lunedì 24 luglio 2017

Mommy (Xavier Dolan, Canada, 2014, 139')





Si può dire che Mommy, in un certo senso, rappresentasse in qualche modo la Moby Dick di Dolan, giovanissimo e fenomenale regista incensato dalla critica di tutto il mondo, e la mia come spettatore dei suoi lavori, quando tempo fa ho dato inizio al recupero della sua filmografia in ordine cronologico.
Se, dunque, potevo aver paura in una certa misura di approcciare il suo lavoro al principio, Mommy rappresentava quella stessa paura nella sua versione più mostruosa e titanica, considerato il suo status sin dai tempi dell’uscita in sala ed ai riconoscimenti a Cannes.
Dunque, considerato tutto, devo togliermi questo peso dal cuore: Mommy è un film strepitoso, realizzato con un talento visivo pazzesco, emotivamente d’impatto, come sempre per i lavori del giovane Xavier costruito in modo sublime attorno alla Musica – la scena cult sulle note di Wonderwall, ma anche i passaggi su Colorblind dei Counting Crows o Celine Dion sono da brividi -, destinato a rappresentare uno standard difficilmente superabile dai cineasti delle prossime generazioni, iniziato prendendosi il tempo e chiuso in modo pazzesco, quasi fosse una versione del Nuovo Millennio del fu I 400 colpi.
Eppure, lo ammetto, non è e non sarà il preferito, il film del cuore di Dolan, per quanto mi riguarda.
Forse, il fatto di esserci arrivato un gradino alla volta, ed avendo visto a breve distanza anche i quattro film precedenti del ragazzo, ha tolto in parte l’entusiasmo che una visione così sconvolgente provocherebbe a mente sgombra, senza sapere che Mommy è in realtà il culmine di un percorso iniziato con J'ai tuè ma mere, proseguito con Les amours imaginaires, LawrenceAnyways e Tom a la ferme.
In Mommy tutti i temi cari al regista canadese trovano forma e perfezione – forse perfino troppa -, e così come fu per quello che io considero il Maestro dei Maestri – il signor Kubrick, per intenderci – quello che è oggettivamente il suo film migliore ha finito per segnarmi dentro in misura minore rispetto ad altri meno potenti e perfetti ma più spontanei.
Certo, sto fancendo le pulci a quello che, con ogni probabilità sarà ricordato come uno dei film simbolo di questa seconda decina degli Anni Zero, dall’uso del formato – che potrà apparire un po’ pretenzioso, ma che risulta perfetto se applicato alle emozioni dei personaggi – ad un protagonista sopra le righe, rabbioso e commovente, un “rebel without a cause” che raccoglie il testimone dei Jimmy Dean e lo porta ad un livello ancora più alto, alimentando il fuoco di quello che è uno dei rapporti più complicati e profondi che ognuno di noi vive nel corso dell’intera esistenza: quello con la propria madre.
I conflitti, i momenti d’amore e confidenza, la sensazione di dipendenza ed allo stesso modo la necessità del distacco, l’escalation di un legame che finisce per influenzare chiunque in positivo come in negativo, nella formazione e nella crescita, in amore ed una volta ritrovatisi genitori: il rapporto di Steve con Die è senza dubbio uno dei più intensi e complessi passati sul grande schermo, erede della tradizione che va da Psyco a Tutto su mia madre, ed indaga senza snaturare nulla, dagli insulti agli abbracci, dalla posizione egoistica di Die a quella di Steve, dai piccoli gesti di generosità di una e dell’altro in un mare in tempesta come è giusto che la vita sia.
In un certo senso, Mommy è un film di guerra, il fratello maggiore e cresciuto di J'ai tuè ma mere, la lotta di due entità indivisibili che iniziano la loro esistenza insieme, in simbiosi, la proseguono in battaglie alternate da periodi di pace vissuti con trasporto e tornano a combattersi pur sapendo che fughe, tradimenti, ferite e lacrime non potranno mai intaccare il nodo che tiene insieme i reciproci cuori.
Come ogni guerra che si rispetti, non ci sono veri vincitori, né vinti.
E forse, solo un ultimo salto potrà liberare davvero tutti.
E portarli dove nessun muro, interno ed esterno, potrà più separare quegli stessi cuori.




MrFord




 

12 commenti:

  1. Ah, forse è stato il troppo sentirne parlare?
    Per me, per questioni personali e non, è già uno dei "miei" film. Da questo ho capito che Dolan è bravo, tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che il sentirne parlare, avendolo visto subito dopo tutti gli altri: si è visto molto di più quanto alla fine debba ai lavori precedenti.
      Comunque grande.

      Elimina
  2. Gran bel film, che grazie ad alcuni eccezionali dettagli, è davvero straordinario ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio. Un film che non si dimentica.

      Elimina
  3. Interessante, e pure troppo fordiano, il riferimento a Moby Dick.

    Se non altro riconosci la grandezza di questo film, ma il fatto che Mommy e Les Amours Imaginaires non siano i tuoi preferiti dimostra come, anche soltanto limitandoci al cinema dolaniano, il tuo senso del gusto sia discutibile. E ho detto discutibile, quando sarei potuto essere molto più volgare ahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante? Sarà che io sono la tua Moby Dick! ;)

      Per il resto, come al solito i tuoi gusti cannibaleschi si rivelano radical anche con Dolan! :)

      Elimina
  4. Film emotivamente straordinario, girato con passione e energia invidiabili, forse un po' furbo ma comunque sincero. Ho notato che Dolan fa un'impressione molto diversa da persona a persona, e le opinioni sugli altri film a parte Mommy sono molto contrastanti. Sono molto curioso per j'ai tué ma mere a questo punto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho recensito qualche giorno fa, ed è stato finora il film di Dolan che mi ha colpito di più, nonostante Mommy sia indubbiamente superiore sotto molti punti di vista.

      Elimina
  5. Pure per me, pur ritenendolo bellissimo, non il film del cuore. Ma che film, però, che film!
    Ha pure il merito di avermi fatto appassionare ad Einaudi (il pianista).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissimo film, indiscutibilmente.
      Eppure gli ho preferito l'esordio, a livello emozionale.

      Elimina
  6. La versione matura di J'ai tue ma mere (con gli accenti al posto giusto), in cui matura é la storia e maturo é lo stile (impeccabile, Dio, quanta bellezza in quel formato ristretto su grande schermo). Ma pure io gli preferisco l'esordio acerbo e diretto, e Mommy finisce uno scalino dietro nel mio podio dolaniano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in tutto e per tutto.
      Mommy è la versione "adulta" dell'esordio, ma a livello emotivo per me quello non si batte.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...