sabato 16 luglio 2011

The shadow - L'ombra

La trama (con parole mie): David è un ex marine che ha prestato servizio in Iraq, e grazie ad un commilitone ha conosciuto una valle europea perfetta per praticare biking.
Così, una volta tornato dalla guerra, decide di organizzare un viaggio alla scoperta di quei luoghi incontaminati: in una locanda conosce Angeline, un'altra appassionata di biking insidiata da due cacciatori dal temperamento violento che i due riescono a seminare prima di darsi alla fuga.
L'inseguimento porterà la coppia al centro di una zona perennemente avvolta dalla nebbia e origine di leggende locali, dove sopravvivere diventerà la necessità non tanto rispetto agli inseguitori mai domi, quanto ad un misterioso essere che pare interessarsi ad ogni sventurato che transita in quei luoghi, destinandolo ad una morte terribile.
Ma attenzione: non sempre tutto è come sembra.
Neppure il fatto che The shadow, annunciato come il simbolo della rinascita dell'horror italiano, effettivamente lo sia.

A volte, più che di aspettative alte o basse, mi pare proprio questione di buon senso.
Vorrei scoprire, sinceramente, cosa la critica pare aver trovato nel film d'esordio del musicista Federico Zampaglione per poterlo accogliere come fosse la manna dal cielo per l'horror nostrano, morto e sepolto ormai dai tempi di Mario Bava e del primo Dario Argento, se non fosse per qualche perla isolata come Lidris cuadrade di tre, distribuito localmente e praticamente sconosciuto oltre i confini regionali.
Da tempo non trovavo - neppure tra i film americani o anglosassoni - una così evidente mancanza di logica nella costruzione di una sceneggiatura, per giunta spocchiosa e strabordante citazioni cinematografiche buttate giusto per dimostrare che sì, i fratelli Zampaglione di Cinema ne sanno: ebbene, The shadow ha superato ogni deludente film di genere passato di recente su questi schermi attestandosi a livelli ottimi di bottigliate, tanto da farmi mangiare le mani al pensiero di non averlo guardato all'uscita, in modo da poterlo schiaffare in una qualche classifica del peggio dell'anno come gli sarebbe convenuto.
Spaventi - quali? - telefonatissimi, protagonisti piatti e poco coinvolgenti, un'ambientazione che è un non luogo - da un certo punto di vista una scelta giusta, dall'altro un impoverimento della già debole ossatura della pellicola -, un "mostro" privo di qualsivoglia carattere che pare la morte de Il settimo sigillo in preda all'artrosi ed affetta da mutismo, tentativi di metacinema malriusciti - il corridoio con i ritratti di Hitler e Stalin seguiti a ruota da quelli di Bush e Saddam - ed un crescendo finale completamente illogico che scade nel ridicolo quando il gioco messo in piedi quasi fosse un colpo di genio dagli autori crolla come un castello di carte grazie all'eco delle risatone che in casa Ford sono partite pensando ai famigerati boschi iracheni, uno dei tratti notoriamente distintivi del Paese mediorientale.
Un tentativo maldestro e scialbo, dunque, di portare l'horror ad una sorta di connotazione politica attuale senza minimamente preoccuparsi non solo della logica, ma anche delle ambientazioni e dei contesti, generalizzando il tutto senza soffermarsi in alcuna spiegazione, virando al ridicolo involontario spesso e volentieri e confezionando una squadra di protagonisti squinternata come non se ne vedevano dai peggiori slasher degli anni ottanta. 
Roba che, a confronto, Hatchet mi è parso quasi da rivalutare come un must imprescindibile.
Onestamente, non ho mai particolarmente stravisto per i Tiromancino, ma ti prego, Zampaglione, ascolta questo appello: molla la macchina da presa e torna a fare musica, perchè se l'altro sciagurato di Ligabue prima di ammorbarci con una schifezza galattica come Da zero a dieci è riuscito a confezionare il passabile Radiofreccia, tu hai steccato pure la prima.
Sarà perchè di horror pop, anche se mascherati da insistiti e truci gore - e le scene in merito sono tra le peggiori che abbia mai visto -, non ce n'è mai, ma proprio mai, stato il bisogno.

MrFord

"Do I hear what I think I'm hearing?
Do I see the signs I think I see?
Or is this just a fantasy?
Is it true that the beast is waking
stirring in his restless sleep tonight
in the pale moonlight
in the grip of this cold December
you and I have reason to remember."
Abba - "Soldiers" -

50 commenti:

  1. si, bottigliate a zampaglione. già fa pena come cantante, come regista, da quanto leggo non avendo visto il film, è ancora peggio. poi 'sta storia di equiparare il nazismo al comunismo sinceramente mi ha fracassato le palle.
    che ci dobbiamo beccare il bipartisanismo anche al cinema?

