lunedì 18 febbraio 2013

Senti chi parla

Regia: Amy Heckerling
Origine: USA
Anno: 1989
Durata: 93'



La trama (con parole mie): Mollie è una poco più che trentenne fiscalista innamorata di uno dei suoi clienti, che purtroppo per lei non solo è già sposato, ma anche un indefesso donnaiolo. Quando rimane incinta dell'uomo, le cose non vanno come dovrebbero, e lei decide di raccontare di aver fatto un'inseminazione artificiale per poi dedicarsi alla ricerca di un padre presente e capace per Mickey, suo figlio.
Nonostante gli appuntamenti con numerosi "candidati", pare che nessuno possa essere quello che Mollie cerca: il più adatto pare lo scombinato babysitter improvvisato James, che adora Mickey ma appare troppo disorganizzato per poter essere considerato come una presenza solida nella crescita del bambino.
Senza contare che Albert - il padre biologico - potrebbe fare ritorno da un giorno all'altro.
E in tutto questo, cosa avrà da dire proprio Mickey, la voce della coscienza di tutti questi adulti molto poco equilibrati?





L’occasione fornita dal Travolta-Day ha permesso al vecchio Ford di tornare a gustarsi l’amarcord di una delle pellicole cult della sua infanzia, che riuscì ad intercettare ai tempi dell’uscita in sala e divenne una delle vhs più consumate dal videoregistratore dell'allora Saloon in miniatura: Senti chi parla.
Commedia romantica che prevedeva un ribaltamento dei ruoli canonici ponendo l’attenzione sul mondo e sulla vicenda narrata osservandoli attraverso gli occhi di un neonato dall’utero materno al primo anno di vita, mi è parsa subito la scelta migliore da compiere in quest'occasione di ritrovo tra bloggers considerato il periodo che in casa Ford stiamo vivendo fin dalla nascita del Fordino, ed ancora oggi un’idea decisamente divertente ed originale, seppur sfruttata solo limitatamente ed invecchiata maluccio: restano comunque un sacco di ricordi, un John Travolta in grande spolvero con un paio di sequenze di ballo immancabili per il suo repertorio – ed un omaggio musicale che riporta ai tempi de La febbre del sabato sera -, una Kirsty Alley scatenata e soprattutto le gag legate al piccolo Mickey, doppiato in originale da Bruce Willis e qui da noi in versione fantozziana – che ascoltata ora non suona più tanto divertente – da Paolo Villaggio.
Questa nuova (re)visione è stata dunque resa interessante principalmente grazie all’esperienza da genitore che sto vivendo, ed ha regalato momenti di grasse risate al sottoscritto e a Julez soprattutto nella prima parte – fantastico il “ma cos’è, scema, questa!?” di Mickey all’indirizzo della nonna in pieno delirio da versetti indirizzati al piccolo -, quando il neonato è alle sue prime settimane nel mondo piuttosto che nella seconda metà, quando a farla da padrona è la storia d’amore che inevitabilmente si innesca tra Mollie e James, che da spericolato taxista preparto diviene il migliore amico del bambino che – all’insaputa della madre – ha visto nascere.
Ai tempi rimasi molto colpito – e funziona ancora oggi, nonostante effetti che mostrano il fianco all’età – dall’idea di associare i Beach Boys alla corsa degli spermatozooi verso l’ovulo, così come a quella di dare voce a chi, di norma, riesce ad esprimersi “solo” con le espressioni o i pianti delle prime settimane – che il Fordino, bravissimo, sta misurando alla grande -: la colonna sonora, del resto, è senza dubbio uno degli aspetti più riusciti di quello che fu un vero e proprio fenomeno ed un successo tale da garantire ben due seguiti alle vicende di questa scombinata famiglia nata sotto il segno dell’improvvisazione.
In questo senso appare più profonda di quanto il prodotto farebbe credere la situazione di Mollie, rimasta incinta dopo essersi innamorata di un uomo che, più che di essere sposato, ha il problema di non volerla davvero e decisa dunque a trovare un padre per il suo bambino che possa essere il meglio possibile come esempio per la crescita e formazione del piccolo: ovviamente il non far conto dei sentimenti e dell’amore risulterà alla fine la scelta sbagliata, ed il nostro Travolta/James dimostrerà che quello che serve è ben altro, ma questo è quanto è logico aspettarsi dai prodotti di questo genere, in fondo.
Onestamente, però, mi riesce difficile pensare di scrivere una critica cinematografica effettiva per quello che è stato semplicemente una fonte di risate e divertimento dei tempi in cui finivo le scuole elementari e ancora non capivo alcune delle battute – come quella di James a Mollie a proposito del suo diaframma – ma con mio fratello ridevamo delle espressioni di Mickey associate al suo doppiaggio “adulto” ed imitavamo alcune sequenze – l’incontro tra James ed Albert, con quel “sotto, sotto papà!” diventò un tormentone che ogni tanto rispolveriamo ancora oggi, quando ci vediamo – ripetendole allo sfinimento.
Poco importa, poi, che a più di vent’anni dalla sua realizzazione risulti poco più di un filmetto senza alcuna pretesa e con qualche buco non solo di logica, ma anche “visivo” – il Mickey di un anno è in realtà interpretato da un bambino che ne avrà almeno tre, e che risulta davvero poco credibile come riferimento “senza parole” -: in fondo ha fatto – e nella memoria fa ancora – il suo, e segnato un’epoca di giochi ed innocenza come non ce ne sarebbero più state.
Pochi anni dopo – cinque, per l’esattezza -, infatti, quel ragazzotto ancora in forma divenuto padre per caso lasciò spazio ad una buona scorta di chili di troppo, assunse un’espressione da duro un po’ strafatto e senza dimenticare il ballo traghettò me – ed il Cinema – negli anni novanta e nei tumulti che avrebbe generato l’adolescenza: ma questa è un’altra storia, pur se raccontata sempre attraverso le punte dei piedi di John Travolta.


