarà incastrato con altre cose, la sinossi dal programma (quella che spacciava tonimanero come un capolavoro per intenderci) mi avrà fatto pensare che avrebbe potuto non piacermi, avevo judo, che ne so!?!?!? :)

      Elimina
    7. @Ford: eh. Sai che devo sempre affidarmi a terzi, per reperire i film, io...
      (non ti faccio un po' pena? ah ah ah ah ah ah)

      Elimina
    8. Quella del judo riscatta il fatto che tu debba rivolgerti a terzi: e comunque la cosa di avere lo schiavo personale recupera film è una ficata! ;)

      Elimina
    9. e la cosa fantastica è che non vuole niente in cambio! :)

      Elimina
    10. Sei nata con la camicia! :)

      Elimina
    11. Comunque secondo me se ne parli al collega S. può essere che ti dica che questo film l'ha girato lui. ;)

      Elimina
    12. ah, cavolo. vero! sai che è probabile?

      Elimina
    13. Certo che lo so, conosco il tipo! ;)

      Elimina
  2. NOoooooooo lo hai trovato, dove????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mulo te lo può portare senza troppi problemi. ;)

      Elimina
  3. Confermo la difficoltà nel reperirlo, per adesso mi sono dovuto "accontentare" di memories of murder che sarà trasmesso sui miei schermi nel prossimo week end .... Ma quale è il migliore?????
    massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Memories of murder è un altro grande noir/crime coreano: difficile dire quale dei due sia migliore, sono molto diversi. I saw the devil è molto fisico e legato al concetto della vendetta e dell'abisso che ci inghiotte, Memories of murder ricorda molto Se7en e Zodiac.

      Elimina
  4. Ce l'ho pronto da guardare da un po', ne ho sempre letto benissimo, la vendetta alla coreana è un grande classico, e Lee Byung Hun uno degli attori asiatici che preferisco. Insomma, non vedo l'ora di avere una serata da dedicare a questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena puoi, goditelo. E' davvero un film potente.

      Elimina
  5. tu sai della mia passione per il cinema coreano ( girano i migliori thriller del mondo alla facciaccia di Hollywood! ) e questo è uno dei miri titoli feticcio...assolutamente imperdibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io adoro il Cinema coreano, soprattutto nella sua variante noir e crime: e questo I saw the devil è una delle cose migliori che abbiano prodotto negli ultimi anni.

      Elimina
  6. il diavolo lo vedo già tutti i giorni su questo blog.
    e mi basta e avanza buahah XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto tu possa aver ragione rispetto a me, non ne hai per nulla se ti perdi un titolone come questo!

      Elimina
  7. ma non l'hai visto tipo ad aprile? O.o
    comunque grande film, cattivo e potente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissimo film, davvero.
      Ebbene sì, l'ho visto in aprile, ma la programmazione dei post porta anche a questo! ;)

      Elimina
  8. Filmone, ma da un regista del genere uno non si può aspettare altro. Io l'ho recuperato da poco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, Frank. Grande regista per un grande film, forse il suo migliore.

      Elimina
  9. E finalmente concordiamo XD
    Capolavoro coi controcazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero un grane film, su questo non c'è nulla da discutere!

      Elimina
  10. Cazzo che strippo di vederlo che mi hai messo addosso, ce l'ho lì da vedere da mesi, una di queste sere rimedio assolutamente!!
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardatelo al volo perchè è una bombissima!
      Poi sappimi dire! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...