sabato 6 luglio 2013

Oscar - Un fidanzato per due figlie

Regia: John Landis
Origine: USA
Anno:
1991
Durata: 109'




La trama (con parole mie): Angelo "Snaps" Provolone è un gangster di spicco divenuto uno dei boss incontrastati dei primi anni trenta, rispettato, ricco e temuto.
Quando incontra il vecchio padre sul letto di morte, quest'ultimo gli impone di promettere solennemente sulla sua memoria di ravvedersi, e così Angelo, da buon uomo all'antica, ripulisce i suoi modi e le attività, e pianifica di diventare socio di un'importante banca.
Il giorno dell'appuntamento con i suoi nuovi partners d'affari, però, Provolone scopre non solo di essere stato derubato dal suo giovane contabile, ma che quest'ultimo è pronto a chiedere la mano di sua figlia Teresa: peccato che lui non abbia una figlia di nome Teresa, e che la vera erede, Lisa, sia pronta a raccontare di essere rimasta incinta in modo da vendicarsi del padre che continua a tenerla rinchiusa in attesa di un matrimonio di comodo e che ha causato la fine della sua storia con l'autista Oscar.
Ma i guai della nuova vita "pulita" dell'ex "Snaps" sono appena cominciati: arrivare alla fine della giornata sarà più duro che ritagliarsi un posto nella mala a suon di colpi di pistola.




Questo post rappresenta la prima parte delle celebrazioni per il Sylvester Stallone Day, tramutato per l'occasione in Sylvester Stallone Weekend, alla facciazza di tutti quei radical chic che gli hanno preferito Kevin Spacey. Un ringraziamento speciale a Julez per il fantastico mosaico celebrativo.



Tutti gli avventori che si rispettano del Saloon sanno benissimo del culto che il sottoscritto continua ad alimentare rispetto ad una delle figure cardine della sua infanzia di appassionato cinefilo: parlo ovviamente di Sylvester Stallone, figura di spicco dell'action anni ottanta e non solo, icona della settima arte e del suo lato più fracassone e possessore del labbro più incredibile di Hollywood.
Nonostante il suddetto culto, alla mia lista personale di visioni mancava ancora Oscar, pellicola dei primi anni novanta firmata da un altro mito indiscusso, il John Landis di Blues Brothers e Una poltrona per due, capisaldi indiscutibili di ogni percorso di formazione che si rispetti.
Fortunatamente, il sessantasettesimo compleanno dello Stallone italiano - stessa età di mio padre, tra le altre cose - ha fornito l'occasione giusta per rimediare: perchè Oscar è uno spasso assoluto e totale, un divertentissimo divertissement all'interno del quale si fondono la commedia sguaiata e quella degli equivoci, la grana grossa e lo humour nero, la risata senza ritegno ed il ghigno sornione di chi la sa lunga.
In poche parole, il suo regista ed il protagonista.
Landis, che nel corso della sua carriera è sempre riuscito a regalare al pubblico un tocco pungente e molto più raffinato di quanto non possa apparire, tira fuori il meglio di Sly cucendogli addosso un personaggio che pare la sua trasposizione, gangster costretto a ravvedersi a seguito di una promessa fatta al padre sul letto di morte che pare un pesce fuor d'acqua almeno quanto uno abituato a menare le mani e scansare le esplosioni all'interno di un titolo che pare quasi un'escursione nell'autorialità nello stile del Woody Allen di Pallottole su Broadway o di frizzanti opere come L'importanza di chiamarsi Ernest.
La sequela di equivoci che mettono spalle al muro l'ormai ex gangster Angelo Provolone, infatti, è figlia della migliore tradizione del retaggio teatrale a partire dai titoli di testa - bellissimi, tra l'altro - sulle note di Rossini e del suo Il barbiere di Siviglia, come una danza senza requie tra figlie legittime e non, contabili con il vizio del furto, sicari tramutati in maggiordomi e borse che entrano ed escono da una villa che diviene palcoscenico quasi unico della vicenda nonchè motore dello stesso Snaps, intento a correre da un piano all'altro in modo da venire a capo di una matassa che pare più difficile da sbrogliare delle sue peggiori avventure da uomo della strada.
Benchè non si tratti d'altro se non di un susseguirsi di scambi di persona, di oggetti e battute apparentemente semplici, Oscar funziona a meraviglia, intrattiene e diverte grazie ad una squadra di attori tutti perfettamente in parte, una messa in scena da grandi studios dell'epoca d'oro ed un ritmo vertiginoso, reso ancor più funzionale da piccoli tormentoni già cult in casa Ford come lo schioccare delle dita di Provolone - e della figlia - ed i vezzi degli sgherri del boss, su tutti il patito di armi nonchè romantico sognatore Chazz Palminteri, perfetto nel ruolo del guardaspalle tutto muscoli e niente cervello.
Una sarabanda di situazioni, risate ed incastri che mi ha divertito dal primo all'ultimo minuto, e che nonostante una fama che non fa onore al lavoro di Landis e di Sly è stata per il sottoscritto una vera goduria che già non vedo l'ora di rivedere, perfetta per rivalutare il Rocky di noi tutti ed il suo ruolo cardine nella settima arte americana.
Almeno quella che, in barba a qualsiasi promessa, finisce sempre per preferire i muscoli alle buone maniere.


