lunedì 6 agosto 2012

La memoria del cuore

Regia: Michael Sucsy
Origine: Usa
Anno: 2012
Durata: 104'




La trama (con parole mie): Paige è una ragazza altolocata fuggita da genitori troppo opprimenti ed una storia che rischiava di diventare altrettanto triste, reinventatasi artista una volta rinunciato alla facoltà di legge e convolata a nozze con Leo, primo ed unico grande amore della sua vita.
A seguito di un incidente d'auto, Paige perde parzialmente la memoria, rimuovendo i cinque anni che la portarono alla rottura con i suoi e all'incontro con il marito.
Leo si ritrova così costretto a dover combattere per non perdere quella che era sua moglie e cercare di riconquistarla da zero, sperando che il ritorno al passato di Paige non sia troppo per un giovane proprietario di uno studio di registrazione che vive di sogni ed ironia tutti pane e salame.




So che cosa state pensando: quanto diavolo deve aver bevuto il vecchio Ford per propinare un voto tutto sommato discreto ad un film romantico che pare fatto apposta per qualche casalinga disperata o per il Cucciolo Eroico?
La prima risposta è: sempre troppo poco, purtroppo.
L'hangover è una brutta bestia, ed il lavoro e gli allenamenti mattutini del giorno dopo sempre incombenti.
La seconda è: The vow - bel titolo come di consueto snaturato dall'adattamento made in Terra dei cachi - non è così male come potrebbe sembrare.
Ispirato a fatti realmente accaduti e nonostante la presenza di uno dei più inespressivi tra i protetti fordiani - quel Channing Tatum dell'ancora indimenticato Guida per riconoscere i tuoi santi -, La memoria del cuore è la tipica - ma solida - commedia romantica perfetta per una serata di coppia dal giusto equilibrio tra le normalmente più sentimentali richieste femminili a quelle di spessore decisamente più ridotto maschili, un sapiente - e furbo - mix tra dramma e amore in grado di accontentare tutti pur non rischiando - ed osando - quasi nulla.
In questo senso, scomodando paragoni qui al Saloon importantissimi ed altri meno significativi - ma ugualmente piacevoli -, il lavoro di Michael Sucsy è riuscito almeno in parte a riportarmi alla mente due pellicole già cult per il genere come Zack&Miri e Amici di letto, scorrendo via piacevolmente senza mai apparire eccessivo e smielato come temevo sarebbe stato.
Certo, non siamo di fronte ad un film tanto convincente da considerarsi una pietra miliare - neppure nell'ambito delle commedie romantiche -, ma l'idea di fondo ed ispirazione della pellicola funziona ed è sfruttata senza particolari sbavature, riuscendo anche a stimolare riflessioni profonde nel caso in cui ci si trovi a guardarlo con la propria metà - e parlo di storie serie, non valgono quelle o quelli cui mostrerete questo film solo per portaveli a letto una volta! -: in fondo, dover ricominciare da zero con la persona amata - che poi potrebbe essere anche quella che conoscete più a fondo - senza che lei vi riconosca o abbia la memoria di uno qualsiasi dei ricordi che hanno costruito il vostro legame è senza dubbio una delle sfide emotivamente più difficili da affrontare sul terreno già abbastanza minato delle relazioni di coppia, e pellicole che hanno fatto la storia recente della settima arte - Se mi lasci ti cancello su tutte - hanno ricavato da scenari di questo tipo alcuni momenti assolutamente magici che dallo schermo finiscono dritti al cuore dello spettatore.
Le ambizioni di Sucsy non sono certamente le stesse di Gondry, eppure l'intera vicenda è narrata con semplicità ed appare priva di quella ruffianeria da film di San Valentino tipica di prodotti di questo tipo in grado, normalmente, di stuzzicare le mie bottigliate quasi quanto i presunti filmoni da bravi fighetti radical chic: anzi, l'intero lavoro pare molto simile nel suo approccio a quello di Leo, un tipo pane e salame di quelli che tanto funzionano qui al saloon e che saranno sempre benvoluti per ogni cazzotto ben assestato a qualche ex fidanzato uscito dritto dritto dalla versione yuppie di Wall Street.



