venerdì 5 aprile 2013

Django

Regia: Sergio Corbucci
Origine: Italia
Anno: 1966
Durata: 93'




La trama (con parole mie): siamo a cavallo del confine tra States e Messico, nel periodo che va dalla Guerra di Secessione americana alla Rivoluzione messicana. 
Un ex soldato nordista, Django, vaga nella terra di nessuno che si contendono i ribelli latini guidati dal generale Rodriguez ed i bianchi razzisti agli ordini del maggiore Jackson portandosi dietro una bara dal contenuto segreto.
Salvata una donna - prostituta di un saloon locale che ha tentato la fuga - il misterioso pistolero da inizio ad una vera e propria lotta che lo vede opposto prima a Jackson, dunque a Rodriguez e per finire di nuovo a Jackson: sulla sua strada sono destinati a cadere cadaveri come se piovesse.
Ma per l'antieroe il destino sarà amaro, e la vittoria avrà un prezzo enorme per un ammazzacristiani dalla mano rapida come lui.





Recentemente portato alla ribalta dalla versione unchained firmata Tarantino - se non l'avete ancora visto, fatelo, perchè si tratta di uno dei film dell'anno -, il personaggio di Django approda finalmente al Saloon dopo aver influenzato per decenni l'immaginario dello Spaghetti Western e non solo, dando origine fin dai tempi della sua uscita in sala ad un vero e proprio fenomeno che l'ha trasformato in oggetto di culto e di numerosissime imitazioni, spin off ed omaggi - praticamente mai all'altezza, Quentin escluso -.
Ricordo di aver concesso una visione di striscio alla pellicola di Corbucci ai tempi in cui mio nonno riusciva a sfoderare almeno un paio di western al giorno quando ero da lui, ma non ricordavo - del resto, sono passati più di vent'anni - quanto grezzo e tosto questo pulp da Frontiera fosse, e tantomeno quanto sia riuscito ad influenzare la Storia del Cinema di genere e non solo negli anni: per quanto, infatti, non si tratti per nulla di un saggio di tecnica sopraffina, dialoghi memorabili o contenuti rivoluzionari, Django ha rappresentato - e rappresenta - uno dei massimi vertici di quello che oggi si intenderebbe come cult, dallo stile all'impatto.
Osservando Franco Nero - perfetto nella sua limitatissima espressività - camminare nel fango trascinandosi dietro la bara - altro colpo di genio - che cela il suo strumento di morte sulle note della splendida canzone utilizzata anche dal Quentino in apertura della sua versione si ha da subito la misura di quello che sarà il risultato complessivo del lavoro di Corbucci, che riesce a toccare temi importanti - la Frontiera, il razzismo, la violenza, la sopravvivenza ed i bassi istinti dell'Uomo - senza mai perdere di vista i suoi limiti e finendo per trasformare gli stessi in qualità dirompenti da aggiungere ad un utilizzo massiccio della violenza - che quasi definirei cronenberghiana - e ad un comparto tecnico che fa del kitsch un pregio clamoroso, dalla scenografia, ai costumi, alla fotografia.
La lezione impartita da Sergio Corbucci diviene dunque fondamentale nel porre le basi per quello che sarà il trionfo di un altro Sergio proprio in quegli anni, pronto a sfruttare l'intuizione di Django filtrandola attraverso un'abilità impressionante con la macchina da presa - provate per un istante a pensare cosa sarebbe potuto diventare questo film nelle mani di Leone - ed un decennio dopo da un altro reduce della stessa Frontiera, Clint Eastwood, che deve tantissimo per lavori come Lo straniero senza nome proprio a titoli come questo.
La vicenda di Django, antieroe che mostra più i difetti che non i pregi, per nulla senza macchia ed assolutamente lontano dai clichè classici del ruolo, tornata alla ribalta dopo troppi anni passati in una nicchia che le sta decisamente stretta, andrebbe ripescata da critica e pubblico come uno dei più fulgidi esempi di Cinema di rottura del Nostro Paese, ammirata ed imitata anche e soprattutto da Maestri riconosciuti in tutto il mondo - in questo senso Corbucci si ritrova a condividere il destino di Mario Bava, regista clamoroso qui da noi ignorato da tutti i non nerd cinematografici eppure responsabile di pesantissime influenze sui lavori di gente come Carpenter o Burton -.
Una visione clamorosa, da Saloon ed appassionati ma non solo, ed una vera e propria miniera d'oro di sequenze memorabili in grado di sorprendere ed indurre ad una sorta di dipendenza rispetto ad una figura mitica, che senza dubbio merita un posto di rilievo nella Storia della settima arte e del West.


