lunedì 14 gennaio 2013

2012 in music

La trama (con parole mie): approfittando della giornata musicale e dell'insolita versione che il Saloon fornisce oggi di se stesso, mi concedo - altra cosa rara - un giro sulle sette note che possa rivedere i pezzi che hanno regalato qualche emozione in più al duemiladodici appena trascorso del sottoscritto.
Un pezzo - ed un album di riferimento -, più o meno, per ogni mese, che possa simboleggiare un ricordo, un istinto, un'esperienza: non per tutti, ma tutta e a partire da me, ecco la soundtrack quasi ufficiale dell'ultimo anno fordiano.



 Gennaio: Psychosocial – Slipknot


Fin dai tempi della loro ribalta internazionale ho sempre adorato – per look e piglio “forte” – questi ragazzoni di Des Moines e la loro musica arrabbiata e violenta: Psychosocial, tratta dal loro disco “All Hope is gone”, è stata la colonna sonora perfetta dei romanzi di Nesbo, rispondendo colpo su colpo alle botte al cuore che ad ogni occasione è riuscito a darmi Harry Hole.
Quando, poi, devo convogliare in musica la rabbia, pezzi come questo sono perfetti: quasi un sacco da boxe trasformato in note.




Febbraio: Of monsters and men - Little talk


Scoperto per caso ascoltando la radio nel pieno di una sessione di pulizie casalinghe, questo brano è stato una piccola rivelazione in grado di entrarmi sottopelle fin dal primo ascolto grazie ad un’atmosfera a metà tra la festa e la malinconia, impreziosita da un video che adoro – così come il nome della band – ed un’atmosfera forse un po’ alternativa, ma di quell’alternativo yeah che non posso non amare. Mi fa ancora oggi pensare ad una giornata di inizio primavera in cui la pioggia è appena finita, e si sente il profumo della prima erba bagnata.




Marzo: Canzone del maggio e Nella mia ora di libertà – Fabrizio De Andrè


A seguito di una serata che portò ad una sbronza colossale, in un momento particolarmente ostico di un anno ancora più ostico per il lavoro, ho ripescato Storia di un impiegato, concept album dell’indimenticato Faber legato ai disagi di chi un giorno decide di ribellarsi al sistema esplodendo – letteralmente – tutta la sua rabbia.
I pezzi di apertura e chiusura di quel disco, profondamente legati tra loro, sono due tra i più potenti di tutta la Musica italiana, nonché senza dubbio tra i miei preferiti del mio cantautore del cuore.
“Per quanto voi vi crediate assolti, siete lo stesso coinvolti”. Da brividi.



Aprile: Somebody that I used to know – Gotye


Singolo di traino di un disco che, nel suo complesso, non convince tanto quanto questa hit vorrebbe far credere, ammetto che Somebody that I used to know è stato uno dei titoli passato più volte sul mio Ipod la scorsa primavera, rinverdendo i fasti dello Sting dei tempi d’oro ed accompagnando il sottoscritto verso una nuova stagione che, più che un’esplosione, è stata un crescendo.
Un po’ come la stessa canzone, che parte quasi in sordina e si concretizza in un incrocio di voci da pelle d’oca. 




Maggio: We take care of our own – Bruce Springsteen


Non poteva non essere parte della compilation fordiana targata 2012 il Boss, che torna sulla piazza con un disco che ho amato moltissimo, e che è riuscito a portare la memoria ai tempi di Born in the USA: cuore, stomaco e mani da chi è abituato a lavorare per un album profondamente proletario, lanciato da un pezzo in puro stile Springsteen che, in realtà, è soltanto l’apripista di una manciata di canzoni da urlo.



Giugno: Some nights – Fun


Altra sorpresa del 2012, questo brano a metà tra la marcia e l’inno da stadio è stato il primo tormentone di un’estate che attendeva di esplodere nel segno del Fordino: come il ritorno della bella stagione, questa canzone trasmette la sensazione di rialzarsi e correre dopo troppo tempo passato con il culo per terra.
E considerato che da queste parti, spesso e volentieri, si tengono i cavalli, direi che si ha anche bisogno di sensazioni di questo genere almeno quanto della bevuta quotidiana.



Luglio: Only the horses – Scissors sisters


E parlando di cavalli, non posso non citare quello che è stato l’inno ufficiale del consueto appuntamento con il festeggiamento dell’addio al celibato che da qualche anno a questa parte è diventato un cult dell’estate in casa Ford – o più precisamente, fuori da casa Ford, considerato quello che accadde nel corso della prima, vera, "notte da leoni" del sottoscritto -: un pezzo esaltante, gioioso, carico di energia come solo un certo periodo dell’anno sa essere.


