venerdì 19 luglio 2013

Behind the candelabra

Regia: Steven Soderbergh
Origine: USA
Anno: 2013
Durata: 118'




La trama (con parole mie): siamo sul finire degli anni settanta quando Liberace, pianista, personaggio televisivo e cinematografico di fama indiscussa, più o meno segretamente gay, conosce il giovane aspirante veterinario Scott Thorson, rimanendone conquistato e trasformandolo nel suo personale segretario. Tra i due si sviluppa un legame complesso e stratificato che li porta ad essere amanti, amici, padre e figlio e fratelli, destinato a durare per anni.
Quando le voglie di Liberace e le debolezze di Scott cominceranno a separarli, la lotta tra loro diventerà senza quartiere, giungendo alle vie legali e ad una separazione certo non felice: soltanto in punto di morte il celebre musicista si avvicinerà una volta ancora a quello che fu non soltanto il suo protetto, ma di fatto l'unico grande amore di una vita vissuta nascondendosi dietro lustrini e costumi.




Steven Soderbergh è davvero un tipo strano, e senza dubbio un regista eclettico: nel corso della sua carriera, tra Palme d'oro e blockbusteroni commerciali, è riuscito a lasciarmi inorridito - indimenticabile, se così si può dire, il terrificante Knockout - così come a colpire a fondo, passando dai neuroni mandati in vacanza alle riflessioni sulla società.
Mai, però, mi sarei aspettato una sorpresa gradita come quella costituita da questo Behind the candelabra, prodotto dalla HBO - ormai una garanzia di qualità - e nato come film tv decisamente superiore a quelli cui siamo abituati qui nella Terra dei cachi: tratto dal romanzo scritto dal protagonista Scott Thorson - un ottimo Matt Damon, in forma fisica strepitosa nonchè perfetto nel ruolo del tossico - incentrato sulla storia che legò l'uomo a Liberace - figura di spicco dello spettacolo made in USA per decenni - a cavallo tra gli anni settanta ed ottanta, Behind the candelabra rappresenta una delle più interessanti pellicole a tematica gay degli ultimi anni, in bilico tra la passione di Brokeback Mountain e le montagne russe di due decenni unici come i seventies e gli eighties nello stile di Boogie nights.
La marcia in più dell'intero lavoro - oltre ad un approccio mai fuori luogo del regista - è senza dubbio l'interpretazione stratosferica di Michael Douglas, forse all'apice della sua intera carriera, in grado di portare sullo schermo un Liberace non solo credibile al limite dell'incredibile, ma perfetto nella sensibilità oltre che nella mimica e nella postura: accanto a lui il già citato Matt Damon ed un Rob Lowe mitico nel ruolo del chirurgo plastico sempre sopra le righe, a formare un terzetto - spalleggiato da Dan Aykroyd - che funziona come un'orchestra in grado di trovarsi a memoria ad ogni raccordo di una sinfonia diretta nel migliore dei modi.
Il rapporto tra Scott e Liberace, sicuramente singolare e sfaccettato più di quanto noi spettatori - e chiunque, a parte loro stessi, l'abbia vissuto dall'esterno - saremo mai in grado di capire, è narrato con partecipazione e pari sensibilità sia dalla parte dell'affermato, più vecchio ed insaziabile pianista che da quella del giovane di belle speranze colto alla sprovvista dall'interesse che un personaggio pubblico quasi leggendario comincia a nutrire nei suoi confronti: da questo punto di vista la loro storia d'amore risulta senza dubbio più complessa rispetto a come potrebbe essere intesa, e dagli esempi che videro nell'Antica Grecia Maestri innamorarsi dei loro allievi a quelli che ogni padre vive rispetto a suo figlio la dimensione dell'amore che i due provarono risulta senza dubbio unica e profonda, a prescindere dal fatto che si fosse trattato di uomini adulti.
Il Liberace privato, inoltre, raccontato attraverso gli occhi di chi potè viverlo "dall'altra parte del candelabro", apre spiragli su un'epoca - molto lunga e mai del tutto superata - in cui l'essere gay poteva rappresentare, per una personalità di successo della Musica o del Cinema, una sorta di suicidio artistico e sociale, e che soltanto l'impatto terrificante dell'AIDS pose come questione di fronte all'opinione pubblica mondiale: la fine di Liberace - una scena struggente e malinconica, quella del suo ultimo dialogo con Scott, lato oscuro di quello che fu una vita di lustrini, parrucche, lotta contro il Tempo e l'età nonchè figlia di una sorta di condizione da succube di una madre e di una società ritratto di quanto di più lontano vi fosse da una sensibilità spiccata e prepotente quanto vivace e curiosa - segnò l'inizio del cammino che speriamo, in un futuro, possa portare ognuno di noi - artista oppure no, conosciuto o perfetto uomo o donna qualunque - a vivere la propria essenza senza pensare che Dio o - peggio - chi pensa di rappresentarlo al meglio da queste parti possano mettere bocca in questioni che riguardano soltanto un Uomo ed il suo cuore.
Quando e se così sarà, allora avremo davvero tutti una possibilità di salvare o di essere salvati.
E non ci saranno più candelabri dietro ai quali nascondersi.