MrFord


"Django, now your love has gone away.
Once you loved her, whoa-oh...
Now you've lost her, whoa-oh-oh-oh...
But you've lost her for-ever, Django."
Luis Bacalov - "Django" -


25 commenti:

  1. Avrà i suoi difetti, ma è un capolavoro! Emozionante ad ogni visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno: grandissimo film.

      Elimina
  2. nonostante i debiti che django unchained deve a questo film, non mi sono ancora convinto a vederlo. sono troppo poco western! (per fortuna) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ekkalla'...
      Te mancano e' bbasii! :P

      Elimina
    2. Peppa, western o no, questo ti piacerebbe!

      Giocher, hai ragione da vendere: basi zero. ;)

      Elimina
  3. Il film non l'ho visto, ma commento perchè volevo chiederti se sapevi del trapasso (ahimè) del grande Roger Ebert...

    Vedo che non ne hai parlato, quindi non so se lo conosci o meno, o se non ti è giunta ancora la notizia: comunque qui dice qualcosa di più. Io, personalmente, ci son rimasto di merda :(

    http://lastampa.it/2013/04/05/spettacoli/e-morto-roger-ebert-l-unico-critico-cinematografico-vincitore-del-pulitzer-isUISWnzfUms5pJzSWuBTO/pagina.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno de meno!! Daje, mo' la strada del Nostro successo è spianata! :D

      Elimina
    2. Saix, grande Ebert. Un mito della critica.

      Giocher, a questo punto il Pulitzer non ce lo toglie nessuno! ;)

      Elimina
  4. film ipercazzuto, solo per selvaggi cowboys ;) cult totale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cult totalissimo, Lorant. Un film da veri duri old school! ;)

      Elimina
  5. Ah si, me lo ricordo... a quei tempi ci si dava dentro di pane e spaghetti western perchè, diceva mio padre, quelli americani sono di una noia mortale (poi si guardava anche quelli, naturalmente).
    Massiccissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che invece con mio nonno si guardavano spesso e volentieri solo gli americani! ;)
      Comunque questo è davvero una bomba!

      Elimina
  6. Devo vederloooooo. Mea culpa si si...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerca di recuperarlo al più presto, merita alla grandissima!

      Elimina
  7. Anche io l'ho recuperato, dico la verità, solo dopo aver visto quello di Quentin. Grande film e grande Franco nero, ma a voler essere un po' pignoli ho preferito di gran lunga la prima parte alla seconda, resta cmq un film tosto e a tratti pure divertente.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, io me lo sono goduto e stragoduto: secondo me è un vero e proprio progenitore del pulp, western o no.
      Bellissimo.

      Elimina
  8. Finalmente ti ho beccato Mister Ford, tramite un tuo commento su Il Buio in Sala sono giunto al tuo blog. Grazie per esserti unito a Visione Sospesa, ricambio con piacere :) Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visione, qui al Saloon gli appassionati come te sono sempre i benvenuti! :)

      Elimina
  9. Django, have you always been alone?
    Django, have you never loved again?
    Love will live on, oh oh oh...
    Life must go on, oh oh oh...
    For you cannot spend your life regreatting.
    Django, you must face another day.
    Django, now your love has gone away.
    Once you loved her, whoa-oh...
    Now you've lost her, whoa-oh-oh-oh...
    But you've lost her for-ever, django.
    When there are clouds in the skies, and they are grey.
    You may be sad but remember that love will pass away.
    Oh django!
    After the showers is the sun.
    Will be shining...
    Once you loved her, whoa-oh...
    Now you've lost her, whoa-oh-oh-oh...
    But you've lost her for-ever, django.
    When there are clouds in the skies, and they are grey.
    You may be sad but remember that love will pass away.
    Oh django!
    After the showers is the sun.
    Will be shining...
    Django!
    Oh oh oh django!
    You must go on,
    Oh oh oh django...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, Barbara. Grandissima canzone davvero.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...