giovedì 30 maggio 2013

Thursday's child


La trama (con parole mie): il Festival di Cannes è alle spalle, e finalmente qualche proposta potenzialmente interessante comincia a fare capolino anche nelle nostre sale. Dopo La grande bellezza firmato da Sorrentino, infatti, è il turno, questa settimana, di Refn, che torna sul grande schermo dopo l'enorme successo dello splendido Drive.
Purtroppo non è tutto oro quello che luccica, e accanto a quella che potrebbe essere una delle uscite più importanti dell'anno giungono come di consueto le inutili proposte made in Italy così come gli inutili commenti del mio blogger antagonista per eccellenza Cannibal Kid.
Ma dato che io sono un cowboy vecchio e saggio, allargo le spalle e vado avanti a bottigliare: in fondo, se "only god forgives", io posso anche non preoccuparmi troppo di farlo.

"Hey Cannibal, sei pronto ad una notte da leoni in macchina con me e il vecchio Ford!? Guida lui!"

Solo Dio perdona - Only God Forgives di Nicolas Winding Refn


Il consiglio di Cannibal: Nemmeno Dio perdona Ford - Not Even God Fordgives

Solo Dio perdona potrebbe essere l’incognita dell’anno. D’altra parte Refn nella sua carriera ha fatto cose splendide come Drive e altre pessime come Valhalla Rising, quindi non si può mai sapere…

I fischi e le critiche ricevute da questo film all’ultimo Cannes possono contare però fino a un certo punto, visto che in platea spesso ci sono dei criticoni invidiosi come Ford, sempre pronti a buttare giù registi che poco tempo prima osannavano. A testimoniarlo c’è ad esempio l’accoglienza ricevuta a Venezia da To the Wonder di Terrence Malick, non un capolavoro assoluto come The Tree of Life, ma comunque niente da giustificare tante opinioni negative.

L’impressione, anche ascoltando la colonna sonora, è che Solo Dio perdona ce l’avrà dura a diventare un nuovo cult totale ai livelli di Drive, però le premesse per una visione notevole ci sono tutte. Se poi Refn & Gosling a questo giro non si sono ripetuti, Dio possa perdonarli. E possa anche perdonare Ford per tutte le castronerie che quotidianamente scrive.

O meglio ancora, lui può anche non perdonarlo, che ci godrei a vederlo bruciare tra le fiamme dell’Inferno buahahah!

Il consiglio di Ford: meglio regnare all'Inferno, che servire in Paradiso.
Refn, come tutti voi ormai sapete, è uno dei protetti fordiani più protetti degli ultimi anni. Dalla trilogia di Pusher a Bronson, da Valhalla rising al meraviglioso Drive, i suoi film sono riusciti tutti a ritagliarsi uno spazio importante nel cuore del sottoscritto.

Purtroppo quest'ultimo Festival di Cannes, che almeno sulla carta doveva vedere la consacrazione definitiva dell'autore danese, ha invece segnato, a quanto pare, un passo indietro con un film giudicato da molti tronfio e spocchioso, una sorta di manifesto del radicalchicchismo in pieno stile Cannibal, ovvero il peggiore.

Io cercherò di schiaffarmelo il giorno dell'uscita senza farmi influenzare, e spero davvero di non trovarmi ad essere costretto a bottigliare perfino uno dei nomi di punta della mia scuderia.


"Cannibal, mi spiace, ma Ford mi ha dato precise istruzioni di gonfiarti come una zampogna."
Una notte da leoni 3 di Todd Phillips


Il consiglio di Cannibal: ormai stanno diventando più notti da coglioni

Una notte da leoni era un film divertente, che gasava, che faceva venire una gran voglia di andare a Las Vegas. Il sequel era una robetta che riciclava l’originale, non proponendo manco mezza idea nuova. In pratica, un film del tutto inutile. Ahimé, questo terzo capitolo rischia di ripetere il secondo che ripeteva il primo. In pratica, si preannunciano sbadigli più che risate. Tranne per gli amanti delle copie anziché degli originali come Ford, lo Zucchero Sugar Fordaciari della blogosfera. LOL

Il consiglio di Ford: Vecchio cowboy leone, giovane coniglio coglione.
Personalmente, al brand di Una notte da leoni io voglio bene.
Sarà che il mio addio al celibato è stato piuttosto tumultuoso, sarà che come idea di film da riposo di neuroni funziona, ma il lavoro di Todd Phillips è riuscito a divertirmi da matti in entrambi i suoi capitoli, nonostante il secondo fosse chiaramente una copia sputata del primo.

