giovedì 13 febbraio 2014

Thursday's child


La trama (con parole mie): settimana piuttosto avara di proposte in sala, questa che ci attende come una sorta di transizione in attesa che si comincino a sparare le ultime cartucce in vista della notte degli Oscar. Ad animare un pò le acque interverranno, come di consueto, il vecchio cowboy sottoscritto ed il suo finto giovane padawan Cannibal Kid, che con grande fatica cercheranno di impegnarsi per ricostruire una rivalità come si deve minata dal troppo accordo manifestato ad inizio anno.

"Ammazza quanto stanno brutti Ford e il Cannibbale!"

Monuments Men di George Clooney


Il consiglio di Cannibal: un monumento a Ford? Ok, però fatelo a Chernobyl.
Vedo il trailer di questo film e non può che venirmi in mente Bastardi senza gloria. Una vicenda particolare ambientata durante la seconda guerra mondiale ma condotta con un tocco ironico… Il risultato finale poi probabilmente non c’entrerà un granché, però boh, è quello che mi ricorda. E George Clooney, per quanto abbia dimostrato di saperci fare forse più dietro la macchina da presa che davanti, un po’ come Ben Affleck, non è Quentin Tarantino. Quindi questa pellicola potrebbe risultare interessante, la storia che racconta di un gruppo di storici d’arte impegnati a mettere in salvo le opere dai nazi lo è parecchio, però sul fatto che possa essere memorabile o davvero differente da altre ambientate nel periodo della World War II, questo è tutto da vedere…
In attesa della prossima Blog War tra me e MrJamesFord comunque potrebbe risultare un buon passatempo.
Il consiglio di Ford: un monumento al Cannibale? Certo, alla memoria!
Clooney ha già dimostrato in più di un'occasione di saperci fare - e parecchio - dietro la macchina da presa.
Onestamente, questo Monuments men mi pare però più un divertissement del Giorgione con gli amici, piuttosto che un tentativo di andare a fondo come fu per Le idi di marzo.
Comunque un film che sulla carta si presenta come uno dei più interessanti del periodo, e la prima scelta della settimana.
Peppa Kid, invece, resta sempre l'ultima. Spiaggia.

"Questa roba francese che ci ha consigliato Ford va proprio giù bene. Com'è che si chiama?" "Cognac, George. Sei più impreparato di Cannibal Kid, in fatto di alcolici!"
Sotto una buona stella di Carlo Verdone


Il consiglio di Cannibal: sia questo film che Ford mi sembrano nati sotto una cattiva stella
Ho visto il trailer e ho visto la presentazione fatta da Carletto Fordone a Che tempo che fa, aspettando la deludentissima intervista a David Lynch. In pratica, alla faccia degli spoiler, penso di sapere già tutto quello che capita nel film completo e devo dire che non mi attira per nulla. A me Verdone piace, mi sta simpatico, le sue pellicole oltre a farmi ridere mi mettono anche addosso un piacevole senso di malinconia, però questo Sotto una buona stella mi pare una variante del suo già poco riuscito ultimo lavoro, Posti in piedi in Paradiso. In quello Carletto per via delle crisi si trovava a convivere con altri due uomini divorziati come lui, questa volta è un divorziato che si trova a convivere con i suoi due figli ventenni e si ritrova come vicina Paola Cortellesi. La solita commediola del Verdone recente cui prima o poi magari darò uno sguardo, ma, nonostante l’apparizione ne La grande bellezza, i bei tempi come regista e autore per lui sembrano un lontano ricordo. Un po’ come per Ford, ancora e per sempre nostalgicamente attaccato ai suoi adorati anni ’80.
Il consiglio di Ford: Cannibal dev'essere nato sotto una buona stella, se ancora non è stato malmenato da qualcuno!
Verdone, che ho sempre reputato simpatico ed interessante - soprattutto nei primi dieci anni della sua carriera da regista - ultimamente pare aver segnato un po’ il passo, di fatto rientrando nella categoria di quegli autori che, giunti ad un certo punto del loro percorso, cominciano a citarsi e ripetersi allo sfinimento.
Onestamente non credo lo vedrò, preferendo concentrarmi sulla rivalità con il Cannibale da ricostruire dopo un gennaio da horror, terribile quasi quanto l'intervista Fazio/Verdone a Lynch.

