mercoledì 26 settembre 2018

Escape plan 2 - Ritorno all'inferno (Steven C. Miller, Cina/USA, 2018, 96')




- Considerato il suo status di idolo fordiano imperituro, qualsiasi pellicola che veda tra i protagonisti Stallone diventa una visione praticamente irrinunciabile per il sottoscritto, a prescindere dal valore effettivo della stessa.

- Qualche anno fa il primo Escape Plan, che riuniva Sly e Schwarzy sotto un unico tetto, mi divertì non poco nonostante alla vigilia non fossi propriamente speranzoso.

- Escape Plan 2 è una marchettazza commerciale che dovrebbe lanciare il brand sul mercato orientale, assolutamente risibile a livello di sceneggiatura e spesso e volentieri televisivo nella regia e nella messa in scena, con uno Stallone troppo poco presente e decisamente svogliato ed un Bautista sfruttato bene ma troppo poco - anche se continuo a pensare che il vecchio Dave dovrebbe tentare la strada della commedia -.

- Nonostante tutti i suoi difetti e gli evidenti limiti, devo ammettere di essermi parecchio divertito: la star cinese che Sly dovrebbe lanciare - Xiaoming Huang - se la cava bene quando si tratta di muovere le mani, e lo scontro finale tra il primo degli Expendables ed il cattivo di turno regala una mossa di chiusura davvero ad effetto.

- Senza dubbio il lavoro di Steven C. Miller è quanto di peggio potreste consigliare ad un radical chic incallito o a qualcuno che apprezzi esclusivamente il Cinema d'autore, e dovrebbe essere conservato per una serata da neuroni in vacanza o con gli amici più stretti ad accompagnare una bella sbronza.

- Nel caso vogliate recuperare un action carcerario degno di nota, sono molti i titoli decisamente più indicati di questo, da Sorvegliato speciale a The Raid: Redemption, ma sono certo che i più tamarri e pane e salame tra voi potranno apprezzare nel suo piccolo comunque anche questo filmaccio.

- Credo pagherei per assistere alle reazioni di Cannibal alla visione di Escape plan 2. Dal primo all'ultimo fotogramma.



MrFord



 

12 commenti:

  1. Il primo “Escape Plan” era onesto, drittissimo e ammettiamolo, mangiava gli spaghetti in testa a questo seguito fatto con soldi orientali e molto probabilmente, pensato per incassare qualcosa con l’Home video locale. Sembra tre o quattro film insieme, tutti piuttosto piatti, anche se Sly è sempre la solita roccia, non vedo l’ora di rivederlo in “Creed II”. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in tutto e per tutto: Creed II è già in cima alla wishlist, e questo secondo marchettone purtroppo non è per nulla all'altezza del primo.

      Elimina
  2. Per vedermi 'sta roba, dovrei prima recuperarmi pure il primo, quindi sarebbe una doppia tortura.
    Se ci accordiamo per una cifra al di sopra del milione di dollari, però, ci posso fare un pensiero. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parlo a Stallone. Vedo cosa si può fare. ;)

      Elimina
  3. Ma Stallone è ancora in circolazione? Perché non si gode la vita e lascia godere anche noi della nostra senza sta vaccata? Che, sicuramente, farebbe sbronzare me, senza neanche l'uso di alcol, dopo i primi 10 minuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vacci piano con le parole quando c'è Stallone di mezzo, Sorella. ;)

      Elimina
    2. "Sorella" non penso proprio. Al massimo nipote, Nonno ;)
      E poi tanta stima per Stallone. Ma prima non ora.

      Elimina
    3. Stallone merita la stima sempre.
      Detto questo, chi lo sa. Magari sei più vecchia di me! ;)

      Elimina
    4. Spero proprio di no... se no devo andare subito a trovarmi un loculo ;)

      Elimina
    5. Prima o poi la verità verrà a galla. ;)

      Elimina
    6. Vedremo. O magari no, dato che i vecchi spesso hanno la cataratta ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...