Il trailer del terzo, poi, è riuscito subito a riportarmi sui binari di follia che, a volte, finiscono per caratterizzare certe serate passate con gli amici a meno che non siate il Cannibale, che fin troppo spesso e volentieri dedica le nottate a chiudersi ancora più a chiave nella sua cameretta sperando che un bel principe venga a prenderlo neanche fosse un novello Raperonzolo.

"Chi è quel morto che parla!?" "Un certo Marco Goi: pare che Gosling non ci sia andato piano, con lui!"

Akira di Katsuhiro Otomo


Il consiglio di Cannibal: aaaaah, aaah kiiira, sorriderò se non a Ford?

Akira è una bella botta. M’ha fatto esplodere la testa come poche altre visioni.
Un film notevole, ricco di spunti, visivamente grandioso. Io però non c’ho capito una mazza. Attendo quindi che Ford me lo spieghi per filo e per segno, sempre se è sopravvissuto alla visione. Cosa su cui non scommetterei.

Ancora una volta, vivi complimenti alla prontissima distribuzione italiana, che fa arrivare questo film del 1987 in sala ad appena 26 anni di distanza. Forse perché è questo il tempo che ci va per riuscire a comprendere in pieno Akira…

Il consiglio di Ford: Bottigliate a-ki? A quel bimbominkia di Cannibal Kid-ra(ck)!
Non spendo troppe parole per presentare quello che è uno dei cult dell'animazione e ancor prima del fumetto giapponese di tutti i tempi, film splendido che ha fatto la storia del genere e che inspiegabilmente viene distribuito in Italia dopo aver già conosciuto almeno un paio di edizioni in dvd e bluray.

L'unica cosa che posso affermare con certezza è che se ancora dovesse mancare alla vostra "collezione", una visione è praticamente obbligatoria, considerato che, insieme a Ghost in the shell, si potrebbe considerare il Blade runner del manga. E se volete un secondo consiglio, recuperate anche il fumetto, ancora più sconvolgente, ricco e profondo.

"Ford, non mandarmi mai più contro i tuoi amichetti palestrati, o scateno tutta la forza del mio ego!"

Tutti pazzi per Rose di Régis Roinsard


Il consiglio di Cannibal: Ford è pazzo, ma nessuno è pazzo per lui

Uh, una commedia francese con un ottimo cast ambientata negli anni ’50! Questo sembra un film davvero caruccio. Una pellicola vintage e leggera di quelle che il nostro cinema si può solo sognare.

Mi sa tanto di possibile sorpresa della settimana. Alla faccia di Ford e delle sue schifezze da tamarro di periferia come Fast & Furious 600!

Il consiglio di Ford: Peppa Kid è ormai pazzo di me!
Considerato che, di recente, Ozon ha riportato molto in alto le quotazioni del Cinema d'oltralpe - non che ce ne fosse bisogno -, questo film potrebbe anche risultare abbastanza interessante, divenendo, di fatto, la sorpresa della settimana, l'outsider di lusso che non ti aspetti.

Quello che mi aspetto, invece, sono le consuete sparate prive di senso del mio antagonista, che se non fosse per Gatsby e pochi altri titoli così grandi da metterlo d'accordo con il sottoscritto sarebbe già stato bandito dal mondo dei bloggers cinematografici.


"Voglio impegnarmi al massimo e diventare la ghost-writer di Katniss Kid!"
Benvenuti a Saint Tropez di Danièle Thompson


Il consiglio di Cannibal: a Saint Tropez, la gente si chiede perché, Ford balla il twist, portando un vestito in lamè

Per un film francese promettente come Tutti pazzi per Rose, ecco arrivarcene un altro che mi attira decisamente meno. Mi ispira comunque più delle classiche commedie italiane medie, però potrebbe essere un mezzo cinepanettone d’Oltralpe piuttosto evitabile. Non evitabile quanto il blog WhiteRussian, ma comunque piuttosto evitabile.