    RispondiElimina
  2. Harmonica, sinceramente per me il peggio è stato il fatto che questo film fosse dipinto come la nuova speranza dell'horror italiano.
    In realtà, tolta la produzione, c'è davvero poco e nulla.
    Peccato, un'occasione sprecata: ma del resto noi del Bel Paese ce ne intendiamo, in questo senso.

    RispondiElimina
  3. peggio dello stilnox! io mi sono addormentato tre volte in tre giorni diversi...e dura solo 70 minuti...'na cagata pazzesca...e come horror ho visto tutto negli anni d'oro direi...

    RispondiElimina
  4. Zone, evidentemente noi dell'old school siamo allergici a questa robetta spacciata per nuove frontiere! ;)

    RispondiElimina
  5. Cari signori, a me il film e' piaciuto molto come un po' a tutti quanti (sto bloggetto a parte) ed e ' stato venduto in tutto il mondo a conferma della sua qualita'. Se Zampa deve smettere di girare film, dopo simili risultati...voi che scrivete su un bloggetto da 3 visite al giorno cosa dovreste fare? Suicidarvi con il veleno per topi? Suvvia cercate di contenere invidia e frustrazione.Questo qui, vende vagonate di dischi da anni e il suo film e' uscito pure in culo al mondo..capisco il vostro travaso di bile...pero'...un po di dignita' non guasterebbe. grosso

    RispondiElimina
  6. Hei Grosso hai ragione, sto pezzentone sa' solo criticare, ma quando uscirai allo scoperto facendo qualcosa di tuo ? Sai solo fare chiacchiericcio e cercare di smontare quello che gli altri hanno le palle di fare. Zampaglione ha dimostrato di saper fare del buon cinema di genere come non si vedeva da anni, ed e' stato applaudito dalle platee di mezzo mondo. Tu che scrivi sei un mezzo fallito ( l' altro mezzo sei coglione ) e nella vita nessuno mai sapra' chi sei ne cosa hai fatto. ANONIMO. Hai presente cosa vuol dire ? Uno dei tanti, un nessuno, un niente, una goccia nel mare. Zampaglione e' un artista che da anni si esprime e funziona in ogni cosa che fa. Tu Anonimo , sei solo un punto nero sulle sue chiappe. grande Zampaglione e grande film. er Gitano.

    RispondiElimina
  7. A voi dell old school e' meglio che tappino la bocca per evitare di leggere recensioni -porcata come questa. Shadow e' il miglior horror italiano degli ultimi 15 anni. Lorenza

    RispondiElimina
  8. la verità (per una volta) probabilmente sta nel mezzo: non una porcata e nemmeno un capolavoro.
    un film degno di nota all'interno del panorama italiano, ma non troppo eclatante nel panorama mondiale..

    comunque vedo che ti hanno bottigliato per bene, qui sopra, quindi evito di infierire :D

    RispondiElimina
  9. Ma se questo è un bloggetto, che cazzo ci venite a fare qui?
    Ford dimmi che questi due coglioni sono tuoi amici e ti stanno facendo uno scherzo.
    Altrimenti potete bellamente sucarcelo.
    E parlo anche a te Lorenza.
    Meleducati e ignoranti.

    RispondiElimina
  10. Cmq tralasciando i tre stronzetti qua in alto, anche a me il film non è dispiaciuto. Sì è lasciato guardare senza problemi, certo poi gridare al capolavoro mi sembra esagerato. Ma il bello è questo del cinema, è soggettivo.
    Se solo la gente imparasse ad esprimere le sue opinioni in maniera più educata, non ci sarebbe bisogno di mandarli a fare in culo ogni santa volta.

    RispondiElimina
  11. Ecco perche' l horror italiano fa fatica a risorgere , quando si fa un bel film poi arrivano sti becchini alla Ford e demoliscono tutto. Prendete a bottigliate questo verme e massimo rispetto al grande Federico Zampaglione, sia per le sue canzoni che per il cinema. Gorefest666

    RispondiElimina
  12. quanta disparità di opinioni! parblè, lo dovrò al fin vedere...

    RispondiElimina
  13. Alberto Rinalduzzi16 luglio 2011 13:04

    Sono un appassionato di film horror da piu ' di trent' anni e devo riconoscere che , pur non condividendo affatto certi toni da hoolligans dei fans del Zamaglione, la recensione qui sopra e' davvero pessima, scritta coi piedi, faziosa e non evidenzia nemmeno uno dei tanti pregi del film.Voglio dire , Shadow non e' certo un capolavoro ma e' un film davvero ben fatto in un panorama alla frutta. E' evidente che a colui che scrive girino le palle per il successo del film. Del resto inizia la sua "recensione" lamentandosi dei consensi che Shadow ha ottenuto. Piu' chiaro di cosi'... Povera italia . Albero Rinalduzzi.
    Saluti da Alberto Rinalduzzi

    RispondiElimina
  14. pur non condividendo non una sola parola scritta dal "collega" MrFord nel suo commento al film, sono disgustato dall'evidente abbondanza di ottusità e dell'altrettanto evidente mancanza di cognizione di causa che traspare dai commenti postati qua sopra: dopotutto MrFord ha semplicemente espresso una opinione su un prodotto artistico- che, ovviamente, ciascuno di noi percepisce secondo modalità strettamente soggettive- e la replica è stata un aggressione gratuita e ignorante degna di un comizio di Pontida. la cosa suona incredibilmente triste, anzi: ridicola.

