mercoledì 10 aprile 2013

I Croods

Regia: Kirk De Micco, Chris Sanders
Origine: USA
Anno: 2013
Durata: 98'




La trama (con parole mie): siamo nel pieno della Preistoria, e i Croods, una famiglia disfunzionale - se così vogliamo definirla - dei tempi vive protetta dalla propria caverna sotto la guida del rude patriarca Grug, appassionato di pitture rupestri ed iperprotettivo rispetto ai suoi cari, ben conscio dei pericoli che il mondo esterno garantisce soprattutto dopo il tramonto.
Quando la figlia maggiore Eep, emancipata e decisa a guardare oltre i limiti imposti dal padre, incontra Guy, un ragazzo esperto della vita libera e dei trucchi necessari per affrontare con fiducia il mondo, il domani ed il futuro, i conflitti in seno ai Croods esplodono: i membri della famiglia, però, dovranno trovare in fretta il modo di appianare le divergenze, perchè incombe un cambiamento geologico del pianeta che li costringerà ad abbandonare la caverna e gettarsi nell'avventura alla ricerca di una nuova sistemazione.





Il fatto di rimanere sorpreso pare ormai essere diventato l'adagio principale di questo 2013, caratterizzato soprattutto nella sua parte iniziale da pellicole partite sotto il peggiore degli auspici e rivelatesi, al contrario, delle sorprese più che piacevoli - Vita di Pi, Cloud Atlas, Frankenweenie -: nel momento di dare il consueto parere nell'ambito della rubrica settimanalmente curata dal sottoscritto in compagnia dell'acerrimo antagonista Cannibale, ricordo di aver letteralmente demolito - e con discreto piacere - il lavoro firmato da Kirk De Micco e Chris Sanders, spinto dall'idea che si sarebbe trattato del consueto titolo Dreamworks in pieno stile "vorrei eguagliare la Pixar ma non posso": complici le recensioni positive raccolte un pò ovunque nella blogosfera, in casa Ford si è deciso di dare una chance a questa avventura preistorica cercando di non pensare a clamorosi buchi nell'acqua come quello de L'era glaciale 4 giusto per finire premiati per il coraggio dimostrato.
I Croods, infatti, è risultato ben più che piacevole e divertente, e pur mescolando elementi certo non innovativi - le basi mostrate devono moltissimo a Gli incredibili, il primo capitolo del già citato brand de L'era glaciale e la migliore tradizione dei Classici Disney -, riesce a portare a casa un mix perfetto di ritmo, divertimento e riflessioni non banali - il tema della Famiglia, in un modo o nell'altro, riesce sempre a coinvolgere grandi e piccini - proponendosi come il risultato più interessante nato dalla casa madre di Shrek dai tempi dell'ottimo Dragon trainer - firmato, non a caso, proprio da Chris Sanders - già autore di Lilo e Stitch, altro cult fordiano del genere.
L'incedere delle vicende, arricchito dal consueto umorismo "parentale" - magnifici i siparietti che coinvolgono Grug e la suocera, accompagnati da costanti inviti ad una prematura scomparsa di quest'ultima -, funziona fin dalle prime sequenze ambientate nella caverna ed appena fuori - da manuale la scena dedicata al rientro a casa con la colazione in pieno stile football americano -, e grazie ad una galleria di personaggi realizzata e caratterizzata alla grande - i Croods al completo, il "modaiolo" Guy ma anche gli esemplari della fauna preistorica locale - non si perde un colpo dal primo all'ultimo minuto, comprese perle clamorose come la sequenza "da pop corn" ed i riferimenti all'arte rupestre, le riflessioni sull'approccio al domani figlio dell'apertura mentale e alla possibilità di evolversi a fronte di un mondo destinato a collassare su se stesso - e personalmente l'istinto è di associare questa "apocalittica" situazione a quella italiana degli ultimi tempi -.
Come se non bastasse anche dal punto di vista tecnico I Croods non delude affatto, presentando effetti resi alla grande nonostante l'origine chiaramente debitrice del mercato 3D, colori accesi e scenari mozzafiato che rimandano alla meraviglia che fu Up!, in barba a quelli come il sottoscritto da sempre sostenitori del dato di fatto che la Pixar è e resti ben più di una spanna sopra tutti gli altri produttori legati all'animazione presenti sul mercato nordamericano.
Inoltre, con l'arrivo del Fordino e le emozioni da genitore sempre in agguato, prodotti come questo risultano sicuramente degni di nota ed attenzione rispetto a quelli figli di brand consolidati ed ormai costruiti ad uso e consumo dei portafogli dei produttori, venendo buoni per il presente - con me e Julez favorevolmente impressionati - e per il futuro - quando toccherà anche all'erede del Saloon cominciare a cimentarsi con la potenza della settima arte.


