giovedì 5 agosto 2010

C'era una volta in Messico

Devo proprio ammetterlo: mi sono divertito da matti.
Cuba ed improbabili sparatorie, sano tamarrismo con ironia, talento - perchè è indubbio che Rodriguez ne abbia parecchio - e consapevolezza della dimensione dello stesso.
C'era una volta in Messico ha superato Desperado nella mia personale classifica di gradimento delle opere del nostro Robert Tex-mex.
Un cast all star divertito e divertente capitanato da un ottimo Johnny Depp - Sands è un personaggio da antologia - guida lo spettatore in quella che, per ora, è l'ultima fatica del regista di San Antonio dedicata al personaggio che ha fabbricato la sua fortuna, El mariachi, per gli amici ormai solo "El" - non mi stupirei, comunque, se non se ne tirasse fuori un ulteriore capitolo -: questa volta il nostro chitarrista/pistolero preferito si trova nel cuore di un intrigo che lo porterà a difendere niente meno che il Presidente del Messico, incrociando al destino del suo paese la vendetta per la morte dell'amata Carolina/Salma Hayek e della loro figlia, cadute per mano dello spietato generale Marquez.
El mariachi diviene, dunque, l'eroe di un Messico che lotta contro i signori della guerra e della droga, mescolando una trama che ricorda opere terribili, realistiche e meravigliose come Il potere del cane a tutto il farsesco del cinema di Rodriguez, che gestisce baracca e burattini come fosse Welles consapevole che il suo talento sia enorme soltanto rispetto a questo ambito, e che forse non potrà mai sentire dalla Storia la frase "questo è proprio il mio capolavoro" applicata ad uno dei suoi film - ma attendiamo fiduciosi, tutti quanti, Machete -.
Regia, sceneggiatura, colonna sonora, montaggio e fotografia sono tutte in mano al simpatico Robert, che si destreggia gigioneggiando - questo occorre ammetterlo - ma sempre alla grande, confezionando un giocattolone che forse non avrà grandi valenze o significati, ma intrattiene alla con disinvoltura e regala momenti di vero godimento "trucido" senza dimenticare il sentimento - la scena del confronto finale fra Depp e la Mendes mi ha mosso qualche brivido, lo ammetto, romanticone che non sono altro - e il grande amore che deve avere il regista/factotum per il western, specie quello "all'italiana", da Quien sabe? di Castellari - recuperatelo, è un filmone! - a tutta la produzione di Sergio Leone.
E proprio al nostro Sergione si devono titolo e duelli decisivi continuamente rimandati, musiche roboanti e sentimenti pompati come i colori di una fotografia più che satura: in fondo la Frontiera rappresentata nella mitologia di Cinema e Letteratura si è spostata a Sud nel ventesimo secolo, giocando partite con vita e morte - non per nulla la resa dei conti avviene nel giorno dei morti, festa grande in Messico - lungo il confine fra il caos messicano e il sogno americano.
Un confine che può giocare secondo la realtà - Non è un paese per vecchi, Le tre sepolture - o la leggenda - Il buono, il brutto e il cattivo e C'era una volta in Messico, per l'appunto -.
Qualcuno, certo più in gamba e più saggio di me, una volta disse: "Nel West, quando la realtà incontra la leggenda, vince la leggenda."
Chi indovina di quale film si tratta e il regista vince un primo giro di bevuta offerto dal sottoscritto.
Chi sbaglia, avrà un'altra occasione, prima o poi. Qui non siamo mica "spietati". Non troppo, almeno.
Chi non sa di cosa si stia parlando sarà obbligato a rimediare alle sue pesantissime lacune.
E non sperate di cavarvela guardando su internet.
Queste cose si devono sapere e basta. Quindi siate onesti, e non costringetemi ad usare le maniere forti.
E se poi, proprio proprio, anche quel lui non avesse ragione e C'era una volta in Messico fosse solo una tamarrata per gente di poco conto, che posso dire!?
In fondo, io tengo solo i cavalli.

MrFord

"Ay, pistolero!
Como estas?
Te quiero."
Juno Reactor - "Pistolero"

5 commenti:

  1. Io lo so io lo so io lo so.
    Posso rispondere? O lascio spazio ad altri?
    Ma cosa si vince?

    RispondiElimina
  2. L'ho scritto, si vince un giro offerto dal sottoscritto.
    Eventualmente per te posso trovare un'alternativa. Ma solo perchè sei tu.
    Prova a rispondere, intanto, poi vedremo se qualcun'altro si cimenterà.

    RispondiElimina
  3. Prova, tzè! Ho già vinto. E voglio il giro offerto da te, ma un pò diverso! :D
    E' quello che ha ucciso Liberty Valance!

    RispondiElimina
  4. Grazie della visita. Ti seguiro'. :)

    RispondiElimina
  5. Grazie a te, Timorato!
    Passa pure quando vuoi!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...