venerdì 26 aprile 2013

Nella casa

Regia: Francois Ozon
Origine: Francia
Anno: 2012
Durata:
105'




La trama (con parole mie): Germain, professore insoddisfatto di letteratura dalle ambizioni di scrittore naufragate scopre di avere un potenziale talento letterario in classe, il sedicenne Claude.
Quest'ultimo, insinuatosi nella vita della famiglia apparentemente perfetta di un suo compagno di studi, finisce un passo dopo l'altro per entrare - in tutti i sensi - nella casa non solo degli Artole, queste le borghesi vittime bersaglio dei suoi scritti, ma dello stesso professore e di sua moglie, completamente sedotti dai racconti del giovane scrittore.
Il rapporto tra insegnante ed allievo e quello dello stesso allievo con i protagonisti del suo lavoro finirà per cambiare le vite di tutti, così come quello che, di fatto, da gioco al massacro della classe borghese diverrà uno specchio pronto a condurre ad un'analisi di se stessi rispetto alla società i suoi protagonisti.




Francois Ozon è decisamente un'eccezione, qui al Saloon.
Il regista francese classe 1967, infatti, rappresenta in tutto e per tutto la quintessenza del radicalchicchismo, dalle scelte stilistiche all'approccio, dal gusto alla messa in scena, eppure non c'è un solo titolo tra quelli della sua filmografia che abbia avuto modo di vedere fino ad ora che mi abbia deluso: una vera rarità, considerata la passione che continuo a coltivare per le bottigliate rifilate quanto più spesso e volentieri possibile ai cineasti snob ed amati da quella fetta di pubblico che di norma neppure troppo cordialmente detesto.
Eppure il tocco dell'autore parigino, tra i pochi nel panorama attuale della settima arte a riuscire a sposare alla perfezione Teatro e Cinema, ha il potere di superare ogni barriera pregiudiziale e, sfruttando una sempre sagace ironia di fondo, conquistare inesorabilmente a prescindere dal suo background: dallo splendido Sotto la sabbia al divertissement d'autore 8 donne e un mistero, passando per il toccante Ricky - Una storia d'amore e libertà, Ozon si è saputo confrontare, fin dagli inizi della sua carriera, con generi anche molto diversi tra loro riuscendo sempre a farli propri.
Non è da meno questo sorprendente Nella casa, uno dei titoli più interessanti tra quelli usciti in sala in questa prima parte dell'anno nonchè in grado di mettere d'accordo perfino due nemici giurati come il sottoscritto ed il Cannibale, entrambi pronti a riconoscere l'assoluto valore di questa intrigante favola nera dai risvolti di critica sociale: perfino Julez, normalmente più refrattaria all'autorialità fine a se stessa ancor più di questo vecchio cowboy, si è ritrovata completamente catturata da uno script ad orologeria che mescola l'analisi da palcoscenico del salotto borghese ad un incedere da thriller inchiodando alla poltrona l'audience tanto quanto il professor Germaine, passo dopo passo stregato dalla cronaca che il suo giovane allievo Claude porta su carta a testimoniare il progressivo insinuarsi di quest'ultimo nel cuore del nucleo della famiglia Artole, imponendosi dapprima su Rapha figlio, dunque su Rapha padre e completando l'opera con l'inizialmente scettica Esther - un'ottima Emmanuelle Seigner -.
L'alternanza del racconto e delle vicende ambientate nel presente di narrazione, inoltre, contribuisce a rendere ancora più appassionante l'evoluzione della storia, sfruttando almeno un paio di twist clamorosamente ad effetto che rendono benissimo l'idea del potere che lo scrittore ha rispetto ai suoi personaggi: come se non bastasse, l'anima nera e politica del lavoro di Ozon prende forma colpendo allo stesso modo sia le "vittime" di Claude che lo stesso giovane ed il suo professore, almeno sulla carta carnefici, sconvolgendo il primo dal punto di vista sentimentale ed il secondo minando lo status sociale che gli permette in qualche modo di sfruttare il potere della contestazione - come nel caso dell'istituzione scolastica e del preside del liceo in cui lavora, o rispetto alla questione dell'introduzione delle divise per gli alunni -.
Eppure, nonostante tutto, la carica voyeuristica del ruolo di deus ex machina di una storia non si ferma neppure di fronte al dramma e alla sconfitta, e per Germaine e Claude continua a pulsare nelle vene e nel cervello la passione per l'elaborazione ed il ruolo di interpreti delle "vite degli altri" - per citare l'ottima citazione di Poison - a comporre un quadro in movimento che chiude splendidamente la pellicola aprendone, almeno in potenza, centinaia di altre, in un gioco che strizza di nuovo l'occhio al Teatro e al concetto che fu la base di pietre miliari come La finestra sul cortile o della poetica di registi come Brian DePalma, da sempre influenzato dal suo lato "Peeping Tom", per usare un'ulteriore citazione cinematografica.
Un lavoro intelligente, funzionale, coinvolgente, teso tanto da sfiorare il thriller in più di un'occasione quanto divertente e noir sulla scia delle prime commedie targate Almodovar, teatrale nell'approccio eppure estremamente cinematografico nella resa conclusiva, profondamente francese e radical chic ma mai spocchioso o supponente, ben interpretato e soprattutto giocato su una sceneggiatura davvero esemplare: complimenti dunque ad Ozon, architetto di questo gioiellino destinato a risultare come uno dei titoli d'essai più interessanti di questo 2013 nonchè di una delle rarissime proposte in grado di unire gli alfieri del pane e salame ed i salottiani del radical chic.