MrFord


"I'm gettin' bugged driving up and down this same old strip
I gotta finda new place where the kids are hip
my buddies and me are getting real well known
yeah, the bad guys know us and they leave us alone."
Beach Boys - "I get around" -



Partecipano gloriosamente ed orgogliosamente al Travolta Day (grazie Frank!):

Affari Nostri

38 commenti:

  1. Ma quindi il Fordino parla con la voce di Paolo Villaggio? :PP
    Scherzi a parte, questo film ha segnato la mia infanzia malata, per questo non me la sento di recuperarlo e scoprire le mille falle della pellicola.
    Buon Travolta Day, comunque!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha se dovesse parlare con la voce di qualcuno, vorrei assolutamente Stallone! ;)

      Comprendo bene la tua volontà di non rivederlo! Buon Travolta Day anche a te! :)

      Elimina
    2. E se parlasse con la voce di Ted??:-D
      Il film l'ho visto tanto tempo fa ed ho un ricordo abbastanza sbiadito, chissà se in futuro non lo recuperi anch'io...
      Buon JTD

      Elimina
    3. Anche la voce di Ted non è male, ma Sly resta sempre Sly, per me.
      Ma non sarebbero male anche Johnny Cash o Clint Eastwood. ;)

      Elimina
  2. film divertentissimo, ci sono scene assolutamente esilaranti, ma dobbiamo dire la verità, ha impantanato la carriera di John Travolta, c'è voluto Tarantino per riportarlo al successo e fargli fare blockbuster alla sua altezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che sia stato ripescato da Tarantino, alla fine.
      Ai tempi, comunque, questo per me fu un piccolo cult!

      Elimina
  3. un cultissimo che mi fa sentire vecchio! un film irresistibile.

    Ford ma dopo tutta la fatica del megabox alla fine i link non li hai messi? ?!?! aha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, sono vecchio e non c'è stato verso di ricordarmi come si faceva!
      Ho anche scritto a Frank in cerca di un aiuto! ;)

      Elimina
    2. ahaha i contro dell'essere old school ;)

      Elimina
    3. Puoi dirlo forte, amico! ;)

      Elimina
  4. Hai fatto bene a mettere le mani avanti. A parte qualche spunto divertente, un filmettino...comunque, visto che sei al primo mese da padre, ci puó stare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci può stare eccome! In fondo ai tempi è stato un piccolo cult che ora torna assolutamente "attuale" in casa Ford!

