giovedì 24 gennaio 2013

Thursday's child

La trama (con parole mie): se speravate che anche questa settimana ci saremmo trovati di fronte ad un caso più unico che raro come la scorsa, vi sbagliate di grosso.
Archiviati, infatti, l'ottimo Burton ed il meraviglioso Tarantino poco resta a noi poveri amanti del Cinema per il weekend che incombe: certo, il nuovo Spielberg potrebbe sorprendere in positivo, così come il Flight di Zemeckis, ma chi può dirlo davvero?
Semplice: i due antagonisti più agguerriti della blogosfera, il vecchio Father Ford ed il giovane Bimbominkia Kid.

"Torre di controllo, mayday: abbiamo il Cannibale tra i passeggeri!"
Lincoln di Steven Spielberg


Il consiglio di Cannibal: barman, il solito
Cosa dirò di Lincoln, il nuovo film di Spielberg, dopo aver delicatamente macellato il suo precedente War Horse (vedi qui http://pensiericannibali.blogspot.it/2012/02/war-horse-non-aprite-quel-cavallo.html)?
Non ve lo anticipo.
Voi intanto andate a vederlo, che un film di Steven Spielberg, possa piacere o meno, è sempre una visione in grado di generare spunti di interesse. Così come di grande interesse è il protagonista, il presidente Lincoln. Vi invito solo a fare attenzione ai suoi monologhi: quando inizia a parlare Lincoln, con i suoi aneddotti che suonavano vecchi già nella sua epoca figuriamoci adesso, è davvero la fine. Al confronto, i monologhi di Mr. Ford appaiono quasi moderni!
Recensione cannibale a breve…
Il consiglio di Ford: un regno per un cavallo!
Dopo il disastro di War horse, Spielberg è entrato nel novero di quegli ex grandi registi che ora mi fanno tendenzialmente solo paura, nonostante l'indubbia tecnica ed il talento. Non ho ancora visto Lincoln nonostante ce l'abbia pronto da un bel po’ principalmente perchè preso dalle vicende che hanno portato alla nascita del Fordino, ma penso lo recupererò a breve, non fosse altro per la presenza di un Daniel Day Lewis che tutti dicono essere assolutamente gigantesco. Staremo a vedere.

"Ragazzi, se anche Ford è passato allo smartphone, dobbiamo rassegnarci anche noi e cominciare ad usare un pc!"
Flight di Robert Zemeckis


  Il consiglio di Cannibal: allacciate le cazzo di cinture, che non fate male!
Pure questo film l’ho gia visto e pure su questo non voglio sbilanciarmi troppo, ché bisogna generare attesa e curiosità per la recensione.
Quello che posso dire è che mi ha sorpreso. Se in positivo o in negativo lo vedremo nei prossimi giorni…
Secondo me comunque è un film che può piacere parecchio a Ford, sempre che ormai non abbia abbandonato il suo tanto decantato panesalamesimo e si sia trasformato davvero in Padre Ford. Padre non solo nel senso di genitore, ma in quello spirituale.
La recensione di questo film atterrerà nei prossimi giorni. In tutti i peggiori aeroporti.
Il consiglio di Ford: un volo con il Cannibale? Meglio precipitare sull'isola di Lost!
Di questo film ho sentito un gran parlare in giro per la rete e non solo, con pareri anche fortemente contrastanti. Zemeckis è un ottimo mestierante e c'è il Denzello di noi tutti a reggere tutta la baracca, quindi proprio schifo non dovrà fare, eppure c'è qualcosa che non mi convince, come il sospetto che possa essere tutto fumo e niente arrosto.
Quale sarà il verdetto del Saloon?
Attendete i prossimi giorni e lo saprete!

"E' un uccello? E' un aereo? No, è solo quel Pi del Cannibale!"
Pazze di me di Fausto Brizzi


Il consiglio di Cannibal: pazze (e pazzi) a vederlo
Ford, lo sai che sei proprio un pazzo di me?
Pazzo di me, ho detto. Non voglio essere volgare. Almeno in questa settimana che sei diventato padre preferisco non insultarti, non troppo almeno, e lasciarti alle gioie della paternità. Non solo alle gioie, ma pure ai pianti, alle grida, alle notti insonni, ai pannolini sporchi… Insomma, credo che avrai già il tuo bel da fare senza un cannibale che sta a romperti le palle. Ti do’ giusto una settimana di tempo per abituarti, comunque, poi doppia razione di cattiveria in arrivo!
Lo stesso vale per il Nongio Francesco Mandelli. Non ho voglia di insultarlo. Lo so che fa figo sparare addosso a lui e ai Soliti idioti e a come siano la degenerazione di una generazione, però a me è sempre stato simpatico. Il che non vuol dire che non abbia dubbi su di lui come attore.
Per quanto riguarda Fausto Brizzi aveva esordito con Notte prima degli esami, film carino, ma già dal sequel aveva rotto le palle. Tutti i suoi altri film corali tipo Ex, Maschi contro femmine, Femmine contro maschi, Maschi e femmine contro Ford… quelli non li ho visti. A questo vista la presenza del Nongio potrei prima o poi dare una possibilità. O anche no.
Il consiglio di Ford: siete più pazzi del Cannibale se vi sparate questa roba!
Ora che il Fordino è arrivato, la mia selezione rispetto ai titoli che passeranno al Saloon sarà ancora più feroce, dunque non credo proprio che merdine come questa, dirette da un regista inutile ed interpretate
da attori (!?!?) inutili, possano essere inserite in una qualsiasi mia lista. Piuttosto preferisco concentrarmi sul mio antagonista e sfruttare le energie a bottigliarlo per bene, un'attività che reca sempre sollievo al mio umore.