Il consiglio di Ford: Saint Tropez mi pare il posto giusto dove spedire in vacanza il Cannibale. Io, invece, me ne vado a Cannes, con tutti quelli che di Cinema se ne intendono.

Filmetto transalpino inutile sfruttato come riempitivo neanche fosse la classica commedia di pessima fattura made in Italy che mi guarderò bene dal recuperare, e che in un periodo piuttosto impegnato come quello di ogni genitore per tutta la vita finisce per risultare solo ed esclusivamente un furto di tempo ad altre esperienze decisamente più interessanti da fare nel corso della propria vita.

Meglio, dunque, che a sciropparselo sia il Cannibale, che tanto da fare non ha niente di particolare, se non andare su Youtube a guardarsi tutti i video degli One Direction.


"Vieni con noi, Ford, ti accompagnamo al ricovero, così la smetti di ammorbarci con i tuoi amici Expendables!"
Slow Food Story di Stefano Sardo


Il consiglio di Cannibal: I don’t eat Slow Food

Viva il fast food, abbasso lo slow food!
E abbasso ancora di più i documentari sullo slow food!
E abbasso ancora e ancora di più quel lentone di Mr. Slow Ford!

Il consiglio di Ford: slow che!?
Io mangio, parecchio.
Normalmente primo, secondo, formaggio, verdura, frutta, noci, gelato e alcolico.

Di slow non c'è nulla, dalle mie parti, se non la calma che mi prendo per gustare ogni portata. Di food, invece, parecchio.

Dunque credo che salterò questo film e mi dedicherò ad una bella cena corposa.

"Se non riesco a corrompere Ford con il cibo, ci proverò con l'alcool!"
Una notte agli Studios di Claudio Insegno


Il consiglio di Cannibal: meglio una notte all’Inferno con Ford
Questo film viene promosso come il primo fantasy italiano in 3D, cosa che da sola basterebbe per scappare a gambe levate, manco ci si trovasse alla presenza di Ford ignudo. Guardando poi il trailer, si viene presi da quegli sconforti esistenziali che ti fanno chiedere: “Peeerché? Cosa ho fatto di male, per meritarmi questo?”.

Più che una pellicola cinematografica, sembra una webserie di quelle amatoriali, molto amatoriali, di quelle che Ford con il suo Stupid Phone, volevo dire Smart Phone, mi sa che gira filmini migliori…

Il consiglio di Ford: una notte lontano dal Cinema.
Per favore, non provate neppure a guardare il trailer di questo film.
Dico davvero.
Non lo augurerei neppure al Cannibale.

"Ford, Cannibal, uscite da questa blogosfera!"

Ti ho cercata in tutti i necrologi di Giancarlo Giannini


Il consiglio di Cannibal: ti ho cercato in tutti i necrologi, Ford, ma mannaggia non ti ho ancora trovato

Giancarlo Giannini è un buon attore, un grande professionista, uno dei nostri interpreti più apprezzati e ricercati all’estero (forse anche dall’Interpol), non lo metto in dubbio. A me personalmente però non ha mai entusiasmato. Adesso torna a fare il regista per la seconda volta, a 26 anni dal suo esordio. Che tutto questo tempo l’abbia passato anche lui a meditare sul significato di Akira?

Può darsi, quello che è certo è che il suo film mi ispira tanto quanto leggere i necrologi. Cosa che ho cominciato a fare, guarda caso, da quando conosco Ford. Per ora purtroppo senza avere soddisfazioni…

Il consiglio di Ford: meglio leggere i necrologi, che dedicarsi al Cinema italiano!
Ad ogni settimana che passa, mi pare che la nostra(na) settima arte si stia scavando la fossa da sola neanche se la godesse, chiusa nella bara, più della Sposa in Kill Bill.
Come se non bastasse, a buttare qualche badilata di terra in più pensa perfino un professionista come Giancarlo Giannini.
Stiamo sprofondando così tanto che a breve, forse, proporranno perfino a me e Peppa di girare un film insieme.