MrFord


"In my place, in my place
were lines that I couldn't change I was lost, oh yeah
I was lost, I was lost
crossed lines I shouldn't have crossed 
I was lost, oh yeah."
Coldplay - "In my place" - 



22 commenti:

  1. Lo voglio vedere pure io!!! Che, lo trovo su internétte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si trova eccome! Cercalo tra quelli di newzone sul Mulo! :)

      Elimina
  2. Soderbergh conferma per l'ennesima volta quanto sia difficile da classificare. Se un domani si dovesse scoprire che è affetto da un disturbo da personalità multipla io non mi stupirei.
    Comunque Douglas qua è davvero immenso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: Soderbergh deve avere qualche disturbo dissociativo per sfornare cose così belle alternate ad altre terribilmente brutte.
      Douglas pazzesco davvero.

      Elimina
  3. Già solo la tua recensione mi fa venir voglia di vederlo. E poi Douglas e Damon insieme devono fare davvero scintille. Ma è al cine? Come lo recupero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che fanno meno scintille di Gyllenhaal e Ledger, ma sono incredibilmente bravi entrambi.
      Al momento in Italia non è prevista un'uscita: lo trovi affidandoti al sempre utile Mulo. ;)

      Elimina
    2. Grazie Ford ho provveduto! Forse tra un paio di giorni ce la possiamo fare.... comunque sì, Heat e Jake credo non li possa battere nessuno

      Elimina
    3. De nada! :)
      Fammi sapere poi com'è andata la visione!

      Elimina
  4. Un altro parere positivo. E dire che quando uscii decisi di tenermene lontano come la peste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, recuperalo: è davvero una delle cose migliori firmate da Soderbergh.
      E Douglas vale da solo la visione.

      Elimina
  5. Mi sa che potrebbe scapparci la serata con affido ai nonni. Mi intriga un sacco e, da sempre, mi piacciono i biopic (si dice così, vero, soprattutto se ben fatti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, se ti capita, recuperalo: è uno dei migliori biopic usciti di recente!

      Elimina
  6. una recensione quasi più gay della mia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo perchè siamo proprio due bromanticoni! ;)

      Elimina
  7. Filmone, uno dei migliori visti di recente. Grandissimo Douglas e menzione d'onore trash a Rob Lowe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno: bellissimo lavoro e grandi interpretazioni!

      Elimina
  8. Bello bello, ho letto anche l'intervista del vero uomo di Liberace, adesso gestisce un bordello ed è "pulito".
    Ford ma mi usi ancora il Mulo?! Ecco perché non trovi i film! Pirate Streaming rulez, è un sito non devi neanche scaricare un programma, puoi scaricare da link di hosting o guardarli in streaming, guardo anche le serie TV lì ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ma io sono vecchio, per questo mi affido al Mulo: anche perchè, una volta che trovo i film, invece di vedermeli in streaming sul computer alla scrivania, posso schiaffarmeli sul mio bel cinquanta pollici stravaccato sul divano! ;)

      Elimina
    2. come lo capisco al Ford, anche io quelli che trovo nell'idioma nostrano li passo su "grande" schermo....in questo film Douglas è di una bravura sorprendente , soprattutto per uno come me che lo ha quasi sempre considerato un cane maledetto...

      Elimina
    3. Bradipo, io porto sul grande schermo anche i sottotitolati! :)
      Comunque Douglas pazzesco in questo film, mai visto davvero a questi livelli!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...