Agosto: Guardian - Alanis Morissette
 
 
All’annuncio ufficiale dell’arrivo del Fordino è seguita di pochissimo l’uscita del pezzo di una delle rocker storiche della mia adolescenza dedicato proprio al figlio, diventando immediatamente un supercult di casa Ford: persa l’aura dei primi album, la vecchia Alanis sfodera comunque una ballad rock di quelle d’impatto assicurato, che è riuscita a rappresentare al meglio il momento di gioia legato alla futura paternità.
The greatest honor of all as your guardian. Parole sante.



Settembre: Sunrise – Ryan Bingham


A fine 2011, in occasione del mio compleanno, un amico mi regalò Mescalito, disco non più recentissimo del giovane Ryan Bingham, figlio del nuovo country che qui al Saloon è praticamente di casa: risultato fu che ancora oggi continuo a consumare le tracce di quell’album, che si apre con la magnifica Sunrise, un pezzo da Frontiera pura che, nei continui viaggi in treno da pendolare, ha il potere di cambiare il setting che mi accompagna e sostituire la Pianura Padana con la sua nebbia da record schiaffandomi davanti agli occhi il Texas del mio adorato West.


Ottobre: Hell or Halleluja – Kiss


Il 2012 ha segnato il grande ritorno della band che è stata il mio primo, vero, grande amore rock sulle scene a due anni dal già buon Monster: il pezzo d’apertura nonchè primo singolo è una tirata kitch e larger than life nella migliore tradizione Kiss, apripista di un disco che pare uscito dai loro momenti migliori del passato nonostante la formazione non sia più, purtroppo, quella originale.
Per omaggiare questo avvenimento ho approfittato dell’occasione, ed il 18 giugno sarò con mio fratello al Forum di Assago per scuotere un po’ le mie vecchie membra e vedere questi mostri sacri del rock ancora una volta dopo quattordici anni. Hell yeah!



Novembre: Natural disaster e Day that I die – Zac Brown


Scoperto grazie ad una collaborazione con Kid Rock, famosissimo negli States – dove ha fatto incetta di premi fin dal suo esordio – e purtroppo praticamente sconosciuto qui da noi, questo mio quasi coetaneo è il rappresentante più importante del country di questa generazione, portatore sano di quei valori tipici del “Southern Wild” che tanto piacciono a noi vecchi cowboys.
Se la prima tra le due canzoni è una ballad vivace che racconta un gioco di passione e seduzione, la seconda è un brano struggente di quelli che vorrei tanto fossero suonati al mio funerale, o alla festa senza lacrime che ne dovrebbe conseguire – sempre per tornare allo stile di noi “bestie del profondo Sud” -: erano anni che non mi capitava di ascoltare un brano venti o trenta volte di seguito come è successo con questo.




Dicembre: Happy New Year – Kid Rock


Non potevo non chiudere la carrellata senza il mio protetto repubblicano Kid Rock, uscito un po’ in sordina con un nuovo album – Rebel soul – che seppur non in grado di regalare gli acuti di Devil without a cause e Cocky, o la solidità di Born free, si presenta come un prodotto tosto ed onesto, erede della grande tradizione degli States del lavoro duro, delle armi da fuoco, della malinconia di casa e delle feste selvagge tutte alcool e sesso.
Politicamente non c’entra molto con me, ma che volete farci!? Io a Robert James Ritchie voglio proprio bene, e mi godo i suoi dischi almeno quanto una bella bottiglia di Jim Beam, preferito non solo mio e suo, ma anche del sempre mitico Harry Hole.
Mica poca roba, insomma.



31 commenti:

  1. Eh alla faccia dell'anno musicale, grandissime scelte. Devo dire che alla versione di Gotye preferisco la versione degli Walk off the Earth, originale, fedele all'originale e suonata magnificamente. Però, come puoi immaginare non posso assolutamente sopportare la presenza del Boss in questa lista! Ci ho provato, come ben sai, ma non mi va proprio giù! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, mi ricordavo della questione del Boss, ma del resto ci sono abituato: Julez non lo sopporta! ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Muchas gracias! E buon inizio settimana anche a te!