"Peppa, Ford, siete proprio due stronzi: scordatevi che vi scritturi per il mio prossimo film!"

24 commenti:

  1. Akira uscì al cinema anche in Italia, non ve lo ricordate perché siete trooooppo gggiovani. io, che non conoscevo il fumetto, non ci capii una mazza pur apprezzando lo stile. dovrei rivederlo con qualche consapevolezza in più

    p.s.: Pinoinsegno!!! dico, Pinoinsegno!!! gesummaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dantès, secondo me una seconda visione Akira la merita, eccome: anche se il film non raggiungerà mai le vette del fumetto, questo è sicuro.

      Elimina
    2. tecnicamente splendido, non ho dubbi. qualche perplessità sul fatto che lo capiscano anche quelli che il fumetto non l'hanno mai letto mi rimane

      Elimina
    3. Anche a me: più che altro perchè il fumetto è molto lungo, e condensarlo in neanche due ore era quasi impossibile!

      Elimina
  2. Refn ovviamente, spero presto. Akira non l'ho mai visto, ma non amo molto il genere. Il resto passo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero presto per Refn anche io, e Akira merita di sicuro.
      Il resto è ovviamente trascurabile. E forse qualcosa in più.

      Elimina
  3. Io stò ancora gustandomi la sigarettina postorgasmica con faccia sbattuta e beata del post Akira di stanotte. HODETTOCAZZOCHEBOTTA CAZZO
    Tutto il resto è noiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noia pure Refn!? Ma sei pazzo!? ;)

      Elimina
    2. Lo ben sai...Mai letto la mia personale visione di Valhalla Rising?
      O quella descritta dal mio pard per Drive? ;)

      Elimina
    3. Non voglio neanche ricordarmele, grazie! ;)

      Elimina
  4. io mi darò ad un trittico questa settimana...
    Tutti pazzi per rose, il terzo una notte da leoni e il Gosling che mi promette sempre bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare un buon trittico, così ne avrai per tutti i gusti! :)

      Elimina
  5. solo dio perdona, un cavolo!
    mi sa che nemmeno dio potrà perdonare le tue poco ispirate didascalie ahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un pò come i tuoi gusti cinematografici! Ahahahahah! ;)

      Elimina
  6. Se non muoro dal sonno, Refn già stasera.
    E mi perdonino gli altri. Altrimenti, che si fottano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che Refn non sia un diludendo! Aspetto la tua opinione!

      Elimina
    2. Lo spero pure io, lo stavo aspettando da mesi!

      Elimina
  7. Se Dio perdona tutto io non je la fò di certo. Se in Drive la poetica di Refn era tenuta sul filo, sempre a dare l'impressione di una imminente esplosione devastante, in Solo Dio perdona si abbandona completamente e lo schermo si inonda della violenza gratuita e ingiustificabile dei suoi antieroi. E' forte, ti scuote ma io ho avuto la sensazione che qualcosa non andasse bene, soprattutto ho paura per Gosling, perché non esce più dal personaggio di Drive e questo è un problema. Voglio dire a una certa basta, ecco. ;-) Però per chi ama Refn potrebbe essere il delirio del suo cinema, quindi apprezzabile. Io ancora mi devo riprendere dal post La grande bellezza. Voglio godermi quel che rimane del cinema nostrano...^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono curioso per entrambi, non avendo ancora visto neppure La grande bellezza.
      Ma conto di recuperarli a breve, e se possibile, pubblicarli per la prossima settimana!

      Elimina
  8. una settimana interessante finalmente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo solo che i leoni e soprattutto Refn non deludano! :)

      Elimina
  9. Beh, Refn per forza quasi obbligatorio. Poi anche i leoni che due risate ignoranti non fanno mai male.
    Akira bomba incredibile (mai letto il fumetto però) anche se nella seconda parte molla gli ormeggi e inizia a fare il cazzo che gli pare.

    Ho recuperato Vikings, stasera penso di iniziarla. Tu già visto qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, concordo in pieno. Intanto stasera mi sono schiaffato Fast6. ;)
      Vikings è lì, può essere che la si veda nei prossimi giorni!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...