mercoledì 18 aprile 2018

Wonder (Stephen Chbosky, USA/Hong Kong, 2017, 113')





Anno dopo anno, da appassionato e spettatore ho senza dubbio - anche se il Cannibale obietterà - migliorato il mio gusto e la capacità di analisi critica rispetto ai film che vedo, nonostante a braccetto con queste due caratteristiche stia al calduccio e confortevole uno dei più grandi nemici dell'umanità: il pregiudizio.
Quando Wonder uscì in sala, mesi fa, bollai l'operazione come la solita, bieca, buonista favoletta all'ammeregana strappalacrime in grado di scatenare le bottigliate delle grandi occasioni perfino in uno spettatore pane e stelle e strisce come il sottoscritto, complici il bimbo protagonista e la sua malformazione ed una storia che ricordava molte, d'autore e non, portate alla ribalta nel corso degli anni e molto spesso di successo.
Tenuto nel cassetto per settimane e rispolverato in occasione di un pomeriggio da solo in casa con la Fordina, il lavoro di Stephen Chbosky - regista dell'amatissimo, da queste parti, Noi siamo infinito - si è rivelato una piacevole sorpresa, una piccola favola per famiglie per nulla ruffiana, attuale - analizza problematiche legate al mondo scolastico negli ultimi anni divenute materia sociale chiacchierata ed analizzata - e nonostante l'inevitabile stuzzicare di corde da lacrima facile intelligente ed in grado di toccare perfino uno stronzo in attesa del pretesto buono per distruggerlo come il sottoscritto.
Merito, forse, di una struttura "a capitoli" che permette a tutti i personaggi principali di emergere senza rubare spazio agli altri, incastrandosi quasi fossero tessere di un unico puzzle, o schegge più o meno impazzite di una famiglia che si poggia sul protagonista Auggie e si evolve a seconda delle individuali inclinazioni e caratteri, di un cast azzeccato che porta sullo schermo vicende perfettamente normali - il desiderio della felicità dei figli, l'amicizia, l'amore, l'instabilità adolescenziale, il rapporto con il mondo esterno che inizia a costruirsi dal complicato ecosistema della scuola - senza che appaiano lontane o hollywoodiane nel senso più dorato ed irrealizzabile del termine: il fatto che il catalizzatore sia un bambino come Auggie con i suoi problemi è in realtà solo un pretesto, un mezzo per portare in scena le fragilità ed i punti di forza di un'intera famiglia e delle persone che sono legate ai suoi membri, senza lungaggini o ricatti morali rivolti all'audience.
E perfino con il crescendo finale, che strizza l'occhio a tutti i grandi film dall'alto potenziale retorico eppure entrati nell'immaginario collettivo e nella cultura popolare come L'attimo fuggente o Scent of a woman, tutto scorre con naturalezza senza apparire forzato o ruffiano, alimentato addirittura da una sequenza che, da padre e da spettatore di questo film in compagnia della sua bambina, mi ha quasi commosso - lo spettacolo teatrale di Via, sorella maggiore di Auggie - pensando a quando e se dovesse capitare al sottoscritto di vedere la stessa bimba che ora si aggrappa al mio petto come se fosse il posto più sicuro del mondo muovere i primi passi nella sua giovinezza e al di fuori della propria casa.
Una sorpresa su tutta la linea, dunque, che seppur lontana dai fasti del già citato Noi siamo infinito conferma il talento di Chblosky come narratore delle inquietudini della crescita, ed un potenziale ottimo prospetto per il futuro rispetto al Cinema di formazione e da ragazzi: dalla progressiva esplosione di Auggie rispetto al mondo esterno alla bellissima sequenza della rissa al campeggio - che mi ha riportato alla mente Stand by me -, Wonder riesce nell'intento di sorprendere un pò come quando incontrate qualcuno che pensate di poter sottovalutare e prima che possiate rendervene conto quello stesso qualcuno è diventato la persona più importante della vostra vita.
Una "meraviglia" decisamente non da poco.




MrFord




 

14 commenti:

  1. si anche a me non è dispiaciuto devo dire la verità, poi da fan di Julia Roberts di vecchia data non potevo proprio perdermelo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi aspettavo una schifezza, e invece è stato molto piacevole.

      Elimina
  2. Sapevo che non ti sarebbe dispiaciuto neanche un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo perchè ormai sono come un tuo zio vecchio! ;)

      Elimina
  3. Lo vidi all'arrivo in sala, e l'ho trovato carinissimo, molto "film di natale".

    RispondiElimina
  4. Per gli stessi pregiudizi che avevi, l'ho evitato finora. Ora però queste promozioni insperate da parte tua, del Cannibale e di Mr. Ink mi stanno facendo tentennare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me potrebbe finire per piacere anche a te!

      Elimina
  5. appena visto (anziché studiare, ahah), commento con gli occhi ancora un po' lucidi xD avevo gli stessi pregiudizi, invece mi è piaciuto tanto.
    e senza forse, per me la sua forza sta proprio nella somma dei punti di vista. un po' di melassa c'è, specie sul finale, ma non ci si scivola :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un melenso, però, che per una volta non è di troppo. Studi anche così! ;)

      Elimina
  6. Sul fatto che i tuoi gusti siano migliorati negli ultimi tempi potrei anche essere d'accordo. Ma solo perché nei primi tempi in cui ho scoperto il tuo blog avevi dei gusti davvero tremendi, e quindi era impossibile peggiorare ancora uahahah

    Sull'apprezzamento nei confronti del film pure.
    Sul fatto che non sia forzato o ruffiano, soprattutto nel finale, però non sono d'accordo. A me è piaciuto anche per quello, per essere spudoratamente ruffiano senza far finta del contrario. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il punto di vista, e questo mi preoccupa anche più del fatto che il film non mi sia affatto dispiaciuto! ;)

      Elimina
  7. Avevo letto il libro durante le pause lavoro e l'avevo trovato adorabile. Il film, per un certo pregiudizio, ha reso restio pure me... solo che non ho rimediato ^^'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti è piaciuto il libro, potrebbe essere lo stesso per il film. Provaci!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...