      Elimina
  3. beh, se non altro qua posso dire che buona parte degli artisti li conosco, compresa la "vecchia" Alanis (hai davero scritto VECCHIA???). Che quando il cannibale parla di musica mi sento davvero fuori posto, come una suora in un sexy shop.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poison, il "vecchia" ad Alanis era da intendersi nel senso che la seguo dal suo primo disco! :)

      Comunque, questa musica è sicuramente più pane e salame rispetto alla robaccia da fighetti del Cannibale! ;)

      Elimina
  4. Little talks è anche tra i miei pezzi dell'anno, mi è dispiaciuto che l'abbiano poi data in pasto ai cani inserendola nella colonna sonora del cinepanettone... ma resta una gran canzone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joy, io non ci faccio caso e continuo ad ascoltarla: bellissima!

      Elimina
  5. ma che musica superatissima ascolti???
    :D

    salvo solo i fun, il resto no! persino alanis pure lei come te persa nei deliri new age ormai non si può più ascoltare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano che tu non abbia detto niente contro i Kiss o Kid Rock, mi aspettavo fuoco e fiamme!
      Non ti sarai mica rammollito!?!? ;)

      Elimina
    2. Se vuoi contro i Kiss parlo io!

      Elimina
    3. Se vuoi io ti prendo a bottigliate! :)

      Elimina
    4. perché, vuoi convincermi che kiss e kid rock hanno davvero fatto uscire dei dischi nuovi?
      e vuoi davvero dirmi che bruce springsteen non è stato ancora sostituito da un ologramma?

      mareva comunque potrebbe diventare la mia nuova guida spirituale.
      voi c'avete cloud atlas, io c'ho mareva :D

      Elimina
    5. Ahahahaha! Ci devo pensare. Ho appena visto che hai in classifica Maria Antonietta. Potremmo avere dei problemi :D

      Elimina
    6. Secondo me il Cannibale è irrecuperabile: neanche i Kiss e Kid Rock insieme potrebbero riportarlo sulla retta via, e questo perchè è lui la vera Maria Antonietta! :)

      Elimina
  6. Ottima selezione!
    Qualche pezzo non lo conosco, ma adesso vado a spulciare su youtube...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spulcia, spulcia!
      Comunque trovi i video sotto ogni canzone! :)

      Elimina
  7. Cercavo qualche canzone per accompagnare il pomeriggio, mi sono imbattuto nel tuo post e... degnhiu veri much Ford (:

    RispondiElimina
  8. Bella compilation ! Ma i Scissors Sisters mi sembrano più roba cannibalesca che fordiana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Black, dici!? Non saprei, comunque quella canzone mi fa impazzire!

      Elimina
  9. l'immancabile Kid e gli Slipknot! mitico Ford

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitico tu, Lorant, che sei un vecchio lupo di mare che ne capisce di musica!

      Elimina
  10. ma siete proprio dei romanticoni tu e il cannibale...io è meglio che non la metto la mia playlist di fine anno sia perchè quei gruppi li conosco solo io e anche per non guadagnarmi altri improperi dai puristi di musica... però tra un po' arriva una nuova infornata di consigli per gli ascolti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, non mi lamenterei dei tuoi consigli musicali! Sai che non mi spavento, in fondo! :)

      Elimina
  11. "Storia di un impiegato" è probabilmente uno degli album migliori che siano mai stati concepiti. Ma sono di parte ché io, con De André, ho una storia d'amore fatta di Genova, incontri con chi l'ha conosciuto, e notti insonni per scriverci la tesi.

    Per il resto: bocciati i i Kiss! Ma solo loro, giuro. Non ti facevo tipo da Morissette ma ci avrei scommesso su Kid Rock.

    Bello 'sto post, bravo. Magari appena ne ho voglia ti "rubo" l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De Andrè è un grandissimo.
      In casa Ford è un'istituzione. Anche se prima di Storia di un impiegato, come album, per me vengono La buona novella e Non al denaro, non all'amore ne al cielo.

      E comunque sono grandi anche i Kiss, e ruba pure l'idea senza problemi!

      Elimina
  12. Bella classifica (grazie per avermi fatto conoscere Zac Brown), ma i Scissor Sisters (per quanto la canzone sia accettabile) non stonano un po' in questa classifica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sailor, non saprei: la canzone degli Scissors mi piace davvero un sacco!

      Comunque, sono contento che ti sia piaciuto Zac Brown: è un grandissimo!

      Elimina
  13. Irriverent Escapade14 gennaio 2013 23:56

    Sai cosa mi piace di questa classifica!? Che è fatta ascolti " sentiti " e probabilmente non cercati ( mitico l'incontro con Of Monsters or men, durante la sessione di pulizie casalinghe)..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, in genere le cose "sentite" sono quelle che preferisco, anche quando si tratta di scrivere post a proposito dei film: comunque hai ragione, l'incontro con Little talks è stato mitico!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...