    RispondiElimina
  15. A mio insignificante parere il film si lascia guardare, ma non comprerei mai il dvd...e sono per la libertà di espressione, sopratutto in casa propria.

    RispondiElimina
  16. Quanto io sia legato a Shadow è noto (almeno a te James e altri 3 o 4 che ci leggono, non voglio raccontare ancora una volta quello che è successo con Zampaglione), quindi non posso far altro che dissentire con la (legittima) recensione.

    Due cose, il film si chiama Shadow (e non The Shadow) e non è l'opera prima di Zampaglione, ma la seconda.
    Anche riguardo i boschi iracheni non ho capito a cosa tu ti riferisca. Ci sono nel flashback (e nel caso avresti ragione) oppure parli di quelli dei bikers? (in quel caso questa critica non ha ragione d'essere)

    Riguardo i ragazzi intervenuti qui sopra, posso condividere le posizioni di partenza, ma i modi sono davvero deprecabili, non è così che si crea una discussione costruttiva.

    Ciao James!

    RispondiElimina
  17. Sono tra i pochi che non hanno digerito questo film.
    Sono tra i tanti che detestano l'aggressività gratuita. Se tra le persone che si sono TANTO indignate per questa recensione ci fosse un certo fratello Zampaglione o una mamma Zampaglione capirei le varie tiritere volgari che sono state rivolte a mio marito, perchè, chiaramente, uno potrebbe prendersela sul personale, ma mi vien da dire a questi quattro stronzi (sapete com'è, è mio marito, la prendo sì sul personale):

    guardate che anche se lo difendete e lo amate il sig. Zampaglione se ne fotte di voi e sinceramente questa difesa con toni limitati, triviali e, francamente, esagerati, secondo me non l'apprezzerebbe neppure lui.

    Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace.

    Voi non mi piacete per niente.
    Stronzi

    RispondiElimina
  18. Grosso, come chi passa da queste parti spesso sa bene, io non amo la soluzione del suicidio.
    E, con buona pace del signor Zampaglione - che non saprà fare film, ma tendenzialmente non mi disturba ne suscita invidia -, continuerò a restare qui e dare la mia opinione.
    Detto questo, vorrei proprio scoprire in quale buco di culo del mondo è stato venduto questo filmone, dato che non stiamo parlando proprio di Titanic o Ben Hur.
    Stesso discorso per i dischi: ora, che mi risulti i Tiromancino non sono proprio i Beatles o Michael Jackson.
    Detto questo, se anche fossero tre visite al giorno, le mie, la tua è una delle tre.
    Ma evidentemente sei l'unico a cui pare preoccupino i numeri, Grosso. Sarà che il nick nasconde qualcosa?

    Gitano, scusa, ma tu chi sei, invece?
    Parla più forte, perchè non ti ho sentito.
    Io non conosco Zampaglione, e Zampaglione non conosce me.
    Uno come te, invece, non lo prendo neppure in considerazione.

    Lorenza, i gusti sono gusti. Se questo è il miglior horror italiano degli ultimi quindici anni, allora Il bosco fuori era da Palma d'oro.

    Cannibale, mi stupisce che tu ti possa comparare a questi quattro poveretti: sei un avversario di ben altra caratura.
    Da te mi faccio pure bottigliare, loro sono così piccoli da farmi apparire un Puffo l'equivalente di King Kong. ;)

    Dembo, tranquillo.
    I signori di cui sopra me li mangio a colazione.
    E ti assicuro che se questi sono gli amici del signor Zampaglione sono molto più fortunato io ad avere qualcuno come te.

    Gorefest, non credo che la mia opinione possa influenzare l'andamento dell'horror italiano nel mondo. Il fatto è che paragonato ai filmoni di Mario Bava o le prime cose di Argento Shadow non si vede neppure. Ma forse tu quelli non li hai visti, e questo ti sembra un Capolavoro.
    Del resto, anche io prima di scoprire Fellini pensavo che Salvatores fosse un genio.

