giovedì 19 gennaio 2012

Hesher

Regia: Spencer Susser
Origine: Usa
Anno: 2010
Durata: 106'



La trama (con parole mie): il giovane TJ ha appena vissuto uno dei drammi più grandi che possa affrontare un ragazzino, la morte della madre. Trasferitosi con il padre a casa della nonna, vede il genitore inghiottito dalla depressione sprofondare sempre più nel divano della sala mentre lui si ritrova solo ad affrontare il dolore della perdita ed i problemi tipici di ogni pre-adolescente, dal bullismo a scuola alla voglia di lasciarsi un mondo in pezzi alle spalle.
E' a questo punto della vita di TJ che Hesher irrompe, facendo a pezzi tutto quello che è l'ordine costituito per imporsi come nuovo, improbabile, sregolato modello affinchè il ragazzino e la sua famiglia possano tornare a vivere.




Avete presente quei film che paiono piccoli piccoli, quasi uno scherzo del circuito indipendente, il tentativo del mercato di nicchia di farsi largo per conquistare a sorpresa una fetta del cuore del pubblico, che partono come in sordina e di minuto in minuto alimentano la curiosa certezza che ci si trovi di fronte ad un vero e proprio cult?
Hesher ne è l'esempio perfetto.
Ma non starò a dilungarmi troppo sulla sceneggiatura imperfetta eppure freschissima del regista stesso e David Michod - già autore del buon Animal kingdom -, della regia piena di energia, delle convincenti prove di Gordon-Levitt, Natalie Portman, Piper Laurie e Rainn Wilson, senza contare il giovanissimo Devin Brochu, della colonna sonora a suon di rock e riff aggressivi, dell'effetto terapeutico di questa visione.
Perchè Hesher è un film tutto cuore, e con il cuore occorre abbandonarsi a lui.
Occorre perdersi negli occhi del giovane TJ, schiacciato dalla vita ancora prima che possa rendersi conto che l'occupazione favorita della vita stessa è quella di metterci all'angolo, per scoprire tutta l'energia delle sue folli corse in bicicletta.
Osservare il passo incerto della nonna che raccogliendo i cocci delle esistenze di figlio e nipote si domanda se non possa fare di più, prima di chiedere soltanto compagnia per una passeggiata, ed essere omaggiata dalle attenzioni - e dal bong - di questa scheggia impazzita giunta nelle loro vite.
Scoprire tutta la sofferenza di chi si è dovuto arrendere prima di potersi rialzare, ed imbottire di un'ovatta da paradiso artificiale un dolore più forte di un impatto violento, giunto a mettere la parola fine ad una canzone troppo intonata per un'esistenza in questa valle di lacrime.
Assistere al pianto di chi è nel pieno della sua vita, eppure teme di poter passare inosservata perfino nel momento della morte, abbandonata ai margini di una società che chiede sempre più spazio a scapito delle esistenze che ne rendono reale la struttura.
Tutto questo, e poi dimenticare ogni regola, e muoversi secondo la filosofia di Hesher.
Chi è, Hesher? Quanti anni ha? Dove sta andando?
Poco importa.
Perchè quello che conta davvero è che lui sia stato qui, a rendere possibile quello che la realtà aveva cercato di negare a TJ, a suo padre, a sua nonna, a Nicole.
E poco importa che per materializzarlo ci si debba sporcare un pò le mani, e rendere necessario un bel tuffo - "dirty and wet", impagabile - che battezzi il nostro nuovo approccio rispetto ad un mondo un pò troppo cattivo.
E poco importa se dovremo essere cattivi anche noi, se servirà a mettere al loro posto i prepotenti, allontanare gli sfigati depressi, vincere una battaglia già perduta in partenza.
Perchè alzarsi da quel divano, uscire da quella macchina, aprire un nuovo capitolo della propria vita sarà il momento più importante che si sia mai creduto di poter provare sulla pelle.
Non tutti ne usciranno indenni, e potrebbe anche essere che qualcuno possa non uscirne affatto.
O permettere che la sua morte possa diventare il punto di partenza per una nuova vita.
Crescere è difficile, giovane TJ.
E ancor di più essere adulti. O pretendere di esserlo.
E non solo: è doloroso, spesso ingiusto, una lotta per guadagnarsi ogni centimetro che corriamo sulla strada in sella alla nostra biccola bicicletta, pronta in men che non si dica a trasformarsi in una macchina che, chissà, potrebbe anche decidere di portarsi via qualcuno che amiamo.
E' in momenti così, che finisce per essere utile rompere gli schemi, le regole, le imposizioni del destino.
Abbandonare la bicicletta, lasciare che la macchina riposi per sempre, fare un respiro profondo ed uscire.
Per fare una passeggiata, e ricominciare a vivere.
E' in momenti come questo, che Hesher arriva, a cambiare le cose.
O più semplicemente, a darci la spintarella che serve.
Fosse anche un calcio nel culo.
Hesher è stato qui.
E meno male, cazzo. 