"Se vieni qui a broccolare con me, caro Nongio, devi essere messo anche peggio di Coniglione Kid!"
In Darkness di Agnieszka Holland


Il consiglio di Cannibal: che la darkness scenda su questo film
Ennesimo film sulla Seconda Guerra Mondiale, che a quanto mi dicono non è stata una Blog War come quelle tra me e Ford, e non mi sembra possedere l’originalità dei Bastardi senza gloria o appunto delle nostre Blog War.
Film polacco, storico, probabilmente una pizza clamorosa. Insomma, il classico film fordiano. Uno dei due tipi di classici film fordiani: uno è l’action trash con qualche reduce dagli anni ’80 in stato di decomposizione, l’altro è una lagna pseudo impegnata tipo questa…
Il consiglio di Ford: con un po’ di darkness qui ci si fa una dormita niente male!
La Holland è una regista che conosco da parecchio, per l'esattezza da quando, ancora in piena crisi da adolescente tutto scrittura e supponenza, scoprii il suo Poeti dall'Inferno - peraltro neppure un granchè - spacciandomelo per un grande film. Non lo era. Un po’ come il resto della produzione della signora qui presente, che mi pare buona giusto per qualche salottino finto radical chic che non ha neppure bisogno dello sforzo delle bottigliate per essere spazzato via.

"Ma allora è vero che Ford è passato allo smartphone?" "Pare proprio di sì!" "Allora possiamo farcela anche noi!"
Quartet di Dustin Hoffman


 Il consiglio di Cannibal: Quartet potrebbe essere il voto che gli do’ se mai lo vedrò, ma non credo…
Dustin Hoffman già non è uno dei miei attori preferiti, ma questo esordio dietro la macchina da presa sa tanto di film: “Facciamoglielo fare, perché si chiama Dustin Hoffman e pare che a Hollywood sia un pezzo grosso.” Dal trailer però sembra una commediola come direbbe Ford da “matineee fra carampane”.
Sono finito a citare Ford?
Potrò mai cadere più in basso? Ahahah!
Il consiglio di Ford: quartet? Molto meglio un bel duet tra Ford e Cannibale!
Onestamente sono molto combattuto, a proposito dell'esordio di Dustin Hoffman dietro la macchina da presa: da un lato ho ricevuto pareri lusinghieri da parte di chi ha potuto vederlo all'ultimo Festival di Torino, dall'altro il trailer ha il potere di farmi presagire una tempesta di bottigliate.
La questione è ardua, sempre per via della nuova direzione del Saloon affidata al Fordino e alla conseguente riduzione del tempo da dedicare alle visioni. Potrebbe comunque venire buono se mi venisse voglia di muovere un po’ le mani ed il Cannibale non fosse nei pressi!

"L'hai visto?" "Eccome se l'ho visto! Ford è il più figo della casa di riposo!"
 Una domenica notte di Giuseppe Marco Albano 


Il consiglio di Cannibal: Albano, Romina dove l’hai lasciata?
Per la serie: film italiani distribuiti in 4 sale in croce di cui nessuno sentiva il bisogno, ecco a voi Una domenica notte. Un film che sarò felice di non vedere domenica notte, così come qualunque altra notte (e giorno) della settimana.
L’idea della pellicola non è nemmeno tanto male, visto che ironizza sul tentativo di realizzare un film in Italia, peccato che il trailer non promette niente di buono.
A chi volesse avventurarsi a vederlo, dico allora: “Auguri e figli maschi!”.
Ford, il figlio maschio l’hai appena avuto? E allora, già che ci sei, non ti resta altro che sucarti ‘sto film!
Il consiglio di Ford: sorry Albano, la domenica notte - e non solo - avrò da cambiare parecchi pannolini!
Dopo una settimana passata senza alcun film italiano inutile ecco tornare alla ribalta un titolo di cui tutti noi - e parlo anche del Cannibale, pensate quanto sono diventato buono con la paternità - potevamo tranquillamente fare a meno, e che probabilmente è destinato ad un oblio che mi pare buono e giusto.
L'idea di una Blog War molto war e poco blog che io ed il mio antagonista potremmo intraprendere contro il Cinema nostrano mi pare ormai quasi una necessità, più che un piacevole divertissement.