    Ciku, sinceramente, non te lo consiglio. Non vorrei che i signori qui sopra perdessero la pazienza anche con te. ;)

    Alberto, il tono del tuo commento mi pare fazioso, più che la mia recensione. Ho atteso di vedere questo film per mesi, ed avevo aspettative molto alte: sinceramente, non ho trovato niente, ma proprio niente, che potesse farmi pensare che sarebbero state soddisfatte.
    E altrettanto sinceramente, del successo del film e di Zampaglione non mi frega un beneamato cazzo.
    Dovessi stare a rodermi per il successo di ogni film che guardo, smetterei di seguire il Cinema.
    Ma forse non sono io a dover considerare una soluzione di questo tipo.

    Einzige, un commento lucidissimo. Chapeau.

    Runes, evidentemente ci sono persone che a casa propria non tengono per nulla. ;)

    Dae, hai ragione su titolo e opera prima, rispetto ai boschi iracheni facevo una battuta perchè nel flashback conclusivo viene mostrata un'azione militare girata negli stessi luoghi utilizzati come locations per il resto del film. Onestamente, non credo che in Iraq esistano luoghi come quelli mostrati nel corso della pellicola.
    Per quanto riguarda i signori intervenuti, che ci vuoi fare? I limiti non sono una colpa, almeno in parte.

    Julez, non prenderla sul personale. Gli stronzi si cagano fuori e poi si tira l'acqua.
    Niente di più, niente di meno.

    RispondiElimina
  19. Concordo con il Cannibale e la teoria della via di mezzo.
    I limiti ci sono, ma ho apprezzato il fatto di guardare un horror italiano, che diciamolo è nostrano fino in fondo, a partire dalla birra 1€ prezzo-più-basso che vendono al conad, e rivenduta a 5€ dal barista ladro!

    Pur ricalcando molti horror europei, e non oltreoceanici, minori - mai visto Vertige? - è soddisfacente vedere una trama, fin dove è durata, diversa qui da noi. E suvvia, la leccata di rospo, seppure di simpsoniana memoria, potrei azzardare sia un tentativo di CULTizzazione.

    Come primo horror per me ci sta ed è meglio della musica dei tiromancino :P

    Sottolineo che non concordo sul film, ma prendo le distanze da chi, privo di argomentazioni e civiltà, tira in ballo invidia e assurdità varie. Eccheccavolo.

    RispondiElimina
  20. E nel bene o nel male Shadow e Zampaglione fanno successo, trovatemi un altro post qui dentro cosi' commentato...ah ah ah w Zampa. serena

    RispondiElimina
  21. Cerca cerca serena, che ne trovi a iosa.

    RispondiElimina
  22. Questo recensore scrive davvero male, poveretto.

    RispondiElimina
  23. Quoto meme, scrive davvero male ma piu' che altro non capisce un cazzo di cinema..che mi sebra la cosa piu' avvilente. Linda

    RispondiElimina
  24. Meno male che c'è gente che sa scrivere bene come Meme e capisce di cinema come Linda.
    Due luminari della blogosfera!
    Chissà quanti stronzi dovremo ancora sorbirci per una recensione fatta su un film.

    RispondiElimina
  25. Ma Dio lupo mannaro, e' mai possibile che in italia si apre bocca e po' si da' fiato, questo 'mpestato che scrive mi sta distruggendo un film che mi gustava a bestia, madonna vigliacca non si riesce a trovare persone qualificate per parlare di horror. Goffredo

    RispondiElimina
  26. Goffredo, massimo rispetto per le tue colorite bestemmie e per i tuoi gusti. L 'impestato, come lo chiami te, -e te lo potevi bellamente evitare- ha espresso un giudizio su un film, se a te è piaciuto o se Ford ha scritto qualcosa che non ti è piaciuto, lo esponi e magari nasce una conversazione interessante. Se invece arrivi e commenti a cazzo con argomentazioni sterili e giudizi stupidi diventi un coglionazzo come gli altri qui sopra. Bestemmie a parte, che mi hanno fatto riderissimo.

    RispondiElimina
  27. Cari ragazzi del blog, concordo con voi che certi toni non vadano usati ed i fans di Zampa non si sono rivelati particolarmente affabili, pero ' per dovere di cronaca va fatto notare che i primi ad usare toni sgarbati e poco corretti non sono stati loro...i primi commenti che si scambiavano infatti con James inneggiavano addirittura a " bottigliate a Zampaglione" , senza nemmeno aver visto il film. E nessuno di voi ha chiesto di non usare quel linguaggio..anzi si rincarava la dose con " noi dell ' old school, duri e puri" . Quindi oltre ad aver confezionato una brutta ( nel vero senso della parola ) recensione avete pure insultato il povero Federico,percio ' non vi lamentate se poi le reazioni hanno seguito il vostro stesso trend. Un saluto e cercate di essere piu' imparziali . Remo 69

    RispondiElimina
  28. Se posso, malgrado non sia il padrone di casa, vorrei mettere un pò d'ordine a questa situazione.