MrFord


"I did my time and I want out, so abusive
fate, it doesn't cut, the soul is not so vibrant
the reckoning, the sickening
back at you, subversion, pseudo-sacred, pyscho virgin."
Slipknot - "Psychosocial" -

27 commenti:

  1. Non sò perché ma mi ricorda molto "Babbo Bastardo".
    E questo può essere solo un bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stepharon, è molto meglio di Babbo Bastardo! Recuperalo!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Hai proprio ragione Frank. Un grandissimo.

      Elimina
  3. sì, ma dimentichi una cosa fondamentale:
    film consigliato già da parecchio tempo da cannibal kid!
    non ne sbaglio una, non ne sbaglio ahahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimentico anche che è un pò la storia dell'incontro tra Ford e Cannibale! Ahahahahahahah!

      Elimina
    2. l'hai messo sotto con la macchina?

      Elimina
    3. No, però ci farei un pensierino! ;)

      Elimina
  4. Non gli avrei dato un euro bucato....invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, invece è toccante, intenso, irriverente e divertente. Insomma, consigliatissimo!

      Elimina
    2. ok, mi fido...fino ad ora, a parte alcuni casi clamorosi, hai fatto centro. In lista...che si allunga ulteriormente!

      Elimina
    3. Newmoon, vedrai che anche questo sarà un centrissimo!

      Elimina
  5. Un po' di tempo fa, quando ho avuto modo di leggere la recensione sul blog del Cannibale, non vedevo l'ora di vedere questo film, soprattutto per il mio passato da giovane headbanger con i capelli lunghi. Ora lo DEVO vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, questo film è una piccola bomba. DEVI vederlo sul serio - ovviamente più per il mio consiglio che non per quello del Cannibale! -! ;)

      Elimina
  6. gran film!
    sembra una cosa leggera leggera e, invece, è un'opera di cuore e con un gran carattere (tutti personaggi borderline), e lo strano, bellissimo rapporto tra la nonna ed Hesher è una delle cose migliori che ho visto al cinema negli ultimi tempi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Einzige, hai detto benissimo.
      Pare una cosa buttata lì, e invece è profondo e per nulla da sottovalutare.
      E quel bong tra Hesher e la nonna è da antologia.

      Elimina
  7. Lo voglio assolutamente vedereeee!!!
    Grazie per la dritta Ford :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melinda, recupera anche questo. Merita tantissimo.

      Elimina
  8. Wow sembra davvero interessante, lo recupero!
    Anche per me, la lista si fa sempre più lunga... e meno male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Mr.Ford, se ti va passa da me...ti ho inserito in una lista di "premiati" ;)

      Elimina
    2. Fratello, questo è un film dei nostri! E la lista è sempre un bene che sia lunga! Quando vieni lunedì porta l'hard disk!

      Marghe, sono passato volentieri a ritirare il "premio"! :)

      Elimina
  9. Visto da pochissimo, l'ho adorato! Hesher è un personaggio indimenticabile. Mitica la scena del "dirty and wet"! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimista, concordo in pieno.
      Davvero un film da ricordare, "dirty and wet" al punto giusto, come piace a noi! :)

      Elimina
  10. Azz.... Questo mi manca! Però direi che letta la recensione e visto che mette d'accordo te e il cannibale direi che lo devo recuperare assolutamente!.... ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loz, questo è una chicca!
      E come dici giustamente anche tu, se c'è un film che mette d'accordo me e il Cannibale, va visto al volo! :)

      Elimina
  11. Adoro quei piccoli film (come dici tu) piccoli piccoli che finiscono per diventare cult....mia prossima visione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dino, goditi la visione! E' davvero un piccolo, grande cult!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...