"Certo che Cannibal e Ford sono proprio stronzi, a scrivere sempre male del Cinema italiano!"

24 commenti:

  1. quartet è divertente. una cosina piacevole con attori in forma, non è una roba che sa di muffa e rosolio. insomma niente matinée per carampane, anche se immagino che correranno a vederlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, sono una carampana.
      e confermo.
      Quartet è un film grazioso, ma da vedere assolutamente in lingua originale, perchè a vedere il trailer doppiato al cinema mi fa venir voglia di vederlo quanta quella che avrei di mangiare un piatto di insetti al vapore.
      Anche se posso supporre che non sia propriamente il tuo genere, Ford.

      Elimina
    2. cara carampana, frequentare blog di noi gggiovani ci mantiene gggiovani

      p.s.: trailer? what's trailer?
      pp.s.: lo sanno tutti che gli insetti sono più buoni fritti...

      Elimina
    3. Considerati i vostri pareri, potrei anche prendere in considerazione di provare a recuperare Quartet in lingua originale, ma se poi dovesse non piacermi allora mi sa che vi toccherà un bel piatto di insettoni come pegno! ;)

      Elimina
  2. ford con lo smart phone è una cosa clamorosa tipo il papa su twitter! ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene! Quasi non ci credo neppure io! Ahahahahah!

      Elimina
  3. Evito di andare a vedere Quartet al cinema e lo recupero in lingua, allora!
    Mi faccio spazio per Lincoln e Flight, anche se quest'ultimo mi convince poco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babol, invece secondo me Flight potrà sorprendere in positivo! Staremo a vedere!

      Elimina
  4. adoro le vostre diatribe da "sandra e raimondo"...
    beh che dire?
    io, che son figa nell'anima, l'avvento dietro la cinepresa del buon Houffman non me lo negherò... perché oltre che figa, sono anche vecchia inside, quindi temo l'adorerò.

    ora, il Nongiovane lo porto nel cuore da "Select" (sono l'avanzo della MTV generation) quindi barcollo...

    Spielberg assolutamente si... ma solo per Daniel Day Lewis, a me ha tolto la poesia al galoppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vecchia Alice, secondo me Quartet è il film giusto per l'approccio che intendi, mentre il Nongio puoi anche cassarlo, secondo me.
      A Spielberg, nonostante i cavalli, una possibilità va data.

      Elimina
    2. Alice non è il diminutivo di Pata!? ;)

      Elimina
  5. Io sono della scuola che è sempre meglio il libro del film, salvo pochissime eccezioni. Pazze di me l'ho letto e non era nulla di eclatante, anzi... chissà se il film recupera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wannabe, secondo me il film non recupererà proprio niente.
      Saltalo a piè pari! :)

      Elimina
  6. Ciao Big Daddy,
    sicuramente Lincoln (per forza in originale) e Flight -che anche secondo me potrebbe essere una piccola bombetta-

    Stasera mi guardo Looper, secondo me è il classico film che ti fotte il cervello con i paradossi temporali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, Lincoln me lo schiaffo quasi sicuramente domani, Flight visto oggi, così così.
      Looper non mi era dispiaciuto, lo posterò prossimamente.

      Tu come stai?

      Elimina
  7. D. D. L. è enorme,non ho mai avuto il piacere di conoscere personalmente mr. Lincoln ma Danielino è pari pari il santino del presidente statunitense che tutti abbiamo in mente...
    Detto questo le storielle che the president propina ogni 5 minuti sono a mio avviso alla fine un po' stucchevoli e ci si aspetta che pure la first lady sbotti in un sacrosanto:"Aho,mo bbbbasta!!!!"
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimiliano, ho diverse riserve per Lincoln, ma le scioglierò soltanto domani, dopo averlo visto, e dunque la prossima settimana, dopo averne scritto. ;)

      Elimina
  8. Si si, blog war sul cinema nostrano... sul meglio, però, che sul peggio è troppo facile ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, la Blog War sul meglio del Cinema italiano a dire il vero l'abbiamo già fatta! Torna a ripassarla! :)

      Elimina
    2. usti! é vero, mi era anche piaciuta... pardon!

      Elimina
    3. Figurati! A volte capita di perdersi un pò! Io ne so qualcosa! ;)

      Elimina
  9. Lincoln era onnipresente nella metro di Parigi, ed è la testimonianza che la pubblicità ossessiva funzione: ora voglio andare a vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto l'altro giorno, e l'ho trovato pallosissimo.
      Ne parlerò a breve, vediamo se riesco a farti desistere!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...