    L'atteggiamento dei pro-zampaglione è alquanto strano e sospetto perchè:

    1 io ad esempio ho fatto una recensione positivissima al film, tanto che lo stesso Zampaglione è intervenuto per commentare. Beh, in più di un anno non si è presentato nessuno di questi signori, arrivati qua in appena 2 giorni. Primo indizio.

    2 nessuno di loro ha poi replicato a James o altri. Tutti hanno fatto (s)toccata e fuga. Secondo indizio.

    3 Molti hanno detto cose assurde,a dimostrazione che probabilmente non hanno nemmeno letto il post. Mi riferisco a quando dicono che James non sa scrivere, che non massacra mai nessuno nelle sue recensioni etc..., frasi talmente assurde da raggiungere la malafede.

    Se leggete bene questi 3 punti e questi 3 comportamenti viene facile da pensare che i suddetti ragazzi siano complici, si conoscano tra loro e si siano chiamati e avvertiti a vicenda.
    Poi, senza nemmeno leggere, o facendolo per modo di dire, hanno iniziato ad offendere.
    Viene addirittura da pensare che uno stesso utente abbia scritto con più account.

    Secondo punto.
    Anche James ha sbagliato. Non parlo tanto sul merito (piaciuto il film o no) ma sui modi. E' stato troppo duro, un pò troppo "personale" nell'attacco a Zampaglione, tanto (quasi) da perder di vista il film.

    Però James:
    1 è a casa sua e fa quello che vuole
    2 ha parlato e "offeso" dopo aver visto il film mentre qui parecchi sembrano aver aperto bocca a prescindere.
    3 ha usato toni, sì duri, ma sempre molto ironici, a differenza di altri.
    4 ha fatto così già molte volte in passato

    Ultima cosa, ci tengo a dire qualcosa all'amico Dembo, credo che anche lui converrà.

    Ho apprezzato moltissimo come, da vero amico, hai difeso James dall'attacco di tutti.

    Mi hai però deluso molto nel commento all'ultimo utente, e ti dico perchè.

    Goffredo è stato il più maleducato di tutti e il più duro verso james. Credo che "impestato" sia la peggior offesa che gli hanno scritto. Invece che prendertela ancor di più con lui gli hai risposto molto pacificamente perchè ha messo i due bestemmioni.

    Ora, a prescindere da chi ha fede o no, il comportamento rischia di essere incoerente, perchè se parteggi verso chi in modo grave e maleducatissimo offende qualcuno (Dio in questo caso) bisognerebbe anche capire chi si limita ad offendere "solo" James. Credo che la maleducazione dovrebbe essere combattuta a prescindere, sbaglio?

    Possibile che uno come Goffredo sia migliore degli altri e meriti un trattamento migliore perchè invece di limitarsi ad offendere James (peggio degli altri poi) si sia spinto anche oltre?

    Magari mi sbaglio Dembo, rispondimi pure.

    Con stima, Giuseppe.

    RispondiElimina
  29. Ma Cristo incrudelito.... Nemmeno due bestemmie si possono piu' mollare? Ma codesto e' un blog di cinema o ecumenico, Dio serpente bove...? Perche' se e' cosi sapete che vi dico? Andate a cagare voi e quel papaccio co' tutta la santa sede. Goffredo.

    RispondiElimina
  30. Ah ah Goffredo, ma tu puoi bestemmiare quanto vuoi, tranquillo. Anche perchè non credo che tu abbia le capacità per dire altro. Quello che contestavo al caro Dembo (e tu non hai capito per niente ma Dembo, persona di altra caratura, senz'altro sì)) era che grazie alle bestemmie considerasse te migliore di quelli "sopra", mi sembrava quantomeno incoerente.

    Altra cosa: "Ma codesto e' un blog di cinema o ecumenico?". Perchè, nei blog di cinema si è solito ruttar bestemmie? Io credevo che servissero per parlar di cinema.

    Ora, se vuoi fare un altro show fallo pure. In realtà diverti anche me visto che dalle bestemmie ho capito che sei delle mie parti (o umbro o toscano, comunque sul confine).

    Ti consiglio di iniziare ad usare le bestemmie che riguardano la selvaggina, tipo FAGIANO, BECCACCIA, CIGNALE, LEPRE etc..., dovresti conoscerle.

    RispondiElimina
  31. Ah, dimenticavo un tuo passaggio precedente, veramente notevole:
    "Ma Dio lupo mannaro, e' mai possibile che in italia si apre bocca e po' si da' fiato"

    se tu fossi un pittore avresti realizzato un autoritratto davvero di valore. Essendo uno scrittore ti sei limitato a una scarna autobiografia.

    RispondiElimina
  32. Sono di Foligno, madonna selvatica , cmq a fanculo anche zampaglione !