MrFord



"I've been looking so long at these pictures of you
and I almost believe that they're real
I've been living so long with my pictures of you
that I almost believe that the pictures are
all I can feel."
The Cure - "Pictures of you" -


 

20 commenti:

  1. di solito questi film li trovo urticanti ma in questa estate poverissima toccherà pure vederlo in mancanza d'altro..però dai dici che in fondo non è così male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, anche io. Ma rispetto alle aspettative si guarda senza troppi problemi.
      Per un'estate come questa, ci sta eccome.

      Elimina
  2. channing tatum comunque è uno dei più espressivi tra i tuoi protetti, visti chi sono gli altri... ahahahah
    e ormai sei diventato un'eroica casalinga disperata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cucciolo, guarda che Sly o Schwarzy sono molto più espressivi di Collo Tatum! ;)
      E comunque, qui di eroico e disperato ci sei solo tu! Ahahahahahha!

      Elimina
  3. rimango legata alla Rachel McAdams di The Notebook. Non riesco veramente a vederla in nessun altro ruolo. MY FAULT, I KNOW.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente mi tengo ben lontano a The notebook, che mi ha sempre fatto un certo qual cortese ribrezzo, ringrazio di essere scampato ad un massacro zuccheroso qui e attendo Expendables 2, la visione numero uno dell'estate! ;)

      Elimina
    2. Irriverent Escapade6 agosto 2012 23:51

      Accidenti, a fotza di frequentare il saloon, sto aspettando anch'io con trepidazione l'uscita di Expendables2....Gosh

      Elimina
    3. Sorella, questo non può che essere un bene! :)

      Elimina
    4. ma non hai mai visto the notebook???no vabbhè, così non ci siamo!è la storia d'amore più bella che sia mai stata raccontata!(cmq anch'io attendo I mercenari....me li sogno fino di notte!)

      Elimina
    5. Per il momento da The notebook mi tengo lontano, gli Expendables hanno la mia completa e totale attenzione! ;)

      Elimina
  4. Non sono un grande amante dei film romantici, salvando sempre quelli ben fatti e con belle storie.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavaliere, anche io non sono un fan sfegatato del genere, ma questo è molto meglio di quanto potessi aspettarmi.

      Elimina
  5. ammetto di avere un debole per questo genere di film,
    questo non mi è dispiaciuto, anche se forse un pizzico di brio in più avrebbe fatto la differenza.

    Channy "boccuccia bella" è uno dei miei idoli :D però mi manca ancora "Guida per..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jay, concordo sul brio, ma visto che mi aspettavo molto peggio mi è andato bene così!

      Detto questo, recupera Guida per riconoscere i tuoi santi, è una bomba.

      Elimina
  6. Naaaa, non lo vedrò mai! Con tutte le cose che ho lì da parte in attesa di visione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, sicuramente non è roba da Expendables, ma comunque per i periodi di magra ci può stare tutto. :)

      Elimina
  7. Mmm..non so mai come reagire davanti a questi film. Quindi li evito in modo da non farmi lontanamente trasportare in un romanticismo che non mi appartiene :P però un po' mi incuriosisce perché le recensioni che ho letto non erano male. Anche tu ti aspettavi di peggio quindi magari..se non ho nulla da vedere..si potrebbe anche guardare (ho già usato troppi se e troppi condizionali) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rose, anche io di solito evito questo tipo di film - a meno che non siano di registi di cui mi fido -, eppure tutto sommato questo si lascia guardare.
      Se ti capita, provaci.

      Elimina
  8. Ho visto il trailer proprio l'altra sera ed ha attirato la mia attenzione. Quando ci sono perdite di memoria ci vado pazza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione della perdita di memoria è estremamente interessante, ricorda molto l'idea dietro Se mi lasci ti cancello.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...