MrFord


"Tutti mi chiedono, tutti mi vogliono,
donne, ragazzi, vecchi, fanciulle:
qua la parrucca... Presto la barba...
Qua la sanguigna...
Presto il biglietto...
Tutti mi chiedono, tutti mi vogliono! 
Qua la parrucca, presto la barba,
presto il biglietto, ehi!"
Gioacchino Rossini - "Largo al factotum" - 


28 commenti:

  1. Uh! È vero, oggi è il Sylvester Stallone Day!!! :)
    Ho un ricordo molto vago di questo film. È quello dove (sempre a proposito di grandi attori) "recita" anche Ornella Muti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio quello.
      Comunque se ti capita riguardalo: è uno spasso!

      Elimina
  2. Figaro figaro figaro figaro figaro figaro ahimè ahimè che furia uno alla volta per carità!
    Contenta che ti sia piaciuto!
    Buon SSBD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io sono contento per il doppio bellissimo Sly-murales! ;)

      Elimina
  3. Questo è l'unico film che avrei fatto volentieri se avesse vinto Stallone, ma per fortuna ha vinto un attore ;)
    Il film l'ho visto più di tre volte e mi è sempre piaciuto.
    Buon Coso Day.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per sfortuna ha vinto un fighettino che non vale neanche un angolo del labbro di Sly! ;)

      Elimina
  4. Buon Sylvester Stallone Day!!
    credo di non averlo mai visto questo film.

    Comunque, una citazione per festeggiare il mitico Sly (l'unico e il solo che si meritava una celebrazione questo mese) "Nessuno è morto finché non è sepolto". Per la cronaca, avrei scelto proprio Sorvegliato speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la meritava eccome!
      Comunque recuperalo, è una piccola chicca! :)

      E grandissimo anche Sorvegliato speciale! :)

      Elimina
  5. Un piccolo film, ma francamente una delle cose migliori fatte dal nostro Stallone :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio un film ben fatto, ma devo ammettere che quasi ogni cosa targata Sly è mitica, per me!

      Elimina
  6. è l'unico film di Stallone che mi sia veramente piaciuto (e l'unico di cui abbia il divviddì)
    recitano tutti bene, persino la Muti riesce a dire le battute decentemente (magari avranno dovuto ripetere 20 volte)
    applauso al vecchio leone Kirk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kirk grandissimo, ma l'unico film con Stallone che ti sia piaciuto!? E Rocky!? Dai, su! :)

      Elimina
    2. ROCKY, certamente!!!!
      Lo stavo scortando (non lo rivedo dal 1978)!!!!
      e ammetto che la mia tendenza al paradosso mi ha preso un po' la mano...

      Elimina
    3. Marco, per me dovresti rivedere tutta la saga del mitico Balboa! ;)

      Elimina
  7. Sono con te, viva stallone, abbasso Kevin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che eri un vero Expendable, Frank! Viva Sly!

      Elimina
  8. presto, tutti i veli pietosi a raccolta.
    calate su questo film e su questo post. :D

    e comunque non c'è nessun sylvester stallone day, né tanto meno un sylvester stallone weekend. la democrazia ha parlato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che la democrazia, il golpe dei radical chic! Ahahahahah! ;)

      Elimina
  9. E comunque oggi evidentemente anche qualcun altro ha celebrato Sly, perché in tv ho visto "shade" (di cui ignoravo l'esistenza) e sai che ti dico? Non era nemmeno brutto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shade non l'ho visto neanche io.
      Dovrò rimediare! :)

      Elimina
  10. Ma che chicca mi hai rispolverato! Quanto ho riso per questo film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'avevo mai visto, ed è stata una fantastica scoperta! :)

      Elimina
  11. Geniale questo film.. Si presta così bene al teatro che una compagnia amatoriale del mio paese l'ha adattato e portato in giro un bel po'.
    Buon SSD!
    "Che quello è Stallone di nome e di fatto!" Cit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stallone mitico. Sempre e comunque. ;)

      Per il resto, film divertentissimo e confezionato ottimamente, che si presta alla grande al teatro, come dici anche tu.

      Elimina
  12. Mai visto, sembra anche carino ma non mi ha mai attirato granchè...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, recuperatelo, è uno spasso! :)

      Elimina
  13. Mi metto in mezzo ai radical chic che hanno votato Stallone ma aggiungo anche questo: se ci fosse stato uno Sly Day avrei recensito questo perché lo ricordo spassosissimo dai tempi in cui lo vedevo in TV :P
    E poi c'è Tim Curry, che cavolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora avresti dovuto votare Sly e recensirlo, maledetta! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...