    RispondiElimina
  33. Ah, capisco, e io che credevo che parlassi seriamente...

    A sto punto non sarà che è tutto 'na farsa, compresi quell'altri?

    Se sei di Foligno allora salutami Simone Metelli, ce gioca ancora a tennis? Quand'era regazzino lo battei con un doppio 7-5, ora credo che ci farei 4,5 punti se va bene.
    Punti, non game.

    RispondiElimina
  34. @R69
    Guarda che qui, la parola "bottigliare", viene usata praticamente ogni giorno ed in ogni post.
    A volte in tono ironico, a volte per esprimere un giudizio negativo.
    Non è che si volesse prendere a bottigliate zampa, almeno non letteralmente.
    E poi cosa è 'sta cazzata della old school? Cioè se dico che sono old school -che poi è un altro nostro modo di dire- ti giustifico a insultarmi perchè in qualche modo ti avrei offeso?
    A dirti che siamo old school??!!
    Non capisco.

    E poi sono stati i primi due deficienti -in particolar modo lo zingarello-gitano- e quelle altre due sgagnamanubri a offendere Ford per un semplice suo punto di vista su un cazzo di film.
    Niente di personale, solo un film.

    RispondiElimina
  35. @Dae
    Capisco quello che dici, e ti spiego subito le ragioni.
    Ma prima voglio dirti che anche io sono felice che anche tu abbia "sposato" la causa, dimostrando di avere palle e, cosa più impostante, cose da dire a riguardo.
    Cmq venendo al commento di Goffredo ti devo dire che il suo non mi è sembrato per nulla maleducato, almeno non troppo.
    Non so perchè, forse per il dialetto o forse per le bestemmie -che cmq erano colorite e mai troppo pesanti-
    Non lo so, forse ho anche l'impressione che Goffredo potrebbe essere uno dei "nostri", le potenzialità ci sono tutte.
    E poi quando ha mandato a fanculo zampaglione ha dimostrato di avere una buona dose di autoironia.
    Anche la parola impestato -scritta in dialetto 'mpestato- non so, non mi è sembrata un'offesa così forte.
    Ultima cosa, non è che basti cacciare un porcone per risultarmi simpatico; è vero che odio la chiesa e i suoi stupidi dogmi -attenzione: non chi crede- ma non per questo devo andare a braccetto con tutti i blasfemi del mondo. Forse le bestemmie e il dialetto, in qualche modo, mi hanno dato l'impressione di stemperare un po' il clima da caccia alle streghe che si era creato, come giustamente sottolineato da te.
    Anche io ho sempre pensato non tanto a un unico utente che scrive con più account, quanto ad un passaparola tra forum o altri blog.

    Cmq se qualcun altro volesse replicare, noi finchè in casa arriva corrente, qua siamo.
    Dembo&Dae
    Guardiani di soglia.

    RispondiElimina
  36. Spiegazione "arzigogolata" che ovviamente fatico a comprendere ma assolutamente plausibile.

    Peccato poi che il buon Goffredo si sia poi rivelato un fake (come forse parecchi altri in questo post). O forse, sempre usando il linguaggio da chat, più che un fake, un troll.

    Direi che la soglia l'abbiam sigillata, non si vede più nessuno...

    Domani recensirò un film italiano, a mio parere bellissimo, e sarò costretto a citare Shadow, ma non lo faccio apposta giuro (altrimenti può apparire come uno stuzzicare), è che usciva proprio oggi nei cinema!

    Ciao!

    RispondiElimina
  37. Se si sta muovendo qualcosa in questo panorama di merda e commediole lo dobbiamo proprio al film di Zampa, invece di parlare di trolls abbiate il coraggio di ammetterlo....se no si era fermi ai luridi Smile, Imago mortis e cazzate varie...@ Goffredo: Ho apprezzato molto il Dio lupo mannaro e non male pure Cristo incrudelito, ma ti consiglio di usare anche le bestemmie con le malattie tipo "dio tubercoloso o madonna paralitica " o quelle rivolte al gore tipo: sbudellato, scannato, impalato etc. Etc..poi volendo puoi andare sui sacramenti tipo " mannaggia il battesimo " etc...se volete un saggio di bestemmie a livelli inverosimili vi consiglio la visione dell' immenso Nonno Fiorucci su you tube, non ce ne' per nessuno...Gitano

    RispondiElimina
  38. @Dae
    arzigogolata? Ma dove l'hai pescato 'sto termine Dae? Sono dovuto andare su google per vedere cosa voleva dire!
    ;)

    @Gitano
    Qua si stava solo esprimendo un giudizio su un film, sei tu che sei entrato a gamba tesa offendendo. Vatti a rileggere il tuo commento e dimmi se non sei stato stronzo.