MrFord


"I used to explode, I never let go
I let the tec go back because I said so
yeah I'm a hoodlum, but I'm a good one
so punks gunnin for my run I wish they would come."
Run DMC - "In the house" -


24 commenti:

  1. Belli bello bello.
    Il salotto borghese di Strindberg. Adolescenza, maturità, voyerismo statico del colto benestante, la ricerca malata e perversa del ragazzo. Nessuno é salvo, nessuno è innocente.

    Si potrebbe dire Un autore in cerca di 6 personaggi. E ora contali. Kisses

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, che commento quasi radical! ;)
      Sei personaggi, vediamo: gli Arthole già sono tre, Germaine e signora, Claude. Dovremmo esserci, no!?

      Elimina
  2. Lo devo vedere assolutamente!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, uno dei film migliori del periodo!

      Elimina
  3. Una delle pellicole più intelligenti degli ultimi tempi. Datemi un film così a settimana e io smetto di lamentarmi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un film così a settimana e io smetto di lamentarmi del Cannibale. Forse. ;)

      Elimina
    2. Adesso non esagerare, dai! ;)
      E grazie per la citazione, fra l'altro! :)

      Elimina
    3. De nada! Ed effettivamente era un'esagerazione! ;)

      Elimina
  4. dai un film a settimana è troppo poco, ormai il calcio c'è solo la domenica, Ballarò non lo vedo più e anche Michele Pandoro l'ho abbandonato , lui e il giovedì...pure Masterchef è finito...quindi ce ne vuole almeno uno a giorni alterni. E comunque ormai Ozon non sbaglia più un colpo...e la Seigner....?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me va meglio, se non altro MasterChef lo stiamo guardando ora su Cielo, io e Julez! ;)

      Comunque concordo: Ozon non sbaglia più!

      Elimina
  5. Bello bello bello. Una chicca per chi vorrebbe fare lo scrittore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, Denny. Ma anche una chicca per i cinefili e basta! :)

      Elimina
  6. Okkei,lo prendo.Mi si e' convinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, mi pare un'ottima scelta. Goditelo!

      Elimina
  7. porca vacca ma io che pensavo fosse una cosetta "così"...
    se domenica pomeriggio piove mi faccio la cinemata di cattiveria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patalice, secondo me devi schiaffartelo di cattiveria! Ottimo film! :)

      Elimina
  8. un film bellissimo, coinvolgente e con una trasposizione cinematografica spaccaculo. I francesi non sbagliano un colpo ford!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno lo sbagliano anche loro, il problema è che poi piazzano anche cose estremamente belle come questa!

      Elimina
  9. inutile che cerchi di infilare il tuo pane e salame (ormai andato a male) pure qui. questo è un film al 100% radical-chic e il fatto che tu lo abbia apprezzato significa che la tua mutazione è quasi completata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che io l'abbia apprezzato dimosta l'elasticità del pane e salame, al contrario del tuo monotono radicalchicchismo! ;)

      Elimina
  10. Ozon è quanto più di radical chic possa esistere. Davvero un mistero che ti piaccia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo ironico per essere solo radical chic. Meglio così! ;)

      Elimina
  11. Splendido
    c'è un perfetto bilanciamento tra la perfidia del ragazzo e la delicatezza con cui è trattato l'argomento, come se non ci fosse.
    Come non, appunto.
    Non fosse che ne esci con un senso di sospetto verso chiunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film arguto, ironico, profondo ed intelligente. Non ci sono storie, un titolo che resta.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...