"Hey Carlo, riesci a sentire cosa dicono di noi quei due pseudo-critici?"
Storia d’inverno di Akiva Goldsman


Il consiglio di Cannibal: se la dovrà vedere con la storia d’inferno, quella di Ford
Film fiabesco/natalizio arrivato clamorosamente fuori tempo massimo, rischia di essere l’ennesimo flop per Colin Farrell, attore di belle speranze negli ultimi anni sempre più deluse. Considerando pure l’apparizione del sempre più bollito Russell Crowe e un trailer che fa cascare le palle e preannuncia un melodrammone strappalacrime d’altri tempi, mi sa che mi terrò alla larga. Vorrei tenermi alla larga anche da Ford, ma lui è sempre così appiccicoso e vuole starmi vicino vicino… uahahah
Il consiglio di Ford: l'inverno lasciamolo alle spalle, e pensiamo alla primavera.
Filmaccio che si preannuncia come uno dei peggiori clichè hollywoodiani degli ultimi anni, e che in una settimana dalle poche uscite come questa finisce per essere semplicemente l'ennesimo titolo da accantonare in vista di recuperi - e weekend - cinematograficamente più soddisfacenti.
La fiaba d'inverno di Peppa Kid, invece, non sarà così zuccherosa: specie se si deciderà ad incontrarmi. Ahahahahah!

"Ma sei sicuro di quello che ha detto Ford!? I cavalli sono davvero l'ultima moda? Perchè qui vedo tutti in giro in macchina!"
Vijay – Il mio amico indiano di Sam Garbarski


Il consiglio di Cannibal: Ford – Il mio nemico anziano
Dal Belgio una commedia dal sapore internazionale che nel cast vanta persino Patricia Arquette. Dal trailer sembra una cacchiatina, ma chissà, il film completo potrebbe anche essere peggio. Come il blog WhiteRussian: leggi un post è sembra una cacchiatina, poi leggi pure gli altri e ti rendi conto che è una gigantesca cacchiatona!
Il consiglio di Ford: Cannibal - Il mio antistress umano
Pellicola riempitiva di provenienza europea che potrebbe perfino sorprendere in positivo ma che lascerò in seconda fila più che volentieri, un po’ come i consigli del mio rivale, provato da un periodo decisamente spento della nostra perenne lotta.
Sarà bene cominciare a pensare ad una nuova Blog War, altrimenti in settimane come questa si rischia di annoiarsi troppo!

"Katniss Kid? Ford ti manda questi fiori per festeggiare un S. Valentino di pace: sa che sono i tuoi preferiti!"

20 commenti:

  1. santo dio, storia d'amore + malattia incurabile. Ma davvero? Basta, dai!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che roba!? Non ci facciamo mancare niente! ;)

      Elimina
  2. spassosa la didascalia cavalleresca, anzi cavallerizza, di storia d'inverno.
    secondo me è tratta da una storia vera eheh ;)

    RispondiElimina
  3. Sicuramente andrò a vedere Monuments Men. Storia d'inverno mi sa di mattonata melensa come poche, ma è anche vero che Russell mi piace parecchio... >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Storia d'inverno non lo vedo neanche sotto tortura.
      Monuments men, invece, volentieri. :)

      Elimina
  4. settimana moscia, passo su tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moscissima! Ma Clooney ci sta, secondo me! :)

      Elimina
    2. Azz hai ragione, me lo ero dimenticato. Quello lo recupero sicuramente!
      :-D

      Elimina
  5. Un tempo mi piaceva Verdone ed il suo cogliere i tic della società. Ultimamente mi pare un po' imprigionato in un modello che si è autocostruito. Poi ho l'impressione che si prenda un pelino troppo sul serio per essere davvero ironico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: pare aver perso l'umiltà dei vecchi tempi.
      Mi pare di averlo notato anche nella terribile intervista a Lynch.

      Elimina
  6. james sono d'accordo che forse negli ultimi anni il cinema di Verdone è un po calato, ma io contiuno a voler un sacco di bene al grande Carlo perchè se ci pensi è l'unico che ancora riesce a dare onore alla commedia italiana, lui è forse Virzì e alcuni nomi del team di Boris, non so se andrò a vedere questo suo nuovo film, ma per me Carlo resta un grande, l'ultimo vero alfiere della commedia italica ormai dominata da feccia come zalone e mandelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zalone e Mandelli feccia totale, senza dubbio.
      Ma anche se voglio bene al buon Carlo, mi pare si sia perso da un pezzo.

      Elimina
  7. Verdone è perso ormai. Secondo me aver fatto il film del cazzo con Muccino junior l'ha definitivamente annientato nell'animo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te su Verdone, anche se secondo me il film con il piccolo Muccino non era neppure così male! ;)

      Elimina
  8. Verdone e la Cortellesi sono anche un discreto e curioso binomio...
    Ovviamente non mi perderò la storiona d'Ammmmmore con la "A" maiuscola e mille "M", così come non mi lascerò scappare il cast capitanato da Clooney...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fossi in te, mi terrei buono solo Clooney! ;)

      Elimina
  9. Ma parliamo del trailer del film di Verdone. È la tristezza massima. Neanche nei peggiori film di serie Z ci sono trailer così brutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo anche non parlarne, tranquillo! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...