    RispondiElimina
  39. Gli stronzi siete voi per i toni meschini che avete usato, il film non meritava simile stroncatura e poi avete dimostrato di avercela anche col suo autore , in modo quasi personale.Zampaglione e' uno dei pochi artisti veri, figli di puttana, e guai a chi lo tocca!!! Vergogna!!!!!!Gitano

    RispondiElimina
  40. Niente zingarello, sei irrecuperabile. Uno stronzo di prima categoria, che non rispetta le opinioni degli altri.
    L'inica che deve provare vergogna è quella ciuccia cazzi di tua madre, per averti messo al mondo.
    Ciao Pirla, continua a seguirci.

    RispondiElimina
  41. Sono tornaaaaaaatoooooo!
    Dunque, vedo che Shadow sta per diventare il post con più commenti della storia del blog, e questo è davvero curioso, dato che il grosso è tutto frutto di detrattori. Ma tant'è, vediamo di riprendere le fila.

    Marco, concordo in pieno con le tue parole. Hai sfoggiato lo stesso stile di Einzige. Ottimo intervento.

    Serena, come sempre le discussioni - anche quelle assolutamente non costruttive come questa - decretano sempre un certo successo. Detto ciò, direi che è stato più merito della mia recensione tanto detestata che del film di Zampa! ;)

    Meme e Linda, le vostre argomentazioni sono così forti, profonde e convincenti che quasi quasi stavo per essere d'accordo con voi. Quasi.

    Goffredo, senza entrare nel merito della discussione ecumenica, direi che ti sei differenziato dal resto delle ragazze pon pon di Zampa semplicemente perchè mi è parso di notare una discreta ironia in quello che hai scritto. Già facciamo passi avanti.

    Remo, sinceramente sul mio blog vorrei essere tutto tranne che imparziale. Il film di Zampaglione è stato uno dei peggiori che abbia visto negli ultimi mesi, e come chi si sforza di usare il cervello mentre legge le mie recensioni sa bene, le bottigliate equivalgono ad una stroncatura. Niente di personale rispetto a Zampaglione. Ci ha provato, magari la prossima volta andrà meglio. Chissà. Per quanto riguarda, invece, il resto dei Lord che sono intervenuti rispetto al mio post, direi che non ci sono chances che la situazione migliori.

    Gitano, sei davvero un signore. Tra l'altro, è curioso quanto poco io debba intervenire a proposito dei tuoi commenti. La loro pochezza si commenta da sola. Cerca di non farti più vedere, a me non dispiacerà di certo.

    Dae, ti ringrazio della "guardia" fatta ai miei cancelli. E' stato un vero piacere leggere come hai fatto le mie veci, per quanto i nostri metodi potessero essere diversi, caro Law! ;)
    Tra l'altro, volevo chiederti una cosa, a seguito di tutta questa polemica: riusciresti a mettermi in contatto con Zampaglione? Mi piacerebbe dedicare un post a lui e a Shadow partendo proprio dalla mia critica al film e da quello che è successo qui. Fammi sapere!

    Dembo, muchas gracias, davvero.
    Già lo sapevo, ma ogni giorno trovo la conferma che sei il Leonard che questo vecchio Hap ha cercato per una vita.
    E questa nostra old school è una casa a cui tornare è sempre un piacere.

    RispondiElimina
  42. Ti ci posso mettere in contatto in un nanosecondo, ma non vorrei veder rovinata la mia "amicizia" con lui, sia perchè avrei dato il numero di telefono a un'altra persona, sia perchè questa persona l'ha massacrato...

    E poi, James, non riscateniamo i gitani's...

    Law, what?

    RispondiElimina
  43. Dae, con Law intendevo Jude Law di Repo Men! ;)
    Per quanto riguarda Zampa, non ti avrei mai chiesto il suo numero di telefono, semplicemente mi piacerebbe gli lasciassi la mia mail in modo che, se lui fosse interessato, io possa tentare di strutturare un confronto costruttivo proprio partendo dalla mia posizione rispetto al suo film per analizzare gli eccessi dei "gitani" di turno.
    Che dici, così si può fare!?

    RispondiElimina
  44. Per Law ripensandoci, a parte il "ruolo", direi che cucco molto più di te che c'hai quell'occhio sghembo.

    Non so, senz'altro posso mandargli la tua mail, ma non credi di esser stato troppo duro? Intendiamoci, non sto dicendo di esser ipocrita e cercar di salvare Shadow in qualche modo, solo che (già te l'ho detto, solo lì al limite puoi aver sbagliato) mi sembra che ci siano stati attacchi un pò troppo personali.

    Certo, un vero artista dovrebbe sapersi confrontare soprattutto con le critiche negative ma qua mi sembra che si sia creato un clima pessimo, tra chi attacca personalmente Zampaglione e chi (in modo 100 volte peggiore) offende gli altri per difenderlo. Mi sembra che le posizioni equilibrate si contano sulle dita di una mano, peraltro monca di alcune...