      Elimina
  5. quando lo vidi mi divertì per i primi cinque minuti....ma poi lo detestai...naturalmente successone al botteghino! BTD Mr Ford!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente fu un successone clamoroso: non è invecchiato benissimo, ma ai tempi mi divertiva sempre parecchio!

      Elimina
  6. Un vero cult della mia infanzia, adorabile per il doppiaggio e le battute... saranno passati però più di una decina d'anni dall'ultima visione, meglio lasciare questi splendidi ricordi ancora per un po'!

    Buon JTD, e in alto in bicchieraccio di white russian!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In alto i White russian, dunque!
      E conserva i ricordi, perchè il tempo non è stato troppo clemente con questo film! :)

      Elimina
  7. Porca paletta ragazzi, mi son persa il Travolta Day. Chiedo perdono per il poco tempo di quest'ultimo periodo e di conseguenza il non aver più controllato il nostro piccolo spazio/ritrovo per blogger disperati e folli. ;) Comunque questo mi riporta troppo indietro, un cult divertente e innovativo perché questi bambini che commentano il mondo dei grandi sono fantastici. Anche se la voce di Villaggio a me non va molto a genio...*_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rifarai la prossima volta, Valentina, e chissà con chi ci troveremo a confrontarci! ;)
      L'idea di Senti chi parla è molto efficace, peccato che, a conti fatti, il film non sia all'altezza: mi piacerebbe vederlo rifatto da gente come Edgar Wright!

      Elimina
  8. Sono affezionatissima a questo film, l'ho visto centinaia di volte!!! Il che mi fa sentire molto vecchia...
    Auguri John!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, Antonella, non sei sola nel club dei vecchi! ;)

      Elimina
  9. l'idea di usare la voce di fantozzi all'epoca era fantastica.
    oggi è triste pensare a chi metterebbero come doppiatore: claudio bisio? beppe fiorello? alessandro siani?

    teniamoci paolo villaggio, che è meglio.

    quanto al fordino, ti auguro che parli come il tuo amato ceccherini ahahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sulla voce di Villaggio rispetto alle schifezze che propinerebbero oggi, ed ovviamente dissento rispetto a quella schifezza di Ceccherini.
      Come già detto sopra, a "doppiare" il Fordino voglio Sly!

      Elimina
    2. Ma una vocina più ingenua e soprattutto "di bambino" nooo? ;)

      Elimina
    3. Beh, la vocina non ingenua è in pieno rispetto dell'idea originale! ;)

      Elimina
  10. Ma cosa hai tirato fuori? Madonna che ricordi!

    RispondiElimina
  11. Per un sabato pomeriggio dopo scuola questo film è perfetto, l'avrò visto 1000 volte, ma è sempre una visione piacevole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che ai tempi lo vidi non so quante volte, sempre divertendomi.
      Tornano in mente anche a me pomeriggi doposcolastici! ;)

      Elimina
  12. Film carino e molto godibile che però non vedo da secoli.
    Anche a me all'epoca mi faceva impazzire la frase "Ma è scema, questa?"
    Grandissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, rivederlo gli toglierebbe molto. Mantienilo così com'è! :)

      Elimina
  13. Uno di quei pochi film che riguardo sempre con piacere.

    Buon JTD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinematograficamente non vale quasi nulla, ma anche io gli voglio un sacco di bene! :)

      Elimina
  14. un cult dell'infanzia!
    sono molto curioso però di vederlo in originale ;)

    buon jtd :D

    (prego james)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non l'ho mai visto in originale, prima o poi dovrò rimediare.
      Buon JTD anche a te!

      Elimina
  15. gli amori d'infanzia non si discutono eh, ma questo film... capisco però la simpatia che suscita. a me, che sono purtroppo molto più attempato, non fece lo stesso effetto, e poi sono vittima di nausea da fantozzismi, la sola voce di villaggio mi basta a farmelo evitare.
    grazie per aver partecipato al JTDay, ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente se ai tempi della sua uscita in sala fossi stato più grande l'avrei snobbato, invece per età mi è rimasto nel cuore, pur se visto ora finisce per rivelarsi davvero poca roba.
      Ma che ci vuoi fare!? Gli si vuole bene comunque!

      Elimina
  16. Mi ritrovo in ogni singola parola che hai scritto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente allora siamo della stessa generazione! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...