MrFord


"Here comes the sun, doo doo doo doo
here comes the sun, and I say
it's alright."
The Beatles - "Here comes the sun" - 


34 commenti:

  1. Ti voglio bene papà. E pianse...

    RispondiElimina
  2. Se riesco lo recupero, che sembra carino, e ne ho letto bene anche da altre parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è insolitamente molto carino, per essere una produzione Dreamworks. Non vedevo niente di questo genere dai tempi di Dragon trainer.

      Elimina
    2. Vado un po' O.T., ma non vedo l'ora di leggere quello che dirai domani, in occasione dell'uscita dell'ultimo film di Martinelli, uno dei tuoi registi preferiti! ah ah ah! :P

      Elimina
    3. Vedrai che domani ci sarà da ridere, con il parere mio e del Cannibale a proposito di Martinelli! ;)

      Elimina
    4. Almeno quello, che di nuovo, con le uscite, mi sembra l'ennesima settimana inutile!

      Elimina
    5. Inutile!? Una settimana di merda, vedrai!

      Elimina
    6. Sì, non volevo dirlo, per non sembrare sempre la solita zotica.
      Che noia, Ford, che noia! Ma che succede?
      Non ricordo periodi così fiacchi da anni!

      Elimina
    7. Non saprei, sono davvero mesi durissimi per le uscite: comunque da maggio la situazione dovrebbe migliorare un pò!

      Elimina
    8. E aspettiamo maggio, allora.
      Io lo aspetto per altri motivi, l'importante è che arrivi!

      Elimina
    9. Dici bene! Basta che arrivi e si porti via questo spentissimo periodo di non primavera! :)

      Elimina
  3. C'ho la prole che invoca e io nego.
    Me fa schifo per una serie di cose non degne.punto.

    Ed e' no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in questo modo prima o poi la prole si ribellerà colpendoti con una clava! ;)

      Elimina
  4. io alla prole l'ho nascosto vergognosamente perchè sentivo l'odore di fregatura...e invece continuo a ricevere referenze positive su questo film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, secondo me piacerebbe ai Bradipini e anche a te! :)

      Elimina
  5. se è piaciuto a te, sarà una bambinata clamorosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, dai, non fare lo snob, che Dragon trainer era piaciuto anche a te, e questo lo ricorda!

      Elimina
  6. Visto in proiezione pomeridiana...giornata piovosa, dal clima quasi invernale.Mi ero predisposta ad una bella ronfatina: invece, nella sala, piena a metá, le espressioni più divertite erano quelle di noi "adulti accompagnati"

    PS. Quando sará il momento, tenete il miniExpendable lontano dalle rocce: la Belva ha tentato di "spatasciare piú volte il muso di un amico contro un vecchio albero ( in mancanza di meglio) urlando: "rifacciamola, avevi gli occhi chiusi!!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorella, hai ragione: un film che diverte gli adulti come i piccoli!
      E l'idea delle istantanee è una bomba! ;)

      Elimina
  7. pensavo di snobbarlo... mi hai convinto a recuperarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adam, vedrai che non te ne pentirai! :)

      Elimina
  8. Già dal trailer sembrava molto interessante e simpatico, una visione gliela posso concedere!
    Provo a recuperare!!
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto, molto carino, e in vista della paternità ci sta tutto! ;)

      Elimina
  9. ma lo sai che non sembra malvagio? forse mi "cucciolizzo" pur'io per una volta...
    Ford hai visto Wrestelmania 29? no dico l'hai visto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, secondo me una visione la merita tutta. Cucciolizzati pure!

      Wrestlemania la vedo stasera: ti farò sapere nei prossimi giorni! :)

      Elimina
  10. vedendo il trailer mi è parso carino (il personaggio della vecchia suocera mi ha dato l'idea di essere uno spasso!), spero di riuscire a vederlo presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Margherita, effettivamente è molto divertente, soprattutto la vecchia suocera ed il suo rapporto con il genero: recuperalo! :)

      Elimina
  11. ho degli amici che me l'hanno consigliato. Generalmente sono piuttosto mainstream, però diciamo che siamo diventati di bocca buona anche noi. Tutto ciò che contribuisce a tenere tranquilla la triplice alleanza merità spazio nella nostra programmazione.
    Ma al momento vanno per la maggiore i Blues Brothers... prima di tornare ai cartoons aspetto un po' e mi godo il momento ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci sono i Blues Brothers goditeli, ma intanto segna questo, che è davvero molto, molto carino! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...