    Boh, io non mi metterei in mezzo a sta bolgia, non ho niente da guadagnare, solo da perdere.

    Questo sempre che Zampaglione legga il post e i 40 messaggi.

    Io comunque gliela mando, dimmi te cosa devo scrivere.

    RispondiElimina
  45. Non c'è di che Signor Collins, sai che io ci sono SEMPRE.
    Tuo Mr. Pine.

    RispondiElimina
  46. Dae, mi è piaciuta molto l'ironia dell'accostamento Law/Whitaker. Dovremmo rispolverarla.
    Detto questo, a me basta che tu scriva a Zampa che ho stroncato il suo film ma sono assolutamente disposto ad un confronto in proposito legando la discussione agli interventi piuttosto decisi dei suoi sostenitori. Niente bugie e niente di personale, credo che il buon Federico sia abbastanza intelligente da capirlo.

    Mr. Pine, lo so che ci sei sempre. E meno male.
    Comunque ci sono sempre anche io.
    Mr. Collins.

    RispondiElimina
  47. Beh, sembra tutto finito.
    Le signorine qua sopra hanno mollato rapidamente, neanche il gusto della battaglia.
    Tsè.

    RispondiElimina
  48. Fratello, che ci vuoi fare!?
    Sarà stato il timore dell'old school a farli desistere! ;)

    RispondiElimina
  49. Salve a tutti. Lo so: è da quasi un anno che sono stati postati gli ultimi commenti e probabilmente nessuno leggerà mai la mia opinione, ma questa sera hanno trasmesso su Rai4 il "fatidico film" The Shadow - L'ombra e disgraziatamente mi è capitato sotto gli occhi. Dico "disgraziatamente" perchè, terminata la visione, ho maturato riflessioni per certi versi simili a quelle di Mr. Ford. Diciamo che si annoverano molte pellicole degne di essere "marchiate" col genere: "film horror". Questa certo tenta disperatamente di accrescere tensione, angoscia e paura, soprattutto nelle strazianti torture cui il reduce dal campo di concentramento sottopone i personaggi.
    Che dire dello spettrale e ignoto luogo in cui finiscono i malcapitati, delle urla ed espressioni di tortura degli ospiti, puntualmente immortalate dal maniacale mostro, o del ritrovamento dei corpi imbalsamati, anch'essi "congelati" nei naturali gesti della vita quotidiana.
    Che dire delle diaboliche smorfie che contraggono il volto dello psicopatico, il cui aspetto, tra l'altro, mi è davvero sembrato, come dice Ford, una parziale "riesumazione" (perdonatemi il termine inadatto) della morte in "Il settimo sigillo", ma...sorvoliamo: lasciamola pure passare per una reminiscenza cinematografica.
    Diciamo che è impossibile negare che il regista sia riuscito, in linea di massima, a procurare "orrore", terrorizzando lo spettatore, mettendo alla prova i suoi nervi e la sua sensibilità. Benissimo "regista", ti sei spinto oltre i limiti del truculento e...poi? E poi basta...Perchè questo, signori, secondo il mio modesto e del tutto opinabile parere, resta semplicemente un "horror", e non certo uno dei migliori. Non so se notate la sottile e allo stesso tempo insormontabile differenza: un "film" per essere tale deve avere un minimo di logicità e di sensatezza, un minimo...vi dico sinceramente che nella figura dello psicopatico ho visto molto del "regista": non fraintendetemi, ma la minuziosa cura dell'orrore e quella cinepresa con cui il mostro perfidamente coglie i più acuti spasimi delle sue vittime sono le stesse del "regista", che con un orrore senza limiti inonda il film, prescindendo da ogni logica.
    Una forma, insomma, all'apparenza perfetta, in un'ossatura incredibilmente fragile e quasi interamente priva di senso.
    "L'ombra" per me resta un "horror", ma solo nel senso più stretto e banale del termine, senza nulla di più, senza alcuna pretesa di essere un vero "film".
    Come semplice "horror" varrà tutto ciò che volete: fate voi, accetto il voto che preferite...sbaglierò, ma io sono convinto nel dire che è così dannatamente "horror" da far dimenticare a chiunque di essere un "film", così "horror" da non sembrare neanche un film di tutto rispetto, compiuto e con una parvenza di logica.
    Perchè come "film", a mio avviso, non esiste proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, da queste parti io leggo sempre i commenti, anche quelli riferiti a post non proprio "di primo pelo".
      Tra l'altro, complimenti: hai fatto un'analisi interessante e lucida di un prodotto che, anche a distanza di tempo, non ha guadagnato nulla ai miei occhi di spettatore.
      Ripassa, se ti capita.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...